« | Home | »

Meeeeeemoryyy… it’s so easy to leave meee..

27 gennaio 2009

memory

Giornata della memoria.

In tutta sincerità, ci spiacerebbe che si diffondesse il pensiero che sia soltanto la Shoah a rappresentare il Male Assoluto, perché questo potrebbe far pensare che tutto il resto diventa meno grave o comunque ammissibile e giustificabile, basta che non ci siano svastiche e le vittime non siano di religione ebraica.

(Coro di: “OOOOOOOOOH!”)
Forse sarebbe più corretto ricordare TUTTO, anche le altre situazioni sgradevolette passate e contemporanee. E magari partendo proprio da quei Paesi che si mettono a posto la coscienza celebrando un giorno importante come quello della memoria ma che, chiudendo gli occhi dinanzi ad altri stermini, lo hanno ridotto come il Natale, una tradizione priva di significato, buona per i bambini.

Magari sarà anche una banalità, ma non vorremmo che, a forza di parlare – giustamente – dell’Olocausto, ci si dimenticasse di altri pittoreschi genocidi sui quali, forse, non sono stati fatti abbastanza film e sceneggiati televisivi.

(Coro di: “OOOOOOOOOH!” e occhiatacce di disappunto).

Share

43 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    sono perfettamente d’accordo con voi, per quello che vale.
    aggiungo che i media parlano – giustamente – dell’Olocausto ogni anno in maniera crescente e comunque molto di più che 20/30 anni fa, quando ero piccolo. invece nel dopoguerra, dopo una fase iniziale d’interesse per la scoperta dei campi di sterminio, a partire dal 1947-48 i media ne parlarono sempre meno fino a quasi tacere. forse perchè molti responsabili non avevano da essere disturbati: chi scappato in sudamerica, chi lavorava per gli americani, chi il tranquillo impiegato statale in germania o in italia (e olanda, austria ecc)
    giuseppe da roma

  2. testa di casco scrive:

    L’immagine è bellissima!
    E poi scusate, cari Cosi, ma di cosa vogliamo parlare in un TG? Della crisi italiana?
    Olocausto e rumeni vanno più che bene…

    Piccolissimo off-topic ma volevo congratularmi con Guido ed Emanuele, siete mitici!

  3. Goldrake scrive:

    A me basterebbe che ogni tanto qualcuno ricordasse anche le altre vittime della follia nazifascista, come zingari, comunisti, gay, handicappati, dissidenti, ecc. ecc.

  4. HellSpawn scrive:

    Sono d’accordo cari Paguri e concordo anche con Goldrake…Tra l’altro qualcuno dovrebbe spiegare a chi di dovere che essere antisionisti non vuol dire essere antisemiti(vedi qui=>http://www.unita.it/news/80657/shoah_il_giorno_della_memoria_frattini_contro_santoro_antisemita)
    Se poi la sinistra italiana è arrivata a farsi dare dell’antisemita da gente come Frattini o peggio ancora da Fini, ormai nel nostro Paese si può dire tutto e il contrario di tutto, senza alcuna logica…

  5. segolas scrive:

    Infatti la giornata della memoria in *teoria* dovrebbe ricordare anche le altre vittime dei crucchi. Gente tipo frustoni, zingari etc etc

    Ma diciamo le cose come stanno, chi cazzo ha voglia di ricordarsi di siffatta gentaglia?

  6. Bove scrive:

    Argomentazione capziosa e trita e ritrita:
    “e allora i comunisti con i gulag invece andavano bene?”
    non vi hanno mai fatto questa obiezione? eppure c’è chi ha avuto il coraggio, come se un orrore ne possa giustificare un altro…

  7. HellSpawn scrive:

    O qualcuno vi ha mai detto che gli ebrei sterminati durante la Shoah sono molti di più di tutti i palestinesi uccisi dall’esercito israeliano dalla fondazione del suo stato? Non è che collezioniamo figurine e chi più ne ha, vince…

  8. Anonimo scrive:

    Decisamente ineccepibile, è quel che penso da sempre… Il giorno della memoria (o meglio i giorni visto che la menano da una settimana )E le minoranze etniche, i disabili, i dissidenti, gli omosessuali?E il genocidio degli Armeni, e i massacri in Eritrea dei “facisti”, e il Rwanda, e i gulag, e gli indaini americani e via all’infinito…
    Oltretutto cosa vomitevole a vedersi è il carosello dei politici neo-pre-post fascisti e razzisti che si sperticano in dichiarazioni ipocrite sulla Shoah e le leggi razziali. Figuriamoci, dopo quello che ha combinato quel musulmano talebano di Santoro!

