« | Home | »

Della maturità.

11 dicembre 2010


Crescere, a volte, vuol dire anche prender coscienza di alcune cose, per lo più spiacevoli, ed imparare ad accettarle o a chiamarle con il loro nome.

Babbo Natale non esiste, per esempio.

Tantomeno Dio.

Neanche la Befana esiste. Quella brutta vecchiaccia che vi pare di ricordare mettesse i suoi doni in una calza, quando eravate bambini, era vostra madre. Con rispetto parlando.

L’oroscopo è una cazzata. Sì, anche certe caratteristiche caratteriali dei vari segni lo sono. Basta, smettetela con queste minchiate, siamo nel 2010, cazzo. No, non vogliamo sentire altro, ora ci tappiamo le orecchie… blablablablabla… lallallallallallallà… parlate, parlate, tanto non sentiamo.

Il Governo non cadrà.

Ma davvero credete che una banda di sguatteri, che ha sempre seguito fedelmente il capo in tutti questi anni, che ne ha sempre sostenuto le più vergognose leggi e sortite, improvvisamente si sia ravveduta e senta il dovere di battersi per la legalità? Dai, siamo grandi, ormai, e crescere, a volte, vuol dire anche prender coscienza di alcune cose, per lo più etc… etc…

Quindi, di fronte a una manica di inetti senza qualità e senza ideali, altrimenti destinati al massimo alla carica di parcheggiatori abusivi, e invece sollevati da una vita di favoritismi, leccate di culo, piccoli traffici e prepotenze in modo da poter campare di rendita in parlamento con l’unico interesse di restarci il più possibile; ebbene credete che questa manica di inetti sia così difficile da comprare, corrompere, ricattare?

(Eppure abbiamo sperimentato Mastella, e non trent’anni fa).

Ma davvero sperate che il Partito Democratico possa costituire un’alternativa a questa maggioranza?

Ma davvero lo spettacolo offerto in questi mesi (in questi anni) dalla nostra classe politica, compreso la chiusura di Montecitorio per la campagna acquisti di questi giorni, non vi fa schifo?

E basta, dai, a quest’ora dovremmo essere cresciuti abbastanza. Almeno per chiamare le cose con il loro nome.

Per esempio: l’Italia, senza se e senza ma, è diventato ma un bel Paese di merda, lascia fare.

Madonna put#§**#na.

Share

Tag: , , , , , , , ,

18 Commenti

  1. Bird scrive:

    Il non ascoltare facendo “lalallalalà” mi ha ricordato molto un dotto la ruTTa vs. Odifreddi (o “oddofredde”, come dice lui).

    Per il resto mi pare che il paese fosse già assai di merda da un pezzo, eh… E chissà che non ci siano nuovi mastella, già che lo citate, a vantarsi di aver un contratto con berlusconi per chissà quale infamata, mh…

    Edit: oh, ecco il reperto video, si preghi apprezzare l’ars oratoria di questo principe del foro, altro che parcheggiatore abusivo!

  2. StranaMente scrive:

    Stending Ovescion (nel senso che allungo uova).
    Sono d’accordo quasi tutto comunque, l’unica cosa è che penso che cadrà, intendiamoci, non per i motivi che dicono loro, ma perché è venuto il momento di mettere qualche nuovo mangiapane a ufo dentro.
    Nuove elezioni farsa e pronti per un altro giro di giostra.

  3. Alessio scrive:

    Mi unisco al “madonna put#§**#na”. Purtroppo avete ragione. L’italia è un gran paese di merda e io, studente di 18 anni, appena prendo il diploma me ne vado a fare l’università in un qualunque altro posto del mondo, basta che non sia questo “paese”.

    • Ste scrive:

      madonna put#§**#na a me pare riduttivo. Non dimentichiamoci di dio né di gesù.
      Ste

  4. SpaceMax scrive:

    certo, non credo che quell’insieme di stronzi si sia ravveduta, ma sono portato a pensare comunque che il nano sia finito e loro, come topi, stiano semplicemente scappando dalla nave che affonda. Speriamo crepino tutti!

  5. Hagar The Horrible scrive:

    Credo che se ci sarà un “rinnovamento”, o un “giro di culi sulle poltrone”, (perchè crescere, a volte, vuol dire anche prender coscienza di alcune cose, per lo più spiacevoli, ed imparare ad accettarle o a chiamarle con il loro nome) Il NazioNano sparirà.
    Craxi docet, e d’altra parte è davvero difficile che riesca a fare altro.
    Di nuovo imprenditore, ma senza protezioni? No.
    Di nuovo in politica, ma alle “dipendenze” gerarchiche di qualcun’altro? Ma che, scherziamo?
    Rimane da vedere dove andranno a finire le “facce solite” e fare attenzione alle “facce nuove”, se ve ne saranno.
    Per mandare affanculo TUTTI, come ovvio.

