« | Home | »

Civil War

28 aprile 2008

Supereroi

Dal nostro amico e collega Federico Maria Sardelli, riceviamo, pubblichiamo e sottoscriviamo:

Manifesto (o Manifestino)

della mancanza di rispetto verso la Chiesa Cattolica

L’evoluzione dell’uomo ha permesso alcune fondamentali acquisizioni: il principio di non contraddizione, la penicillina, la democrazia, il rispetto per il pensiero altrui. Questo rispetto viene giustamente esteso a tutto ciò che non è puro pensiero ma anche credenza, spiritualità e ciò che questi concetti di sfuggente definizione producono in campo etico: riti religiosi, manifestazioni devozionali, etc. Bene: oggi, anno 2008 dell’era post-tecnologica e informatica, a più di due secoli dall’Illuminismo ed a quasi un secolo dalla teoria della relatività, la Chiesa Cattolica continua le sue incursioni contro la razionalità, l’evoluzionismo, la ricerca scientifica, la medicina curativa e palliativa e molti altri baluardi della nostra debole maturità umana. Per contro, la Chiesa Cattolica, propugna con vigore e in modo invadente il suo modello di civiltà: l’obbedienza acritica verso una dottrina ed una tradizione forgiata a suon di concilî rissosi, papi sanguinarî e persecuzioni inquisitorie, l’ingerenza nell’etica individuale e sociale, la pressione costante sui governi – segnatamente quello italiano ma in principio quelli di tutto il mondo – affinché modellino le proprie leggi sulla base dei dettami cattolici, la condanna di ogni etica diversa da quella cattolica e la pretesa di fungere da unico paradigma di comportamento non soltanto per gli adepti di quella sètta ma per tutti gli esseri del mondo.

A complemento di questa protervia dottrinale vi è una pratica religiosa troglodita e barbara fatta di riti necrofili e pacchiani, come l’ostensione del cadavere di Francesco Forgione, l’agitazione di ampolle contenenti il falso sangue di un morto, il cencio dipinto in epoca medievale con la pessima riproduzione dell’impronta di Gesù, le lacrimazioni di statue di gesso, riti che sarebbero del tutto risibili se non fossero accompagnati dalla frode (la maschera di silicone sul volto del cappuccino, il falso storico-chimico della sindone e del sangue liquefatto, etc) e deliberatamente vòlti al profitto economico, oltreché al plagio ed alla soggezione degli ignoranti.

L’universalità dei mezzi di comunicazione e la forza che la Chiesa Cattolica esercita su di essi rende la moltiplicazione di questi riti, divieti, sentenze e prescrizioni del tutto assillante ed invadente nei confronti di quell’enorme parte della civiltà umana che non vi crede. Questo è il punto: la Chiesa Cattolica ed i suoi adepti difendono questa congerie di riti e superstizioni appellandosi al rispetto che si deve verso la religione e verso la sensibilità religiosa dei credenti. Di fatto questo limite è infinito, non potendosi sondare quale sia il punto oltre cui la «sensibilità religiosa» di una certa persona si ritenga urtata. La civiltà dell’Illuminismo, del libero pensiero e della democrazia ha portato a maturare il rispetto verso le idee e le idee religiose dei singoli, estendendo il principio della difesa della libertà di pensiero anche a coloro che per secoli hanno fatto del settarismo e della persecuzione il principale mezzo di propaganda della loro dottrina.

Oggi il libero pensiero, la libera ricerca scientifica, la libertà di scelta morale dei singoli è costantemente ostacolata, criticata e negata dalla chiesa Cattolica con l’opera di capillare propaganda portata avanti dal suo capo. Di fronte ai continui attacchi verso i principî che ci hanno permesso di uscire dalla barbarie dei secoli passati e dalla soggezione di una dottrina opprimente e involutiva, è necessario che gli uomini razionali difendano il loro patrimonio di cultura e di evoluzione, così come è necessario alla fragile democrazia difendersi dalle insidie del sempre rinascente totalitarismo. È per questo urgente motivo che, d’ora in avanti, non porteremo più rispetto verso la «sensibilità religiosa» di chi ci propone sfacciatamente l’adorazione di cadaveri o parti di essi, di chi propugna l’accanimento terapeutico sui decerebrati, di chi condanna l’uso della pillola del giorno dopo, di chi si oppone all’uso dell’aborto anche per fini terapeutici, di chi promuove la continuazione del dolore come mezzo di dominio sulle coscienze, di chi sentenzia giornalmente sopra a materie di normale amministrazione socio-politica e privata come le unioni civili, le pratiche sessuali, etc. Non gli porteremo alcun rispetto, perché il loro pensiero costituisce un danno ed una involuzione per la società.

Perdipiù, il principio di rispetto verso le idee e convinzioni altrui dev’essere reciproco: non si capisce perché la Chiesa Cattolica debba giornalmente infrangere questo principio offendendo la sensibilità e la razionalità di tutti coloro che non si riconoscono parte di essa, proponendo loro argomenti, dettami e comportamenti che offendono la logica e la ragione. Gli uomini razionali, eticamente maturi e pacifici hanno dunque tutto il diritto di risentirsi e considerarsi offesi di fronte a queste continue incursioni. È per questo principio che, al puro scopo di autodifesa, sospendiamo ogni forma di rispetto verso la Chiesa Cattolica, avendo come unico limite quello delineato del codice civile e penale. Tutti i riti, le affermazioni e le azioni della Chiesa Cattolica che risulteranno contrarie alla logica, alla ragione, al buon gusto e ad un’etica laica matura ed evoluta, saranno pertanto fatto oggetto di scherno, riso e mancanza di rispetto. Sarà dunque lecito al laico ed all’uomo razionale non solo criticare, ma anche prendere a pernacchie l’apparizione di un santo fra le macchie di una padella o quei miracoli dove si ringrazia perché non sono morti proprio tutti. Ciò che offende la ragione non sarà più rispettato.

Concetti come «fede», »sensibilità» e «spiritualità» non potranno più costituire una copertura ed una patente d’impunità per tutto ciò che di illogico, ripugnante, antistorico, antiscientifico e laicamente immorale propugna la Chiesa Cattolica.

Federico M. Sardelli

Da parte loro, i Paguri aggiungono come oggetti di scherno e mancanza di rispetto anche i canali – di qualsiasi natura essi siano – completamente asserviti alla diffusione, la propaganda e la difesa della Chiesa Cattolica, primi fra tutti i TG.

Share

99 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    E bravo al ns Federico, finalmente Qualcuno si è preso la briga di scrivere il Manifesto che mi sarà da guida e orientamento nel resto della vita.
    (o almeno si è preso la briga di mettere per iscritto ciò che penso da anni)
    Nemo

  2. Anonimo scrive:

    Ciao Paguri, vi leggo ormai da tanto, voi e il Vernacoliere, essendo Toscana DOC.

    Però: Posso farvi una domanda?
    Una domanda vera, non una provocazione…

    Che ne pensate dei credenti come me?
    Credenti (nel mio caso di fede cristiana, ma può essere un discorso esteso in generale) che credono in quello che c’è scritto nel Vangelo (e che possibilmente cercano di applicarlo, almeno fin quando è possibile), che non apprezzano la gerarchia ecclesiastica che si è formata nei secoli, che vedono il vecchio Beppe 16 come, ahimè, portatore di una involuzione culturale (e non è il solo….).
    Quei credenti come me che vogliono che sia fatta luce sui preti pedofili, che cessi il business e la speculazione dove ci sono presunti “miracoli” o salme da venerare (vedi P.Pio).
    Quelli che apprezzano il lavoro dei missionari e dei volontari, laici e anche religiosi, nei paesi poveri, e che cercano di sostenerli come possibile.
    Quelli che se ne sbattono dei miracoli, dei sanguinamenti di statue e compagnia bella… perchè la fede nelle parole del Vangelo basta.
    Quelli che non andranno mai a San Giovanni Rotondoland, alle GMG, al Family Day…
    ma che cercano di alimentare la propria fede con l’interiorità e col dialogo (per fortuna qualche prete ammodino c’è ancora… magari qualcuno li definirebbe scomodi).
    Quelli che preferiscono fare del volontariato piuttosto che pagare il pullman per vedere Beppe 16 alla finestra.
    Potrei continuare molto, ma credo che ci siamo capiti.
    Badate bene: essere credenti, soprattutto cristiani, al giorno d’oggi è difficile, almeno per me.
    Perchè credo nel messaggio di G.C., ma la Chiesa così come è oggi mi fa male al cuore.
    Tutto qui.
    Spero che mi risponderete, qui tra i commenti.
    E spero che capirete perchè una cristiana vi apprezzi… perchè non siamo tutti dei troiai.

    ALIXXX

  3. Anonimo scrive:

    Io ho rispetto assoluto per chi si definisce Cristiano e difende i diritti civili, la libertà di pensiero e di espressione, che è capace di criticare l’operato della Chiesa cattolica e rispetta le idee e le opinioni altrui. Significa che ha interpretato meglio gli insegnamenti di una religione che viene purtroppo sfruttata da chi vuole il controllo sulle coscienze.
    Gabriele.

  4. Anonimo scrive:

    Per ALIXXX …. se fossi in te mi guarderei ZEITGEIST prima di parlare … http://video.google.com/videoplay?docid=-4789187645983416294&hl=en

  5. caffenero scrive:

    Eccezionale, ma dal Divin Sardelli non mi aspettavo nulla di meno. Sia Lode a Dawkins.

  6. paguri scrive:

    Carissima Alixxx, sappi innanzitutto che sei in ottima e nutritissima compagnia. Non hai idea di quanti amici e conoscenti, dichiaratamente cristiani, sopportino a fatica la svolta retrograda presa dalla Chiesa Cattolica negli ultimi anni.
    Se sei qui a dimostrarci la tua stima, è perché in fondo sai benissimo che c’è una bella distinzione fra chi intimamente si affida ad un determinato credo religioso e chi invece ne fa una vera e propria macchina da guerra mediatica a scopo di lucro (e che lucro). Il problema nasce quando certi credenti sostengono, anche con il loro voto, le forze politiche che spalleggiano questa setta pericolosa nell’ottica di un mutuo appoggio.
    Se questo non è il tuo caso, hai il nostro massimo rispetto. In culo a que’ gonnelloni.

