« | Home | »

Impedimenti legittimi

7 giugno 2011

Nonostante l’accanita opera di ostacolamento da parte del Governo e dei principali mezzi d’informazione (su invito del Governo); nonostante la decisione, sempre del Governo, di non accorpare la votazione con le amministrative per portare i coglioni dei cittadini sotto i malleoli; nonostante le domande siano formulate in un dialetto misconosciuto dell’antico cimmero per impedirne la comprensione; nonostante la formula abrogativa, utile solo a imbrogliare le carte e far votare il contrario ai superficialotti/disinformati/rincoglioniti/capre/Trota (una fetta decisamente cospicua, nel nostro Paesello); ebbene, nonostante ciò si sta creando una notevole comunità di persone decise ad andare a votare al referendum del 12 e 13 giugno.

Ora, perché sia anche solo preso in considerazione occorre che partecipi la metà più uno degli aventi diritto.

La domanda è: sai ganzo se partecipassero davvero solo la metà? Cioè, proprio la metà precisa precisa. Quell’uno che fino all’ultimo è rimasto indeciso e poi non è andato, quanto si sentirebbe stronzo?

E allora ci rivolgiamo a quell’uno.

Che magari, al contrario dei nostri governanti e dei loro fedelissimi ultrà lobotomizzati, è anche una persona in grado di esprimere dei concetti in autonomia e senza seguire logiche di interesse e chissà, per dire, anche contrario al nucleare, alla privatizzazione dell’acqua e al legittimo impedimento, ma non va a votare semplicemente perché non ha voglia. Sì, se si trattasse di mettere un “mi piace” su Facebook per sentirsi a posto con la coscienza, non ci sarebbero problemi. Ma alzare il culo dalla sedia, uscire di casa, incontrare delle persone vere e mettere una croce su una scheda, proprio no. Troppa fatica, vero?

Però poi, sempre con il culo piantato sulla poltrona, davanti alla tv, è sempre il primo a criticare Berlusconi e i suoi patetici lacchè o a lamentarsi della qualità e del prezzo di un qualche servizio privatizzato (vedi: autostrade al sig. Benetton) e delle catastrofi nucleari, oltre che dell’inquinamento e dello smaltimento dei rifiuti tossici.

Caro palle,

lo sappiamo che domenica, se è tempo buono, si sta meglio tutto il giorno al mare fino alle 22:01, che due minuti scarsi in un seggio polveroso con le cartine dell’Europa del 1976 alle pareti; lo sappiamo che a metà giugno in genere fa caldo, si suda come orsi e pare disdicevole presentarsi in pubblico gocciolanti, con la fronte imperlata, la V di Vultus 5 di acqua e sali in pieno torace e le paludi di Swamp Thing sotto le ascelle e fra le palle/infratopa; sappiamo anche che dopo un intero anno scolastico il bimbo è stanco e merita la giusta ricompensa in termini di svago per la promozione con due debiti soltanto (variante: se è stato respinto pare brutto infierire, tanto vale consolarlo con la gita fuori porta); così come sappiamo che lunedì si rientra al lavoro dalla mattina alla sera ininterrottamente, senza pausa pranzo. Sappiamo infine che non è certo il tuo voto che fa la differenza. Su cinquanta milioni di aventi diritto, sei solo una goccia in una piscina.

Se tuttavia il referendum non raggiungesse il quorum e un giorno tu ti lamentassi, per esempio, del fatto che la bolletta dell’acqua continua ad aumentare per di più in cambio di peggioramento della qualità dell’acqua stessa; o che il fatto che quel reattore nucleare è troppo vicino a casa tua e i capelli che trovi sul cuscino non sono quelli del ganzo che ha trombato la tu’ moglie la sera prima ma i tuoi, che cominciano a cadere per via della leucemia; o se tu trovassi vergognoso che una casta di oligarchi si immunizzino (grazie al voto di schiavi, puttane e servi pagati in favori e incarichi) da una marea di reati, anche gravi.

Ecco, ora, in tutta onestà (ma sii sincero con te stesso, eh?) se ti sentisse uno che a quel referendum c’è andato, non avrebbe ragione a spaccarti il culo?

Questo solo per dirti che noi a votare ci andiamo.

Poi, casomai, se ne riparla, eh?

Share

Tag: , , , , ,

187 Commenti

  1. Pedro scrive:

    Io, da residente all’estero, ho già votato! 🙂

    E come me tutti gli italiani che vivono nella mia stessa città. Sai com’è, qui il Tg1 non si vede e la gente è ben informata…

  2. Bird scrive:

    Davvero caduta di stile per quel suggerire la legittimità di spaccare il culo, ma vabbè.

    La cosa peggiore per me resta l’avallare l’idiozia del pensare che i primi due referendum siano contro la privatizzazione dell’acqua, mentre si tratta solo del “vestito” di chi la controlla: “Se vincerà il no, non ci sarà nessun obbligo di privatizzazione, perché la legge non prevede quello. Se invece vincerà il sì, non ci sarà nessun divieto di coinvolgere privati”.

    Per maggiori informazioni, rimando a questi due link:

    http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002313.html
    http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002326.html

    Non mi spendo poi molto oltre per il discorso bollette dell’acqua, mediamente in Italia sono tra le più basse in Europa, si spreca una marea d’acqua per utilizzi a cazzo e tutto l’ammanco si butta come debito di enti pubblici sulle spalle delle generazioni future, ma qui son discorsi più ideologici che altro. Sulla validità dei punti che si vanno a votare invece non si scappa.

