« | Home | »

Olé!

16 febbraio 2010

(Scusa, Pablo).

Cari gangilli, la vostra fantasia pazzerellona vi ha fatto formulare le ipotesi più disparate sull’oggetto del post precedente, vero e proprio quarto mistero di Fatima. Alcune anche molto veritiere, ma parziali; sappiamo cioè della grave frustoneria che caratterizza Batman; sicuramente anche Clark Kent, ma non possiamo certo dirlo per King Mob.

Così come parziale è l’ipotesi Vertigo; magari si fosse interessata al nostro buon parroco! Negli ultimi anni è la nostra casa editrice di riferimento, ma in questo caso non vale la proprietà transitiva.

E’ parziale – purtroppo – anche l’ipotesi cinema. E qui ci corre l’obbligo di fare una piccola rivelazione: noi la sceneggiatura per il film di Don Zauker l’abbiamo scritta davvero. E’ pronta da tre anni; purtroppo, però, non avendo un cazzo di contatti, conoscenze né dimestichezza col rutilante mondo della celluloide, la storia che abbiamo scritto a due mani giace in un cassetto, coi suoi amici mutande e calzini. Su questo grava anche la consapevolezza che prima di realizzare un film coi toni e gli argomenti del nostro fumetto, un produttore italiano si sottoporrebbe volontariamente alla pratica di un paio di colonscopie al dì. Peccato, perché la storia è bella. O, almeno, a noi piace parecchio.

Ok, inutile dilungarsi oltre, tanto i più dritti (o draghi) fra di voi ci erano già arrivati: Don Zauker – Santo subito verrà rieditato dalla Planeta.

La casa editrice di Barcellona – che pubblica in Europa i personaggi del post precedente, in pratica i nostri personaggi preferiti – ha acquisito i diritti di riedizione di SS. In Italia la nuova edizione è prevista per marzo. La cosa buona è che l’albo verrà tradotto e pubblicato anche in Spagna, con la prima uscita prevista per giugno.

Con una padronanza dell’inglese degna di Aldo Biscardi (ma briào di strizzo e con l’apparecchio ortodontico) seguiamo personalmente la proposta dal 2008; inevitabile, quindi, che abbiamo accolto l’ok della Planeta con gioia pacata e serena soddisfazione*. Mica per le cifre, che di per sé sono assai modeste sia per quanto riguarda la tiratura che per il compenso, quanto per il fatto che un personaggio creato da noi, con le nostre manine e le nostre menti obnubilate dall’Alchermes, una sera di sette anni fa in casa PaguriA, sia arrivato fino a Barcellona, alla stessa casa editrice che pubblica Batman e V for Vendetta.

Un altro motivo di soddisfazione viene dal fatto di aver realizzato l’albo da soli, con l’aiuto dei soli ragazzi di Double Shot, che si sono occupati della parte “burocratica” e che non finiremo mai di ringraziare/beatificare.

Grazie anche a Rrobe e a Mastro Paglia che, la scorsa estate, con le palle a mollo nel mare turchese di S. Vincenzo, ci consigliarono di rivolgerci ai DoubleShot.

Grazie anche a voi, che avete trasformato quest’albo in un piccolo (ma mica tanto) caso editoriale.

E poi, volete mettere come sarà bello vedere il nostro buon esorcista accanto a un miliardario vestito quasi uguale, ma con la tutina aderente e le orecchie da pipistrello?

Finiti i rigraziamenti, prima di tornare alle seghe, vi lasciamo con un motivo di riflessione: ma tra l’autoproduzione e la Planeta, cosa c’è nel mezzo?

Il dibattito è aperto.

P.S. Le copie che avevamo stampato sono finite. Salvo sorprese dell’ultim’ora, il Don Zauker edito da Planeta dovrebbe essere nelle fumetterie italiane a marzo.

* Uragani di seghe (ognun per sé).