    • stefano scrive:

      non oso pensare allo schifo provato dalle poltrone,a vedersi stampato in faccia quella fetenzia di culi giorno per giorno….(conato)

  6. vraie scrive:

    avete detto molte cose giuste e, con quelle cose giuste, promosso un grande, INARRESTABILE dibattito;
    c’è un sensibile progresso, acquisizione di coscienza di se’, del cambiamento della società … che potrebbe persino condurci a INCRINARE i vetri dell’auto blindata del nostro Primo Ministro, come hanno fatto i ragazzi poveri di Londra;
    — e se Berluskoni se ne va … lo potremo fare al nostro Secondo Primo Ministro … se occorre al terzo, in auto blindata
    OTTIMO LAVORO!!!

  7. JaneK scrive:

    Il nano e i sottonani cadranno solo quando il vatik-ano deciderà di emettere il peto decisivo.  Vedo un Casini già pronto per Palazzo Chigi. 

  8. Dr.Gonzo scrive:

    veramente un paese di merda, e non vedo neanche cambiamenti all’orizzonte, non a caso me ne sono andato a marzo del 2008, giusto prima delle elezioni. l’unica cosa che mi dispiace è di non verlo fatto anni prima…
     
    mi unisco sentitamente all’invocazione alla madonna

  9. juri.natucci scrive:

    Allora per avvicinarci al santo natale (già festa pagana riciclata), possiamo dire che i servi di sirvio è una fortuna che siano in parlamento, perché difficilmente potrebbero essere reimpiegati in altre mansioni, a parte qualche pottone da calendario ovviamente; per loro è sempre natale (in questo caso il lavoro svolge una funzione sociale). Sarebbe già notevole gli levassero gli stipendi e i favori che hanno, ma certamente nessuno di loro voterebbe una legge suicida. Parcheggiatori abusivi dite? Ma al massimo a svuotare il bottino a mano o anche pensionati con la minima… Comunque sono espressione, oltre che di un paese di merda, di gente di merda, che li hanno votati.

  10. Alessia scrive:

    Ce lo meritiamo, questo paese.
     
    Deve sprofondare cazzo.
     
    La prossima volta voto Lega. Voglio che succeda una cazzo di rivoluzione, porca puttana.

  11. Colui che per colei colava scrive:

    Tranquilli: possiamo chiedere sempre asilo poitico in vaticANO. Volete che Beppe 4 X 4 ce lo neghi? A noi così-pii-e-morigerati-che-più-pii-e-morigerati-non-si-può? Ma dai!

  12. slobodan scrive:

    Prepararsi all’ennesimo colpo d’ano:
    Lunedi prende la fiducia con saldo addirittura positivo per un paio di unità
    subito dopo si dimette
    e chiede al Napoletano le elezioni anticipate
    e le rivince

    a quel punto si prende
    ci si ritrova tutti insieme
    ci si da una data un’ ora e un luogo
    e si mangia e si scopa le puttane di fila finché non si more
    e vaffanculo
    vaffanculo
    vaffanculo

  13. Raffaello scrive:

    Se ne vadano tutti affanculo. Io ho quasi preso la carta verde in USA e vi cao ner petto.

  14. Gianni scrive:

    Io scommetto 20 fantaeuro che non cade.
    Ma anche se cade … sinceramente non ci sto capendo nulla, non riesco a interprepare questi giochetti politici, nel mondo vero, nella vita vera non avrebbero senso, hanno senso solo nel palazzo, ma soprattutto e inutile interpretarli … tanto gli scopi finali quali sono li sappiamo … potere, soldi, fare il cazzo che gli pare …
    Giuro se avrò un figlio spenderò soldi e risorse per fargli impare le lingue, almeno avrà l’opzione di andarsene.
    Ciao Paguri, vi amo come sempre (eterosessualmente parlando naturalmente).

    • Kanna Shirakawa scrive:

      da qualche anno sto rompendo i cojones ai miei, di figli: le lingue, imparatele un minimo, anche alla cazzo, ma fatelo, che appena siete cresciuti e se come spero non vi si e` atrofizzato il cervello, da qui scapperete come se aveste il fuoco al culo

  15. GloriaACosoNADC scrive:

    Concordo e rincaro la dose di bestemmie oscene e altisonanti.
    Ma comunque voglio sottolineare come la colpa di avere un paese di merda in questo modo sia anche, anzi soprattutto, nostra. Magari non del singolo che scrive o visita questo forum, ma degli italiani. Perchè questa gente lì alla fine ce l’ha messa il popolo italiano, non è venutò Gesù bambion (o Mazinga anche) dal cielo a metterceli a governare.
    Ora però il problema è che io l’ho in culo e voi pure. Icchè si fa?
    La tristezza + grande mi viene dal non saper rispondere a questa semplice domanda.