    Degnissimi di rispetto gli altri due quesiti, naturalmente, ma questo è solo demagogia fritta da parte o di chi non ha letto e compreso bene cosa vuole abrogare, o da chi smania in paranoie complottiste o da chi ci marcia in malafede. Siccome penso che non sia in nessuna di queste categorie la maggior parte degli utenti di questo sito, gradirei ragguagli in merito.

    • Link_Ulata scrive:

      Si spreca proprio perche costa poco…. quella al sud invece è una storia diversa, fanno SCHIFO le p.a senza se e senza ma. Li ho visti io lavorandoci nei cantieri che mettevano “pezze a colore” piu costose di un ripristino totale e razionale della rete idrica…..
      L’ipocrisia piu’ clamorosa sta’ nel fatto che a referendum passato e decreti abrogati , bisogna fare i conti con le direttive europee che impongono la partecipazione in quota parte nella gestione a spa di privati o enti non governativi. Ma questo lo sanno gli amici con la vista “ottenebrata” da Berlusconi? che tutte le mattine si svegliano e prima di andare a posare il pigro calco dell’intestino nella tazza dicono “dimissioni” “dimissioni” omettendo dimenticando o rinnegando che anche Bersani stava portandoci verso la privatizzazione. (cit. vuoti di memoria)
      Che amarezza 🙂

  3. Jinx2 scrive:

    Ragazzi, se dopo Fukushima si volta il culo stavolta al referendum x andare al mare siamo proprio nel terzo mondo …….

    Io per ora spero nella pioggia / frseco intenso per la domenica, tanto x stare + sul sicuro con gli italioti ….

  4. Hiei scrive:

    Non è che chi è convinto di cambiare la società o il mondo al solo costo di imbrattare foglietti di carta facendoci sopra il segno della croce sia diverso da quello che si lamenta e clicca “like” su FB.
    Con tutto il rispetto per le vostre opinioni, in questi rituali della religione che chiamate democrazia, per nulla differente dalle altre, non vi state certo battendo all’arma bianca per i vostri ideali, state solo dicendo che volete scritta una cosa piuttosto che in un’altra in un libro poveroso che dovrebbe “tutelarvi”, non si sa con quali poteri magici visto che è un libro – tipo la Bibbia, il Corano  o il Manuale delle Giovani Marmotte.
    Per essere chiari alle menti più semplici e innocenti, vediamo che cosa c’è scritto nel più sacro dei vostri democratici libri sacri:
    “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”
    Non credo serva aggiungere altro.
    (Ah, mi divertirei molto a sentire un certo tipo di fanatici che di solito abbondano a urlare al fascista o qualche baggianata del genere, ma non credo ci perderò del tempo quindi preventivamente sottolineerò il fatto che per il valore assoluto è la libertà e che sto solo facendo lietamente notare che se pensate che tutta la vostra responsabilità nella vita è recarvi ritualmente nei santuari della democrazia a fare il segno della croce sulle schede sacre, tanto vale andiate in Chiesa, che il risultato finale è uguale).

    • Bird scrive:

      Se ti consola hai la mia stima e questo voto che sarà orientato non da informazione, ma da opposti sciovinismi e fondamentalismi ideologici è una bella pietra tombale sulla democrazia… O almeno su quella che regala il diritto di voto indiscriminatamente a tutti <_<.

    • Paguri scrive:

      Ma nessuno (nessuno di noi) dice che andare a votare al referendum serva a far trionfare la democrazia, figurati! Anzi, nessuno (nessuno di noi) dice addirittura che la democrazia sia il migliore dei sistemi.

      E siamo perfettamente coscienti del fatto che mettere una “X” su un foglio non cambierà il mondo.

      Però, per una volta in cui ci viene chiesto direttamente (non tramite traffici di partito) di approvare o cancellare determinate leggi e/o provvedimenti, ci sembrerebbe brutto, oltre che stupido, non rispondere solo per dispetto o per fare gli eroi solitari, duri e puri.

      Fosse anche solo per avere la coscienza a posto e poter dire: “vaffanculo, io la mia opinione l’avevo detta!”

      • Bird scrive:

        Peccato che con il sistema del quorum a maggioranza assoluta ormai per dire di “no” si sta a casa (o si va senza ritirare tutte le schede, come farò io), scelta più che legittima che non si può distinguere da chi sta a casa per ignavia.

      • Link_Ulata scrive:

        @Paguri
        Fosse anche solo per avere la coscienza a posto e poter dire: “vaffanculo, io la mia opinione l’avevo detta!”
        VAFFANCULO IO LA MIA LA HO DETTA… allora perche ancora ciurlate nel manico? Non è Roma-Inter qui…
        In Elio we trust

  5. valerio scrive:

    E chi ‘un vol’anda’ a vota’, ir budello di su ma’

  6. prefe scrive:

    Io sono venuto in piazza toselli a conoscervi… ma al referendum proprio non posso. Sono nella fottuta spagna. Hanno consultato il mio piano ferie per piazzare il voto.

