« | Home | »

Cronaca

21 maggio 2007

Cari gangilli,
ieri a Livorno c’era bel tempo, un sacco di gente s’è riversata sul mare e i bagnanti hanno festeggiato questa primavera calda e luminosa. Sono in corso i preparativi per la processione di Santa Giulia, patrona della città, la mi’ nonna m’ha fatto un barattolo di ragù, il Livorno ha pareggiato col Toro, siamo andati a prendere un gelato sul lungomare…
Bah, cos’altro…
Ah già, Paguri A s’è sposato.

Share

48 Commenti

  1. Paguri scrive:

    Paguri Alfa, porca madonn…no, via, è inutile!

  2. Papero Gonfyo scrive:

    Oh, viva, VIVA! Auguri e riso nei timpani!
    Che bello che ci vedevamo sabato prossimo… tutti insieme con Paguri 1, Tittera, Ronson, Santrine, Lamba, VALERIA…

    p.s. chi non è stato invitato vada in culo, eh?

  3. Adriano Altorio scrive:

    Però… come scende le scale agile e disinvolto! Non si vedono nemmeno i 46 anni ed i 3 matrimoni alle spalle…

  4. Grisson scrive:

    Auguri a Paguri Alfa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Va beh ma na cosa mica s’è sposato in chiesa?

    No per sapere…

    Auguri Auguri Auguri!!!!!!

    Senti però potevi chiamare il mi zio per il Catering così venivo a lavorare a Livorno invece che andare al Barberino del Mugello

    Adie

  5. Lopo scrive:

    AGURI!

  6. francesco cerisoli scrive:

    Avgvrerrymi!

  7. Pierluigi scrive:

    A sapello venivo a tiratti un po’ di riso (mischiato a sale grosso) nel muso.

    P.S.: Ma i lupi della steppa l’hai più avvistati?

  8. BondValeria scrive:

    Vorrei che consideraste questo mio commento con la serietà che non sono mai riuscita a dare a nessuno dei miei scritti -finora-

    I HAVE A DREAM

    Vorrei aver visto dal vivo il sorriso sulle labbra di Emiliano all’uscita dal Comune (sì, Comune, tu_te_stesso_te, ti pare che un uomo così, e col suo passato, si sposi in Chiesa?), invece d’essermi fatta le seghe mentali perché lui il giorno prima m’aveva più volte sconsigliato di venire in quanto non ci sarebbe stato nulla da vedere.

    Vorrei, e l’ho detto ad un sacco di persone, aver saputo prima io che il Sindaco di Livorno di questo matrimonio. Non dico prima degli amici, non dico prima dei genitori/suoceri/sorelle/parenti, ma almeno prima di quel cazzo di scribacchino dietro al vetro dell’ufficio Anagrafe che gli avrà fatto riempire il formulario per le pubblicazioni.

    Avrei voluto che me ne accennasse, anche solo quando questa di sposarsi era solo un’idea, avrei voluto che si confidasse con me come ad un’amica, che si fidasse di me e che tenesse conto anche dei miei consigli. Cosa gli avrei consigliato, soprattutto? Di festeggiare, festeggiare, festeggiare con quante più persone possibili, prima dopo e durante il matrimonio, tre giorni, una settimana, come fanno in India. Invitare tutti, cani, porci e frequentatori di blog, per capire appieno quanti gli vogliono bene, o anche solamente lo stimano e sono orgogliosi ogni volta che ottengono la sua attenzione.

    Vorrei che giudicasse meglio me e i quasi sette anni di quella che io continuo a considerare un’amicizia, fatta quasi esclusivamente di sms futili e clamorosi discorsi a cazzo, ma anche di momenti divertenti o comunque indimenticabili del nostro passato: Modo Antiquo, Pastarito o Demos, per dirne alcuni. Solo perché al di là di questo abbiamo parlato poco del nostro vero io, e ci conosciamo solo superficialmente, non è giusto che non sia sincero con me riguardo alla festa a casa sua.