Share

Tag: , , , , , ,

41 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    nel mezzo c’è la qualità del fumetto e la ganzezza del pubblico che l’ha apprezzata! 🙂

  2. Anonimo scrive:

    Ostia!

    (e ho detto tutto)

  3. Anonimo scrive:

    tra l’autoproduzione e la planeta c’è nel mezzo “e la”

  4. mangiucugna scrive:

    Ci stanno gli uragani di seghe ovviamente. Però un regalino anche a noi che l’abbiamo comprato potreste farcelo, che ne so una fia vergine per ognuno per esempio.

  5. Goldrake scrive:

    Complimenti vivissimi, Paguri ! Perseverance pays, tanto per rimanere in toni internazionali… Certo che la sceneggiatura per un film sul nostro beniamino mi ha proprio incuriosito, sarebbe bello vedere l’ entourage che ha realizzato “Paz !” al lavoro sotto la vostra supervisione, solo l’idea di vedere lui nei panni di DZ mi fa crepare dal ridere ! Chissà, un domani…
    http://i.ytimg.com/vi/DY8t8utSgIE/0.jpg

  6. Anonimo scrive:

    Secondo me se chiedete a Rocco Siffredi ve lo gira lui il film, naturalmente farà anche il protagonista.

  7. Anonimo scrive:

    voglio una percentuale, monti di sudicio!
    complimenti davvero.
    ciao
    🙂

    Mastro Paglia

  8. Anonimo scrive:

    Se vinco il superenalotto ve lo finanzio io il film di Dz….se vinco!
    Altrimenti si potrebbe chiedere al buon Mclaud di studiarsi bene bene la legge sui finanziamenti pubblici alla cinematografia e autoprodurlo…se i soldi li danno ai vari “vacanze di natale in c**o” perchè no?
    Nemo

  9. assolutamentevero scrive:

    Siete fantastici…sempre più altoooooooooo….
    State diventando dei Vips… fra un pò pure voi organizzerete party con giovani figliuole desiderose di far carriera, un numero imprecisato di frustoni brasiliani, cocaina come se nevicasse e che so, magri pure voi se la Francesca e libera potete dare una ripassatina!!!! 🙂
    Vi voglio bene Paguri!!!!!!

  10. Emi-chan scrive:

    Anveedi. E fu così che la prima edizione autoprodotta di SantoSubito divenne un Prezioso Oggetto Da Collezione, quotato a peso d’oro e da conservare nella vetrina del salotto buono insieme ai ricordi delle Prime Comunioni… scherzo. Complimenti! In questo modo poi il Tg2 potrà mandare in onda un nuovo servizio su quanto sono arretrati rispetto a noi quei comunistacci di spagnoli senzadio.

  11. Anonimo scrive:

    Sono contentissimo per voi. Prenderò subito l’edizione Planeta. Per una volta non c’è il rischio che lascino delle frasi in spagnolo negli albi.. almeno spero.
    PS. Sono stato il primo ad indovinare 😉

    Simo

  12. Anonimo scrive:

    da yahoo (olimpiadi “invernali”):
    19:42 – Attenzione!!! Errore per Kuzmina nella seconda serie di spari da sdraiata. Netto per Neuner, che può prendere il lardo. Errore dietro anche per Dorin

  13. gnagnera scrive:

    complimenti ragassuoli, ve lo meritate davvero ed io che in quel di lucca mi sono preso tre (dico tre) copie (tutte rigorosamente vergate dai vostri pugnetti) del don zauker (due erano per amici frustoni che non son venuti) sono contento di aver anche minimamente partecipato al vostro successo.
    p.s. King Mob non sarà frustone ma è senza dubbio aperto ad ogni esperienza (e sottolineo aperto)

  14. pentolino scrive:

    grazie per l’ uragano di seghe, felice di avere contribuito a tanto successo!
    Certo vorrò vedere come lo traducono “il maligno me lo puppa” in spagnolo!