  7. Link_Ulata scrive:

    Cari eroi del cyber spazio, PERCHE INVECE DI LASCIARE CHE LE CHIAPPE PRENDANO LA FORMA DELLA SEDIA … partorire parole cercando di fare i “ganzini” usando la leva psicologica terroristica tanto quanto le destre dicendo cazzate millantando disastri nucleari e aumenti dei costi gestionale delle acque, non vi interrogate su due cose semplicissime? anche tre… abbondare è sempre meglio che deficere.
    1) Alle 19 il picco di richiesta dell’energia elettrica lo soddisfate soffiando sulle pale (palle) cercate il sole che ride (l’adesivo) da mettere sul pannello solare? visto che quello vero vi manda a cagare alla bell’emeglio gia alle 16.00 in inverno… continiamo a comprare l’energia nuke dai francesi? (pero farla da soli no…) sapete voi saputi che a hiroschima e nagasaki oggi cè VITA citta’ persone … e che tutto sto panico diffuso tra un fukushima e un cernobyl è solo esagerazione in quanto i morti accertati sono meno di un paio di 100, mentre per l’inquinamento delle centrali a carbone ne fa secchi 20.000 all’anno CERTIFICATI solo in italia?… ma porco di quel porco le lobotomie non sono di destra ne di sinistra a quanto pare, eppure si parla qui.. si accusa si ordina di pensare! PENSATE…
    2)
    e che dire degli acquedotti STATALI gestiti dalle mafie partendo dalla calabria per arrivare alla sicilia, dove se vuoi l’acqua la compri AI PRIVATI che la caricano nelle autobotti prelevandola dall’acquedotto STATALE… (che nella distribuzione fa cagare non bere) non pensate che stare comodi a roma milano firenze e scrivere col culo grasso sulla sedia sia troppo comodo ma sopratutto facile?…
    3)
    il legittimo impedimento ad-personam? cazzate… se dovesse entrare in vigore non sarebbe prima del 2014 e per quella data Mr B.. se dio vuole ha gia avuto sentenze. Meditate prima di dire che quell’1 che non va a votare potrebbe sentirsi un cazzone perche al contrario potrebbe essere proprio lui quello di cui trovate il capello sul cuscino … e mentre vi affannate a votare tutti sudati credendo in Di[o] Pietro (keciazzecheciazzecheciazzeka ka ka) che non ho manco voglia di ridicolizzare sarebbe come sparare al morto. In Elio we trust!

    • vi: scrive:

      “partendo dalla calabria per arrivare alla sicilia ..” c’è solo la sicilia…
      un po’ pochino per dire quello che dici.

      ma forse sei calabrese, sorridente regione con tanto vento e tanto sole … fino alle 19 zero zero-

      • Link_Ulata scrive:

        Nel Partendo e Arrivando… Ubi major minor cessat… davo per scontato che di mezzo i gentili cyberlettori contassero paesi frazioni quartieri giardini fontanelle frazioni frazioni di frazioni citta’ e circoli delle bocce…. non èra mica necessario che specifico persino le province?..
        No! sono romano ma conosco benissimo il meridione e le sue problematiche, ma anche in alcune regioni del grande nord non credere che sia molto meglio la gestione della “res publica”

        In Elio we trust!

    • Paguri scrive:

      Aspetta, hai dimenticato: “Perché non prendete per il culo l’Islam come fate con la chiesa Cattolica, brutti vigliacchi!”

      • Goldrake scrive:

        😀

      • Bird scrive:

        Al di là della forma mi pare che abbia detto pensieri più che condivisibili e senza andare nemmeno troppo sul pesante, per cui non vedo necessità di perculamento e accostamento ad altri ben più infimi soggetti.

        E ho sempre commento in moderazione, uff <_<.

      • Link_Ulata scrive:

        …Perche’ non sono mr B…. se avessi letto per tempo questa puttanata  in risposta al mio primo intervento mi sarei risparmiato il resto (so che non ti sarei mancato ….ma sti cazzi aggiungo).
        Con affetto lo dico 🙂
        In Elio we trust

    • Gert scrive:

      >2) e che dire degli acquedotti STATALI gestiti dalle mafie partendo >dalla calabria per arrivare alla sicilia,
      Giusto! Privatizziamoli così li possiamo finalmente dare in gestione alla Mafia S.P.A. tramite le millemila imprese mafiose, senza costringerla ad accordarsi con lo Stato, che è solo una rottura di coglioni!
      Ma l’idea che si possa far funzionare bene la rete pubblica non ti passa nemmeno tra i due neuroni che hai?

      • Link_Ulata scrive:

        O te testadihazzo … “scusa il francesismo da centrale nucleare” ma ti sei accorto o non ti sei accorto che restando come stanno le cose LA RETE PUBBLICA corcazzo funzonera mai bene? Continuera a gestirla la mafia, magari sei proprio tu che ci speculi?
        nel neurone we trust

    • anto scrive:

      scusa ma tu lo sai come si fa l’energia nucleare?
      si scinde l’atomo dall’uranio. Da quando in qua l’italia ha l’uranio? La storia che la dipendenza energetica cesserebbe è una baggianata, perché l’uranio dovremmo comunque comprarlo da qualcuno. Ne abbiamo pochissimo ed è utilizzabile al massimo per una sola centrale e al massimo per qualche anno. In altre parole non ci facciamo niente, ne serve altro.
      poi, che cazzo c’entra hiroshima e nagasaki, quella era un attacco volontario. e cmq scusa, quante persone sono morte lì?
      c’è vita, ma anche escludendo disastri ambientali (e cmq siamo un paese sismico) hai idea dei danni delle radiazioni e delle ripercussioni delle scorie sull’ambiente?
      e tutto questo per cosa? per costruire centrali (come? abbiamo fatto le case di sabbia all’aquila, mi posso fidare degli italiani che costruiscono le centrali?), per avere apparentemente una indipendenza energetica (non è vero, come spiegato sopra), per avere meno costi (non è vero, anzi potrebbero aumentare).
      dove hai letto questa cazzata del 2014? il legittimo impedimento è già in vigore, la legge è in vigore dalla data della pubblicazione in gazzetta ufficiale, avvenuta l’anno scorso. è già stata vagliata dalla Corte, che ne ha migliorato solo la prima parte. B non avrà mai sentenze procedendo di questo passo; deve sentire che il popolo non è con lui, deve arrivargli ben chiaro il concetto che secondo noi “in italia le leggi penali non le possono fare gli imputati”, solo cosi smetterà di fare sollevazioni popolari ogni volta che andrà in udienza.
      il discorso sull’unico che non andrà a votare è molto semplice: se uno non va a votare domani, poi non vada a lamentarsi di avere bolletta alta e centrale troppo vicina. Perché se lo sente qualcuno gliene dice quattro. E’ un discorso teorico chiaramente. non esiste “l’unico che mancava per raggiungere il quorum”, tecnicamente lo sono tutti.

