« | Home | »

YMCA

9 dicembre 2006


“Che cos’è il genio?
E’ fantasia, immaginazione e rapidità di esecuzione.”

Quelli nella foto sono dei ragazzi di Pistoja (almeno credo) e…niente, onore al merito!

Share

12 Commenti

  1. Anonymous scrive:

    Verrebbe da dire “Santi subito”. Genio, genio puro, spero sia contagioso. Buon sabato a tutti.

  2. Paguri scrive:

    Buon sabato (e anche buona domenica, via, crepi l’avarizia) a te, CaraMylla!

  3. Papero Gonfyo scrive:

    Paguri, e la “destrezza” dove la mettiamo? Inoltre credo ci sia “colpo d’occhio” al posto di “immaginazione”.
    Dove andremo a finire di questo passo? Con le supercazzole a sinistra? Come fosse antOni o antEni? O, peggio ancora, antIni?

    Citiamo per benino le frasi storiche per favore.
    Grazie.

  4. Anonymous scrive:

    Plaudo all’opra, d’altra parte YMCA originariamente sta per Young Men’s Catholic Association.

    comunque, qualvnqve sia l’argomento, il papero chiosa.
    ogni tanto mi domando chiosa chiazzo c’abbia seNpre da chiosare…

  5. Lavrentij scrive:

    dio esiste

    e sono loro.

  6. Papero Gonfyo scrive:

    Pensa a chiosare anche tu, ogni tanto…

  7. Lorenzo scrive:

    Eroi!!!!!

  8. Papero Gonfyo scrive:

    Dimenticavo…
    Segnalovi magno cum gaudo la cover “F.I.G.A.” (ef-ai-gi-ei) dei GemBoy.

  9. Lavrentij scrive:

    chiosare? O_o

  10. Uto scrive:

    ahahahahahahahahaha…e pensare che sono passata per vedere la foto che indichi sul blog di Beppe…il papagggrrrr
    ma questa m’ha rimessa di buon umore…la rubo…grazie

  11. Manuela scrive:

    Grazie ai Paguri per la deliziosa foto…guardandola il cristianesimo si apre alla mente in una prospettiva nuova.

    Grazie anche a Uto per avermi presentato i paguri.

    notte

  12. paloNbo scrive:

    m’immagino jesù vestito da manovale (negro) che balla (dopo sbvllettamento, s’intende) col resto dei village people (juda vestito da pellerossa pietro da poliziotto e così via…)
    intendo palesare la più viva gratitudine per quest’icona di rara bellezza e sobrietà