« | Home | »

Benedetto ragazzo

18 gennaio 2010

Già dieci anni, e pare ieri.

Sono state proferite parole vergognose e rovesciate maree di letame sulla vicenda di Benedetto Craxi.

Specialmente da un paio di settimane a questa parte.

A noi, tutto sommato, piace ricordarlo così.

Anzi, per mettere a tacere tutte le polemiche, vorremmo fare una proposta ufficiale alle Istituzioni: intitolare alla sua memoria NON una via, ma una bella fontana, dove la gente possa continuare a lanciare tante, tante monetine.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

***

UPDATE: Merda, ci accorgiamo ORA che ci aveva pensato anche qualcun altro! ASSURDO (o fantastico!)

Share

25 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    o un pozzo senza fondo che tuffandosici dentro sbuchi alle Cayman..

    by bove non loggato

  2. Tino Bombarda scrive:

    bellissimo! geniali. ribadisco il mio commento/malthusiano sull’argomento nel post precedente.

  3. Anonimo scrive:

    Ma va la che cosa dite?

    Queste sono tutte calunnie contro quel Sant’uomo!

    Infatti secondo Minzolini, Craxi avrebbe fatto queste cose: mantenuto nella libertà l’Italia, fatto cadare URSS insieme a Reagan e al Papa e fatto riunire le due germanie.

    HA ABBATTUTO I COMUNISTI!

    Haha, qui arriviamo ai livelli del ridere per non piangere.

    Abbiamo un esercito di lacchè del nostro (sempre sia lodato) premier che, pur di compiacerlo, non esitano a sparare le peggio troiate per riabilitare quel LADRO, quella merdaccia che si è esiliato per sfuggire alla giustizia italiana.

    E c’è chi lo difende.

    Sapete, tutto ciò mi ricorda la vicenda del prete che violentava le ragazze, quello filmato dalle iene, nel cui video si vedevano tutte le persone che lo difendevano pur di fronte all’evidenza.

    E’ la stessa cosa di Bettino…

    Si chiedessero poi i suoi figli, che addirittura si sono appellati al tribunale dell’unione europea, con quali cazzo di miliardi stanno campando e fanno la bella vita.

    Vergogna! (per usare sempre una parola tanto cara al nostro presidente, il presidente dell’amore)

  4. jahtiz scrive:

    beh,
    visto i recenti scandali di mazzette a milano,
    visto le tante proposte oggi sul fuoco per ammazzare la giustizia in favore di eccellenti ladri,
    visti i pedigree penali dei tanti parlamentari,
    vista la stima crescente per un primo ministro tifoso dell’eroe mangano,

    io direi che non una via, ma UN BEL MONUMENTO CRAXI, santissimo patrono del politico-borsaiolo oggi tanto caro a tutti i politici (pochisssimi eslclusi) sarebbe ormai dovuto.

    @Paguri,
    ma com’è che oltre all’idea avete avuto la coincidenza di usare anche l’immagine del blogger “ilsimplicissimus”??
    sarà mica che ciànno ragione quellilà a dire che voi (froci)comunisti in fondo siete tutti uguali?!?!?!

    tizzz..

  5. paguri scrive:

    “ma com’è che oltre all’idea avete avuto la coincidenza di usare anche l’immagine del blogger “ilsimplicissimus”??”
    Eh, l’assurdo è proprio quello!

  6. jahtiz scrive:

    ….figata….

  7. UomoColMegafono scrive:

    Cari Paguri, vorrei mettervi a conoscenza delle fantastiche iniziative del mai troppo compianto Sindaco Barani del comune di Aulla.

    1) Statua di Bettino Craxi.
    http://www.diacoblog.com/wp-content/uploads/2008/10/craxi.jpg

    2) Stele alle vittime di Tangentopoli
    http://www.chieracostui.com/costui/docs/search/schedaoltre.asp?ID=6923

    3) 1° Comune DeDiPietrizzato
    http://www.chieracostui.com/costui/docs/search/schedaoltre.asp?ID=6922

    4) Divieto di sosta per “soste particolari”
    Non ho trovato la foto ma accanto al più classico dei simboli per il divieto di sosta c’era la silhouette di una prostituta.

    Ancora una volta la realtà supera la (vostra e per altro fervida) fantasia…

  8. woytila88 scrive:

    @anonimo 3 in effetti sto pensando di cambiare il mio avatar.

    @ jahtiz: se passi per Aulla, qualcosa la vedi….

