« | Home | »

La fede a strisce

20 luglio 2010

  • Con la prima striscia si vedono esseri invisibili che vivono in cielo, regolano la nostra vita e pretendono la nostra obbedienza.
  • Con la seconda striscia si crede che questi essere onnipotenti vogliano essere rappresentati da dei vecchi zitelli in gonnella, sessuofobi, omofobi, misogini e assetati di potere.
  • Con la terza striscia si possono vedere dèmoni con zampe caprine, ali da pipistrello e il forcone, pronti a piantarcelo nelle carni se nel corso della vita non facciamo i bravi.
  • La quarta striscia è indispensabile per poter continuare a  parlare di queste stronzate nel 2010.
Share

Tag: , , ,

30 Commenti

  1. Goldrake scrive:

    Tre considerazioni :
    1) A questo Alessandro Bottero non è venuto in mente che la critica abbia snobbato quel concorso forse perchè il fumetto religioso non è “diffusissimo” come crede lui e magari fa pure parecchio onco ?
    2) Veramente becero il collegamento con quella recensione di DZ… Indice di quanto sia meschino l’autore dell’articolo… Se avesse voluto essere obiettivo, doveva mettere il link di Wikipedia.
    3) Paguri, comunque sia vi cominciano a prendere come riferimento, quindi va BENISSIMO così. Ma suppungo lo sappiate già.

  2. Anonimo scrive:

    ma il fumetto religioso è quello che i preti danno da leggere ai biNbi dopo il coito?
    Nemo

  3. Idra di Lerna scrive:

    Questo tipo di fumetto è talmente diffuso che è la prima volta che ne sento parlare in 22 anni ad agosto. Sulla prodezza della recensione, poi, mi associo al Goldréic.

  4. Anonimo scrive:

    No No, in italia invece è parecchio diffuzo il fumetto religioso, forse non avete letto bene, è scritto verso la ventesima riga, dice proprio che ” in Italia esiste un mondo del fumetto ispirato alla religione molto vasto. Molto, molto, molto molto vasto.”
    Ecco, proprio molto molto molto.  Belli mi’ ‘gnoranti.

  5. Anonimo scrive:

    “misogini” no? non “misogeni”

  6. Bove scrive:

    l’autore della lunga recensione non ci ha palesemente capito una sega nulla, a parlarne con simpatia non volendo immaginare fini diversi…recensione troppo lunga per non sospettare un certo disagio e accanimento di fronte a un’opera coraggiosa e ben scritta, a mio parere.
    Forza Paguri, qualcuno comincia ad aver paura!
    ps: non ho capito quelle strisce di dolcificante…

  7. jahtiz scrive:

    dall’articolo pensavo si volesse nascondere ai più scomodi e brillanti fumetti che provano a ironizzare sulla religione come non è permesso fare sui grossi media di consumo, quindi un po’ come fanno i PagUri (ma anche Disegni e Vauro),
    invece guardando i titoli in concorso sembrerebbe che siano tutti fumetti da il “Giornalino”, di quelli che raccontano le gesta di Santi e uomini di fede..
    no??

    tiz.

  8. jahtiz scrive:

    per desiderare di essere fustigati con vergate sulla schiena, indossare cilici, digiunare giorni interi, recarsi a santuari per interi chilometri strisciando sulle ginocchia, privarsi di piaceri sani e naturali…
    per questo invece non serve alcuna striscia? è indole masochista?

    tiz.

  9. jahtiz scrive:

    O.T.
    questo blog ha la presunzione di trattare con ironia e comicità temi di attualità e politica e cazzi propri…

    ma per una volta mostriamo un po’ di umiltà difronte a cotanto arguto umorismo espresso dal presidente della provincia di milano Podestà che, con questo esilarante riconoscimento, ha insignito il solito premier di un premio ad-personam:

    “Statista di rara capacità, conduce con responsabilità e lucida consapevolezza il Paese verso un futuro di donne e di uomini liberi che compongono una società solidale fondata sull’amore, la tolleranza e il rispetto per la vita”
    … e scusate se è poco!!!!!

    by tiz
    che si scusa per il triplo messaggio di fila.. (certo che se però devo far tutto io qui!!!!)