  7. McLaud scrive:

    @Alixxx: dopo aver meditato e letto molto a lungo sulla religione, sento di poterti dare un solo suggerimento attraverso questa domanda: puoi credere nel valore dell’uomo senza che ciò implichi necessariamente l’esistenza di una divinità che lo imponga?

    Se puoi farlo, allora tutta l’imperscrutabile metafisica, il fideismo dogmatico, le coreografie dei miracoli e tutte le altre vane apparenze del pomposo apparato ecclesiastico perderanno la loro ragion d’essere. In fin dei conti gli indiscreti hanno raccontato che pure Gesù (se ci credi, perché nominarlo solo con un acronimo?) si incazzò con una iena con i mercanti nel tempio e li caccio via a gran puntatoni in culo e mazzate tra capo e collo (ma forse l’ultima parte è soltanto frutto della mia fantasia che ama concepire la scena così). Ti va di immaginare quale sarebbe la sua reazione adesso? Allora considera solo che il tempio non c’è più: ci sono unicamente i mercanti…

    Ad ogni modo, se, invece, non ritieni che si possa prescindere dalla fede nella divinità, allora niente ti impedisce di continuare a credere in ciò che più preferisci e questa è la prima libertà per cui hanno combattuto i popoli: quella di credere – o non credere – in ciò che vogliono. Non confondere mai, però, la chiesa con la religione. La chiesa non è che un’organizzazione umana e sta alla religione, allo stesso modo con cui, ad esempio, l’organizzazione dello stato cinese sta agli ideali alla base del comunismo. Essere credente, se scegli questa via con lo spirito critico che hai dimostrato, non potrà ritorcersi contro di te, perché per poter essere liberi, prima d’ogni altra cosa si deve essere liberi dentro di sè. Riuscire a formare liberamente ed indipendemente il proprio convincimento è molto più complesso di quanto si possa immaginare e tanti rinunciano ad affrontare quest’ulteriore “impiccio” in cambio di certezze e soluzioni semplici, ma tu sei sulla buona strada…continua!

    Caveat emptor: l’autore di questo commento nel post precedente coi suoi interventi ha ripetutamente dileggiato, ricorrendo anche a biechi giochi di parole e ad immagini scurrili, il laido mercimonio che avviene a S.G.R. (stavolta lo scrivo io con le iniziali). Come possa da un momento all’altro mettersi a pontificare sulla religione è un MISTERO DELLA FEDE®! 😉

  8. Anonimo scrive:

    Accettate una proposta da un cretino: ma se ci trovassimo tutti quanti (lettori del vernacoliere e sostenitori di DZ) una domenica col bel tempo a Roma in quel di San Pietro a mostrare le nostre bianche natiche al carissimo (nel senso che caro ci costa) papa attualmente in carica?
    Io vivo a Siena ma mi farei volentieri in viaggio per combinare una zingarata simile!!!

  9. Anonimo scrive:

    Per anonimo 8
    Mostrar le natiche? Nooooo, ci stanno gia’ inculando abbastanza.

  10. Anonimo scrive:

    aderisco aderisco aderisco aderisco!
    per alixxx… ho tantissimi amici credenti. quasi tutti cattolici. ogni tanto se la prendono, ma quando mi spiego fanno molta fatica a darmi torto.
    essere credenti (per me è una cosa assurda, così come per chi è credente è assurdo non esserlo) è un conto, essere parte della chiesa una santa cattolica e apostolica è un altro.
    perchè si prende per il culo i testimoni di geova (lo faceva perfino il mio prete da piccina) e i cattolici no? in fondo la differenza è piccolissima.

  11. Anonimo scrive:

    è anche vero che essere credenti e non essere d’accordo con la chiesa cattolica è un pò come rinnegare le proprie origini…
    mi spiego meglio:
    tutto ciò che un credente sà di gesù&soci lo sà tramite l’idottrinamento e la propaganda secolare da parte di ChiesaCattolica S.P.A. quindi c’è poco da essere contrari se poi ci si fà il segno della croce…al limite si cerca una propria spiritualità!
    e cmq sia Cara Alixxx, e lo dico da ateo materialista convinto, secondo ME la religione è una cosa seria e và presa seriamente e quindi niente sesso prima del matrimonio, si chiava solo per far figli, niente fellatio o contraccettivi perchè si disperde il seme, niente sesso anale, ecc.ecc…
    sono andato sul sesso perchè sono maschilista (non è vero niente…) e come cattolica sarai abituata ad una religione PROFONDAMENTE MASCHILISTA e qui arriva il punto:
    come fà nel 2008 una donna intelligente a praticare una qualsiasi religione, nessuna esclusa, visto che la donna viene ripetutamente e sistematicamente trattata come una TROIA?
    sappiamo che non siete TUTTI dei troiai…però una bella dose di incoerenza, chi più chi meno, ve la portate appresso!

    303

  12. rotellaro scrive:

    @anonimo 8: fermo restando che sarebbe un atto liberatorio, in realta’ cosi’ daresti adito a chi dice che i laici sono rozzi e offensivi verso S.S. (sua santita’, che avete capito?).

    L’ideale sarebbe andare in piazza quando Benny 4×4 sta’ per recitare l’Angelus® e alzare un megastriscione con su scritto W GALILEO GALILEI!

    Probabilmente si rischierebbe il linciaggio da parte dei succ… ehm timorati di Dio® che affollano Piazza San Pietro® pero’ almeno si starebbe noi dalla parte della ragione.

    In fondo, come zichichirichi’ ha affermato su micro macro, Galileo era un vero Cattolico®.

  13. Anonimo scrive:

    Condivido la gitarella per andare a visitare il nostro caro Beppe16 ma invece di mostrarglielo (il culo), che è rischioso, facciamoci una bella foto a chiappe all’aria e attacchiamola su un bel cartello! l’effetto scenico ne guadagnerà e il nostro sfintere sarà salvo!
    Ele

  14. CapitanVegan scrive:

    Linkerò un video che interesserà a molti

  15. Anonimo scrive:

    Fico – io sto per lo striscione con W Galileo…
    Me ne vengo da Torino per una cosa del genere!!!
    ;D

  16. Anonimo scrive:

    x alixx
    io l’ho intesa così: sei credente nei valori della religione cattolica quali la pace la fratellanza la solidarietà ed altre cose buone che i nostri amici in gonnella predicano, però non ti riconosci nell’istituzione chiesa, che è palesemente falsa retrograda maschilista, totalitaria, bigotta interessata solo al profitto e tenere nell’ignoranza più gente possibile, ostentando ricchezze e mettendo bocca in faccende che non la riguardano visto l’enorme potere che purtroppo ha.
    in fondo ti capisco e ti rispetto, purtroppo il restante 99% dei cristiani non è come te, credono che la verità è una sola, quel che il loro piccolo duce dice è legge. già qui è un controsenso rispetto ai principi della religione. e ce ne sono a migliaia di controsensi, come al solito predicano bene e razzolano male. credo anche che se tutti i cristiani fossero come te, aperti e pensanti, la religione non sarebbe poi tanto male, i fondamenti non sono sbagliati. immagino sia difficile per te convivere con altri cristiani, che (almeno quelli che conosco io) di solito tentano di importi il loro credo, di difendere le malefatte della loro religione a ogni costo e cercano anche di farti passare da povero stupido, guardandoti con suffficenza. spero che le nostre generazioni (che non sono così fissate come i nostri padri e i nostri nonni, e danno molti meno soldi alla chiesa) riescono a far cambiare qualcosa, è un lavoro difficile, ma oggi c’è molta più informazione libera e la gente spesso mette in moto quel mezzo neurone che gli è rimasto e si fa nascere qualche legittimo dubbio… speriamo sia contagioso !!!
    ciao ciao
    alan983 [at] msn.com

  17. Nenè scrive:

    @ McLaud: leggo con interesse il tuo commento, anche io per anni, e ancora oggi, mi interesso di letture sulla religione cristiana (ed altre anche) e non voglio entrare in argomenti quali la spiritualità umana (troppo voluminoso) e su come tutte le religioni, filosofie e modi di vedere la realtà siano simili: mi sto riferendo al cuore degli insegnamenti, è ovvio, no a ciò che viene detto, raccontato o scritto per soggiogare i molti.
    Riporti l’ episodio dei mercanti nel tempio, secondo me bellissimo e molto travisato.
    Mi piace pensare che Gesù, in perfetto stile “comiche di Benny Hill” , abbia cacciato i mercanti a calci in culo, invece credo sia stata una scena fredda, senza ira, non ci insegnano forse che non poteva odiare? Punto che è troppo poco ricordato ahimè!
    Lasciamo perdere anche un’ eventuale traduzione simbolica, ci si potrebbe veramente divertire.
    Per quanto riguarda la quotidianità hai ragione, la maggior parte sono mercanti, ma essere signori del tempio non vuol dire dover stare per forza nel tempio, il tempio è dentro di noi, non so cosa farebbe oggi, ma non mi sembra sia molto differente da allora, forse si fanno meno offerte sacrificali… ho detto forse 😉 .

    Concordo pienamente quando parli della libertà interiore, se mi permetti dico solo che si è liberi quando si conosce e purtroppo siamo un una società che non ci vuole conoscenti e conoscitivi, ma rimbambiti e rincoglioniti.
    Per il resto auguro a te e a tutti i lettori, nonchè a voi Paguri, buona giornata e buon lavoro e anche buono studio a chi, come me, deve ancora terminare gli studi matti e disperatissimi.
    A presto

  18. Lopo scrive:

    Dubito che sarebbe possibile stare in Piazza S. Pietro, che è già territorio vaticano e dove quindi non vigono leggi a garanzia della libertà di parola. Probabilmente verremmo scortati, con la gentilezza che è propria delle forze dell’ordine, alla fine di Via della Conciliazione.