      • Link_Ulata scrive:

        Nel 2014 ……per quello di cui al referendum di domani genio.
        “quello in vigore è in vigore” beati voi che non ….

  8. Goldrake scrive:

    Dopo mesi e mesi, finalmente tornano a farsi vedere dei “sedicenti contrari”, guarda caso proprio per il referendum… Mah, i casi della vita, eh ?

    • Link_Ulata scrive:

      perche’ nessuno parla dei TEMI tipo “panico da radiazioni” e “panico da caro acqua” cosi’ potrei dare il meglio nel dibattito, senza polemizzare vi farei capire che stiamo MENTENDO SAPENDO DI MENTUCCIA.. e facciamo finta di non saperle le cose, tutta colpa di Mr B immagino.!
      In Elio we trust

      • Paguri scrive:

        Ok, via libera.

        Comincia pure te a parlare di panico da radiazioni e da panico da caro acqua.

         

        • Link_Ulata scrive:

          Caro Paguri se hai letto sopra io non ho di queste preoccupazioni, assolutamente proprio. Visto che muoiono 20.000 persone all’anno solo in italia a causa dell’inquinamento da centrali a carbone DOCUMENTATO , mentre addirittura Hiroshima e Nagasaky che sono state bombardate proprio, hai presente l’immagine del FUNGO?… Li adesso cè citta’ cè persone cè vita…. e son passati 40 anni mica 40.000.. allora compreso Fukushima tanto per parlare del recente, non ci sono state vittime da nucleare manco 1. Il panico da radiazioni mi sta bene ma ho piu paura del carbone che di una “possibile” contaminazione futura.. perche attualmente ripeto ne muoiono 20.000 all’anno OGNI ANNO… grazie al c…arbone!
          E tutte le puttanate dei verdi che sono 25 anni che zompettano gorgogliando col sole che ride sulle chiappe e sui maggioloni…non aiutano a risolvere il nostro fabisogno energetico, i pannelli solari e le pale… sono tutte stronzate che non RI-SO-LVO-NO nemmeno se leviamo le autostrade per far posto ai pannelli. 
          In Elio we trust

          • anto scrive:

            ma chissenefrega del carbone!! è come dire che non vale la pena mandare in galera i ladri perché tanto ci sono pur sempre gli stupratori. ma che cazzate! qui contano solo i quesiti, e berlusconi non c’entra niente, ci sono talmente tanti motivi per essere contro il nucleare che non c’è affatto bisogno della motivazione di fare un dispetto a lui. nessuno ha bisogno di politicizzare la questione. Ti va bene una legge che consente (testualmente) il profitto sull’investimento nell’acqua? Ti va bene che costruiscano vicino a te centrali inutili / costose / pericolose ? ti va bene che esista una legge che crea un privilegio giudiziario per poche persone che hanno il potere anziché cercare di rendere la legge uguale per tutti come dovrebbe essere? (sottolineo che il problema di questa legge è che consente di addurre un impedimento a presentarsi pretendendo che il giudice non possa verificare se impedimento c’è davvero oppure no. Cioè, è una questione da bambini di 5 anni. “non posso venire al processo perché ho una riunione” “posso controllare se la riunione ce l’hai davvero?”. stiamo parlando di processi e di GENTE IMPUTATA , non di andare o no a una festa.)
            come si può essere d’accordo con queste leggi? a prescindere da berlusconi, dai partiti, da tutto, non credi che si possa rispondere tranquillamente e obbiettivamente a queste domande?

            • Link_Ulata scrive:

              Si hai ragione io di quello vorrei parlare, pero’ non dire chissenefrega del carbone perche abbiamo 13 centrali attive a carbone al momento sparse per tutta italia e due in sardegna, le quali ogni giorno fanno lo stesso danno di Co2 di quello prodotto da tutto il traffico su gomma in 10 anni, PENSA come stiamo messi. E non credi che sia peggio una certezza di catastrofe che quotidianamente avviene piuttosto che prendersi un rischio minimo calcolato su una fonte che ci renderebbe autonomi dalle importazioni di gas , carbone e nucleare francese?

