« | Home | »

Beati loro.

2 maggio 2011

Venerdì 29 aprile: treno Livorno-Roma Termini.

Entriamo (noi due e Francesco Ripoli) nella carrozza e individuiamo i nostri posti. Siamo accanto ad una ragazza che attacca subito bottone, chiedendoci di aiutarla a fare alcune operazioni con il portatile e raccontandoci cose della sua vita delle quali, ovviamente non ce ne frega un cazzo.

Comunque ci racconta di essere una maestra elementare (precaria, ovviamente) e di andare a Roma, con tanto di sacco a pelo per dormire chissà dove (dice che Ratzinger aveva promesso di lasciare aperte alcune chiese per far dormire i pellegrini) in occasione della beatificazione di Giampaolo Due.

Ci tratteniamo da qualsiasi polemica per mancanza di voglia, limitandoci a dire che effettivamente a Roma dovrebbe esserci un bel casino, visto anche la concomitanza del concerto del primo maggio.

Lei, perplessa, ci domanda: “Perché, cosa c’è il primo maggio?”

“Il grande concerto in piazza S. Giovanni”, rispondiamo noi.

“Un concerto? E perché? Per quale occasione?”, replica lei.

Ecco, gente come questa vota e insegna ai nostri bambini.

Questo è un problema, e anche grosso.

Domenica 01 maggio, ore 21: treno Napoli – Sestri Levante.

Torniamo da Napoli con l’intercity 522 che avrebbe dovuto scaricarci a Livorno alle 22;45.

Alle 21,00 il treno si ferma a Orbetello a causa di un incendio sulla linea, nei pressi di Talamone.

Fermi su un binario deserto senza che nessuno sapesse dirci se e quando saremmo ripartiti.

I moccoli salgono furenti verso il cielo, accompagnati dagli sguardi smarriti delle due signore di mezza età, di ritorno dalla beatificazione di GP2, sedute di fronte a noi.

Ad un certo punto, sul binario accanto al nostro, si ferma un treno delle Ferrovie Slovacche, carico di pellegrini che, ad un certo punto non trovano di meglio da fare che mettersi a celebrare una messa, con tanto di sacerdoti, all’interno del vagone.

Probabilmente se fossimo ripartiti all’istante, avrebbero pensato ad un secondo miracolo di John Paul 2.0.

E forse, quando, dopo tre ore (tre ore, cazzo! In Giappone, per lo tsunami, i treni hanno ritardato di meno) siamo ripartiti, avranno ringraziato il cadavere di Papa Woobinda, invece di accusarlo di portare merda come abbiamo fatto noi.

Ma vabbè, siamo fatti in tanti modi e va bene così.

Quello che vogliamo dire è che non riteniamo sbagliato beatificare, santificare o anche elevare a super Saiyan Giovanni Paolo, il Dr. Strange o chiunque altro, anche Herbert Prohaska, se ritengono giusto farlo.

Sono cose che fanno parte di un gioco di ruolo al quale noi ci rifiutiamo di giocare e del quale ignoriamo le regole.

È il loro gioco, ci giochino tra loro, come meglio credono.

Non ci disturbano gli ottusi, idolatri pellegrini che accorrono alla beatificazione come si va in trasferta a vedere una partita o la domenica a martirizzarci i coglioni all’Ikea. Per noi queste cose hanno lo stesso identico valore. Se la cosa non disturba loro, figuriamoci noi.

Ci fanno schifo però tutti i politici che accorrono a leccare il culo in cerca di supporto e visibilità. Ci fanno schifo i personaggi famosi (attori, sportivi, cantanti, etc…) che fanno lo stesso per il medesimo motivo.

Ci fanno schifo i quotidiani e i settimanali più importanti che dedicano intere pagine all’evento, cercando di allargare  e imporre il fanatismo acritico dei fedeli a tutti i loro lettori, con articoli e foto celebrative dell’evento e dell’uomo.

Non discutiamo la beatificazione o meno, come fa ad esempio il nostro amico Rrobe. Per noi il titolo di beato vale quanto quello di incantatore del III livello in D&D. Non giocando a D&D, ci importa francamente una sega.