    Vorrei venirci, sabato, e conoscere Ronson, rivedere gli Stariti che ‘un si ricordano nemmeno come son fatta…vorrei che la casa di Paguri Alpha diventasse come Villa Certosa del Cavaliere, che io e altre 4 femmine (Tyttera, Lamba, ecc.) ci contendessimo il posto sulle sue ginocchia per poi doverlo cedere, come giusto, alla neosposa.

    poi, i maligni, pensino pure che questa frase, “I HAVE A DREAM”, sottintenda solo il desiderio di essere invitata a una festa a sbafo, o, peggio, l’augurio che i neosposini si lascino e finalmente Emiliano diventi tutto mio. Tanto, a questo punto, non mi stupisco più di nulla.

  9. smemento scrive:

    MA PERCHE’??? QUEL CAFONACCIO NON T’HA INVITATA???

  10. smemento scrive:

    Anche perché, non venendo io, come minimo alla festa avanzerà cibo per tutti i frequentatori del blog. A proposito dei quali… sapete per caso che fine ha fatto Marco Ferri? L’ultima volta l’hanno visto che comprava corda e sapone dal ferramenta…

  11. Papero Gonfyo scrive:

    Ecco, l’unica cosa importante è vedere come è fatta Valeria!

  12. Tittera scrive:

    Per la cronaca noi s’è saputo l’altro giorno, e pensare che il Paguro α lo si vede e/o lo si sente tutti i giornini!

    ATTENZIONE! Vorrei cedere, preventivamente e senza rimpianto alcuno, il posto assegnatomi sulle ginocchia del Paguro che non mi compete (a meno che non lo trovi vestito da Babbo Natale con i regalini) forza…non sgomitate e non spingete che non ha più l’età…

  13. Papero Gonfyo scrive:

    Valeria, perchè non scrivi una bella lettera a Repubblica?

  14. mylla scrive:

    Eheh, io ho avuto da una decina di giorni la soffiata sull’evento da un pezzo grosso (che rimarrà anonimo)che mi ha chiesto il silenzio stampa, quindi gli auguri li faccio ora! Auguri a Emiliano e alla sua Dolce Sposa. Tra poco anche io farò quel passo =D
    Vi auguro tutto il bene del mondo. Sarebbe carino organizzare una festa paguridea per l’evento con i frequentatori del blog, ha ragione Valeria. Godetevi il momento e poi pensateci. Intanto abbracci da Mylla
    piesse: scusate l’assenza Marco Ferri, ma è un po’ impegnato al momento…

  15. Vavvo scrive:

    Un aguro al paguro e consorte
    Bella cravatta si

  16. Vavvo scrive:

    che poi non è indossata

  17. Federico scrive:

    Ora te trovi ammanetato e con la mano sinistra pesante…

    Federico

    ps: augVury

  18. Lale scrive:

    Avgvry Paguri Alfa!

    (oh, stavolta ho scritto bene, quindi niente cazziatoni!!!)

  19. ni scrive:

    Tanti Auguri!!!!

  20. Paguri scrive:

    Cara Valeria, eccoti le mie scuse. Ero recalcitrante in privato, perché sono giocoso ma anche orgoglioso. Sfidato in pubblico, la tentazione di cederti è forte. E non le resisto. Siamo amici da una vita. Tre momenti bellissimi (Modo Antiquo; Pastarito; Demos) che hai preparato con la cura e il rigore amoroso di quella splendida persona che sei, e che sei sempre stata per me dal giorno in cui ci siamo conosciuti. Abbiamo fatto insieme più cose belle di quante entrambi siamo disposti a riconoscerne in un periodo di turbolenza e di affanno. Ma finirà, e finirà nella dolcezza come tutte le storie vere.

    Le mie giornate sono pazzesche, lo sai. Il lavoro, la politica, i problemi, gli spostamenti e gli esami pubblici che non finiscono mai, una vita sotto costante pressione. La responsabilità continua verso gli altri e verso di sè, anche verso una moglie che si ama nella comprensione e nell’incomprensione, verso tutti i figli, tutto questo apre lo spazio alla piccola irresponsabilità di un carattere giocoso e autoironico e spesso irriverente. Ma la tua dignità non c’entra, la custodisco come un bene prezioso nel mio cuore anche quando dalla mia bocca esce la battuta spensierata, il riferimento galante, la bagattella di un momento. Ma proposte di matrimonio, no, credimi, non ne ho fatte mai a nessuno…oddìo, un paio di volte sì, a voler esser pignoli, ma non stiamo a sottilizzare. Scusami dunque, te ne prego, e prendi questa testimonianza pubblica di un orgoglio privato che cede alla tua collera come un atto d’amicizia. Uno tra tanti. Un grosso bacio.