  19. Goldrake scrive:

    Anche io ringrazio Federico Maria Sardelli per aver scritto quello che è semplicemente il mio pensiero.
    Ora andrò un po’ fuori tema, ma volevo complimentarmi con Rutello Rutelli per essere stato battuto da un curioso scherzo della natura come Alemanno. Era un’impresa difficilissima, ma ci sei riuscito. Complimenti.

  20. ulivinico scrive:

    I miei più vivi complimenti a Sardelli per le sue pagine sul Vernacoliere, tipo l’Osteggiatore Romano.
    Sono d’accordo per la reciproca intolleranza; purtroppo senza media favorevoli passeremo sempre da quelli cattivi.
    UNA COSA DA FARE ASSOLUTAMENTE E’ SBATTEZZARSI!!
    Questo è fondamentale per chi vuole dare un segno forte di non appartenenza alla setta:
    http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/
    E’ semplice, si compila il modulo, lo si manda al parroco della parrocchia dove siamo stati battezzati e lui risponde entro 15 giorni con l’avvenuta cancellazione dai loro registri.
    FORZA GENTE, fate girare.
    INOLTRE 5 per mille all’UAAR! riportare il codice fiscale dell’UAAR (92051440284)
    8 per mille ai Valdesi, non allo stato o se li puppa la Chiesa Cattolica lo stesso.
    FATE GIRARE. FATE SAPERE

  21. Anonimo scrive:

    Grande Sardelli e grandi Paguri. Mi son permesso di postare il manifesto sul mio blog.
    Saluti,

    Uvaozio (avtarkeia.splinder.com)

  22. Goldrake scrive:

    @ Alixxx
    Concedimi l’arroganza di darti un parere, benchè tu ti sia rivolta (con tutto il diritto) solamente ai Paguri.
    La chiesa che vorresti tu e tanta altra gente, fatta di buoni missionari et similia, non esiste. Si, perchè è vero che alcune tra queste persone vanno in posti invivibili ad aiutare dei poveracci, ma la politica è sempre quella : ti sfamo ma ti converto, con tutto quello che ne consegue (vedasi manifesto). So che per te sarà dura da accettare, ma pensaci bene e vedrai che il minimo comune multiplo è quello. In definitiva, tra i valori di umiltà predicati da quell’icona che chiamate Cristo e la chiesa ci sono delle differenze talmente enormi da rendermi incomprensibile la tua convivenza. E’ come definirsi caritatevoli e far parte delle SS, né più né meno.
    Infine, anch’io consiglio a te e a tutti di scaricare e vedere ZEITGEIST.
    Senza rancore.

  23. Capitano scrive:

    Purtroppo ad oggi il mio essere ateo risulta ancora una minoranza in un paese di bigotti.
    “La religione è l’oppio dei popoli” disse Marx, ma col tempo secondo me questa frase acquista sempre più veridicità.

  24. maka scrive:

    @ALIXXX
    non credo che il tuo rapporto con SSCHIESACATTOLICA sia un’eccezione o un episodio raro. ti basti pensare che è dal 1517 che vengono mosse critiche aperte alle gerarchie ecclesiastiche della SSCHIESAsuddetta, al modus operandi e alle motivazioni addotte per la riscossione dei soldini (già Lutero aveva coniato l’asserzione “come il soldino nella cassa risuona, ecco che un’anima il purgatorio abbandona”….come a dì:VI STANNO PRENDENDO PERIL CULO STI BASTARDI DI SSCHIESACATTOLICA..). Da quell’anno in poi sono nate, come tanti funghi, varie correnti religiose di stampo cristiano, più o meno lontane dal cattolicesimo, che hanno sottolineato la loro diversità in alcuni settori: no, io non credo al clero; no, io non credo alle immagini sacre; non io sono più puritano di te; no, non è vero puritano e razionale come me non c’è nessuno ecc ecc. ma tutti avevano un MCD (si dice così?): NO POPE!!!!
    ora, cara ALIXXX, grazie a dio io sono atea ma nutro il massimo rispetto per chi crede in un Dio, qualunque esso sia …..l’importante è, come sottolineato nel MANIFESTO, che non mi rompano i coglioni a me e al mio non-credo. non ti conosco, ma da come parli (o megio scrivi) non sembri un’invasata lobotomizzata come gli 800.000 in fila dalla carcassa, pertanto se un consiglio ti posso dare, vivi la tua religione come meglio credi, con il tuo dio cristiano, segui i principi del cristianesimo e soprattutto ama il prossimo tuo come te stessa perchè, mi sa,che i cattolici praticanti di SSCHIESACATTOLICA credono ormai di dover amare gli altri solo al fine di condurli sulla retta (per loro) via, considerandoli come tanti strunzi e incapaci di intendere e volere….meglio ancora se sono poveracci!

    MK

  25. Anonimo scrive:

    Per McLaud: tu chiedi:

    “puoi credere nel valore dell’uomo senza che ciò implichi necessariamente l’esistenza di una divinità che lo imponga?”

    La risposta – purtroppo – e’ in una domanda:

    “puoi credere nel valore dell’uomo dopo che ha sterminato parte della sua razza, violentato i suoi figli e le sue donne, tirato bombe atomiche, sterminato in nome di un dio che non si vede, usato i suoi simili – a prescindere dalla religione – per fini di lucro e malgrado il suo “razionalismo ed il suo illuminismo”?”

  26. Fabio scrive:

    grande Manifesto e grande FMS…

    ad ALIXXX e tutti i credenti di qualsiasi religione: quoto il commento di MK… “la mia libertà finisce dove inizia quella dell’altro”… e rispetto per le persone di valore a prescindere dal fatto che siano credenti piuttosto che atee..

  27. giorgiorgio scrive:

    Federico Maria è sempre più grande e fulgido!! Assolutamente voglio prenotare una sua futura reliqua dopo che lo avremo fatto Sando dei laici!
    e propongo subito una bella campagna di sensibilizzazione a tappeto per il web: ordunque su Paguri, aspettiamo un bel logo che linki a questo manifesto che non vedo l’ora di metterlo dovunque!!

  28. Anonimo scrive:

    @ ALIXXX

    La vera domanda e’: “Chi sono i Cristiani” (cristiano=chi segue gli insegnamenti di Cristo, nella fattispecie Gesu’)?

    Gesu’ non era contrario alle nozze gay, ma diceva di amarsi gli uni gli altri. Gesu’ non diceva che una madre single e’ “una madre non molto buona” (copyright: Buttiglione), diceva “chi e’ senza peccato scagli la prima pietra”).

    Quando entro’ nel Tempio e vide i mercanti, Gesu’ ne rovescio’ i banchi e li prese a frustate, oggi a SanGiovanniRotondoLand non basterebbe il napalm.

    Gesu’ diceva di lasciare le ricchezza che si hanno per donarle ai poveri, non lasciare le ricchezze che si hanno per donarle a lui (quando basterebbe vendere uno dei calici d’oro che ci sono in vaticano per sfamare tutto lo Zambia)

    Gesu non accusa chi subisce una digrazia dicendo che l’ha ricevuta per punizione divina, ma dice “Come pure quei diciotto uomini sui quali cadde la torre di Siloe e li uccise, credete voi che anche questi fossero più rei di tutti gli altri abitanti di Gerusalemme? ”

    Gesu’ dava a Cesare cio’ che era di Cesare, non metteva becco in tutto e chiedeva l’esenzione dall’ICI

    Ma cosa piu’ importante, Gesu’ mori’ in mutande, non coperto di sete e di ori.

    A questo punto, dove sono i Cristiani. In Vaticano o sono quelli che scrivono su questo forum?

    Saluti,
    Marco

  29. GiuppetheCat scrive:

    Grazie Federico. Hai detto stupendamente tutto quello che penso ma che non sarei mai riuscito a dire con la stessa chiarezza e lucidità… Alcuni commenti anche molto interessanti.
    Io personalmente sento che sto radicalizzando sempre di più le mie idee ed è già da un pò che pratico una seria e convinta mancanza di rispetto. Sia contro chiesa & religioni, sia contro totalitarismi politici ed economici. Come diceva Corrado Guzzanti diversi anni fa nella caricatura del predicatore americano: “Per avere fede in nostro signore bisogna essere innanzitutto molto gonzi!” … poi per seguire lo stato chiesa bisogna essere peggio o in malafede.

    http://www.seavreistudiato.blogspot.com

  30. Daniele F scrive:

    Concordo e sottoscrivo con il sangue il Manifesto di Federico Maria Sardelli.
    @Rotellaro: ottima idea lo striscione!

  31. Bove scrive:

    Grande Sardelli!
    sappi che avrò letto decine di volte il tuo libro dei miracoli di padre pio – possa stiantare chi non ci crede.Ame – immaginando di leggerne uno in chiesa, e l’effetto è spettacolare…
    Secondo me la spiritualità è un aspetto importante nella vita di un uomo ma va vissuta PRIVATAMENTE e non PUBBLICAMENTE OSTENTATA, altrimenti diventa uno strumento di potere come infatti accade.
    Quando mi sono accorto che nel tao-te-ching, testo base del taoismo, scritto nel 1200 a.c. circa, ci sono concetti espressi anche nel vangelo e in testi sacri di altre religioni, mi sono convinto definitivamente che la religiosità risiede nel rapporto dell’uomo con la natura che ci circonda e quindi tutte le religioni hanno lo stesso valore in quanto hanno tutte lo stesso intento; il problema nasce quando qualcuno crede che la sua sia l’unica vera fede e milioni di morti stanno lì a dimostrarlo.
    Quando l’umanità si libererà di questi fardelli sarà un bel passo avanti.
    PS: però se il Livorno si salva è proprio un miracolo di padre pie.Ame!