Discutiamo però il fatto che si stia cercando di far valere le regole di questo gioco di ruolo anche a chi non ha nessuna intenzione di giocare.

E stare a contestare l’opportunità di beatificare un uomo come GP2, la cui opera in vita è sicuramente discutibile se non disprezzabile, significa accettare implicitamente le regole del loro gioco.

Parlarne, anche male, anche criticando, significa accettare di vivere nel loro mondo di merda.

Finché rimangono a giocare sul loro vagone, come i sudati pellegrini Slovacchi di cui sopra, facciano pure cosa gli pare.

È quando pretendono di imporre e insegnare le stesse regole nelle nostre scuole, nella nostra società e nella nostra vita, come la demente del primo treno, che ci fanno veramente incazzare.

Per tutto il resto non meritano niente di diverso da una bella presa per il culo.

Share

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

48 Commenti

  1. AleSala scrive:

    Amen, reverendo.

  2. Alessio scrive:

    Giusto per c*c*r* il c*zz*, intendevate venerdì 29 APRILE…

  3. PERCVLATOR scrive:

    La battuta del Super Sayan era venuta anche a me…c****, sto cominciando a ragionare come lorsignori, la cosa è preoccupante (o incoraggiante, a seconda dei punti di vista).
    Ad ogni modo io della beatificazione non so nulla, c’erano cosa ben più importanti a cui pensare, questo week-end: io ho ancora le lagrime agli occhi pe’l matrimonio del principe di belèir con Kate (ma è la stessa Kate che ha fatto Lost, giusto?).

  4. stefano scrive:

    tutto il mio rispetto!
    bellissimo post. da condividere!

  5. Jinx2 scrive:

    Unica domanda sul reportage : quando la tapina vi chiedeva perchè il concerto, per quale occasione si facesse, non v’è venuta la tentazioen di riponderlgi ” x sonare il tegame di tu ma” o similari ?

    Se si, come avete resistito alla tentazione ?

    2 me avete invocato San Giampi 2 ….

    😀

  6. Luca scrive:

    Beh, ma il loro gioco di ruolo utilizza soldi veri e luoghi veri, a differenza di D&D, quindi controlla un pezzo del mondo vero molto più ampio di quello di D&D. Vedi il ruolo che l’amico in bianco di Pinochet ha svolto nella dissoluzione dell’URSS (non da solo, ovviamente).
    Tra un po’ di anni forse WorldOfWarcraft potrà muovere un giro economico simile, ma per ora è piuttosto indietro.
    Quindi, putroppo, noi (e il TG) ce ne dobbiamo occupare: quel che pensano, dicono e fanno i master di quel gioco di ruolo influenza il mondo molto di più delle stesse attività fatte dai master di D&D.

    • Paguri scrive:

      Sì, ma il titolo di Santo è un titolo che vale solo nel loro mondo virtuale.

      Nel mondo reale, tra persone reali, non dovrebbe valere una sega.

      Quindi possono fare santo chi cazzo gli pare, tanto per noi non vuol dire un cazzo.

      Diversamente sarebbe se lo avessero nominato, che so, Presidente del Consiglio o Direttore della Rai.

    • Bird scrive:

      Io contesto sempre con forza i presunti meriti nella caduta del comunismo: Gorbacev era lì a rosolare le salsicce? Mah…

  7. Ecco, mi chiedevo anch’io: per qual motivo dire che, siccome è stato amico di dittatori, allora non è bello farlo santo, pardon beato? Perché, se invece fosse stato una brava persona, era d’uopo? C’è qualcosa che mi sfugge.

    • Ila scrive:

      Me lo sono domandato anch’io, ma a quanto pare tanta gente ha ritenuto opportuno chiudere un occhio, anzi tutti e due, sulle amicizie di Wojtyla.

      (Ah, sto leggendo ‘Memorie di un esorcista’ di padre Amorth. Fa ridere un sacco, anche se in modo involontario)

      • Valeria scrive:

        Mattiddirò, Ila, per dirla con le parole dei nostri cari amici, a me ‘mporta sega. Non è né il primo né l’ultimo capo di stato che si è accompagnato allegramente ai peggiori assassini. Se poi questa questioncina qua abbia a che fare con il suo upgrade a beato, è una cosa che importa solo a quella pittoresca figura che si chiama avvocato del diavolo (ammappela che cultura di diritto canonico che ho, ah?).

