« | Home | »

Sondaggi

Prestigio

10 gennaio 2010

Chi è stato il miglior premier della storia d’Italia?

  • Silvio Berlusconi
  • Zottone I, duca di Benevento
  • Dino Zoff
  • Mons. Marcinkus
  • La Strega Bacheca

Vince con 1745 voti, pari al 31% del totale, Dino Zoff.

E’ stata una tenzone agguerrita, ma alla fine non c’è stato che da ammettere la costante superiorità del caro, vecchio, indimenticato Capitano.

Fin dai primi exit-poll sembrava che la sfida si disputasse fra due dei cinque importanti contendenti: Dino Zoff e l’insidiosa Strega Bacheca, che lo ha tallonato per mesi nei gradimenti dei votanti. Certo, anche mons. Marcinkus ha provato a tallonare i due grandi statisti, ma è stato chiaro fin da subito che non sarebbe stato in grado di aspirare alla palma di vincitore. Ma alla fine, senza che venisse MAI superato o anche solo raggiunto da chi gli stava dietro, Dino Zoff è stato decretato ufficialmente miglior premier della storia d’Italia.

Cosa c’insegna, tutto ciò?

Che, senza troppi discorsi, il Grande Cuore del Popolo Italiano ha prevalso ancora una volta. Questo Grande Cuore limpido, sicuro, onesto e sincero che caratterizza da sempre la gente del Belpaese ha severamente punito chi si fosse macchiato anche solo della più piccola colpa; piccole cose, certo, come quelle di aver vessato per anni il povero Braccio di Ferro, come la Strega Bacheca, o quelle ancor più lievi da parte del pio uomo di chiesa. Ecco, in questo l’italiano NON CI STA. Nonnonnò.

E per questo Zoff ha vinto, e sempre vincerà (come la sigla di Mazinga).

D’altra parte, non dimentichiamoci che si tratta dell’unico calciatore italiano del dopoguerra ad avere vinto sia la competizione mondiale che quella continentale per squadre nazionali; che si tratta del calciatore più anziano ad avere vinto un Campionato del mondo; che detiene tuttora il record d’imbattibilità in nazionale con 1.143 minuti, dal 20/9/1972 al 15/6/1974; che è stato designato infine come Golden Player dall’UEFA, su segnalazione della FIGC (non so se mi spiego).

Tutti primati che non sarebbero mai potuti essere appannaggio di due contendenti come Marcinkus e Bacheca (facenti parte della stessa organizzazione, lo si vede dalla stessa uniforme indossata), e che ai mondiali dell’82 avrebbero sicuramente generato più delusioni che esplosioni di gioia. E in barba alle voci di corridoio che per mesi hanno provato ad attribuire l’ambìto titolo a un nano truccato da Gran Visir, corruttore e puttaniere, tutte cose che gli italiani da sempre non riescono a sopportare.

Dunque, ancora un HIP HIP HOORAY! per Zoff, per i nostri valori, e per la patria!

Share

10 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    Vi voglio bene Pauguri ^^

  2. vinicio scrive:

    Era ora che lo proclamaste Re, Papa e Imperadore.

  3. McLaud scrive:

    Certo che non spendere nemmeno una parola su Zottone I è da veri zotici. Che la sua maledizione vi colga dal Valhalla (presso Benevento) e vi riempia di longobarde mazzate!

  4. Anonimo scrive:

    paguri vergognatevi!
    è chiaro che zottone ha tolto punti a bakeka e markinkus
    e vice-versa
    avete fatto terra bruciata attorno a zoff
    dietro di voi c’è moggi e giraudo
    e anke breznev
    chè zoff ricorda troppo l’iconografia del realismo socialista
    e siete ancke peggio di torino-krotone

  5. Jinx2 scrive:

    Paguri siete dei grandi, ma in neretto (o fra parentesi) insieme agli italici ideali dovevate metterci pure la Phyca, la Strega Bacheca infatti è arrivata seconda solo in quanto portatrice sana di topa® (sana lei non la di lei topa®, sennò il primo posto del sondaggio nonchè quello da ministra europea non glielo levava nessuno).

    Jinx2

  6. BondValeria scrive:

    oh bene, dé, un po’ di respiro… Spero che almeno su questo post ulivinico e il lopo non si azzuffino…

  7. Lopo scrive:

    Valeria, chiamato? 🙂

  8. McLaud scrive:

    @BondValeria: però secondo me questi risultati sono tutti frutto di un’astuta ed interessata manovra del Lopo, che ha cancellato 3/4 dei miei 9742 voti per Zottone I, pur di poter comodamente installare in Kamchatka (ove Dino Zoff notoriamente possiede grandi latifondi e cura di i suoi allevamenti di caccole biadesive translucide) il suo gasdotto personale per alimentare a peti il mercato Giapponese.

    …e ho le prove: nella foto si può chiaramente vedere lo stabilimento estrattivo mentre viene eseguito l’ultimo ciclo di produzione prima dell’installazione del gasdotto!

  9. BondValeria scrive:

    ha fatto bene: anzi, avrebbe dovuto cancellartene 9741, è un sondaggio, iobérva, ‘un è mi’a il televoto di icsfactor o del grandefratello dove vince chi nella tifoseria ha più quindicenni benestanti che possan permèttissi di prosciuga’ il credito del telefonino tanto paga babbo…

  10. McLaud scrive:

    @BondValeria: questa volta organizzerò pure un bel rapimento in massa, allora! 😉