  15. mangiucugna scrive:

    il maligno me lo puppa è intraducibile, un po’ come pippa una sega

  16. Anonimo scrive:

    io già lo sapevo! : )

    Claudio Stassi

  17. Conte Moccoli da Turco scrive:

    Paguri, ma l’ultimo albo venduto è il mio per caso??

    Ovviamente l’ho gustato tutto d’un fiato. La storia è geniale, anche per la rivelazione finale, e la realizzazione è un capolavoro. Quindi chi sa fiutare un possibile successo non se lo lascia scappare.

    Se diventate famosi però cercate di non finire da vespa e insetti simili a fare vignette al politico di turno per farlo graziosamente ridere.
    E cercate di non aumentare di 10 volte il prezzo dei biglietti degli spettacoli.
    Insomma, non rendetevi meritevoli di un coccodrillo come quello di Benigni…

    A parte la raccomandazione da babbo maciullazebedei, ve lo meritate (il successo, dico).

    Un abbraccio,
    Il conte

    P.S.Quando ci ritornate in provincia di Siena, magari verso Montepulciano??

  18. Anonimo scrive:

    Tra l’autoproduzione e la Planeta c’è il disarmante vuoto del mondo del fumetto italiano.
    O mi sbaglio?

  19. Anonimo scrive:

    Complimentissimi e mille grazie a voi da parte di DOUbLe SHOt.
    Avete avuto fiducia in noi e di questo vi saremo sempre riconoscenti.
    Quindi, se c’è qualcuno da ringraziare e beatificare, quelli siete voi 🙂

    In bocca al lupo per la nuova edizione e per una distribuzione sicuramente più capillare.

    Un abbraccio,

    Alessio

  20. Anonimo scrive:

    In mezzo ci saranno notti insonni passate a farsi consumare gli sfinteri dal potente che vi ha sicuramente raccomandato (molto probabilmente un alto prelato). E per quanto riguarda il film…ma se ne faceste un cartone non sarebbe tutto più semplice?
    DZSS !!!
    Baci&Abbracci
    Alberto

  21. karsten scrive:

    per quanto riguarda il film basta autoprodurlo con i VS (frustonissimi) fans no? oramai la tennologia ha fatto miraoli

  22. LuLu scrive:

    BATmàN non è un frustone!
    ne è la prova la scabrosa relazione con quella gran topa della figliola di ra’s-al-ghul..tutto il resto sono solo dicerie da segaioli invidiosi.
    oh, del resto con tutti i pensieri che ha..
    via, io da profondo conoscitore delle vicende del signor wayne posso assicurare che egli frustone non è!nè lo fu!

  23. paguri scrive:

    Batman e Robin se lo pennellano vicendevolmente nello stronzoliere, e alla grande, lascia fa’.

  24. GloriaACosoNADC scrive:

    Chissà quante ne avete rigovernate per farvi pubblicare da Planeta…:-D

    Con l’immagine di dubbio gusto che mi sovviene nel pensarvi chini sotto le scrivanie dei potenti editori, vi domando la seguente :
    come faranno a tradurre il livornese in spagnolo?
    Stronzòli si tradurrà forse Stronzolones?

    Mah , chi vivrà vedrà, per l’intanto vi faccio i miei più vivi complementi per il successo (vivi nelle gengive complementi d’arredo si intende)

  25. paguri scrive:

    1) DZ-SS, come ogni episodio di DZ, da un po’ di tempo a questa parte, è interamente in italiano, non in livornese.
    2) Sapete come abbiamo fatto ad arrivare alla Planeta? Li abbiamo contattati e loro hanno risposto accettato di valutare il nostro prodotto. Ci siamo incontrati, gli abbiamo mostrato l’albo, gli è piaciuto e basandosi solo su qell’impressione e sul fatto che avrebbe potuto vendere un bel po’, senza stare a farsi troppe seghe mentali, hanno deciso di pubblicarlo.
    Può sembrare tanto strano, ma è così che funzionano le cose nel resto del mondo.

