« | Home | »

Oltre le gaNbe c’è di più…

18 ottobre 2006


Una donna che riscopre la sua sensualità, e te la regalerà…
Questa è Catia Gambuzza!
Perchè, al di fuori degli stereotopi sessissti di questa cultura fallocratica imperante, la figura della donna, nel senso più prettamente femminile del termine, intesa come la parte meno arrogantemente e prepotentemente maschile, cioè, appunto, non è giusto, ecco!
Questa è Catia Gambuzza!
Scrittrice, poetessa (chi non conosce la sua raccolta di versi, intitolata “Mi garba l’Oloturie”?) ma anche opinionista televisiva e sciampista a domicilio.
Ma cosa c’entra con Don Zauker?
Un cazzo, nel senso più prettamente maschile del termine!
DZTS, giovedì 2 novembre, ore 22, Auditorium S. Romano, Lucca.

Share

22 Commenti

  1. Paguri scrive:

    Volevate la topa?
    Eccola!

  2. Aaronne scrive:

    Oggesù…

    O_o

    Meglio una sega allora…

  3. BondValeria scrive:

    Già, già, con la foto mia di ieri non c’è paragoni… dovremo tutte chiedere lezioni di moda&stile alla Sig.ra GaNbuzza

  4. france974 scrive:

    Quando la classe non è acqua…

  5. Paguri scrive:

    SIGNORINA Gambuzza, prego…

  6. Paguri scrive:

    SIGNORINA Gambuzza, prego…

  7. BondValeria scrive:

    S’ignora se sia Signora

  8. BondValeria scrive:

    Sinora, eh, sì, s’ignora se sia Signora… ma quella sera sapremo…

  9. Papero Gonfyo scrive:

    Pensiero stupendo…

  10. Luca scrive:

    Di classe superiore.
    Pazzesca.

  11. BondValeria scrive:

    mah, sentite, a dir la verità non è tutta farina del mio sacco: c’è una delle Tragedie in due battute di Achille Campanile in cui la cantante lirica Dinorah viene invitata a cantare uno dei suoi celebri pezzi e si rivolge a Cora, una cameriera (mi pare).
    Dinorah: –canterei volentieri la canzone intitolata “Signora”, ma temo che Nora, che dovrebbe accompagnarmi al piano, non la conosca. qui non sapete se la conosce?
    Cora: –
    parola di Cora, signora Dinorah: sinora di Nora s’ignora se ignora “Signora”…

  12. Papero Gonfyo scrive:

    Ecco, non si legge sega… togliete gli spazi e incollate nel browser.

    http://www.corriere.it/ Primo_Piano/Cronache/ 2006/10_Ottobre/19/bellezza.shtml

  13. Paguri scrive:

    Amici, amici (di qualcun’altro, però!) ci duole annunciarvi che per un pajo di giorni dovremo assentarci da questo blog per occuparci di altre delicate questioni, riassumibili con la sintetica formula di “CAZZI NOSTRI”.
    Ma vi lasciamo in buone mane. La signorina Valeria/Papero Gonfyo e il signor Papero Bond sapranno come tenervi coNpagnia, in nostra assenza.
    W il Papa RE!

  14. Papero Gonfyo scrive:

    Parafrasando una splendida striscia dei Peanuts: “ma perchè, siete stati presenti in questi giorni?”.
    Aitlè!

  15. Papero Gonfyo scrive:

    Oh, bene. Essendo dunque stato appena eletto a furor (o fuvov) di popolo DVCE di questo blog per un paio di giorni, indico subito un bel sondaggio a domande chiuse: “Secondo voi è più frvstone il Caluri o il Pagani?”
    [ ] sono le 15.33
    [ ] ricordano entraNbi il Card. Ruini
    [ ] non sa/ non dice

  16. BondValeria scrive:

    Senti, caro Papero, alle tyttere l’ardua sentenza…
    Io spero solo che nell’espressione “ci facciamo i cazzi nostri” fosse inteso ognuno il suo, e non reciprocamente quello dell’altro…

  17. Aaronne scrive:

    Secondo me se lo stanno stampando reciprocamente nel tabarèn…

  18. Papero Gonfyo scrive:

    Mi spiace per la dolce Valeria, ma aaronne si dimostra più pragmatico, concreto e realista…

  19. Paguri scrive:

    Di Tyttere ce n’è una sola!

  20. BondValeria scrive:

    Hai ragione, ma mi serviva un vocabolo comune…
    però il fatto che tu abbia più premura di correggere me piuttosto che di smentire Aaronne… la dice lunga!!!

  21. orsottopotto scrive:

    Signorina, ma col buco da signora!” (cfr. Alessandro “Cipango” D’Orazi)