« | Home | »

Haiku n°3

14 maggio 2010

UN PRESENTE.
PRESAGIO DEL FUTURO?
Appartamento
con rovina in vista
m’han regalato.

(Valeria)

Un haiku ha struttura fissa: 3 versi di 5, 7, 5 sillabe.
Un haiku riflette il mondo che ci circonda.
Un haiku necessita di rigida disciplina.
Un haiku è una tradizione giapponese: noi lo rielaboriamo a modo nostro.
Mandaci il tuo haiku, se ci garba lo pubblicheremo.

Share

Tag: , ,

3 Commenti

  1. BenFox scrive:

    Valeria, questo è un capolavoro!….se tussei anche topa, stasera s’esce?
    (va bene anche domani, ma alla mezza; alle due cio’ un pignoramento)

  2. Anonimo scrive:

    MILANO – Il primo di loro ce l’ha fatta. I tifosi dell’Inter sono in fila da ore davanti alla banca milanese che sabato mattina distribuirà i biglietti per la finale di Champions League. Paolo Sacco, 23 anni, abbonato del terzo anello verde, aveva deciso di mettersi in coda addirittura da giovedì mattina, tanto da riuscire a piazzarsi davanti a tutti. La sua fedeltà alla squadra del cuore è stata ben ripagata: Josè Mourinho in persona gli ha infatti regalato un tagliando per la sfida con il Bayern Monaco.

    BENEFICENZA – Il fortunato tifoso dovrà versare in beneficenza il valore del biglietto, 225 euro. In coda da giovedì alle 9.45 per acquistare un tagliando da 160 euro, Paolo ne spenderà ben volentieri qualcuno in più, ma sarà certamente felice di farlo e di dimostrare il versamento a un ente che si occupa di solidarietà a sua scelta. Poi, alla fine della prossima settimana, partirà in auto alla volta di Madrid per seguire dal vivo il match tanto atteso. Come racconta il sito dell’Inter, Mourinho era particolarmente orgoglioso di sapere che tanta gente ha scelto di stare in fila anche più di due giorni per provare ad acquistare un biglietto. «Io non posso accontentare tutti – ha spiegato il portoghese -, ma con questo mio gesto voglio dimostrare il mio affetto nei loro confronti. È il mio applauso alla passione di tutti i tifosi nerazzurri. Il ragazzo dovrà dimostrare però di aver donato i soldi in beneficenza».