« | Home | »

Pomi(gliano) della discordia.

15 giugno 2010


Finalmente una prova di forza e di coraggio del sindacato: firmare un accordo osceno, senza neanche aspettare la prima vittoria dell’Italia, ai mondiali.

Bravi!

Share

Tag: , , , , , , , , , ,

15 Commenti

  1. Anonimo scrive:

    Magari dentro han messo clausole vessatorie in caso di vittoria, ovviamente senza firma a parte e anzi scritte in piccolo.
     
    Parlando sempre di italiche storture, a voi:
    http://www.uaar.it/news/2010/06/15/torre-del-greco-na-premio-comunale-maritaggio-cattolico/
     
    Vedo i minareti sempre più come mero cambio estetico ai paesaggi nostrani…

  2. woytila88 scrive:

    pare che dopo aver visto sto video napolitano voglia firmare tutto pure lui, solo x l’eccitazione: http://www.youtube.com/watch?v=5UWUE1ejgi8

  3. Anonimo scrive:

    questi problemi continueranno ad esistere finché tutti i lavoratori del mondo non avranno gli stessi diritti, quindi per sempre…

  4. Anonimo scrive:

    Karol linka video unrelated, mi pare; cmq stan scoppiando rivolte pure in Cina, eh…

  5. Anonimo scrive:

    Mah, è già il terzo post di fila in cui (comprensibilmente) ironizzate sul fatto che i mondiali siano usati come distrazione di massa. Ma una domanda mi sorge spontanea: sarebbe cambiato qualcosa nella vita politica italiana, o meglio nell’opinione pubblica italiana se in questi 16 anni non ci fosse stata nessuna manifestazione sportiva? Le tv/i giornali/le riviste del Padrone quando non parlano di calcio producono reportage finalizzati a convincere la gente della veridicità delle balle raccontate dal padrone stesso, secondo il principio che “una bugia ripetuta mille volte diventa una verità”. E il lavaggio mediatico del cervello ha sempre funzionato, in questi anni, e ovviamente continua a funzionare. Se qualcuno ha Sky provi a dare un’occhiata ai sondaggi di Sky Tg24: la maggior parte degli spettatori sceglie la tesi sostenuta dal governo, di qualunque argomento si parli. Sono riusciti a convincere un sacco di gente che Craxi è stato un grande statista, che Berlusconi è stato sempre assolto, che i magistrati siano tutti comunisti, e ora stanno cercando di convincerci che siamo  tutti spiati. E c’è sempre un sacco di gente che ci casca e crede a queste balle, mondiali o non mondiali.
    Il calcio in Italia è una droga, e come tutte le droghe serve ad evadere dalla realtà, anche solo per un paio d’ore, anche se finite quelle due ore ci si ritroverà nella merda come e forse più di prima.
    Per cui si può ironizzare quanto ci pare su quanto siamo un paese di drogati di calcio, ma non veniamoci a raccontare che le leggi di merda vengano approvate solo quando c’è altro di cui parlare (come appunto un Mondiale di calcio), perchè dopo 16 anni dovremmo aver capito che alla maggioranza degli italiani si può raccontare qualunque cosa in qualunque momento, con buone probabilità che ci credano.

    Leo
    http://percvlator.blogspot.com

  6. Anonimo scrive:

    secondo me invece l’accordo della FIAT e’ necessario visto quello che succedeva nell’impianto.
    Altrimenti l’unica altra scelta è chiudere tutto e andare a produrre da un’altra parte.
    Non è possibile che la gente presenti il certificato di malattia il giorno dello sciopero nazionale, è una presa per il culo per tutti i lavoratori onesti.

    • Goldrake scrive:

      Guarda che la distanza tra lo scegliere il meno peggio e il pigliarlo un’altra volta nel culo è brevissima.

  7. Gorilla scrive:

    Sul “Fatto Quotidiano” c’è un articolo bellissimo in proposito: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2499482&title=2499482

    In ogni caso, ammettere che il capitale è più forte dei lavoratori è l’ennesima sconfitta… e non dimentichiamo che il CCNL dei metalmeccanici riguarda numericamente quasi solo la FIAT!!!!!!
    Disattenderlo per Pomigliano significa, simbolicamente, quasi dire che ormai è carta straccia!

  8. peppe scrive:

    sono ormai diversi anni che i CCNL sono carta straccia per milioni di lavoratori nel nostro paese.
    è normale, nessuno protesta!
    si manifesta solo quando l’azienda dove si lavora minaccia chiusure…
    e solo per la “propria” azienda….
    non c’è un’alternativa politica nè tantomeno una reale libertà sindacale.
    andrà sempre peggio.
    noi italiani non siamo più in grado di protestare CONCRETAMENTE

    • vinicio scrive:

      Eppure… Eppure davanti al giudice i contratti sono ancora legge e bisogna vedere come il datore di lavoro mette mano al portafoglio.. Certo, ci vogliono le palle per portarcelo davanti al giudice, e  il sindacato non ti incoraggia di certo.
      I diritti sono tali solo se chi ne è titolare li conosce e li  esercita, il resto sono chiacchiere.

  9. Lavrentij scrive:

    rimanendo in tema di mondiali, il fatto che non si siano verificati scontri di piazza in seguito alla continua campagna su raiuno per la serata “una voce per padre pio” è abbastanza espressione dei tempi…

    meno male che c’è la Corea del Nord

  10. Anonimo scrive:

    Scusate… non c’entra un cazzo, ma visto che l’avete anche nei link… quando prenderete una posizione sul caso Luttazzi? Mi manca la vostra verve a proposito…

    • due_calzini scrive:

      Luttazzi ha gia’ dato la sua risposta, che i giornali e i siti e i blog (che l’hanno preso a pedate in questi giorni) non riportano. E’ normale, come dice Monicelli gli italiani seguono chiunque, ma appena sbaglia, lo appendono per i piedi. Senza una cultura, senza una linea, crediamo di essere forti e belli cosi’, ci crediamo perfino combattivi di “sinistra”, ma alla domanda “che vuol dire “di sinistra”?” non sappiamo piu’ rispondere.
      Volgare, copione, chiamatelo come vi pare. Penso solo che sia un uomo come tanti ma che dia noia e faccia pensare: e quest’ultima cosa oggi e’ piu’ che necessaria.
      La risposta di Daniele:
      http://www.danieleluttazzi.it/node/743
      Le prove che lui aveva avvertito:
      http://www.danieleluttazzi.it/node/285http://www.danieleluttazzi.it/node/324

  11. ponceavela scrive:

    Accettare o non accettare…come la giri la giri lo piglian sempre nel baogigi i soliti deboli…ma se la Fiat ritorna ,ribeccherà anche i soliti aiuti statali ?! Perchè allora sarebbe puro sadomaso !!!
    L’unica battaglia persa è quella che si abbandona
    (Madri di Plaza de Mayo)