        • Toscorikka scrive:

          Bè..in realtà la questione è secondo me un po diversa:
          i quesiti sull’acqua..non è sbagliato privatizzarla, ma privatizzarla in Italia, dove si danno mazzette x appalti anche x montare una tenda in campeggio (quesito 1)..inoltre si garantirebbe un 7% di utile fisso al privato gestore senza che questo offra garanzia di miglioramento del servizio e della rete..è vero, la rete è vecchia, perde acqua, ma un privato che prende in appalto la gestione pensi che spenderebbe milioni di euro per rimetterla riducendo così l’utile? non credo (quesito 2)
          x il nucleare stesso discorso..anche la hack dice che bisogna pensare a questa energia, ma al momento non è sicura, cè poco da dire..inoltre si torna li: vorresti gestire in italia centrali nucleari dove si lucra persino sulla ricostruzione di una città dopo un terremoto o non si è in grado di ripulire una città dai rifiuti? (quesito 3)
          Legittimo impedimento: bè magari a livello legislativo cambierà poco e in galera non ci va, ma se viene raggiunto il quorum e questa legge viene abrogata è evidente che b non ha + la maggioranza nel paese..il significato quindi è secondo me politico..
          Vorrei dire infine che non si votano leggi e norme ASSOLUTE ma applicate alla situazione, al contesto italiano e alla classe dirigente (sic) che abbiamo al momento..
          detto questo viva la topa e gnamo a votà

          • Goldrake scrive:

            Soprattutto cè…

            • Paguri scrive:

              Però sfugge un piccolo particolare.

              Ognuno è liberissimo di pensarla come vuole, sui quesiti referendari, ci mancherebbe altro!

              Guarda, persino noi non saremmo – a condizioni normali – contrarissimi al nucleare sicuro e pulito e alla privatizzazione che migliori il servizio.

              Però siamo in Italia, ragazzi.

              Non siamo capaci di smaltire i rifiuti urbani, figuriamoci quelli nucleari.

              Le varie organizzazioni criminali la fanno da padrone in tutti gli appalti.

              Voi lascereste costruire una centrale nucleare alla ‘ndrangheta?

              E…ma, no, non è questo il punto.

              Il punto è che uno è libero di votare no, come anche di non andare a votare.

              Il nostro post era invece indirizzato a quanti, magari sostengono le tesi dei 4 sì, però non pensano di andare a votare perché magari non hanno voglia.

              Ecco, il nostro vaffanculo va, in primis, a loro.

               

              • Bird scrive:

                Ok, così è altra forma e la condivido anch’io.

                Resta il fatto che i referendum dell’acqua sono CAZZATE, coinvolgeranno altri servizi, etc, etc; ma non mi ripeto, ho sempre il commento in moderazione a parlare per me :D!

                E ora scusate, vado a sfanculare tizio che conosco che in effetti spande sempre link a destra e a manca, poi non va a votare se non è giornata che aveva giro programmato <_<.

                Oh, e sulle radiazioni:

                http://blog.xkcd.com/2011/03/19/radiation-chart/

                • Link_Ulata scrive:

                  Bhe quando arriva baffone diciamo “siamo in italia che pretendete…” pero’ cosi facendo non cresceremo mai.. io proprio perche siamo in italia mi sono rotto il cazzo, e la doppia morale e l’ipocrisia… da poco è finito ballaro’ ho seguito attentamente spero anche voi…. Oscar Giannino le cose le ha dette come stanno, evitando di politicizzare ogni cosa spero che ogni singolo individuo si renda conto che pur di inculare mr B ormai il pd sarebbe disposto a tutto, addirittura allearsi con Fini… e Casini… tutti uniti solo e unicamente dall’odio, e noi qui a fare i conti con le pezze e le bollette a disquisire sulle abrogazioni di questo di quello e di quall’altro decreto… quando riescono a farci sentire liberi MANIPOLANDOCI… la verita’ non la sapremo mai… secondo coscienza e dopo aver letto da diverse fonti effetti secondari del nucleare, effetti secondari del carbonfossile, amo troppo figli e nipoti per rimanere imbelle e con la faccia un po’ cosi crocifiggere sul SI….poi di seguito…effetti dell’entrata nella gestione acque rifiuti ecc di soggetti privati e non solo, vi assicuro che se vado voto almeno TRE VOLTE NO!… sempre se…! E sia ben chiaro sti grandissimi cazzi di mr B morisse ora dove sta! Voto convinto tre SI o vado al mare… dipende da come gira! a presto 🙂

                  • Link_Ulata scrive:

                    Chiedo venia..nell’enfasi me sfuggito il SI… in realta’ intendevo dire VOTO TRE VOLTE NO….o vado al mare… dipende da come gira! (vedete si fa una certa confusione eppure)

                    • Niko scrive:

                      certo che citare oscar Giannino, che due giorni dopo il casino giapponese diceva di stare tranquilli che era na scoreggina…
                      poi mi pare che la legge sul legittimo impedimento parta un pochino prima del 2014, ma lascio il beneficio del dubbio e mi documento, inoltre sarebbe dimostrato (rapporto Rubia) che con 15 miliardi di euro’s si può (escludendo collusioni infiltrazioni ecc ecc) creare Eolico-Fotovoltaico-Pale submarine, Minieolico, per un totale di 30-35% di fabbisogno energetico. Sono stime reali e il progetto avrebbe bisogno di un’attuativa di 3-4 anni.
                      Una centrale di nuova generazione ha bisogno di 10 anni per essere finita, ne dovranno fare 5 al costo complessivo di oltre 30 miliardi di euro’s, per una provvigione completa di energia inferiore al 40% del fabbisogno, ora vale davvero la pena?
                      Poi davvero ragazzi, non è allarmismo, le scorie ci mettono 1000anni ad impoverirsi.

                    • Paguri scrive:

                      Ma il legittimo impedimento potrebbe anche partire dal 2357 e sarebbe sbagliato comunque.

                      Berlusconi o non Berlusconi.

