« | Home | »

Il gioco delle parti.

23 marzo 2009

coro

Emilio Fede, 20/07/2001, TG4 delle ore 16;05, sui manifestanti al G8 di Genova: “Sono drogati, pezzenti, bande di delinquenti che dovrebbero essere arrestati e tenuti in galera a vita”.

Roberto Calderoli, 24/07/2001, sull’irruzione alla scuola Diaz: “Sono assurde le proteste da parte dei presunti portavoce del Gsf e ancora una volta qualcuno ha fatto da paravento ai terroristi e a delinquenti. Ben vengano le irruzioni, anche pesanti, da parte della polizia. Mi auguro che in futuro tali irruzioni possano essere compiute anche nei centri sociali e in tutte le sedi che raccolgono questa feccia del mondo.”

Pierferdinando Casini, sulla sentenza che ha assolto i vertici delle forze dell’ordine, per la macelleria messicana della Diaz: “Siamo lieti che la giustizia ordinaria riconosca una verità nota a tutti gli italiani e cioè che al vertice della Polizia di Stato in Italia ci sono stati e ci sono autentici galantuomini e servitori delle istituzioni. Il tentativo di criminalizzare, per i fatti del G8 di Genova, i vertici delle forze dell’ordine si è rivelato per quello che era: un’autentica persecuzione”.

Il 19 marzo 2009, dopo un lungo lavoro di intercettazioni, vengono arrestati alcuni agenti di Polizia.

Se ne parla qui.

Sotto, alcuni stralci dell’articolo:

Massimo Pigozzi è un agente che nel luglio scorso è stato condannato a tre anni e due mesi per i fatti avvenuti durante il G8 nella caserma di Bolzaneto. Aveva «strappato» la mano di un no global, divaricandogli le dita fino a lacerare pelle e legamenti. Nel 2007 era stato arrestato con un’altra accusa. Insieme ad alcuni suoi colleghi avrebbe violentato tre prostitute straniere nelle guardine della questura genovese. I magistrati decidono di fare intercettazioni sull’utenza dell’agente che abitualmente era di turno con lui. Dall’ascolto delle telefonate emergono riferimenti a festini a base di cocaina.

I comportamenti illegali di questo gruppo di agenti mostrano una scelta di campo netta. «Venererò quello spacciatore fin che vivrà» dice Mele, consapevole dell’abbrutimento dovuto alla droga. «Non riesci a pisciare, dormire, mangiare. E non ci vedi, cazzo». Quando Picasso viene fermato dai carabinieri mentre sta sniffando fuori da una discoteca, decide di prendersi una pausa dal lavoro in questura e simula una malattia, ingannando il medico. «Recito da Oscar. E ho scoperto che il bello è stare a casa senza avere assolutamente nulla, è una cosa bellissima». Un poliziotto dichiara le sue intenzioni: «Voglio bruciarmi completamente ». Il collega lo ammonisce a non portare un amico considerato non adatto: «Non vorrei che morisse lì, e poi ci tocca anche buttarlo nella spazzatura». Medici pronti a dare lastre false per simulare incidenti, armi illegali, depilazioni integrali e ripetute per aggirare i controlli. Due etti di droga venduta e consumata ogni settimana. Coca a fiumi, cervelli in pappa. «Stasera voglio fare una rissa della Madonna, finisce che ammazzo tutti». La sensazione di impunità che permette di fare progetti folli. «Facciamo come i colleghi arrestati a Brescia» dice l’agente Mele. Si riferisce ad una banda di carabinieri e vigili urbani che rapinava extracomunitari. «Rapinare i negri», una suggestione che ricorre spesso nelle intercettazioni.

Ora la domanda sorge spontanea: ma il buon Fede e il misurato Calderoli di chi stavano parlando?

Sono questi i galantuomini a cui faceva riferimento Casini?

Sono questi i buoni?

E chi sarebbero i cattivi?

O forse le cose sono un tantinello più complicate di come vorrebbero far credere?

Se non fossimo personcine educate ci verrebbe voglia di chiosare con un bel “Ma andate a pigliavvelo ner culo!”
Ma non lo facciamo, perché siamo galantuomini, noi.

Share

Tag: , , , , , ,

19 Commenti

  1. Bove scrive:

    e sì, le cose sono un po’ più complicate, però è normale che questa gente faccia di tutta l’erba…un fascio, no?
    Perché non sottoporre alle attenzioni degli stessi agenti Fede, Calderoli e gli altri che se lo meritano, così, per potere avere un’opinione più approfondita, se riescono poi a raccontarla…