    Saluti antisionisti

  9. Armin scrive:

    E’ più che giusto ricordare gli ebrei vittime dei nazisti, ci mancherebbe, ma allora perché non anche i pellerossa vittime dei yankee, gli indios vittime degli spagnoli, gli africani vittime dei colonialisti europei (italiani compresi, non scordiamolo), i russi spariti nei gulag ed in generale tutte le vittime incolpevoli che intolleranze e totalitarismi hanno seminato a centinaia di milioni attraverso i secoli ai quattro angoli del pianeta?

  10. Janus scrive:

    Beh la verità è che al di là della retorica, la Shoah ha insegnato ben poco. Massacri e stermini non sono nati con lo zio Itle e di certo non sono finiti con la sua dipartita… Comunque aspetto con impazienza di ricevere il mio primo pacchetto regalo della memoria… Business is Business..

  11. CapitanVegan scrive:

    Hellspawn, a proposito di antisionismo e antisemitismo. Ben pochi sanno, anche solo vagamente, cosa sia il sionismo, figurati saper scindere il razzismo dalla divergenza politica…

  12. Anonimo scrive:

    Sacrosanto.

  13. Fio° scrive:

    Pochi sanno che i campi di sterminio furono inventati e collaudati non dai nazisti, ma dagli inglesi. In Sudafrica, nella guerra coi Boeri.
    Fonti in rete: questo articolo e c’è persino un museo sudafricano.
    A me l’ha detto il mi’babbo, che la storia, a differenza mia, l’ha studiata bene.

  14. karsten scrive:

    /bamboccione mode on
    /voce demente on
    Minkia paguri, ma allora siete antisemiti!
    /bamboccione mode off
    /voce demente off

    seriamente, questo gonfiarsi e commercializzarsi continuo anno dopo anno, del giorno della memoria da’ il voltastomaco…

    natale ha i regali, pasqua l’OVO, a quando il dolce ufficiale della celebrazione?

  15. Anonimo scrive:

    e di tutti questi politici fascisti riciclati che stanno a destra che fino a 15 anni fà con gli ebrei ci avrebbero fatto le saponette e ora fanno il tifo per israele, ne vogliamo parlare?
    come al solito stanno sempre dalla parte del più forte! 😉

    Transistor Bass 303 😀

  16. prefe scrive:

    anonimo 16
    quelli non stanno con ebrei o nazisti. Stanno semplicemente con chi ammazza.

    http://www.speedyprefe.blogspot.com

  17. mga scrive:

    Nessuno ha notato che i vari tg hanno riportato dichiarazioni in cui si attribuiscono ai NAZISTI le deportazioni degli ebrei italiani?
    E i fascisti cos’erano, di facciata?

  18. gnagnera scrive:

    assolutamente d’accordo con chi dice che bisognerebbe ricordare anche le altre vittime del nazismo, ma se difendi i gay poi il povero bennyXVI piange…per non parlare degli zingari usignur Aggiungo anche che bisognerebbe ricordare il ruolo dell’italia fascista a fianco della germania nazista. Bisognerebbe ricordare che il fascismo e i “Poveri ragazzi di salò” (lacrimucce e commozione) erano diretti alleati di Itle e quindi DIRETTAMENTE RESPONSABILI dell’Olocausto e di tutto il resto, visto che da un pò di tempo a questa parte la destra (e pure la sinistra, beh insomma sinistra si dai il coso lì di veltroni) vorrebbero equiparare quella marmaglia assassina ai partigiani. Ma si sa gli italiani sono buona gente, o come diceva Guccini “l’uomo in fondo è buono tranne il nazi infame”

  19. maka scrive:

    l’italiota medio ha dimenticato l’esistenza del fascimo in italia. ricordare le fantastiche avventure dei camerati nero-vestiti sarebbe tanta roba in italia. anche se non ha le dimensioni di un eccidio, in italia bisognerebbe ricordare ogni giorno lo sterminio della famiglia Cervi:
    Gelindo (classe 1901), Antenore (1906), Aldo (1909), Ferdinando (1911), Agostino (1916), Ovidio (1918), Ettore (1921). sette fratelli uccisi. sette figli tolti contemporaneamente ad una famiglia. ma di queste persone non se ne vuole più parlare perchè in italia il fascismo non è mai esistito. nessuno ha mai fatto un mea culpa. anzi, si sono tutti riciclati in cariche pubbliche ed hanno avuto sempre lo stesso potere, e anche più. bisogna ricordare sempre tutti i carnefici e chiamarli per nome. così come per nome vanno chiamati i fascisti di oggi. solo così è possibile ricordare anche le vittime, altrimenti è solo una presa per il culo.