    “Everybody’s gone for quick, sure fire solution
    But faith in any god is gonna bury us all
    No-one’s gonna fight in a ten-bob revolution
    Have faith in what you’ve got and it will carry us all”
    OASIS – CARRY US ALL

  32. ulivinico scrive:

    Altro consiglio (oltre a sbattezzarsi, vedi sopra):
    Per avere intolleranza e rispondere per le rime, bisogna essere preparati.
    Una lettura obbligatoria è La Favola di Cristo di Luigi Cascioli che ha denunciato la Chiesa e depositato la denuncia al tribunale di Zurigo:
    http://www.luigicascioli.it/cascioli_italia/
    nel libro dimostra la non esistenza di Gesù. Nel successivo, La morte di Cristo, confuta le prove storiche.
    E a chi va a messa ricordate il vangelo:
    “Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini.” Matteo 6:5
    “Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole” Matteo 6:7

    Insomma, che ognuno preghi chi vuole, ma sappia che andando a messa e pregando tutti insieme ad alta voce sono ipocriti, secondo la stessa persona che venerano…

  33. sixpounder scrive:

    Applausi, applausi…

  34. Anonimo scrive:

    Buongiorno. Vorrei fare una osservazione che mi sembra importante: mi risulta che la chiesa cattolica stia perdendo terreno, nel mondo. Dunque non solo coltiva l’orticello vaticano chiamato Italia, oltre a quello statunitense, ma manipola i mezzi di comunicazione per FARCI CREDERE CHE LA SUA ONNIPRESENZA E POTENZA siano DIFFUSE E ACCETTE in TUTTO IL MONDO. Ragazzi, è ovvioc he bisogna resistere, ma fuori c’è un mondo che se ne sbatte le b°°°°°e di ratzinga & company. Non commettiamo l’errore di buttare anni di vita appresso a minchiate che non valgono la pena di essere prese in considerazione.
    Preferiamo vivere!

    Saluti
    La Donna Cannone
    http://blog2piazze.blogspot.com

  35. Nedo B. scrive:

    In Sardelly Stat Virtus.

    Ribadire fa sempre bene: chi sente dentro di se di credere o aver fede in qualsiasi tipologia di omino barbuto, panciuto o dotato di proboscide non deve minimamente sentirsi offeso dalla nostra totale mancanza di rispetto verso un’istituzione, ma che dico, un’associazione a rincoglionire come la Chiesa Cattolica s.r.l. ed i suoi dipendenti e vicary.

    Il giorno che strisceranno a non più di 12 mm dall’asfalto spogliati di qualsiasi bene terreno ivi compresi i VAINI degli italiani, forse la smetteremo. Forse.

  36. ulivinico scrive:

    Cara La Donna Cannone,
    è vero che perde terreno come fedeli, ma conquista sempre più politici e soldi in Italia, quindi non è da sottovalutare, anzi, è da preoccuparsi e parecchio.
    La scuola viene ritoccata immettendo il creazionismo, in tv si parla di madonnine che piangono come se fossero cose vere, per non parlare dei cadaveri ostentati come se fossimo nel medioevo, storia ritoccata o nascosta..e come dice DonZauker, mi fermo qui perchè mi si è seccata la gola.
    Preoccupiamoci finchè non ritoccheranno le date riportandoci al 1300…ora siamo al 1600.
    Sappi, se non lo sai che la Chiesa ci costa oltre 4miliardi di Euro l’anno:
    http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/cronaca/conti-della-chiesa/conti-della-chiesa/conti-della-chiesa.html
    Con questi soldi, e esenzioni, in tempo di qualche anno i fedeli torneraano ad aumentare grazie alla pubblicità.
    Inoltre c’è sempre lo SPAURACCHIO ISLAM; funziona alla grande; per paura la gente si rifugia nelle chiese, pensando che i nostri sono i buoni e gli altri i cattivi
    ecc. ecc.
    buondì, ora badiamo di lavorà

  37. Anonimo scrive:

    Sottoscrivo il Manifesto.

    Per quanto riguarda la gita a Roma io ci starei… ma niente striscioni, solo sonore fischiate. Così ci si nasconde meglio in caso di intervento delle forze dell’ordine!

  38. magasaimon scrive:

    Oh Federico Maria quanto mi sei mancato….mi mancano le tue p(r)oesie, i tuoi rebvs e il Bibliotecario…Il tuo Manifesto non ha bisogno di aggiunte. Perfetto così com’è.

  39. paolazzzi scrive:

    Il Comune di Foggia richiederà ad Aeroporti di Puglia di intitolare l’aeroporto di Foggia a San Pio da Pietrelcina come simbolico riconoscimento verso il religioso ed in linea con il progetto di sviluppo dello scalo al servizio del TRAFFICO DI FEDELI. Il Comune propone un’intitolazione congiunta senza rinunciare a quella attuale a Gino Lisa, pilota della I Guerra Mondiale MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE, morto in battaglia nel 1917. Non vi sembra contraddittorio?

  40. Squadra Cazzate scrive:

    Ringraziamo il Maestro Sardelli & sottoscriviamo senza indugio. Anzi, se non avete nulla in contrario, lo postiamo pure sul nostro blogghe affinchè la gente sappia (?).
    Cordiali Saluti,
    Squadra Cazzate.

  41. Kabinda scrive:

    Sottoscrivo il Manifesto! Forza paguri!

  42. maka scrive:

    @donna cannone

    Non credo sia una minkiata lottare per la propria libertà di credo e di vita LIBERA in libero stato a maggior ragione se la restrizione di libertà è CONSEGUENZA , come sottolineato da ULIVINICO, dell’intromissione negli spazi di SSROMANACHIESA. Se non ci fosse il problema “potere della chiesa”, mi spieghi il perchè non dovrebbe pagare l’ICI come tutti i comuni poveri disgraziati italiani? perchè dovrebbe avere sempre più soldi per le sue psudo-scuole-lava-cervelli e invece quelle pubbliche devono autotassarsi anche per comprare la cartaigienica? e ancora, perchè si dovrebbe fottere il restante 8×1000 non destinato volontariamente alla chiesa-di-merda? perchè ti vincola in qualsiasi scelta coniugale? perchè un bambino si deve sentire disadattato se non battezzato?
    cara donna cannone…..se per te queste sono cazzate, mi dispiace ma non mi trovi assolutamente d’accordo, anzi per me sono problemi di ingerenza quotidiana CHE VANNO DEBELLATI E RIPORTATI ALL’ATTENZIONE DI TUTTI, anche di quelli che credono che benny4x4 non serva a nulla e che se ne lavano le mani

    PS: ultima ma non la meno importante…anzi!. da donna ti dico che il massimo dell’ingerenza papale avviene proprio nella sfera femminile…..e se per te non sono un problema tutte le discussioni anti aborto, pillola del giono dopo, pillola abortiva, fecondazione assistita ecc ecc MAGICAMENTE ORCHESTRATE da qualche deus ex machina para-papale…bè ti dico CHE IO SONO CONTENTA DI BUTTARE VIA ANNI DI VITA PER DIFENDERE LA MIA LIBERTA’

    MK

  43. McLaud scrive:

    @ Nené: al di là dei significati allegorici che si può attribuire alla vicenda, credo che ci sia materiale sufficiente nel vangelo di Matteo ed in quello di Giovanni (rispettivamente: 21,12-13 e 2, 13-16; gli altri due vangeli sono più neutrali) per ritenere che Gesù abbia fatto un putiferio a Gerusalemme: si può leggere nel primo, infatti, che lui “entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe e disse loro: «La Scrittura dice: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera ma voi ne fate una spelonca di ladri». Nel secondo, invece, la scena sembra tratta da un fumetto Marvel: “Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe, e i cambiavalute seduti al banco. Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato». Perché Gesù non poteva odiare, poi? Premesso che ai miei fini è relativamente indifferente credere che sia esistito o meno, se ammettiamo che sia esistito, allora era un uomo e nei vangeli (specialmente in quelli apocrifi) vi è più di un riferimento ai suoi sentimenti umani: amore, paura, angoscia, serenità…e, perché no?, pure odio.

    A parte, questo, comunque, riferendomi alla quotidianità, intendevo parlare della chiesa cattolica…e se sono d’accordo con quanto dici sul fatto che ci sia un tempio in ciascuno di noi, ritengo anche, però, che dentro molti ci sia un centro commerciale, un mercato di ciò che si vuole avere e di quanto si è disposti a vendersi. Ah, se solo il buon Gesù Compagnone potesse sfogarsi nei loro cranietti…

    L’accordo poi è totale per quanto riguarda la libertà interiore e le tue parole sono uno dei tanti modi in cui possiamo esporre il nostro punto di vista.

    @Lobo e Rotellaro: il territorio dello stato vaticano inizia dalle scale del sagrato della basilica di s. Pietro. Infatti, la piazza cinta dal colonnato del Bernini è presidiata dalle forze dell’ordine italiane e lì vigono le nostre leggi. Per questo condivido pienamente l’iniziativa dello striscione “Viva Galileo”, mentre tutte le altre che comportano l’esposizione diretta o indiretta di nudità (leggi: chiappone) rappresenterebbero l’integrazione di una serie di reati così lunga che non ve la sto nemmeno a dire. Il risultato dei culi al vento sarebbe quello di essere cacciati sì dalla piazza, ma dalla sBirreria nostrana ed all’unico fine di essere trasportati nelle patrie galere per essere colà sodomizzati a tempo indeterminato con manganelloni fuori misura (n.d.a.: queste ultime conseguenze potrebbero non essere previste dal codice di procedura penale o da altre leggi speciali).