  2. Anonimo scrive:

    Per essere precisi: per i fatti avvenuti ALLA SCUOLA DIAZ sono state inflitte 15 condanne e 30 assoluzioni (cfr.
    http://www.agoramagazine.it/agora/spip.php?article3678), mentre mi pare di capire che i poliziotti di cui si parla nell’articolo siano coinvolti in altri reati, cioè di spaccio di droga e altro..giusto?.
    Comunque dei fatti alla Diaz parlava tempo fa Travaglio, spiegando che la tesi di Casini e altri (tipo Gasparri) secondo la quale i vertici della Polizia ne sarebbero usciti COMPLETAMENTE puliti è assolutamente fuorviante: il fatto che siano stati assolti con formula dubitativa vuol dire che semplicemente non si sono trovate prove a sufficienza per dimostrarne la colpevolezza. Il che non è strano, perchè un conto è condannare qualcuno che viene preso “con le mani nel sacco” (in questo caso col manganello sulla testa dei manifestanti) con ancora tracce di sangue addosso, un’altro è trovare le prove che qualcuno ha ordinato a qualcun altro di compiere un massacro. Anche perchè gli esecutori materiali non fanno mai i nomi dei mandanti. Travaglio faceva poi notare che questi commenti erano stati fatti alla notizia della sentenza, ma non avendo ancora letto LE MOTIVAZIONI della stessa, dove appunto poteva tranquillamente esserci scritto che i non-condannati erano tali solo per insufficienza di prove. Di questo dettaglio, ovviamente, nessun giornalista o presunto tale ha mai parlato.

    Leonardo

  3. Anonimo scrive:

    Troppi raccomandati nelle forze dell’ ordine. Mio padre era un maresciallo dei Carabinieri e certa gente l’ ha fatta sbattere fuori senza troppi complimenti. Ora che arrivano nei corpi di polizia gente con raccomandazioni ministeriali e/o parlamentari (e quindi intoccabile.) cosa volete che succeda? Questo.
    Senza contare che per entrare nei corpi di pubblica sicurezza è spesso richiesto aver prestato servizio militare volontario. Immaginatevi cosa può combinare un parà della folgore…

    Liberale & Scomunicato

  4. lucabecattini scrive:

    ogni qualvolta si apre un nuovo comando dei carabinieri, nel quartiere aumenta subito la prostituzione e lo spaccio. ecchissàperchè..

  5. woytila88 scrive:

    ma spero che il festino lo fanno a legrottaglie, magari fattissimi ji sembra na rumena…

  6. ulivinico scrive:

    E’ utile sapere che i caschi della polizia in Italia sono gli unici senza codice identificativo, così che gli abusi non possano essere rintracciati.
    Guardate qui:

  7. ulivinico scrive:

    Questa roba va comprata al volo!
    http://www.holyart.it/it/accessori-per-la-liturgia-104/valige-per-la-celebrazione-104059/index-2.html

    Altro che magliette di Donzauche!
    Io prendo la Skorpio

  8. Anonimo scrive:

    vorrei avere sei braccia per applaudirvi di piu’, quest’articolo e’ un capolavoro.

    Druzya

  9. Sydbarrett76 scrive:

    biNbini, ma che vi aspettate in un paese che ancora trasuda fascismo da tutti i pori (uno in particolare che non nomino sennò gesù piange)? in ItaGlia se la polizia picchia qualcuno fa bene a prescindere, se ne poteva stare a casa a guardare gerriscottY, no? basti pensare che anche gente che passa per essere “di sinistra” come di pietro, che di sinistra non lo è manco per niente, ha collaborato affinchè venisse affossata la commissione d’inchiesta sul g8, lui e il suo “partito degli sbirri”, e il governo prodi ha mantenuto e confermato tutte le promozioni date ai de gennaro e compagnia bella, responsabili di quel macello.
    In ItaGlia se indossi una divisa (o una fascia da sindaco, un qualsiasi “titolo” insomma) hai seNpre ragione.

  10. Lavinia scrive:

    ma no, ma no: voi scrivete articoli di parte; insomma, non vorrete mica mettere in dubbio l’obiettività di gente come Fede o Calderoli?
    Sempre così pacati…informati sui fatti..

  11. segolas scrive:

    Beh sì, coca, prostitute e poi via tutti a picchiare un negro 6 contro uno per sentirsi vivi… sono le piccole gioie della vita.

    Altro che starsene buoni a lavorare e fare il proprio dovere.

  12. The Swordman scrive:

    Il brutto di tutto questo è che si riduce a lotte tra poveracci. Quelli in divisa a 1100-1200 euro al mese, quelli senza divisa precari e simili che prendono anche meno. Mentre questi si fanno dle male i servi dei potenti fanno le trasmissioni in televisione, scrivono gli editoriali sui giornali per straparlare di cose che neppure capiscono.
    C’è da stare attenti, molto attenti.
    Con le crisi economiche arriva sempre un grande livello di tensione sociale, basta controllare la storia recente per averne evidenza. Il periodo del piombo potrebbe ricominciare.