  26. Anonimo scrive:

    ma voi Paguri non è che percaso fate un giro al Mantova Comics ?

  27. paguri scrive:

    Ma certo. Con ogni probabilità, domenica 28.

  28. vinicio scrive:

    @Paguri 26
    Considerato l’anticlericalismo catalano non gli sarà parso vero di pubblicare qualcosa che potesse sputtanare un po’ preti e baciapile, soprattutto se con un prodotto graficamente ben fatto e con delle storie interessanti.

  29. Anonimo scrive:

    Innanzitutto complimenti (e fin qui…)
    Poi, avete chiesto cosa ci sia di mezzo tra l’autoproduzione e la Planeta: a questo non so rispondervi, ma posso provare a suggerirvi cosa c’è di mezzo tra Holliwood e il cassetto della biancheria.

    METODO 1- Meglio noto come “metodo South Park”; potreste provare a fare un cartone, anzichè un film, e col “metodo south park” potete farlo a costo quasi zero. Gli autori di S.P. l’hanno realizzato con semplici figure di cartone ritagliate e appoggiate su un bristol che fa da sfondo; si scatta un fotogramma per ogni sillaba pronunciata da un personaggio (o per ogni passo che il personaggi compie, nelle scene di movimento), dopodichè si crea il filmato mettendo in fila i fotogrammi. Infine, si fa il doppiaggio.
    Naturalmente oggigiorno si potrebbe fare il tutto interamente al computer, anche con un programma banalissimo come PAINT (meglio sarebbe GIMP); anzichè ritagliare le figure si creano tante immagini quanti sono i fotogrammi, dopodichè si crea il filmato usando le immagini come fotogrammi (basta un Windows Movie Maker qualsiasi). Un po’lungo e palloso, ma con tanta buona volontà ci si può fare (Parker e Stone hanno fatto storia). Mi rendo conto di avere sintetizzato un po’troppo, spero si sia capito il concetto..

    METODO 2 (ai limiti della fantascienza)- un MACHINIMA (crasi per Machine Animation). L’ultima moda per creare filmi a gratisse: grazie a videogiochi tipo Second Life si usano gli avatar come fossero gli attori, e le scenografie del videogioco come quinte (http://www.machinima.com)
    Per ora è stato usato più che altro per brevi cortometraggi di film d’azione o fantascienza, però volendo nulla vieta di usarlo per altri scopi.

    Spero d’avervi per lo meno stuzzicato la fantasia.

    Leo

  30. Anonimo scrive:

    A quale attore stavate pensando di dare la parte del mitico esorcista? A parte clint eastwood non mi viene in mente nessun nome degno di un tale onore

  31. Anonimo scrive:

    RUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUTTTTO GIGANTE E URAGANI DI SEGHE A GO GO!!!!!

  32. Anonimo scrive:

    @anonimo 30 (Leo): visto di che carattere sono dotati i paguri cioè calmi, riflessivi e pacati, io gli suggerirei di realizzarlo col PONGO (tecnica volgarmente detta stop motion, mi pare, ma non ci scommetterei)! perchè? vuoi mettere lo tsunami di moccoli necessari a produrre 1 secondo di animazione? Ovviamente scherzo!
    Nemo

  33. McLaud scrive:

    @Nemo: ti ringrazio troppo per la fiducia, ma lì non c’è legge che tenga…solo quella del clientelismo.

    @Paguri: se aveste bisogno di aiuto/consulenza per i contatti con la Planeta/DeAgostini, non avete che da chiedere. L’inglese lo so pure e per voi lo farei gratuitamente, a condizione, ovviamente, di poter ricevere direttamente dalle vostre mani il prossimo (spero in ogni senso) albo dell’amato “don”.