    @ anonimo25: evidentemente il commento si presta a molte interpretazioni, ma scrivendolo mi sono ispirato liberamente alla distinzione kantiana tra “fine” e “mezzo”. L’attenzione è posta sul “valore” dell’uomo come fine, non sull'”uomo” in sè. Cosa sia stato in grado di fare l’uomo nei secoli lo sappiamo fin troppo bene e da quello che dici traspare pure come alcuni dei conflitti e dei crimini più efferati siano stati commessi nel nome di una fede, ma il punto è un altro: negare il valore dell’uomo come “fine” non porterà ad un superamento di tutto questo…solo alla sua eterna iterazione. Soltanto se si apprenderà a riconoscere il valore degli altri, si potrà sperare in un autentico progresso dell’umanità. Quello che a me interessa esclusivamente è che questo “valore” può essere pure riconosciuto a prescindere dall’esistenza di un dio che lo impone; riconosco, comunque, che chi vuole è libero di credere alla promanazione divina di questo “imperativo” morale, o “comandamento”, che dir si voglia…perché ciò che è essenziale è il rispetto dell’uomo e, per come la vedo attualmente, qualsiasi strada attraverso cui ciascuno tenda davvero verso questo risultato non è a priori migliore o peggiore di un’altra.

    @ Marco: al di là di qualche provocazione (comunque intelligente), condivido le tue idee: continuiamo tutti così.

    @ Alixxx: se puoi, leggi “Il vangelo secondo Gesù Cristo” dello scrittore portoghese premio nobel per la letteratura (ma soprattutto ateo) Josè Saramago. E’ un romanzo poetico, profondo e illuminante.

    …e per adesso la faccio finita qui, ché ho scritto un fiume di parole e solo a rileggerlo mi rendo conto di quanto stritolo i genitali. Fatemi sapere voi, io resto a disposizione, pure per gli ordinativi dei Pio-gadget®.

  44. Anonimo scrive:

    Secondo me si sta perdendo tempo su una serie di discorsi piuttosto cervellotici: la distinzione non è tra credenti e atei, o tra credenti che non apprezzano l’istituzione chiesa e dogmatici, l’unica differenza sta tra persone intelligenti oppure no…

  45. Nenè scrive:

    @ McLaud: ok, ok, andiamo per ordine e per quella che può essere la mia misera conoscenza:
    Gesù non prende una frusta di cuoio, il cui materiale originario è di origine animale, ma una frusta fatta con cordicelle, di origine vegetale, piccola sottigliezza che simboleggia processi di decomposizione e costruzione.
    Non viene frustato nessuno, l’ unica azione riportata è il rovesciamento dei banchi, e poi non è lui che porta fuori gli animali, gli oggetti e i mercanti, sono loro che se ne vanno e portano via tutto, lo so che è sottile la differenza, ma è una grande differenza, come se, e sottolineo come se, ci fosse stata una sorta di comprensione per quello che stava succedendo.
    Quando ho scritto che Gesù non poteva odiare, non l’ ho scritto per nullificarne la natura umana, ma per dire che lui simboleggia l’ amore e che quindi, nello stato di coscienza dell’ amore, non si può odiare.
    E poi desidero chiarire che sto cercando di attenermi agli scritti “riconosciuti”, pur apprezzando gli apocrifi e le varie interpretazioni.
    Certo che poi ha fatto un putiferio, portava la nuova Legge.
    Dio aveva dato delle leggi, con la venuta del Figlio vuole cambiarle perchè mette in discussione la sua parola.
    Per concludere è difficile sintetizzare in poche righe conoscenze, idee e quanto altro, ma è bello o stesso.
    Ciao a tutti e vista ‘ ora buon appetito.

  46. Anonimo scrive:

    siete grandi e basta! anzi, quotando in pieno l’anonimo 44, siete ma parecchio intelligenti!
    federica

  47. Angela scrive:

    Ehi ciao,
    per la gita in Vaticanland, che ne dite di un manifesto con W Darwin?

  48. Goldrake scrive:

    Scusate esimi, apro una piccola parentesi perchè necessito del vostro dotto parere in merito : voi cosa fareste a quelli che col cellulare telefonano ad amici e parenti per far vedere che sono in diretta in qualche servizio esterno del TG ? No, perchè vorrei sapere se sono l’unico che li investirebbe con un pullman…

  49. maka scrive:

    se vuoi Goldrake ti faccio da co-autista per l’occasione!!!

    MK

  50. Nilatsw scrive:

    Grazie O Sommo Sardelli, finalmente qualcuno che ha il coraggio di prendere una posizione dura e giusta contro questi signori che voglino imbavagliarci le conscenze

  51. Lopo scrive:

    @McLaud: Non mi risulta: guarda qui
    http://en.wikipedia.org/wiki/Image:VaticanCity_Annex.jpg

    Se leggi la legenda in basso, vedi che la Piazza, in grigio chiaro, è territorio vaticano, ma il servizio d’ordine è affidato alla polizia italiana.

    Il Trattato afferma (art. 3):
    “Resta peraltro inteso che la piazza di San Pietro, pur facendo parte della Città del Vaticano, continuerà ad essere normalmente aperta al pubblico e soggetta ai poteri di polizia delle autorità italiane; le quali si attesteranno ai piedi della scalinata della Basilica, sebbene questa continui ad essere destinata al culto pubblico, e si asterranno perciò dal montare ed accedere alla detta Basilica salvo che siano invitate ad intervenire dall’autorità competente.
    Quando la Santa Sede in vista di particolari funzioni credesse di sottrarre temporaneamente la piazza di San Pietro al libero transito del pubblico, le autorità italiane, a meno che non fossero invitate dall’autorità competente a rimanere, si ritireranno al di là delle linee esterne del colonnato berniniano e del loro prolungamento.”

    Non mi pare proprio che se ne possa dedurre che nella Piazza siano in vigore le leggi italiane.

    La polizia italiana è autorizzata solo a mantenere l’ordine, e finché gira al papa.

  52. Lopo scrive:

    La cosa interessante è che c’è una striscia subito a fianco del colonnato nord che è territorio italiano. Potrebbe essere sfruttabile quello.

  53. maka scrive:

    @McLaud

    voglio ordinare:
    n°500 damigiane”ODORE DI SANTITA’®”,
    n°500 ”Pio-”polo”: il buco col guanto intorno®”, n° 300 ”Pio-fole®”
    n° 100 ”CocaPina®”
    n° 100 ”Pio-bike®”
    n° 300”Pio-Pio®”
    n° 300”Pio-adventures®”,
    n° 100”La barba di Padre Pio®”
    n° 100”Pioudinì®
    n° 900”Pialo-ner-culo®”

    in totale circa 2900 pezzi da regalare ai 2900 elettori-di merda che ci hanno votato contro a queste elezioni (per le amministrative del mio paese)
    Sono convinta che per loro sarà un regalo gradito….visto che gli piace farsi inkiappettare!!!

    PS: con un ordinazione del genere, spero che tu mi regali almeno 150 pezzi di PIOLO

    MK

  54. Socmel scrive:

    Esimio proff. Fede.Mari.Sa.,
    Un frrremito mi ha percorso la schiena quando ho visto che le sue auliche parole erano ospitate in questo degno sito.

    Grazie. de Coeur.

    Sottoscrivo e diffondo.

    p.s.
    il suo fulgido libello: “I miracoli di Padre Pio (che avvenettero veramende potesse stiantare chi no ci crede. Ame)”, è opera imprescindibile! ACQUISTATOLO CAVRONES!

  55. Anonimo scrive:

    @anonimo 44: le tue argomentazioni sono *davvero* molto intelligenti.

  56. McLaud scrive:

    @ Nené: sono d’accordo, infatti avevo scritto proprio all’inizio: “al di là dei significati allegorici”. Tu ne hai brevemente suggerito alcuni, ma non credo si possa escludere una certa componente “sanguigna” della scena. Poi mi devi scusare per l’assoluta mancanza di serietà, ma ho involontariamente riso alla tua frase “Certo che poi ha fatto un putiferio, portava la nuova Legge”. E’ stato più forte di me: ho cominciato a immaginare Tommy Lee Jones con barba, tunica bianca e stella da sceriffo che entrava sparando all’impazzata nel tempio al grido di “Io porto la NUOVA legge”. 😉

    Condensare in poche righe molte riflessioni è impossibile, come dici giustamente, ma scambiare qualche idea è sempre una gran cosa!

    @ Goldrake: ho un gps speciale che trova automaticamente gli idioti in questione, te lo presto? Si chiama “MÒ-LO-PIO®” …e credo che dovrete dividerlo tu e Maka! 😉

  57. Sydbarrett76 scrive:

    Quest’uomo è un gOenio e noi lo amiamo, Zorro Maria Sardelli PAPA e SANTO SUBITO!!!!

  58. McLaud scrive:

    @ Lopo: anziché fidarmi delle notizie di un amico funzionario di polizia, avrei dovuto verificare direttamente. Quanto dici è assolutamente corretto ed il papa può in ogni momento impedire l’accesso alla piazza. Ciò non toglie, comunque, che tutti i reati realizzati nella piazza (per lo più furti – con strappo o con destrezza -, ma anche lesioni, percosse, ingiurie etc…insomma, un bell’ambientino! 😉 ) siano sottoposti alla giurisdizione italiana, anche perché solo nella legge italiana è possibile riscontrare un vero e proprio codice penale (differentemente dalle sanzioni previste nel libro VI del codice di diritto canonico: http://www.vatican.va/archive/ITA0276/_INDEX.HTM) e la magistratura italiana è l’unica competente ad applicarlo. Tant’è che, giusto per limitarsi ad un solo esempio, pure un certo Ali Ağca è stato processato e condannato in Italia a suo tempo…

    L’unica (balorda) particolarità è che se si commette un reato oltre la scalinata del sagrato o comunque in altre zone di esclusiva spettanza vaticana, la giurisdizione sarà sempre italiana, ma la polizia giudiziaria non potrà accedere liberamente per svolgere indagini.