  13. Socmel scrive:

    Ho saputo da un amico la notizia sui poliziotti di Genova arrestati per detenzione e spaccio ecc… Voleva farmi notare come una canzone scritta qualche anno fa dal gruppo in cui “milito”, si rivelasse tristemente profetica.
    Il brano si chiama “Strafatti” ed è dedicato alle forze dell’ordine presenti in quei giorni di fine luglio 2001 alla caserma Bolzaneto:
    http://www.ipigna.com/MP3/strafatti.mp3
    http://www.ipigna.com/testi/strafatti.htm

  14. bassotuba75 scrive:

    Il guaio è che le motivazioni della sentenza per i fatti del G8 sono state depositate e la giustizia NON ha detto che i fatti non sono successi. Ha solo detto, con paroline dolci, che il sistema mafioso e fascista della polizia ha coperto i veri responsabili. Quindi la mattanza c’è stata, senza motivo, ma tutti hanno taciuto.
    A me quelli che spaventano di più sono i poliziotti e i carabinieri semplici: si credono potenti e sono solo schiavi dementi. Non solo fanno la guerra coi più deboli (vedi violentare prostitute o rapinare ne(g)ri) ma credono anche di essere importanti. Quando poi succede casino però i capi se ne lavano le mani e loro sono abbandonati dal loro padrone e disprezzati dalla popolazione.
    Ma il test psicoattidudinale che devono affronatre PRIMA di essere presi lo sanno si a cosa serve? Servono uomini con un QI basso, che come pecore stupide ubbidiscano e siano contenti per poco. Hanno anche il certificato che attesta siano persone dementi.
    Un libro che mi incuriosisce ma che non ho ancora letto è ACAB, di Carlo Bonini.

    Leggete qui e scusate se non so mettere i link come si deve.
    1. http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=875:depositate-le-motivazioni-sulla-sentenza-dei-fatti-di-genova&catid=20:altri-documenti&Itemid=43
    2. http://www.veritagiustizia.it/rassegna_stampa/repubblica_dal_g8_alla_caccia_ai_romeni_in_un_libro_la_rabbia_degli_agenti_nascosta.php
    3. http://www.difesa.it/files/rassegnastampa/090116/KGTWL.pdf

    E comunque un paese anche solo lontanamente democratico non sarebbe mai ne arrivato ai fatti di genova, ne tantomeno ad una sentenza blanda come quella che c’è stata. Non ci ha fatto vergognare neanche un po’ l’assassinio dello studente greco che ha portato alle scuse e dimissioni del ministro in tempo reale? Da noi è tutto una buffonata.
    Ecco.

  15. Elettra scrive:

    Considerate che a Palermo c’è il mio caro Micciché che si fa di coca ed è finito un paio di volte in overdose. Quindi non so manco se stupirmi o no di questi sopracitati galantuomini. Pierferdi è un coglione, questo si sapeva…e Fido lo pesterei dalla mattina alla sera, ma un simile atto mi limito a sognarlo, se dovessi vederlo mi limiterei ad una sputazzata (anche se le sue sputazzate dovrebbero essere più potenti, e questo è risaputo).

    W l’Itaglia, che bel paese siori e siore =__=

  16. Goldrake scrive:

    Il punto è sempre lo stesso : deboli coi forti e forti coi deboli. Stop.
    Concordo poi con tutto quello che ha scritto Sydbarret76 al quale aggiungo una nota (ancora una volta) SULL’INSOPPORTABILE PRESENZA DI TUTTI I TIPI DI SBIRRI IN QUELLE STRACAZZO DI FICTION, CHE PIU’ “FICTION” (appunto) NON SI PUO’ !!!
    Grazie Paguri per aver scritto un articolo di tal portata.

  17. Bdelippo scrive:

    Io credo che dietro a tutto ciò ci sia una opinabile posizione delle istituzioni che non permette una messa in discussione delle forze dell’ordine.
    Un po’perchè sono lavoratori malpagati a cui sono delegate moltissime funzioni non adeguatamente coperte economicamente (es. manca la benzina per le volanti).
    Oltre a ciò criticare/condannare un poliziotto non fa male a nessuno ma criticare i vertici o la stessa arma potrebbe provocare “reazioni indesiderate”: i cani potrebbero rivoltarsi contro i padroni…
    La soluzione democratica ottimale sarebbe una riforma profonda della forza pubblica italiana, senza giustiziare o santificare.
    In sostanza credo non accadrà nulla per colpa del papa e dei democristiani.
    Nessun alleato all’orizzonte, manteniamo la posizione.
    Duccio

  18. Nedo B. scrive:

    No Comment… no global terroristi… e ora quelli che sedevano al tavolo del g8 a fare la globalizzazione di questa cappella marcia di prete unto, vengono in Rai a dire che “loro l’avevano detto che la globalizzazione avrebbe rovinato l’economia italiana e mondiale”.
    Voi direste in quel modo, io lo farei: impalare in pubblica piazza e un forcone in mano ad ogni manifestante che è stato pestato per aver esibito uno striscione per le strade di Genova.

  19. Se voi siete troppo per benino me posso sacrificà io, dicendo pane ar pane…