    Dopo l’ennesima puntata del reality tg1, sto seriamente pensando di richiedere ai Cannibal Corpse un’ennesima commemorazione di Bettino….o della sua salma….o di ciò che ne resta…sicuro che ci sarà più energia che nella favella di Minzolini (favella in senso letterario, che diamine).

  9. Jinx2 scrive:

    Ragazzi, ricordiamoci che se si riabilità Craxi, si riabilita e si ammette la sua condotta, e di conseguenza tutte quelle somme opere di corruzzione / cortigianesimo che gli amminisatratori ed i rappresentanti della cosa pubblica sono andati perpretando dalla notte dei tempi sino ad ora.

    Per questo si lacrima su uno dei principali artefici del debito pubblico italiano, e dell’ arroganza del potere. Si piange un esempio di vita e coerenza, sfortunato (per loro) nella fine ma a cui invidiano il resto della carriera …..

    Lo so che tutti qui ce ne rendiamo conto, ma questo potrebbe sfuggire ad un visitatore occasionale ;-).

    Ritornando sul monumento, anche io vedrei bene una fontana, con nel centro un bel tortello a chiocciola marrone.

    Splendida poi la canzone, un colpo di genio.

    Saluti Paguri

    Jinx2

  10. Anonimo scrive:

    qualcuno ha il link dell’articolo che il Fatto ha dedicato a Sardelli sabato scorso?
    thanks
    Ale

  11. vinicio scrive:

    peccato che non si possano postare immagini..

    http://tinyurl.com/yebh2ej

    bei tempi, davanti all’hotel Raphael.

  12. GloriaACosoNADC scrive:

    Effettivamente un uomo che vedeva lontano Crassi(come diceva il Benigni vero, no quello finto di ora, quello dell’ Ammore , nemmen fosse nato a Roma).

    Dicevo un precursore dei tempi, infatti dopo di lui hanno rubato senza vergogna tutti e sono usciti tutti o quasi impuniti. Compreso il nano del cazzo.

    E quindi facciamogli una bella statua, e mettiamola a campeggiare nel centro di montecitorio , che così tutti i giorni i nostri politici si rispecchino in questo GRANDE STATISTA.

    Ah la statua dovrebbe essere di stronzoni lucidati, per cogliere meglio l’essenza e il carisma del personaggio…

  13. kirukao scrive:

    A me verrebbe da pensare più in grande: potremmo dedicare al grande statista, nonché superuomo, nonché fava grande, nonché era tutto suo ciò che luccicava e non, tutte le macchinette del caffè, panini, gelati, acqua, preservativi etc etc presenti in tutti i luoghi pubblici d’Italia, con una bella immagine del suo faccione sorridente e accattivante stampata sulla parte anteriore. La fessura per inserire le monetine si potrebbe mettere in corrispondenza della bocca.

    Darebbe una doppia soddisfazione: quando l’infernale macchinetta funziona, si saprebbe almeno dove vanno e andavano a finire i nostri soldi; quando no (spesso) sai che gioia e veemenza nel prenderla a calci!!

  14. Anonimo scrive:

    VUOI PURE QUESTE, BETTINO VUOI PURE QUESTE…

    http://www.iconocluster.com/clusterblog/wp-content/uploads/2006/01/mille_lire.jpg

    Diociliberi

  15. se a Craxi ni fanno la statua a Berlusconi ni dediano una città… pensiamo cosi…il avoro della statua dara lavoro a qualcuno, in questi tempi di crisi si accettano anche le statue dei ladri.
    Apparte tutto non c’è piu da meravigliarsi di nulla… non vedo come scandalizzarsi davanti a queste cose, al giorno d’oggi mi sembra il minimo assistere ad una cosa del genere, oggi se vuoi essere un ganzo, un diverso, alternativo non devi essere punk, metallaro ecc basta essere onesti…