    Spero sia stato sufficientemente chiaro…oltretutto consentimi di suggerire che pure fuori dal colonnato del Bernini non si sta tanto al sicuro: la fede che molti tutori dell’ordine manifestano è fin troppo nota. 😉

  59. Nenè scrive:

    @ McLaud: ma quali scuse per mancanza di serietà!
    La scena che hai descritto è fantastica, non riesco a smettere di ridere.
    La scelta di Tommy Lee è assolutamente azzeccatissima, ma nel caso rifiutasse la parte suggerirei David Carradine.
    Ciao ciao 😉

  60. Anonimo scrive:

    Ciao a tutti, sono ALIXXX:

    che dire? innanzitutto grazie ai Paguri per la risposta e per quello che c’è scritto.

    per tutti gli altri, dato che ho visto che ci sono tanti commenti anche per me: li leggerò tutti e ne farò tesoro, in caso vi rispondo, ma abbiate pietà, il tempo è quello che è, faccio col calma!

  61. Anonimo scrive:

    @ Alixxx:
    -Vuoi credere nei Vangeli?
    Ok, sono dei libri bellissimi.
    -Vuoi credere in JC?
    Ok, ha detto e fatto cose fantastiche (si dice).
    -Vuoi addirittura credere nell’esistenza di un Dio?
    Ok, se questo ti può servire a spiegare/accettare tante cose.
    -Vuoi venerare il crocifisso?
    Non farlo. E’ sbagliato, è una cazzata, è merchandising, è idolatria!
    -Vuoi credere in Inferno, Paradiso, Purgatorio, peccato, contrizione ed espiazione?
    No, lascia stare, sono cazzate.
    -Vuoi venerare Maria Vergine, San Giuseppe e tutti i parenti di gesù, fino ai cugini di 3° grado?
    Perché? PERCHE’?!
    – Vuoi credere nella Chiesa, nei Papi, in Padre Pio, in Escrivà de Balaguèr e compagnia bella?
    No, lascia stare. Ci sono persone – sottolineo “persone” non divinità o loro rappresentanti – ben più meritevoli…tra cui anche molti preti.
    – Vuoi credere nella Sindone, nel sangue di Sangennaro, nelle stigmate di PP, nelle madonnine che piangono?
    MA PER FAVORE!!!
    Comunque, se vuoi credere in tutte queste cose, sei libera di farlo, come allo stesso modo io sono libero di definirle MINCHIATE ABOMINEVOLI!!
    E dopo possiamo andare a bere qualcosa insieme.
    Per come la vedo io.

  62. Lopo scrive:

    @McLaud: Mai fidarsi dei politiziotti!
    Però non so se l’inesistenza di norme penali nel diritto canonico significa che non esiste un vero codice penale in Vatican City…

    Sul sito vaticanstate.va, leggo “Il potere giudiziario, secondo la legge del 21 novembre 1987, n. CXIX, ha come suoi organi un Giudice unico, un Tribunale, una Corte d’Appello ed una Corte di Cassazione, i quali esercitani le loro attribuzioni a nome del Sommo Pontefice.
    Le rispettive competenze sono stabilite nei codici di procedura civile e di procedura penale vigenti nello Stato.” Non sono un esperto ma se c’è una procedura penale immagino ci sia anche un penale…

    Comunque il solito trattato, articolo 22, afferma:
    “A richiesta della Santa Sede e per delegazione che potrà essere data dalla medesima o
    nei singoli casi o in modo permanente, l’Italia provvederà nel suo territorio alla punizione
    dei delitti che venissero commessi nella Città del Vaticano, salvo quando l’autore del
    delitto si sia rifugiato nel territorio italiano, nel qual caso si procederà senz’altro contro di
    lui a norma delle leggi italiane.”

    All’art. 23 invece si legge: “Per l’esecuzione nel Regno delle sentenze emanate dai tribunali della Città del Vaticano si applicheranno le norme del diritto internazionale.”
    Quindi dei tribunali e delle sentenze ci sono…

    Quindi sembrerebbe che l’affido alla giustizia italiana sia solo “eventuale”, anche se poi magari in pratica delegano sempre (tranne quando fa comodo a loro).

  63. Iccia scrive:

    Mentre siete qii amorevolmente a discorrere su Cristi,Madonne e culi da mostrare a Ratzo,è stato eletto Presidente del Senato,2a carica dello Stato,Renato Schifani.
    No,dico RENATO SCHIFANI.

    Bossi ha detto di aver trecentomila uomini pronti con i fucili caldi.Se son tutti ridotti come lui,bastano due partigiani ultraottantenni per rispedirli sulle baite.

    Bossi,Schifani,Alemanno,Veltoni,Rutelli,Bertinotti,Gasparri,Berlusconi etc etc…Alixxx,per te può esistere un Disegno Intelligente per tutto questo?A meno che Dio non sia un gran sadico…

  64. McLaud scrive:

    @ Iccia: posso anche dirti che la dichiarazione di Schifani alla sua elezione non è stata riportata per esteso ed io posso comunicarvi in anteprima esclusiva il testo integrale nella sua pacatezza ed imparzialità: “Dovrò assumere le ragioni di tutti…e u me’cazzu mu vi FUTTI!”

    @ Lobo: a dirla tutta, le mie competenze giuridiche non vertono sull’individuazione del luogo più idoneo a delinquere per offendere il pontefice, le somme gerarchie ecclesiastiche o le dottrine che predicano. E forse ci conviene pure farla breve prima di essere giustamente coperti di “frisca e piriti” (tr.: fischi e scorregge) dal resto del blog. Ad ogni modo, la delegazione a punire ha assunto un carattere permanente secondo una delle alternative offerte dall’art. 22 dei trattati lateranensi che pure tu hai citato. Non ho mai negato che il Vaticano avesse tribunali, procedure e tutto il resto (e con gli annullamenti dei matrimoni presso i tribunali ecclesiastici e la sacra rota fa pure un sacco di soldi), ma le sue norme penali (can. 1311 ss.) incidono su aspetti “diversi” da quelli su cui insistono le norme italiane. Alcuni delitti (molto pochi, a dire il vero), come ad esempio l’omicidio, sono previsti da entrambi gli ordinamenti, ma hanno sanzioni assai differenti (“pene espiatorie” del can. 1336) e possono essere applicati solo a certi soggetti.

    La raccomandazione in fine rimane: meglio stare attenti, o si potrebbe venire a capire che pure le guardie svizzere, nonostante la divisa da clown, possono menare mazzate della madonna (e chi se non loro?). Su come le danno gli illustri esponenti delle forze dell’ordine nostrano, mi esimo dal pronunciarmi…non si sa mai! 😉

  65. Kaiser76 scrive:

    Approvo il manifesto mi ritrovo in piena assonanza , la fede è una cosa interiore ma la crescita umana è nel rispetto altrui e l’apertura a un dialogo conoscitivo in cui vai oltre i limiti della religione e dai vita ad un confrtonto ambivalente in cui ognuno pondera l’altrui pensiero!

    Oddio venero un solo santo ,non PP che è di serie C ma subire l’insidia dell’idolatria spregiudicata mi urta non poco anzi ora simili cose aumentano sotto una maggioranza legata alla chiesa (pur essendo divorziati ,ladri ,peccatori ed altro)

  66. Anonimo scrive:

    Verrebbe da dire “parole sante”.
    Ma forse non è il caso.
    GG

  67. Anonimo scrive:

    Aderisco.

    Tito Faraci

  68. McLaud scrive:

    @ Maka: l’ordinativo è assai impegnativo, ma spero di riuscire a farvi fronte, anche se dovrai aspettare un po’, perché qui, ogni tanto, oltre alle minchiate bisogna pure dedicarsi al lavoro.

    Il tuo scopo di riportare la gioia nel tuo tristo paese, poi, è nobilissimo e, se del caso, assumerò un po’ di legh…di produttivi e competenti padani cattolici per fare gli straordinari (a scudisciate).

    Il quantitativo di PIOLO, chiaramente, è omaggio, ma occhio al porto d’armi, perché da quando in Afghanistan i talebani hanno cominciato ad usarlo per abbattere gli elicotteri americani, da queste parti stanno facendo un po’ di storie…mi sono spiegato, no?

    A presto (spero)!

  69. Anonimo scrive:

    Se fossi l’Alixxx che ricordo io avresti un neo sul viso e un anello vecchio di un paio d’anni al dito. E saresti bellissima.

  70. Anonimo scrive:

    Sono convinto che tra Cristo e chiesacattolica non ci siano molti punti di contatto. JC è per la chiesa uno specchietto per le allodole: si fa vedere un ottimo modello e lo si usa a proprio fine per dominare il maggior numero di persone possibili.
    Il peggio del peggio sono i papa boys: sfortunatamente ne ho conosciuti alcuni.
    Sono convinti che in quanto portatori di valori incontrovertibili e di verità supreme, debbano imporli con lo strumento legislativo (no alle staminali, no alle terapie del dolore etc etc etc), quindi privano tutti noi delle possibilità di scelta. (Essendo portatore di una malattia cronica ho più che i coglioni girati…..)
    Anzi. Privano chi non ha i mezzi economici di queste possibilità. Perchè poi il cattolico coi soldi “COERENTEMENTE” va a pagamento nelle cliniche private all’estero. (anche con l’aborto, prima della 194 chi non poteva permetterselo rischiava la vita, chi aveva i quattrini andava in svizzera).
    Tutto questo per motivare la mia piena e consapevole sottoscrizione al manifesto di Sardelli. In culo a tutti gli ipocriti ben pensanti e bacia pile. Che si facciano almeno carico delle sofferenze che impongono agli altri.

    PAPPIO

    P.S.
    Spero ritirino dal commercio PIOLO: passi che qualche sacerdote lo usi per svago personale, ma se poi venisse utilizzato per dileggiarsi coi chierichetti o per redarguirli amorevolmente? In mano ecclesiastica è un’arma micidiale….