  21. Papero Gonfyo scrive:

    Tzè… mi aspettavo almeno “La passeggiata” di D’Annunzio o qualcosa pari requisiti.

    “Voi non mi amate ed io non vi amo.
    Pure qualche dolcezza è ne la nostra vita
    da ieri: una dolcezza indefinita
    che vela un poco, sembra, le sventure
    nostre e le fa, sembra, quasi lontane.
    Ben, ieri, mi sembravano lontane
    mentre io parlava, mentre io v’ascoltava,
    e il mare in calma a pena a pena ansava,
    ed eran quei vapori come lane
    di agnelli, sparsi in un benigno cielo.
    Mi veniva da voi o da quel cielo
    e da quel mare l’umile riposo?
    Certo, in un punto, io fui quasi oblioso.
    Lane di agnelli, gigli senza stelo,
    vaghe bianche apparenze, in cielo, in mare…
    Come leggero ai lidi ansava il mare!”

    Via, tutto è bene quel che finisce bene. Ci si vede sabato, tanto piove!

  22. Papero Gonfyo scrive:

    p.s. passi per il Sardelli e Vivaldi… ma se due dei momenti più belli delle vostre vite sono legati al Pastarito ed al Demos…

  23. Melatino scrive:

    Ma… ma….
    Davvero???
    Beh.. cioè.. proprio ora che… vabbè..

    AUGURI!

  24. BondValeria scrive:

    Eravamo amici, e ci siamo diventati estranei. Ma è giusto così, e non vogliamo dissimularci e mettere in ombra questo come se dovessimo vergognarcene. Noi siamo due navi, ognuna delle quali ha la sua meta e la sua strada; possiamo benissimo incrociarci e celebrare una festa tra di noi, come abbiamo fatto: allora i due bravi vascelli se ne stavano così placidamente all’ancora in uno stesso porto e sotto uno stesso sole, che avevano tutta l’aria di essere già alla meta, una meta che era stata la stessa per tutti e due. Ma proprio allora l’onnipossente violenza del nostro compito ci spinse di nuovo lontano l’uno dall’altra, in diversi mari e zone di sole e forse non ci rivedremo mai – forse potrà anche darsi che ci si riveda, ma senza riconoscersi: i diversi mari e soli ci hanno mutati! – . Che ci dovessimo diventare estranei è la legge incombente su di noi: ma appunto per questo dobbiamo diventare più degni di noi! Appunto per questo il pensiero della nostra trascorsa amicizia deve diventare più sacro! Esiste verosimilmente un’immensa e invisibile curva e orbita siderale, in cui potrebbero essere ricomprese, quali esigui tratti di strada, le nostre diverse vie e mete – innalziamoci a questo pensiero! Ma la nostra vita è troppo breve, troppo scarsa la nostra facoltà visiva per poter essere più che degli amici nel senso di quella nobile possibilità. E così vogliamo credere alla nostra amicizia stellare, anche se dovessimo essere terrestri nemici l’un l’altro.
    (op. cit.)

  25. smemento scrive:

    A parte cazzi e mazzi, alla fine t’ha invitato lo stronzolone o no???

  26. Tittera scrive:

    Consiglio…in fin dei conti se lo share s’impenna non può mancare lo spot.

    …secondo tempo

  27. Papero Gonfyo scrive:

    Riprendiamo la programmazione dopo i consigli per gli acquisti.

    “No man is an island, entire of itself…any man’s death diminishes me, because I am involved in mankind; and therefore never send to know for whom the bell tolls; it tolls for thee.”
    (op.cit.)

  28. BondValeria scrive:

    Bello! J. Donne o J. Hetfield?

  29. Papero Gonfyo scrive:

    Temo si tratti del primo… il secondo ha usato una versione zippata.