  9. SpaceMax scrive:

    Io non sono un genio e nemmeno uno di quelli che sanno tutti di tutto e te lo spiegano ammodino, però mi sembra di aver capito che il referendum non parla di privatizzazione dell’acqua, per il semplice fatto che la privatizzazione è già stata fatta e la Toscana è stata fra le prime regioni a concederla, ma i gestori dei pubblici acquedotti devono sottostare ad alcune regole e norme per cui non possono aumentare i prezzi a loro piacimento.
    Votando SI impediamo che un domani possano decidere autonomamente il prezzo dell’acqua, votando NO avranno la libertà di alzare i prezzi per coprire le spese per migliorare la rete, ma anche per aumentare i loro guadagni… Qualcuno di voi si ricorda di quando fu lasciato libero il prezzo della benzina? Fino ad all’ora lo Stato metteva dei paletti, poi ci raccontarono la novella che lasciando le compagnie petrolifere di scegliere il prezzo da fare, avrebbe portato ad un abbassamento dei prezzi per via della concorrenza, con l’acqua ci stanno raccontando la stessa storiellina e se ci credete andate pure a votare NO o al mare, se invece pensate che così l’acqua costerà più del vino, allora dovete andare a votare e votare SI.

    • Goldrake scrive:

      Concordo. La privatizzazione è SEMPRE un’inculata. Il privato ha un solo obiettivo primario : FARE SOLDI. Stop. Del resto non glien’è mai importato un cazzo nulla e meno male che c’è ancora un briciolo (ino ino) di Stato a metter dei paletti. Per tagliarla corta sul nucleare, farlo sul territorio italiano è pura follia, vi siete mai chiesti perchè nessuna compagnia assicurativa sarebbe disposta a stipulare una polizza in merito ? E poi, scusate, DOVE LE PIAZZEREBBERO ? GLIELO LASCEREBBERO FARE GLI ABITANTI DELLA ZONA INTERESSATA ?

      • Bird scrive:

        Come sopra per la remunerazione del capitale e l’eventuale costo messo come debito: state dicendo cose non vere o almeno che non c’entrano con gli effetti del referendum!

  10. Link_Ulata scrive:

    Mi scuso se dovro’ eseguire qualche piccola ripetizione, rispondo a chi sosotiene che nel caso del NO l’acqua diventa parente della coca cola company… NONE… nel decreto si obbliga a eseguire e attribuire tramite asta publica trasparente a S.P.A che debbon sottostare a severissimi controlli assai piu severi della P.A attuale a societa’ che non abbiano numeri superiori al 40% della res pubblica (acqua, immondizia ecc) che resterebbe comunque pubblica e cioè “NON VI SONO PROPRIETARII…ma solo GESTORI… i quali dovranno attenersi strettamente alle norme e regole europee pena ER GABBIO… cosa che oggi non avviene e non puo’ avvenire con lo stato… per il nucleare ripeto..(sig sig) a nessuno piace avere le scorie a nessuno piace avere le centrali nuke… ma tutti noi dobbiamo avere lavatrice, lavastoviglie, pc, tv, e seghe varie e codeste apparecchiature senza nergia elettrica non funzionano (….) l’energia da fonte rinnovabile “alternata” eolico o solare (sono alternate nel produrre dipende dall’orario e dal vento e se soffia giusto…e non si possono accumulare non per adesso almeno) quindi miei cari amici piaccia o non piaccia a meno che non volete continuare a credere alla befana le cose son due, o costruiamo altre centrali a gas o carbone producendo triliardi e fantastilioni (alla paperone) di Co2, il quale miete circa 20.000 di vittime all’anno solo qui in italia e resta nell’atmosfera non esce …oppure facciamo come eta beta mettendo a ogni apparecchio elettrico una rota del criceto e pedalare …. spero di non aver urtato le sensibilita’ altrui citando Oscar Giannino, tenete solo presente che attualmente è uno dei piu quotati intellettuali finanziari e non schierato politicamente almeno ufficialmente da nessuna parte.
    In Elio we trust

    • Tino Bombarda scrive:

      cito:
      L’IMPORTANTE lavoro “ADAM comparison” pubblicato su “The Energy Journal” nel 2010, realizzato da 16 studiosi di 6 diversi centri di ricerca europei, ha confrontato i mix tecnologici proposti dai modelli economico-energetici-ambientali di diversi gruppi di ricerca, concludendo che l’energia nucleare non è indispensabile per soddisfare la richiesta energetica mondiale e per ridurre drasticamente le emissioni di gas climalteranti. La recente sintesi del “Rapporto speciale sulle energie rinnovabili ” dell’IPCC, il Comitato Onu sul clima, a cui hanno partecipato una cinquantina di esperti europei, ha concluso che fino all’80% dell’energia può essere soddisfatta da fonti rinnovabili entro il 2050. Anche in base a questa crescente evidenza sul contributo importante che potranno dare le energie rinnovabili, la Commissione europea ha da poco definito la “Roadmap al 2050”, che prevede entro 40 anni il settore della produzione elettrica sarà quasi completamente decarbonizzato, e certo senza prevedere un ruolo significativo dell’energia nucleare in Europa.