  71. luca scrive:

    ciao a tutti, è il mio primo post, grazie dell’ospitalità. Un commento @donnacannone; non c’è battaglia più importante della battaglia per la laicità, perché nel mondo ci sono segnali preoccupanti. In America, in Iraq, in Israele, in Afghanistan…. e dove c’è violenza c’è religione. Se qualcuno vuole credere nelle gesta di un profeta ebreo narrate in quattro libretti selezionati dal Potere tra gli oltre duecento libretti contrastanti disponibili…. faccia pure. Anche se la copia più antica dei libretti risale ad oltre trecento anni dopo la scomparsa del tipo in questione. Se qualcuno vuole credere che la propria religione sia più vera delle altre 9999 circa esistenti (più o meno), faccia pure. Ma si tratta di un fatto privato, Stato e chiesa vivano vite separate.

  72. Anonimo scrive:

    Avete scritto “quesRi divieti”, editereste che vi sto rilinkando in giro?

    E Alixxx dovrebbe iniziare a chiedersi quanto ci sia di vero nel vangelo e vedere perché non possiamo farci etica senza per forza aspettarsi figure parentali con superpoteri che se no ti sculacciano per l’eternità…

    [ZeitGeist, anche revisionato lo scorso anno dall’autore, è un po’ ingenuotto, consiglierei altre letture…

    E badasi bene che ero uno dei due organizzatori dello z-day nella mia città…

    Avessimo avuto soldi, avrei chiamato volentieri pure i Paguri :(…]

  73. Anonimo scrive:

    Sante parole… 🙂

  74. Anonimo scrive:

    …azz l’avevano già detto…

  75. Anonimo scrive:

    Mi preoccupa di più la flatulenza di Fini che pensa bene di demonizzare anche il relativismo mentre sale all’ambita poltrona…

  76. lucia scrive:

    la cosa che mi fa più incazzare non è padrepio fosforenscente, la madonna che piange o il santantonioabate che tira ceffoni, quelle sono manifestazioni folkloristiche di una religione come ce ne sono tante, come c’è gente che ne so, che legge l’oroscopo o non attraversa la strada quando vede un gatto nero, o che adora ogni mattina il sole che nasce o che non fa il bagno con le mestruazioni.
    ognuno è libero di credere alle pappagallate che più gli pare.
    quello che mi fa incazzare veramente è che chi crede in una verità rivelata pensa che chi non lo fa sia un “minorato etico”. a me più volte è stato chiesto da cattolici “illuminati”: “come fai a avere una morale e un’etica se non hai un’ entità superiore al quale riferire bene e male?”
    ecco, questa è la più grande bestemmia contro l’uomo che sia mai stata concepita.
    pensare che senza dio non esista etica e morale.
    io personalmente credo che esistano etica e morale proprio IN QUANTO non esiste dio. ma non ho mai dato dell’ immorale a qualcuno solo perchè crede all’inferno e al paradiso.
    francamente credo di essere abbastanza grande per fare a meno di un dio.

  77. Anonimo scrive:

    Io credo che un manifesto quale quello di FMS sia assolutamente inutile, così come la gran parte degli astiosi commenti che ho letto a seguito. Non vi interessa la religione? Lasciatela stare. Volete prenderla per il culo? chi ve lo impedisce? O avete paura di andare all’inferno? Perchè in definitiva di questo si tratta: l’unica minaccia concreta che la chiesa può fare è di mandarci tutti all’inferno. E io dovrei perdere il mio tempo a dare tutta questa importanza a chi mi minaccia di una cosa del genere? Se si scende sul piano politico e si vuol dire che la chiesa cerca di condizionare, bene, rispondiamo laicamente opponendosi nelle giuste sedi a questo condizionamento. Non mi pare che B16 sia poi riuscito a parlare alla Sapienza, o sbaglio? Quindi non è così potente o inarrestabile. Anche se preferisco un mondo dove a tutti sia data la possibilità di esprimersi ad uno in cui si mettono i bavagli preventivi.
    E ora, a quando invettive sull’induismo, sul buddismo e sulle altre religioni che non hanno riti e tradizioni meno bizzarre di quella cattolica? Altrimenti, perdonatemi, ma si rischia di fare la figura di Cascioli: un prete smesso che fa una battaglia idiota per dimostrare che le chiese cristiane prendono per il culo. E perchè non fa lo stesso con Visnu?
    Anonimo raziocinante

  78. […] di Vernacoliere, un manifesto che gli autori di Don Zauker hanno prontamente sottoscritto e pubblicato. Nel mio piccolo, volendo dare massima diffusione ad un’idea che giudico sacrosanta (forse […]

  79. lucia scrive:

    per l’anonimo 78: al momento non mi pare che il portavoce degli induisti d’ italia mi abbia detto come votare, come gestire la mia sessualità, come decidere se e quando avere un figlio. non mi pare abbia chiesto al parlamento italiano leggi “ad religionem” e non mi pare abbia organizzato family day e comitati scienza e vita.
    ps: ridi ogni tanto che ti fa bene, sei sul sito di donzauker, mica su quello del corriere della sera… (se dio vuole)
    ciao!

  80. Goldrake scrive:

    Il punto è proprio quello che ha detto lucia, anonimo 78 : noi lasceremmo anche stare il cattolicesimo, se lui lasciasse stare noi. Invece paghiamo tutti i giorni l’esistenza del vaticano. Sveglia, per piacere.

  81. Anonimo scrive:

    Aderisco senza ritegno alcuno al manifesto del leggendario Sardelli che propongo immediatamente per il Quirinale.

    La gita a Roma con lo striscione è una garanzia di segnalazione alla DIGOS ma cosa ci volete fare, a volte vale la pena!

    Mi permetto di pubblicare il manifesto anche sul mio blog, Egli lo Vuole!!!

    theswordman.livejournal.com

  82. Anonimo scrive:

    Consiglio “Inchiesta su Gesù” di Augias e Pesce che è particolarmente illuminante sui Vangeli e sulla deformazione del messaggio da parte della Chiesa. Da leggere inoltre anche “lo specchio del diavolo” di Ruffolo, che illustra come la nascita di un concetto come “clero” sia stato solo uno stratagemma per far si che le provviste durassero per tutto l’inverno.

    Personalmente credo che se spogli ogni religione dalle sue sovrastrutture alla fine arrivi alle solite 4-5 regolette per non scannarsi a vicenda (non uccidere, non rubare, non fare casini e soprattutto aiuta chi ti sta a fianco). Se credi a tutto questo non sei un “credente” sei solo un essere umano sensato.

  83. Anonimo scrive:

    Il problema è fisiologico:

    un devoto fa proseliti, è il suo “compito per la vita”. Indipendentemente a quale causa il devoto cerca di convincere il resto del mondo che quella causa è giusta.
    Solitamente gli atei non sono devoti, escludendo (scusate il termine) GiulianoFerrara. La non devozione è uno stato coscenza personale che si può raggiungere solo attraverso la cultura. Considerato il livello culturale medio del popolo italiano credo che i non devoti saranno presto schiacciati dalla macchina populista che B16 ha oramai messo in moto e che sta usando per piallare tutto quello che è non-devoto in Italia.

    Il punto è questo, alla chiesa non interessa che la gente Creda, interessa solo che la gente sia devota ad un’istituzione fra le più schizofreniche al mondo (ricordo a tutti che uno degli ultimi peccati mortali aggiunti è l’accumulare ricchezze).

    Come dice un mio amico, ci vorrebbe davvero un’apparizione in mondovisione di dio, io mi accontenterei di quella di Padre Pio sopra la propria salma che bestemmiando spiega a tutti che la negromanzia è un dispetto a dio!

    Ebolo.

  84. Anonimo scrive:

    Aderisco con la camicia rossa! e se ce un tetesko che minaccia il lume della ragione qui in Italia perchè il governo gli ha dato carta bianca, mi rifaccio all ‘intramontabile Antonio DeCurtis…
    Anzi in tema di spernacchiamento vi propongo questo video
    http://it.youtube.com/watch?v=a2BFZj_f-CI
    (ogni riferimento a tedeschi che parlano da un pulpito è puramente casuale)

    EXORCICCIO73
    (la paura non esiste)

  85. Anonimo scrive:

    Andate a vedere cosa diceva il nazismo o il legalismo sovietico. Quello che è proposto nel manifesto è da stato etico.

  86. Anonimo scrive:

    Concordo con chi pessimisticamente prevede nuovi orizzonti medievali sotto la spinta del crucco ex coordinatore della rinnovata, e mai abolita realmente, Santa Inquisizione.
    Io credo mi comprero’ un bazooka per non ripetere errori passati … e se sbaglio mira voglio vederlo porgere l’altra guancia… cazzo… (in realta’ non vale nemmeno la prima cartuccia…)…

    disgusted… mx

  87. Anonimo scrive:

    Non confondiamo il cattolicesimo col cristianesimo, perché sono due cose diverse.
    Il Natzinger può dire quanto gli pare che si fa sesso solo per fare figli, ma Natzinger non è tutto il cristianesimo. Ci sono anche altre confessioni, come quella Luterana, Calvinista, Anglicana, Ortodossa e così via che non sempre (diciamo, quasi mai) concordano con Ratzinger. In Inghilterra ci sono i “preti” donna e anche chi prende i voti si può sposare… eppure sono cristiani.

    Io difendo assolutamente il diritto di ognuno di credere in quello che vuole; ammiro chi è tanto coraggioso da dire: “No, è così, io lo so!”, perché da Agnostica non potrei mai prendere una posizione da una parte o dall’altra.
    Sinceramente, per quello che mi riguarda uno può prendere un sasso dal giardino, lucidarlo e adorarlo quotidianamente.

    BASTA CHE NON ROMPA LE PALLE A ME.

    Se la Chiesa Cattolica dicesse – AI CATTOLICI – di non ricorrere alla fecondazione assistita io me ne fregherei.
    Ma quando poi viene fuori la Legge 40 allora mi girano i cosiddetti. I credenti in sé non mi danno fastidio.
    Ognuno ha la propria rispettabilissima opinione; dopotutto nessuno di noi ha delle certezze comprovate, su certi temi.
    A me danno fastidio i credenti – di qualsiasi fede, ma in Italia si parla sempre di cattolici – che vogliono imporre a me la loro visione del mondo, o che vogliono imporla alla società.