  30. Grisson scrive:

    Di sposi e spose in 11 anni che faccio il Catering ne ho visti tanti ma il vestito della signora Pagani è molto bello meno quello del signor Pagani

    Adie

  31. Papero Gonfyo scrive:

    ‘a coso-cosostesso, noi siamo qui a parlare stilnovisticamente di poesia e tu te ne esci con questa affermazione fuori metrica in cui non si capisce nemmeno se ti piaccia più il vestito di lui o quello di lei. Un pò di rispetto, ecchecazzo!

  32. Grisson scrive:

    Quello del Pagani non mi garba caro paperetto

    Mi spiace non ho un anima poetica io…

    Poi perchè sei mai riuscito a capire quello che scrivo?

    Adie

  33. Papero Gonfyo scrive:

    Certo, cosa credi? Siamo tutti molto attenti a quello che scrivi. Rammentiamo con compiacimento il tuo saggio sulla metafisica del prosciutto cotto ed il post sul dualismo simbolistico dell’epistemologia prostatica. Per non parlare della tua icastica e lucida analisi sul ruolo del parmigiano grattugiato sullo sformato di vongole all’amatriciana.

  34. Anonymous scrive:

    Auguri Pagani!

    Ora fai meno il cretinetti, èh!
    (seeeeeee)

    A proposito di preti, guardate qui:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Alucard_%28Castlevania%29

    Ecco, scorri più in basso, bravo. No, più in basso, a sinistra.

    Non somiglia a qualcuno da giovane?
    Altro che Luca Torelli!

  35. Anonymous scrive:

    artrimenti c’è questa:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Cv3_alucard.jpg

  36. Grisson scrive:

    Paguri alfa you ‘ll never walk alone ma il Liverpool a sto giro si!!!!!!!

    UAHUAHUAH

    Adie

  37. smemento scrive:

    Qui si fa di tutto per distogliere l’attenzione dal problema principale! Ieri ho chiamato il Pagani e gli ho chiesto: “Ma perché non la inviti Valeria?” e lui, per tutta risposta: “Non la invito manco per il cazzo. Ora è diventata una questione di principio!”. Quando uno è sgarbato, è sgarbato!

  38. BondValeria scrive:

    Non occorre invitarmi per il cazzo, tanto il suo non lo voglio.

  39. Papero Gonfyo scrive:

    “Always look at the bright side of life…”
    (op.cit.)

  40. Anonymous scrive:

    Auguri al paguro a!

    Bella anche la soap,per chi non conosce i personaggi potevate pensare alla versione fotoromanzo

  41. Davide Barzi scrive:

    Ma io ero sicuro che l’avresti fatto con la maglia di Lucarelli! Delusione…
    …ora sì che nulla ci impedirà più di portarlo all’Inter.

    Il Paguri Alfa, mica Lucarelli.

  42. Marco Ferri scrive:

    Auguroni.
    Ora però che non succeda come a Bruce Springsteen e/o Billy Joel, che dopo il matrimonio hanno cominciato a produrre canzoni che (dal mio punto di vista) sono di livello inferiore rispetto a quelle del pre-matrimonio, eh? In altre parole, speriamo che il matrimonio non renda più buono Don Zauker…

  43. Luanina scrive:

    QUARANTAQUATTRESIMAAA!! Se non è record, questo..
    Augurissimi, davvero!

  44. smemento scrive:

    Alla fine Valeria l’hai invitata?

  45. Papero Gonfyo scrive:

    Boh… agli effetti esterni non s’è presentata. E dire che sull’invito c’era scritto ben chiaro R.S.V.P. ma lei niente…

  46. BondValeria scrive:

    Io non ho ricevuto nessun invito, solo una copia a titolo informativo, dal Papero!
    e poi, sai, ci avevo judo…
    e poi, sai, che volete che sia, mi son persa le precedenti nozze, vorrà dire che m’inviterà alle prossime!

  47. Tittera scrive:

    Altrimenti vorrà dire che lo inviterai al tuo, anche solo per farlo arrivare fino a Coreglia (che per il paguro alpha è più o meno vicino a Otranto)per sentirsi dire che la festa era organizzata a Viareggio.

  48. Daniele scrive:

    E io che pensavo che i paguri se lo inserissero vicendevolmente nell’ano…