        • p.s. faccio notare che per restare basiti di fronte alle beatificazioni non è manco necessario essere dei miscredenti come noi. Sarebbe sufficiente essere, chessò, dei cristiani protestanti. A qualche ora di macchina da qui, per dire. Per dire.

  8. Ibarruri scrive:

    Avrei pagato (metaforicamente) per vedere le vostre facce davanti alla Messa Vagonale e alla cattolica maestrina…
    Però scusate, vi è per caso sfuggita la (casuale?) concomitanza con il matrimonio del principino William? I giornali rosa sono in visibilio, dal parrucchiere non si parla d’altro… Papa e Re, signori, hanno determinato quelli che sono stati definiti come “gli eventi del secolo”. Secolo ventunesimo, mica dodicesimo. 
    Amen.

  9. juri.natucci scrive:

    Intanto D&D è parecchio bellino… Comunque papa mazinger & company fanno il loro mestiere molto bene: vedrai che il problema d’andà a lavoro, soprattutto precario, un ce l’hanno. Poi se tanti precari gli piace andare a vedere i giuochi di prestigio del vaticano, vorrà dire che si meritano solo quello. Interessante sapere delle chiese messe a disposizione per i “pellegrini”: avello saputo e armandosi di raudi e topimatti c’era da divertirsi… Ancora più interessante il treno che si ferma per una foata: per davvero se lo tsunami fosse capitato qui, bisognava scusarsi noi dell’operato del (buon) dio, invece di scusarsi gli organizzatori del servizio che non servono (i giapponesi sono proprio indietro: nel giro di una settimana avevano già ripristinato il 90% dell’autostrada). Per la cronca esiste una, seppur teorica, possibiltà di rimborso di almeno una parte del biglietto, ma è roba vista al bubbocine…

    • Paguri scrive:

      Caro, dolce Juri, anche noi, ingenuotti come te, siamo andati IMMEDIATAMENTE alla stazione di Livorno per chiedere almeno un rimborso parziale del biglietto, ma ci hanno preso a ruti ner muso, adducendo come scusa il fatto che se la causa non è imputabile a Trenitalia di questa minchia, ce la pigliamo colà, dove il sole non bacia le gote belle.

      O mettici un toppino.

  10. Linda scrive:

    “Chi crede di avere la Verità Assoluta puù essere molto pericoloso” – Giorgio Villella ex segretario UAAR.
    Infatti, poi vogliono propinarcela anche a noi, come i crocifissi nelle scuole, e un mucchio di altre stupidaggini (superstizioni).
    Comunque… discorsi seri a parte, avete avuto un bel culo con le FFSS: ritardi, messe nei vagoni, passeggeri che sapevano una sega del 1° maggio. Ci voleva Don Zauker con la sua Luger!

    • Bird scrive:

      Hai la mia stima per la citazione di Giorgio, pure assai simpatico, ma un po’ me la perdi se hai sempre avuto gran culo con i treni, al punto da parerti cose fuori dall’ordinario le loro comunissime peripezie, sigh…

  11. lo scemo in fuga scrive:

    Deh…vorrei far notare un par di cose:
    1-Il foco sui binari ve l’ha mandato il signore per punizione; paro paro come lo tsunami sui Giapponesi, del resto. E se lo sostiene il vicepresidente del CNR, venitemi n po’ a dir di no, bellini. 
    2-il blogghe sta scadendo di livello: vi siete scortati anco la taglia delle minne della pellegrina. Eppure potrebbe spiegare un par di cose: a) perchè avete dato consigli sul portatile alla maestrina; b) perchè non ci riportate la vostra reazione a cotante parole.

    Deh…fate un po’ voi. 