  10. Anonimo scrive:

    Mi fate un favore e fate mettere a Lopo (se non è già così per tutti i link del sito, ma non mi pare) un nofollow su quel link, in modo da non dar page ranking e popolarità a simili pagine di merda? Thx…
     
    E poi lo sapete: “tanti nemici…” :P!

  11. Sydbarrett76 scrive:

    ossignùr ancora esiste Il Giornalino????
    me lo ricordo dalla scuola delle suore, era più tossico dell’Agente Orange, veramente una cosa inguardabile…

  12. Anonimo scrive:

    Complimenti vivissimi ai Paguri, una recensione di tal guisa è  un titolo di merito, da fregiarsene orgogliosi!
    Diociliberi

  13. paguri scrive:

    Ad onor del vero,  si sono sentiti in dovere di farne due, di recensioni.

    http://www.ubcfumetti.com/italia/?20006

  14. Anonimo scrive:

    Me lo ricordo anch’io il Giornalino: mi ci sparavo le seghe sognando di trombarmi Nicoletta abbu’oritto

  15. BondValeria scrive:

    LOADED BIBLE 2. IL SANGUE DI CRISTO. DovevatE pensarci prima voi, a un titoLo così. 

  16. Anonimo scrive:

    Ci saran anche state puttanate sul Giornalino, ma anche Gianni De Luca, Sergio Toppi, Claudio Nizzi, Attilio Micheluzzi, Giancarlo Alessandrini, Massimo Mattioli, Lino Landolfi, Tiziano Sclavi… se uno dice che è un pezzo di storia del fumetto italiano, dice soltanto la verità.
    Capisco che uno che si firma SydBarrett è per forza con il cervello in acido, ma se sono inguardabili i signori di cui sopra…
    Marzio

  17. Idra di Lerna scrive:

    Anzi, aspettate: a dire il vero un fumetto profondamente e palesemente ispirato alla religione l’ho già visto.
    Ma per motivi che non riesco a spiegarmi non credo che il Franz di Altan faccia parte dell’empireo del Bottero. °_°

    • Anonimo scrive:

      Diobbbono lo ricordo anche io…veniva pubblicato a puntate su Linus  25- 30 anni fa o giù di lì…solo che allora non lo capivo (causa giovanissimissima età – ero alle elementari). quando anni dopo ritrovai quelle copie mi resi conto del valore dell’opera!
      Nemo

    • Anonimo scrive:

      questa è una delle storie a  fumetti più belle che abbia mai letto.. tutt’ora una delle mie preferite!
      grazie quindi al famoso quotidiano che lo ha ripubblicato nella sua collana de “i classici del fumetto” (in mezzo a tante altre cagate.. ma questi son gusti personali).
      Franz è un fumetto che rileggo almeno una volta l’anno!

  18. Cimoski scrive:

    domanda ma il gentili della critica feroce è un prete mancato? un ateo deovoto? o un semplice e feroce crociato del XXI secolo?

  19. Anonimo scrive:

    Ho fatto un giro sul sito Fumetti d’Autore:  sono in tutta evidenza dei poveri mentecatti.
    Ale

    • Anonimo scrive:

      Tra baciapile e bulletti che strillano come isterici hanno proprio una bella direzione editoriale…

  20. Anonimo scrive:

    Ma il mentecatto che scrive i commenti leccaculo (“si signore direttore, certo signor direttore, la penso pure io così signor direttore” e via slinguando chiappe) è lo stesso che ha 20/30 identità diverse su internette e che si era aperto un blog dove si firmava con i nomi de gerarchi nazisti morti ?
    Che poi si è scoperto che vendeva su internet (su due blog) corsi online per preparare l’esame da avvocato o magistrato e che poi hanno scoperto che lo avevano bocciato 4 o 5 volte di fila all’esame dell’ordine ?

  21. peppe scrive:

    co’ quelle strisce là visioni non se n’hanno. perlomeno si spera!
    quella roba là è ormai la base dell’economia italiana e non solo…

  22. Kanna Shirakawa scrive:

    a propo` di gerarchi nazisti, interessante il refuso a meta` della recensione, dove si parla delle radici (e daglie con codeste radici) del fumetto mondiale ecc ecc e  “itlaiano” … questo itlaiano suona molto simile al nome dell zio itle, lapsus freudiano?