  20. HellSpawn scrive:

    Senza parlare di quando, oltre ai gulag, ti parlano delle foibe (conseguenza anche dei comportamenti dei fascisti che hanno tentato di invadere i balcani, insieme ai nazisti), sempre per dire fascisti e comunisti sono uguali…Ma manco per il cazzo!(scusate :P)Sono tutti episodi da condannare, come i campi di prigionia che l’Italia aveva nelle sue colonie, come quelli che durante la Seconda Guerra Mondiale i giapponesi avevano nel sud-est asiatico e come i campi di detenzione per giapponesi, che gli americani avevano già alla vigilia di Pearl Harbor…
    Da condannare sono anche le guerre ipocrite degli americani e degli israeliani, ma evidentemente, i morti non sono tutti uguali…

  21. Janus scrive:

    @ karsten
    propongo un candelabro a nove braccia di cioccolato o un panettone di David a 6 punte.
    E’ chiaro che lo scambio di codeste delizie va preceduto da un megacenone rigorosamente con pietanze Kosher…

  22. Kaiser76 scrive:

    Non ci si monda con na giornata solo dedicata alla Shoah ,si è vittime sempre dei soprusi e delle manie di persecuzione religiose/ politiche e territoriali.

    Forse bisognerebbe riflettere sul sangue versato per l’imposizione di un credo/potere vessatorio sull’altrui persona.

  23. HellSpawn scrive:

    Come i morti di cui si è macchiata la Chiesa Cattolica e le altre Chiese o che sono stati giustificati da una religione nel corso dei secoli…

  24. Diociliberi scrive:

    Ci avete beccato appieno anche stavolta. L’ipocrisia di una messa laica, da ossequiare magari a scuola, tipo adesso intristitevi tutti per un’oretta che ricordiamo tutti insieme la scioà, e magari approfittiamo per dare dell’antisemita a Santoro che ce l’ha consigliato il consulente di marketing.
    Mi raccomando, nessuno pronunci gli zingari, che l’odio sociale ci serve pel tg5 (e facciamo contento Bossi), i finocchi non li nominiamo nemmeno che si incazzano Ratzy e La Russa, Mussolini è vietato nominarlo che bisogna pacificare gli italiani! Un bel piantarello e via, magari sulle note di La vita è bella, anche quest’anno ci siamo levati sta rottura di coglioni.

  25. Goldrake scrive:

    @ Diociliberi
    Se parliamo di odio sociale, come non menzionare il nostro caro tg2, che con gli ultimi stupri avrà fatto guadagnare un buon 15% alla lega e un 10% a forza nuova… Loro e le loro merdose interviste all’ignorantissimo passante di turno, con le sue frasi tipo “ci vorrebbe la pena di morte”, “non se ne può più dei rumeni”, “bisognerebbe rispedirli tutti al loro paese”, ecc., ecc.
    Di “studio aperto” e del tg4 non parlo nemmeno, mentre il tg1 è ormai equiparabile a radio maria… Anzi, l’ha superata.

  26. Diociliberi scrive:

    Goldrake: d’accordissimo!
    La paura, in Italia più che mai, è marketing, serve a stuzzicare il termometro sociale. Quindi si plaude al linciaggio del rumeno e si tace sulla stretta delle intercettazioni, (tanto nessuno s’azzarda a dire un acca), poi si copre tutto con le solite carrellate di facce a culo, (l’arte di non dir niente) e via con i servizi sul tempo, i gattini, l’australiana e devid becam.
    Quando finirà tutto questo?