      • Bird scrive:

        Non è indispensabile nel 2050, ma oggi? Non vedo grosse alternative, eh…

        • Gert scrive:

          @Bird.
          No, il nucleare non sarà indispensabile nel 2050, ma se cominciamo a costruire le centrali adesso, entreranno a regime nel 2050.
          La Germania le sta chiudendo, la Svizzera e la Svezia pure, la Finlandia sta ancora smadonnando per essersi fatta appioppare dai Francesi l’unica centrale di 4a generazione in costruzione (stessa tecnologia di quelle proposte a Mr. B.), perchè non si sa se e quando la finiranno di costruire, e i costi si sono raddoppiati in corso d’opera…
          …ma tanto noi siamo l’unico paese UE pieno di furbi, mica come i tedeschi e quei vichinghi arretrati.

          • Link_Ulata scrive:

            Noi le centrali le abbiamo gia, i siti e tutto, vanno solo ripristinate migliorate strutturalmente renderle sicure da ipotetico attacco aereo stile 11 settembre ecc, non servono 40 anni per fare cio’ quando si vuole il governo ha dimostrato che in 6 mesi si fanno le citta’ figurati se non si sistemano quelle 4 cazzo di centrali mettendole in grado di fare acqua calda.

  11. Kelden scrive:

    Cari Paguri, vi apprezzo e vi stimo, ma così come i tecnici non vengono a insegnarvi come si disegna Don Zauker, abbiate la compiacenza di non pretendere di insegnare il mestiere ai tecnici.

    Con il solare e l’eolico, se tutto va bene, ci metti in carica il telefonino.
    Se non vogliamo ritornare all’800, possiamo scegliere tra aumentare l’uso di petrolio e carbone, (mandando il pianeta definitivamente a puttane), oppure usare l’energia nucleare. Non ci sono alternative al momento.
    La natura purtroppo funziona secondo le leggi della fisica, e non secondo le opinioni degli ecologisti.
    Mi meraviglio che gente sveglia come voi si sia fatta infinocchiare dalla propaganda antinuclearista.

    Prendete la calcolatrice, fatevi due conti e scoprirete che a parità di energia prodotta, il fotovoltaico è più pericoloso del nucleare: ci sono più probabilità di cadere giù dal tetto mentre si monta un pannello FV che di essere contaminati dalle radiazioni. 

    Per quanto riguarda la mafia, vi ricordo che in Italia si costruivano centrali nucleari fin dal 1962, centrali che hanno funzionato benissimo senza che la mafia ci potesse mettere le mani, essendo super-controllate.
    Al contrario delle pale eoliche, per esempio: quelle si che sono state appaltate alla mafia, visto che ne hanno piazzate centinaia nella valle dei Templi, dove non c’è vento o manca l’elettrodotto, e sono quindi completamente inutili.

    Dalle mie parti, da quando sono entrati i privati nella gestione degli acquedotti, l’acqua si paga molto di più, perchè ora passa un tizio che legge i contatori e controlla quanta ne consumi.
    Prima si pagava a forfait un tanto a utente, e siccome nel mio paese molte utenze sono seconde case estive, abitate pochi mesi all’anno, i pochi residenti scialavano allegramente sprecando enormi quantità di acqua, tanto pagavano gli altri.

    Io non solo non andrò a votare, ma cercherò di convincere più gente possibile a fare altrettanto. 

    Al massimo voterò solo sul legittimo impedimento, ammesso che vada.

    • Bird scrive:

      Io vado e mi faccio dare solo quella scheda, tanto domenica pioverà e questo aiuterà gli stupidi “sì” tutti in coro.

      Per il resto fan di XKCD pure tu che citi le cadute dal tetto :D?

      Oltre tutto il fotovoltaico chiede un botto di energia per produzione e smaltimento, son rifiuti speciali, duran bene o male 20 anni e son lungi dall’essere disponibili ovunque per impieghi “sostanziosi”, come ben ricordato.

    • Link_Ulata scrive:

      Ecco le mie preghiere sono andate a buon fine!.. aggiungerei che basta con la storia “siamo in italia..” facendo spallucce, siamo i primi nel mondo per sicurezza agroalimentare stracontrollori e stracontrollati, mi sono stancato di pagare le docce che fanno famiglie di 8 persone del mio palazzo quando io e mia moglie siamo in 2 e si va a forfait, mi sono stancato di comprare il nuke dalla francia e pagare anche 8 miliardi all’anno all’europa perche importiamo, mi sono stancato di sapere che ci stiamo soffocando per far funzionare il condizionatore quando la cina produce pannelli solari che rivende ai poveri ambientalisti ma NON li usa.. e li produce usando energia fossile dico FOSSILE, produce 2 grammi di Co2 ogni dollaro di introito gli stati uniti producono 0.2 grammi di Co2 per dollaro per fare un esempio. Perche la cina non li usa per se i panelli?… domandare è lecito rispondere è facoltativo. (benvenuto Kelden)
      In Elio we trust

      • Goldrake scrive:

        Per quanto riguarda le docce, hai mai chiesto al tuo Amministratore di condominio di mettere all’ordine del giorno della prossima assemblea la lettura dei contatori ? Non li avete ? Installateli.

        • Link_Ulata scrive:

          Palazzi dell’ente… non si puo’.
          Quelli che abitano nei paesetti e hanno la piscina e il conto lo paga anche chi ha un monolocale per passarci l’estate? e quelli che annaffiano l’orto? e chi lava la macchina due volte a settimana in giardino? senza una gestione seria di controllo è tutto approssimativo e ci saranno sempre i furbacchioni che approfittano e quelli che pagano e zitti, ma si cade nella retorica io preferisco usare questa opportunita per far riflettere tutti quelli che si sono fatti prendere dal panico, come se ogni centrale nucleare fosse un fukushima o un cernobyl dimenticando quante vittime ha fatto e fa quotidinamente il nostro “benessere” energetico e non sara certamente votando SI o NO che risolveremo le cose, ma è gia moltissimo iniziare a riflettere un po’ tutti.
          In Elio we trust

    • Paguri scrive:

      Veloci veloci:

      1) Noi non pretendiamo di insegnare niente a nessuno. Abbiamo detto solo che chi la pensa in un certo modo e poi non va a votare è uno stronzolo. Non ci sembra di aver detto che dobbiamo pensarla per forza tutti nello stesso modo.