  16. Tino Bombarda scrive:

    @ ale
    eccoti l’articolo sull’inclito e perclaro musico

    il personaggio: Federico Maria Sardelli
    “Suono il miglior Vivaldi (falso) del mondo”
    di Alessandro Ferrucci
    Gli amici dicono di lui: è bravo, probabilmente geniale, sicuramente eclettico, ogni tanto sopra le righe. Di lui, sempre, raccontano: “Attenzione quando gli presentate una donna, la prima cosa che fa è toccarle le tette”. Pardon, il seno. Non tutte gradiscono. Il “lui” si chiama Federico Maria Sardelli, poco più che quarantenne , livornese, di professione direttore d’orchestra, “ma anche” pittore, sempre più spesso vignettista e scrittore per quei “ragazzacci” de il Vernacoliere. L’ultima sua fatica letteraria si intitola “Saggi di metafisica neorazionalista”, con all’interno teorie profonde, certo frutto di lunghe, lunghe meditazioni… “Bè, no, per fortuna ho una grande velocità nella produzione del cazzeggio…”. Attitudine nata presto, “a cinque anni. Mio padre era uno degli illustratori de il Tirreno, un giorno mi disse: ‘Perché questa volta non la fai tu?’. Fu il mio esordio”. Poi ripetuto negli anni, fino a ottenere a undici un appuntamento mensile sullo stesso quotidiano. Precoce? Sì, ma un po’ in tutto. Sempre durante il periodo delle scuole medie inizia a suonare il flauto, “da autodidatta. Stavo lì ore e ore, fino a comporre un concerto per clavicembalo e archi. Cosa dicevano di me i compagni? Ovvio, che ero gay…”. È diventato il più grande esperto di Vivaldi, da due anni responsabile del suo catalogo . Viene chiamato in tutte le orchestre del mondo per dirigere le opere del maestro veneto, dai “Concerti da Camera”, alla celeberrima “Quatto stagioni” fino a degli inediti un po’ particolari. Inediti perché “pensati e realizzati da me: capita in alcune occasioni, quando il pubblico chiama il bis. Così do ai ragazzi degli spartiti e dirigo. In sala applausi su applausi, i musicisti seguono ma non capiscono. In fin dei conti sono io l’esperto”. Ecco inventato il falso d’autore. A Roma, Parigi, Torino e Verona, non importa: la musica è sempre la stessa. “È la mia anima livornese in giro per il mondo. Da noi si dice: non ci si avrà nulla, ma siamo di molto ignoranti. Sì, perché amiamo prendere e prenderci in giro, inventare metafore o metonimie”. Per capirlo basta riprendere in mano le prime pagine del Vernacoliere: dal liberatorio “Ambrogio ha trombato la contessa”, al dubbio amletico “La Lega c’è perché c’è le testediazzo; o le testediazzo ci sono perché c’è la Lega?”; fino alla catartica “Razzinghe cià la ghigna proprio a tedesco. Delusione tra i fedeli: era meglio un papa pisano, almeno si rideva un po’!”. “Il segreto? Registro solo la voce del popolo: le migliori copertine nascono tra le strade della città, tra i banchi del mercato – racconta Mario Cardinali, storico fondatore del mensile –. Non ci prendiamo sul serio, esorcizziamo, la realtà”. Un’abitudine dalla quale non è rimasto immune neanche il suo rappresentante più alto, Carlo Azeglio Ciampi: il presidente è, da sempre, definito “solo” il fratello dell’ottico di via Ricasoli, in centro città.

    Sì, si ride. Ma adesso “c’è qualcun altro più bravo di noi: Silvio Berlusconi – continua Sardelli –. Non ne posso più. Ogni volta che incontro un collega straniero, è sempre la stessa storia: mi guarda, sorride, e mi dà una pacca sulla spalla. Poi, durante la cena, ecco le domande su come facciamo a votarlo. E io? Quando non ne posso più gli dico: ‘Oh! Guarda che sono di Livorno’”. Già, mica Italia…

  17. Tino Bombarda scrive:

    questo riguarda il post precedente…
    da repubblica. Il premier: “Manca un coordinamento”. E invia Bertolaso

    mo’ stanno freschi!

  18. Cimoski scrive:

    poerino Bertolaso gli toccherà lavorà un pochinino per vedere se si può fare un po’ di soldini con la ricostruzione……..

    accidentialpapaccioatuttiicardinalimessiinfilacontutti
    ipoliticiapigliallonerculoaccanto…

  19. Anonimo scrive:

    … ci sarebbe in vendita il colosseo, ma è da ristrutturare … e troppi spifferi!?

  20. Anonimo scrive:

    Dopo lunghe e attente meditazioni sono sicuro che il peggiore di tutti è il finto mite MINISTRO SANDRO BONDI. Mi fa proprio schifo, esteticamente, politicamente, umanamente. Come ministro è ingiudicabile, a meno che non gli diano il ministero del culto del capo del governo cavalier silvio berlusconi.

  21. Cimoski scrive:

    @21
    io sinceramente non ho mai capito la differenza tra merda e letame…

  22. woytila88 scrive:

    http://networkedblogs.com/p24935551 CLAP CLAP LIBERTA’ DI STAMPA

  23. Anonimo scrive:

    @ Tino
    thanks!
    Ale

  24. Anonimo scrive:

    oh ma qualche amministrazione che battezzi un carcere con il nome di Craxi non c’e’? non ci sarebbe luogo piu’ adatto…