  27. woytila88 scrive:

    A costo di fare la figura del rompicazzo, andrò controcorrente: sono sinceramente antisionista (ho letto il documento di Herztl già al liceo, in quanto innamorato di storia contemporanea, dove si diceva, si era alla fine dell’800, che la scelta sarebbe stata tra Palestina e Pampas argentine, ora pensate quanti casini avremmo avuto in meno, compresa crisi argentina probabilmente). Ma penso che le commemorazioni siano giuste: guardate il Grande Fratello, o Studio Aperto, la gente al liceo, alle medie non sa manco cose’è una SVASTICA!Come gli si può chiedere di capire GAza, il Golan,il Libano se non sanno che cosa hanno fatto i nazi-fasci?!guardate nazirock (meglio di GF e STudiocosceaperte):lì un ragazzo si chiede come facevano fisicamente ad eliminare 6 milioni!e dice di non sapere dell’evacuazione degli ebrei romani dallo scalo s.lorenzo alla fine del’43!dio ‘ane! Per ricordare i nostri orrori consiglio il libro del ricercatore di storia alla sapienza (ebbene si qualcuno resiste anche in Italia alla fuga) DAvide Conti, sui crimini italiani nei Balcani durante la II guerra mond. (e di qlke colpuccia di beato papa Pio XII anche lì).

  28. Anonimo scrive:

    ma pensare “Dio cane” è peccato mortale???
    e se mentre lo pensi quello abbaia???

    Godog

  29. Anonimo scrive:

    Bel post; sono perfettamente d’accordo e non aggiungo altro.

    Ora scusate se approfitto dello spazio dei commenti di questo post “serio” per dirvi che vedendo questo filmato ho pensato tanto a voi. 😀

    klochov

  30. Diociliberi scrive:

    Bene, dopo il video di klochov non resta che dire questo: sarà contento Sardelli!!!
    Peccato che manchi la registrazione del “MORSO NEI COGLIONI”!

  31. ulivinico scrive:

    Avete visto questo video?
    http://www.facebook.com/video/video.php?v=62806850026&ref=share
    Un pretino con i fiocchi.

  32. Anonimo scrive:

    Per me il problema è che per ricordarci di una cosa come l’olocausto abbiamo avuto bisogno di farci su una legge…
    Intendiamoci: non sto dicendo che hanno fatto male ad istituirla (il primo firmatario è stato Furio Colombo, persona rispettabilissima che io ammiro tanto), dico che dovremmo TUTTI sapere quello che è successo senza bisogno di leggi.
    Così come dovremmo (dobbiamo)ricordarci che siamo figli della Resistena (e non dei fascisti di Salò) senza il 25 Aprile, degli operai enza il primo maggio, delle donne senza l’otto marzo, ecc.ecc. Ribadisco: non sto dicendo che dobbiamo cancellare queste ricorrenze,non adesso almeno, ma il mio sogno è che un giorno si possa arrivare a ricordarsi di donne, operai, Shoah ecc. ecc. TUTTI I GIORNI, nel senso che tutti sanno cosa è successo in passato e quale rispetto va dato alle persone. Perchè per me è un pò triste che ed ipocrita vedere certe persone festeggiare date tipo l’otto marzo o il primo maggio, e poi il giorno dopo fare battutacce idiote sulle donne o dire che se un operaio muore sul posto di lavoro è colpasua perchè era distratto…
    Spero di essere stato abbastanza chiaro…

    Bimbojuri

  33. Goldrake scrive:

    @ klochov
    Beh, alla fine sempre di pagliacciate si tratta ! 😀
    @ Bimbojuri
    Scommetto che il 95% delle donne che l’8 marzo va a vedere gli spogliarelli maschili non sa nemmeno per quale motivo è stata istituita quella festa !

  34. Anonimo scrive:

    http://www.stefanodisegni.it/Vignette.aspx?comicID=58

    Lo adoro! Ma adoro anche voi miei paguretti…orsù non siate gelosi.
    Niccola.