    @LuLu: Batman e Robin stanno incastrati assieme più dei mattoncini lego. Ne è la riprova la miniserie Dark knight strikes again di Frank Miller, dove Robin è una super checca cibernetica furiosa con Batman.

  34. Anonimo scrive:

    CONGRATULAZIONI RAGAZZI!!!!

  35. testa di casco scrive:

    Eh la peppa!
    Complimentoni

  36. Kanna Shirakawa scrive:

    @McLaud: si ma il buon pippistrello non lo fa mica perche` frustone, ma per dare una sana educazione al ragazzo, che se no viene su male .. educazione cattolica, s’intende

    @Paguri: davvero nel resto del mondo basta (si fa per dire) creare un capolavoro con il nostro Don e c’e` gente interessata a pubblicarlo? senza per questo doverlo dare e/o prendere nel bagagliaio come se piovesse? ma che roba …

  37. Anonimo scrive:

    @Paguri: in realtà ci sarebbe anche un modo più semplice per far rivivere le avventure del ns Dz sullo schermo, ma anche essendo più semplice è molto improbabile. Purtroppo gli anni della sperimentazione televisiva sono ormai andati, basta pensare che programmi come l “Araba Fenice” sono oramai improponibili, altrimenti bastava realizzare piccoli episodi di pochi minuti da inserire in programmi “alternativi” come quello su citato. In tal senso il buon vecchio Stefano Disegni è riuscito a creare un bel Dr.ASL molto tempo prima della parodia fatta dalla Gialappa’s e a inserirlo all’interno del programma “Tintoria”, e francamente per voi non è un grosso problema contattare Disegni per una collaborazione in tal senso, viste le amicizie comuni e mi riferisco in particolare a Cavezzali e Ciantini, con cui avete collaborato in passato!
    Nemo (che legge fumetti da prima di saper leggere e scrivere)

  38. Goldrake scrive:

    Scusate, un po’ off topic ma da crepare dal ridere…
    http://player.yssimo.com/index.php/flash-games/bible-fight-per-vincere-ci-vuole-un-miracolo.html

  39. Anonimo scrive:

    l’unico modo che avremmo di vedere DZ SS sul grande schermo è questo:

    Stefano Accorsi è un giovane prete, tanto ribelle però, a tal punto che un giorno, mentre confessa Margherita Buy, gli prende come una voglia di carezzargli la manina nervosetta ed esclama: madonna mia! Oppresso dai sensi di colpa, si ritira in meditazione a San Giovanni Rotondo, dove incontra i giovani sacerdoti Favino e Santamaria. Insieme, assisteranno migliaia di fedeli aiutando loro a trovar alloggio all’Hotel Pio (pagamenti in nero). Ma il maligno è in agguato: una mattina, i tre pretini si svegliano con i faccini deturpati dall’acne. Ansia, panico, sconforto non riescono però a sconfiggere la loro fede: con l’aiuto di Laura Morante e Isabella Ferrari (le sore piddine), i nostri eroi riusciranno a sconfiggere la crisi e saranno pronti per firmare appelli su Repubblica, ottenere recensioni sul Venerdì, rilasciare interviste a Parla con me, girare fiction su raiuno, vincere 128 David di Donatello (o in alternativa, statuette del Duomo), per poi finire schifati a sputi ogni volta che tentano di valicare i patrii confini

    Regia: Gabriele Muccino
    sceneggiatura: Moccia&Veronesi
    Casa di produzione: Medusa (che il nano maledetto sa premiare chi fa il suo gioco, non è mica fesso)
    Colonna sonora: Jovanotti e Marco Carta, “insieme per fede”

    Diociliberi
    p.s.: complimenti ragà, in bocca al lupo

  40. GloriaACosoNADC scrive:

    @Paguri
    Ah allora la meritocrazia non è solamente una chimera come la transustanziazione, all’estero esiste davvero.

    Complimenti ancora.