  12. ienaplisken scrive:

    Naturalmente il tutto è stato scritto prima che il Babbo Natale Cattivo fosse fatto secco dai Navy Seals. Cosa pensate della limpida presa di posizione dell’onorevole Biancofiore (nomen omen) che per vostra comodità vi linko?
    http://www.agoravox.it/+Bin-Laden-Biancofiore-PDL-Miracolo+.html

  13. grisu451 scrive:

    giusto una precisazione da nerd: da incantatore III livello in D&D lanci “raggio rovente” ed incenerisci sul posto una persona comune in 6 secondi netti. Woobinda in vita al massimo lanciava “catetere divino” e col parkinson non ci prendeva neanche…

  14. Nicola scrive:

    Caro don Zauker… potevi esorcizzare la prima pellegrina con un bel “Sandeibladisandei”!!!

  15. Carlo scrive:

    Conosco le regole, ma semplicemente non voglio giocarci.

  16. Tino Bombarda scrive:

    non son d’accordo per una volta.  a me sta beatificazione m’ha fatto girà i rognoni e non poco, fosse solo perché io ERO a roma (a portare in gita una masnada di studenti ammeregani) e a parte la sercola di moccoli per i pellegrini che intasavano le strade e la metro cantando cori da stadio su giampaolo due, a cena ho dovuto sganciare per una pizza surgelata pennymarket (come da menu) e una birra media sgasata 33 euri (ha pagato la scuola, vabbé ma fa girare i coglioni lo stesso)!

  17. Dave scrive:

    penzambò che io son passato in mezzo alle fiamme tornando a Roma, e pensavo fossero fochi celebrativi di salcazzo  che festa.
    Giunto a Roma, scopro che han pensato bene di chiudere la fermata metro di Termini, biastimo Gianpy2 appena upgradato e mi avvio petando a piedi.
    Solidarietà littoria, Paguri, la Fiamma dà, la Fiamma toglie.

  18. Swami P scrive:

    idoli come sempre, bimbi!!!

  19. lou scrive:

    i telegiornali del 1 maggio parlavano di un principe che si sposava,di un papa beato e di una guerra in mezzo mondo,e io che pensavo di essere nel 2011. p.s. se si doveva beatificare qualche polacco sarebbe stato piu’ giusto farlo con  chopin,o al limite boniek

  20. CastigaGobbi scrive:

    boniek tutta la vita, il miracolo del rigore fuori dall’ area è un qualcosa di fenomenale peddavvero! In più ha dalla sua 39 devotissimi!

  21. Davide scrive:

    “Ambulanza con neonato a bordo intrappolata tra i pellegrini e presa a calci”  dal messaggero
    Ma che branco di pecore idiote sono…………

  22. civis romanus sum scrive:

    A Roma, Roma, Ci sta un Pappa, che di soprannome si chiama maledetto sedici volte.
    Lo butteremo giù dal trono, di papi a Roma non ne vogliamo più.
    Lo butteremo giù dal trono, di papi a Roma non ne vogliamo più.

  23. Lampo scrive:

    Carissimi, sono il rasta di Napoli, uno dei millemila presenti alla conferenzina del venerdì.
    Che dire del vostro album? Eccezionale, e facciamo prima.
    Anche la mia ragazza ne ha goduto. Bravi.
     
    Si attendono ancora le rivelazioni!
     
     

    • Paguri scrive:

      Caro Lampo-rasta, grazie a te e gentil signora per aver sgomitato per partecipare all’incontro di venerdì, a costo di venire schiacciato dalla folla, e grazie per il gradimento.

      A breve le rivelazioni, che comunque son già su internet.

      Ciao e alla prossima.

  24. chiara scrive:

    mi hanno riportato anche i termini carcassa e carogna. ho riso.

  25. Amanda Merli scrive:

    Dyobaubau che viaggio di merda, porelli! ahahaahahahahah!!

  26. nowayout scrive:

    porca troja, ragazzi!

    Il riassunto di quelle 2 giornate pare un racconto horror. Per non parlare della maestrina. Ma come avete giustamente sottolineato voi, al di fuori dell’interesse pari a zero che possono suscitare tali persone, resta il fatto (fatto grave) che codeste persone VOTANO. E, come nelle peggiori trame drammatico-horror-apocalittiche in alcuni casi insegnano pure ai nostri figli (vostri..scusate.. io non ne ho ancora.. e se l’italia va avanti così, ho dei forti dubbi)

    Che dire? Mah.. forse la cosa che ripeto e consiglio sempre a tutti, e cioè, chi può, deve cambiare paese.