  35. HellSpawn scrive:

    @Bimbojuri: Come le date di Natale e Pasqua, che non dico per gli atei, ma per i cristiani stessi, come si è detto, hanno perso quasi ogni significato, per colpa di questa deriva consumistica che in parte la Chiesa appoggia…
    @Niccola: D’accordissimo con Disegni, infatti, come fortunatamente ho imparato al liceo, i primi antisemiti, nel corso dei secoli, sono stati i cristiani. E a maggior ragione l’ultima cosa al mondo che questo Papa, tedesco, che ha fatto parte della Gioventù Hitleriana, avrebbe dovuto fare era togliere la scomunica a dei religiosi negazionisti dell’Olocausto…

  36. Elettra scrive:

    OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Comunque…La giornata della Memoria ha avuto un significato per pochissime persone. Mi sembra solo l’occasione per trasmettere capolavori come il Pianista, Schindler’s list, Anna Frank e compagnia bella. E durante l’anno che segue che si fa? Ogni giorno dovremmo ricordare, ogni santissimo giorno dovremmo alzarci ricordando. Forse così non si commetterebbe l’errore di ripetersi, perché gli errori li commettiamo continuamente strafottendocene la minchia dello schifo che c’è in giro. Non è cambiato nulla…non ci saranno le camere a gas per lo sterminio di un popolo (ahm…e non lo so) ma ci sono orfani che piangono la madre, genitori che che trascinano i cadavere dei figli chiedendo una giustizia che non esiste.
    Vorrei sapere, cristiddio, quanti italiani sanno cos’è il giorno della memoria. Quanti sono quelli che hanno compiuto lo sforzo di non guardarsi il grande fratello o checcazzo facevano, e stare un attimino in silenzio a riflettere. Ma ormai nessuno riflette più, nessuno pensa, nessuno prova pietà per le immagini (rare e intervallate da Briatore) di guerra che ci mostrano i tg (eh sì, qualche volta parlano anche della crisi). Sono disgustata, non ho fiato per parlare, non ho lacrime da versare, non ho forza per puntare il dito su qualcuno e accusarlo.
    E dire che quel parrino-non-ricordo-come-si-chiama ha avuto il coraggio (vabbè ce l’hanno per stronzate, vuoi che non si pronuncino ora?) di negare l’esistenza delle camere a gas. Vabbè va…

  37. Diociliberi scrive:

    E ci stanno pensando gli sgerri di Paparazzi a festeggiarla bene, sta giornata de la memoria

  38. Anonimo scrive:

    ma sopratutto… croccantini gatto!

  39. Anonimo scrive:

    L’ Olocausto è la metafora di tutti gli stermini: è meglio non dimenticarlo… Comunque a costo di farmi prendere a pesci nei denti dirò che gli arabi (i mussulmani) non mi sono per niente simpatici, sicuramente meno degli ebrei che, se non altro, non hanno mai tentato di imporre la loro superstizione (religione), ne sono mai andati a invadere le nazioni altrui. Cosa che invece arabi e turchi, in nome di allah, naturalmente, hanno sistematicamente praticato. Per tacere delle scorrerie sulle nostre coste con cui razziavano, violentavano, ecc. ecc…
    A proposito: qualcuno dice che le terre di Israele siano state lautamente pagate. Qualcuno più informato può illuminarmi inh merito?

    Liberale & Scomunicato

  40. CapitanVegan scrive:

    Ci stavo proprio ragionando in questi giorni: chi mi sta più sul cazzo fra cristiani, mussulmani ed ebrei (a livello esclusivamente religioso, sia ben chiaro)?
    Direi che cristiani e mussulmani difendono il podio strenuamente, più blandi gli ebrei che, religiosamente, si son sempre fatti i cazzi loro senza disturbare nessuno (anzi venendo pesantemente disturbati)

  41. Goldrake scrive:

    @ Liberale & Scomunicato
    I cristiani, invece, fortunatamente non hanno mai fatto nulla del genere ! Cortes e Pizarro furono i primi sostenitori del dialogo religioso tra popoli !

  42. Janus scrive:

    @ Goldrake
    In effetti la dialettica di questi 2 signori fu tale che le popolazioni precolombiane si levarono prontamente e definitivamente dai coglioni…
    E non mi sembra che il suddetto genocidio sia ricordato con solerzia come invece avviene per la Shoah…
    Vorrei inoltre fare notare che per la Chiesa s.r.l. in entrambe le occasioni si è utilizzzata la politica del silenzio/assenso (per usare un eufemismo)…

  43. Armin scrive:

    @Goldrake
    … non mi sembra che il suddetto genocidio sia ricordato con solerzia …

    Nemmeno altri, che so, quelli perpetrati dai turchi sugli armeni, dagli inglesi sugli aborigeni e sui maori, dagli americani sui pellerossa eccetera eccetera eccetera. Quanta ipocrisia!