    Sulle coppie di fatto, per esempio.
    In Italia non possiamo avere i PACS perché l’unica unione voluta da Dio è quella tra uomo e donna, sancita dal matrimonio.
    E va bene, ammettiamolo.
    Ma il punto è: a me che non sono credente, che cosa me ne frega di qual è l’unica unione ammessa dalla Bibbia? Perché io devo vedere i miei diritti limitati da una religione a cui non credo? E’ questo che mi fa girare le palle, non il fatto che ci siano persone che credono in qualcosa.

    Io sarei tollerante, di base.
    Ma sto smettendo di esserlo, visto che i miei diritti di agnostica – nata e cresciuta in uno stato teoricamente laico – vengono calpestati quotidianamente.

    Federica

  88. Anonimo scrive:

    Ah, sulla questione Sapienza: nessuno ha impedito a Natzinger di parlare.
    Natzi voleva andare in Sapienza, un gruppo di studenti e professori ha detto: “Lo contesteremo” e Nazti ha DECISO (lui lo ha deciso, non i contestatori) di non andare.
    Avrebbe potuto andare col rischio di essere contestato – perché, lo ricordo, in Italia è ammesso avvere opinioni discordanti anche rispetto a persone note, famose, con incarichi di potere – ma è stato lui stesso a scegliere di non andare salvo poi fare il martire.

    Questo, secondo me, dovremmo ricordarcelo.
    Quella della Sapienza non è poi questa grande vittoria, considerato che l’ultima parola è spettata all’avversario e che, oltretutto, Natzi è passato anche da martire che non ha potuto dire la propria.
    La vittoria sarà veder levare i crocefissi dalle scuole pubbliche perché – ehi! – sono pubbliche e la religione non deve c’entrare niente.
    E’ normale che io, al liceo, pur pagando tasse e libri come tutti gli altri, per non farmi indottrinare da un prete cattolico dovessi avere un permesso e uscire dalla classe per un’ora? Eppure la mia scuola era pubblica, avrebbe dovuto essere nel mio diritto non subire nessun lavaggio del cervello da parte di una religione che non è la religione di stato.

    Federica

  89. BLI scrive:

    Per fare un esempio, parliamo di divorzio.
    Se sono un cattolico coerente, nessuno mi obbliga a divorziare; se non lo sono, quando è il caso divorzio. Oppure anche no.
    Quello che i preti ci vorrebbero far credere è che il contrario di “proibito” sia “lecito”. No. No. No. Nemmeno per cazzo.
    Il contrario di “proibito” è “obbligatorio” casomai. Per questo è giusto che i non cattolici o i cattolici meno coerenti abbiano facoltà di divorziare, e nessuno deve permettersi di mettere in pericolo la legge Fortuna e la sua liceità.
    Lo stesso per molte altre cose, in primis l’aborto, che peraltro a volte è proprio una dolorosissima necessità, ma anche l’eutanasia, la medicina innovativa, i contraccettivi eccetera. Ecco, questo voler imporre come superiori i propri valori e la propria etica è il crimine “madre” che la chiesa commette. Non solo quella cattolica o cristiana, sottolineo. E’ da qui che si giustificano le persecuzioni, le intolleranze, le arroganze verso chi è “altro”. Da qui parte l’uso che si fa delle religioni per giustificare le guerre. “Io ho ragione perché lo dice il mio dio”!! Mi sembra che anche il bush junior abbia detto qualcosa del genere, forse ricordo male ma non saprei.
    Signori, se si vuol credere ai gesùi, ai buddi, ai manitui o agli zeussi, si faccia pure. Ma per piacere, si mantengano le opinioni nel personale, o tutt’al più si scambino con rispetto, ricordando che sempre opinioni sono, quindi fallibili. Il sociale, i rapporti tra le persone, cerchiamo di improntarli non soltanto a un rispetto per le cose personali altrui, ma soprattutto a una razionalità tesa a fare il pro delle persone e della società. Se tutti si riuscisse a ragionare sui problemi pratici, con rigore e onestà mentali, prescindendo da etiche preconfezionate e ideologie varie, è verosimile che si arriverebbe tutti alle medesime conclusioni per quanto riguarda i problemi pratici e a non romperci i coglioni a vicenda per i problemi meno legati alla mera sopravvivenza, tipo il rapporto di ognuno col proprio dio.

  90. McLaud scrive:

    @ Pappio: eccheccos’è! Uno non fa in tempo ad entrare nel business che subito si augurano che tolgano dal commercio la sua punta di diamante (sì, c’è anche il modello con il migliore amico delle donne in cima)?! Caro Pappio, non temere: PIOLO® è uno strumento all’avanguardia dotato di tecnologie di prim’ordine: infatti è in grado di distinguere i minorenni dai maggiorenni. Non solo, in caso di tentativo di uso su minorenne, PIOLO® si attiverà il dispositivo I.N.C.U.L.O. (Intervento Nefasto Contro Usi Laidi e Orripilanti), grazie al quale il disgustoso pedofilo verrà letteralmente inchiodato al suolo da poderose percussioni in profonda zona sfinterica. Per cui: compra e fa comprare! Ame.

    @ Federica: non so per chi abbia deciso di votare, o se abbia deciso di non farlo, ma sappi che in Calabria è stata eletta al senato nelle file del PD niente di meno che la relatrice della legge sulla procreazione medicalmente assistita che hai citato: Dorina Bianchi (tu e chiunque altro può averne conferma consultando il blog della bamboleggiante tardona, magari commentando adeguatamente: http://www.dorinabianchi.it/?page_id=16). C’è qualcuno su questo blog che avrebbe spontaneamente votato comunque PD sapendo di questa o altre candidature-perle? Non solo non c’è una rappresentanza politica in parlamento…tutto il parlamento non è mai stato così distante da chi non è completamente omologato.
    In secondo luogo, non è tanto la bibbia a stabilire direttamente cosa sia il matrimonio, ma l’interpretazione che su di essa ha costruito nel tempo la chiesa cattolica. Da qui, le forze politiche cattoliche in seno alla costituente hanno ottenuto che il primo comma dell’art. 29 della Costituzione fosse così formato: “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”, ossia il matrimonio così come inteso dalla chiesa cattolica. Altre unioni possono essere tutelate, ma per superare la centralità del matrimonio bisognerebbe modificare la costituzione e credo che sia assolutamente utopico, specie quando, come ho accennato prima, il nemico non sta solo “dall’altra parte”. Che il privilegio accordato all’unione matrimoniale cattolica sia ingiusto è un altro discorso, ma bisognerebbe anche che ci fosse una rinascita integrale della classe politica italiana per liberarsi dei chierichetti baciapile in parlamento.

    @ BLI: non si può dimenticare che se sei un cattolico danaroso, puoi sempre ottenere lo scioglimento del matrimonio (se concordatario, lo scioglimento dev’essere riconosciuto anche dai giudici italiani) presso un tribunale ecclesiastico regionale e, in seconda istanza, alla sacra rota. Con grande rapidità e senza tanti intoppi. I soldi avanti, però: in tal caso si accettano pure fricchettoni, atei, e “capelloni di sessantottesca memoria” (l’ultima è una citazione assolutamente vera tratta da una dispensa di diritto canonico studiata anni fa a Pisa).

  91. McLaud scrive:

    P.S.: senza tema di scomuniche segnalo a tutti l’importante iniziativa di solidarietà zoologica avviata da Mario l. sul suo blog: accorrete numerosi!

    Eccovi il link: http://strana-mente.blogspot.com/2008/05/senza-tetto.html

  92. Anonimo scrive:

    Il messaggio della chiesa mi sembra abbastanza chiaro: “bimbi miei belli, vogliate ricevere questa benedizione urbi et orbi, però
    di aborto, controllo delle nascite, cellule staminali, coppie di fatto e altri peccatacci simili neanche parlarne! Quindi siete padroni sull’ambiente, sugli animali e sui vostri stessi simili, ma mi raccomando ricordatevi che non siete padroni di disporre del vostro e della vostra salute”

    C4FF3iN4

  93. Anonimo scrive:

    Finalmente qualcuno che mette per iscritto quello che penso! Grazie! Unica cosa: non mi limiterei alla critica della sola religione cattolica, ma estenderei il “bersaglio” allargandolo anche ad altre religioni. (più o meno tutte).
    Mauro

  94. Anonimo scrive:

    Sottoscrivo il Manifesto del Maestro. Contestualmente lo elevo digiàddasubito alla gloria degli altari. Ame.

    Dr.Tytt

  95. […] tutti quelli che leggendo il manifestino di F.M. Sardelli si sono sentiti in dovere di aggiungere: “Sì, ma questo rispetto non lo […]

  96. Anonimo scrive:

    la Donna Cannone
    http://blog2piazze.blogspot.com/

    Non intendevo certo dire che la lotta al clericalismo sia una cazzata, ci mancherebbe. Lo so bene che paponzo & co sotano l’ira di dio, e anzi, vorrei sapere se e come sia possibile fare in modo che le tasse che pago non siano usate per foraggiarli!! So benissimo anche che fra le massime ingerenze ci sono quelle nella sfera femminile,c he assolutamente non tollero.
    Il significato del mio messaggio è: ok risvegliare le coscienze e aprire gli occhid i chi non se ne rende conto, di essere usato, manipolato, rincojonito, ma se ci vogliono 30/40 anni per scrollarsi di dosso le sovrastrutture e le minkiate che ci propinano, è decisamente troppa vita – che andrebbe spesa diversamente. Bisogna trovare il modo di minimizzare i danni e non farsi guastare l’esistenza. Saluti

  97. Anonimo scrive:

    Complimenti per aver scritto una marea di cazzate.

  98. Lopo scrive:

    È arrivato l’arrotino.