    Non vedo speranza in un popolo che, oltre ad avere un gap culturale enorme rispetto agli altri paesi europei, sta (ri)tornando (o forse non si è mai realmente spostato da li) ad antiche credenze e rituali che riportano allegramente al fantastico Medioevo, dove un gatto nero che attraversa la strada cattura più la nostra attenzione rispetto ad un buon libro..

  27. flavia scrive:

    Mai analisi dei primitivi cristiani fu più giusta!
    http://www.laydo.it/?p=1887
     

  28. giovanni scrive:

    scusate l’OT, ma morivo dalla voglia  di sapere cosa ne pensate voi due del dio di Mulholland Dave
    http://lario3.splinder.com/

  29. vinicio scrive:

    Io davanti al feretro di GPII mi aspettavo di vedere Van Helsing con tanto di paletto di frassino regolamentare…

  30. Geppo scrive:

    Tutto vero, in tutta franchezza questo teatrino ha dato fastidio anche a me. Il fatto è che a me fa cagare a spruzzo il calcio, lo odio alla stessa stregua della messa. Odio ricordare l’Heysel, vedere la devastazione vicino allo stadio tutte le settimane che c’è una partita, ogni tanto qualcuno che ci lascia la ghirba perché si è picchiato con gli ultras… certo, le due cose non sono paragonabili ma perché del calcio nessuno non dice mai nulla? Non ho mai sentito un cristiano lamentarsi del Milan primo in classifica. Eppure a me il calcio sta tanto sul cazzo… per tutte le volte che ho fatto tardi a causa dei treni pieni di ultras. Quelli si, ecco, quelli vanno bene – tutte le settimane, ad ogni partita che infogna la città tutto il pomeriggio; quella non da fastidio a nessuno. Ma i pellegrini, una volta l’anno devono scoppiare. Italiani, non li capirò mai: né i cristiani né i fissati del calcio.

    • SpaceMax scrive:

      ecco, la penso esattamente come Geppo, anche perchè poi, tutto questo è a nostro carico e a me di pagare i celerini perchè proteggano questi miliardari, mi rompe romorto i ccoglioni

  31. Kappa scrive:

    Oibò, urge immantinente post nuovo… e dire che gli argomenti di attualità non mancano affatto!
    Questo blog langue! =)
     
    Kappa

  32. woytila88 scrive:

    Povero Satana, oramai legge anche lui don zauker: ecco un interessante dialogo, tra il principe delle tenebre (sotto le spoglie di un pirata morto, ancora un omaggio chiaro e lampante ai paguri) e un esorcista………http://xoomer.virgilio.it/armusci/pirata.htm imperdibile, soprattutto dove si scaglia contro politici e musulmani

    • woytila88 scrive:

      in questo passaggio poi pagani meriterebbe di rivolgersi al Tribunale competente per manifesto plagio:
      “Nell’Apocalisse si parla di una piaga dolorosa e maligna che comparirà sugli uomini che recano il marchio della bestia e si prostrano davanti alla sua statua. Si tratta di una piaga fisica? Rispondi nel nome di Dio!” lo interrogò l’esorcista.
      “Non te lo dico!” replicò sogghignando l’anima dannata.
      “Invece lo devi dire in quanto si tratta di Sacra Scrittura. Rispondi in nome di Maria Santissima!”
      “Sììì!”

  33. Iccia scrive:

    Sì sì,ma a chi la volete raccontare…siete ma andati a rendere GRAZIE a sua futura Santità JP(Gautier)2 per il vostro inspiegabile successo!
    E sulla via del ritorno,visto che col treno in corsa era difficile pregare ammodino la Madonnina del Pendolino,avete tirato il freno d’emergenza(e le signore davanti a voi du’freni a mano nella rena) per celebrare una breve messa di ringraziamento di 3 ORE con susseguente autoflagellazione e multa per supplemento rapido.
    Questa è la sacrosanta (W la Madonna!)verità,altro che cazzi

  34. Gianni Danese scrive:

    parole sante… ops!!