      2) Io (chi sarò dei tre?) ho il tetto ricoperto di pannelli solari e non pago quasi niente di elettricità.

      Sarà perché forse ho un solo telefonino?

      Sarà che la mia parte la pagano quelli che invece continuano ad essere completamente dipendenti in toto dall’Enel?

      Non lo so.

      Però non venite a dire a me che il solare è una truffa, please.

       

       

      • Link_Ulata scrive:

        E’ proprio quello il problema … non è giusto che la tua lavatrice la pago io perche ti hanno preso per il culo illudendoti che la rivendi a noi. stiamo pagando una cosa che è tua. Servita solo a imbrogliare la UE dimostrando che anche l’italia si aduegua al fotovolt. abbattendo “cor cazzo” la produzione di Co2 per poi aumentarla costruendo altre centrali a carbon fossile?… daje fate i bravi 🙂
        Vorrei vedere la fiat che istallazione di solare dovrebbe realizzare secondo le vostre idee ambientaliste… magari fare un paese a specchio tipo Ray Ban..
        In Elio we trust

        • Paguri scrive:

          Ehm, se la mia lavatrice la paghi tu, non è me che hanno preso per il culo.

          • Link_Ulata scrive:

            E’ per questo che quelli saggi votano NO… vedi? hai dato la risposta giusta! 🙂 Solo che ti manca un pezzo, il discorso “incentivo” non resta fisso tra poco ti faranno pagare una tassa governativa che al momento è tabu’ (nessuno ne parla) per recuperare tutti i soldi che le nuove bollette trasparenti (tra breve su questi schermi) non potranno piu prelevare da NOI coglioni che abbiam pagato il TUO pannello e la TUA corrente.
             Grazie a un decreto promosso dall’assoc consumatori che ha trovato una truffa il meccanismo adottato dallo stato per incentivarvi a pannellarvi tutta casa, giardino compreso. Visto e considerato che l’abbattimento del Co2 da parte dell’italia non è un onere dei singoli privati ma dello stato-governo.
            Ecco perche parlavo di “presa per il culo”
            In Elio we trust

          • Goldrake scrive:

            NOMEN OMEN !!! 😀

      • Bird scrive:

        Dubito che a prezzi di mercato quel che produci per la rete basterebbe a coprirti sempre; e dubito tu stia in resisenza non singola come la maggior parte degli italiani, visto che a quel punto le possibilità di metter pannelli calano drasticamente.

        So what?

  12. Niko scrive:

    ragazzi documentatevi, informatevi e leggete, è vero che dal tetto cadono parecchie persone, ma poi il sacco con la famosa scoria giornaliera grande come una noce dove ce lo mettiamo?
    in un anno sono 365 noci!
    e il famoso aumento ingiustificato e non obbligatoriamente giustificabile fino al 7% della spesa idrica?
    dai su non diciamo cazzate che non è il caso…
    http://www.polisblog.it/post/9907/veritometro-oscar-giannino-fukushima-e-la-prova-del-nove
    qui un simpatico articolo sul dandy Giannino, che comunque lavora al Messaggero ed è stipendiato dal Messaggero, il Messaggero di chi è?
    il nome non lo faccio a voi trovare la famiglia proprietaria del Messaggero, che guarda caso è anche una famiglia di imprenditori edili, che guarda caso ha già firmato per la realizzazione di 3 delle 5 centrali nucleari.
    sveglia bimbi con le pale sub-marine la danimarca ha speso 3 miliardi di euro e ci fa il 25% dell’energia di cui ha bisogno, in un mare che non ha sti moti ondosi impressionanti, noi ancora siamo li a masturbarci col ponte sullo stretto (che fra l’altro ci costa 135.000 euro di multa all’anno da parte dell’Unione Europea!). E la centrale fotovoltaica di Rubia fatta in spagna è costata 15 milioni di euro…
    niente di personale sia chiaro

  13. Kelden scrive:

    @ niko

    In Giappone hanno avuto uno dei terremoti più terrificanti della storia, seguito da un onda di maremoto che ha spazzato via tutta la costa distruggendo intere cittadine, che semplicemente non esistono più. In tutto questo casino si è sfasciata anche la centrale atomica, come si rotto tutto il resto.
    Ma mentre nel crollo delle case sono morte migliaia di persone, quanti morti ha provocato la terribile e pericolosissima centrale nucleare?
    Zero.
    Quanto è radioattiva Tokio dopo la distruzione di Fukushima?
    meno di Roma, che è costruita con pietre che contengono piccolissime quantità di materiali radioattivi.
    Quanto è grande la zona evacuata intorno alla centrale?
    Più o meno come la zona di Seveso quando ci fu la fuoriscita di dioxina.
    Intendiamoci, le centrali nucleari sono pericolosissime, nessuno lo mette in dubbio.
    Anche il gas domestico è pericolosissimo. Hai idea di quante famiglie sono state sterminate da caldaie difettose, fughe di gas, bombole esplose?
    Ottomila morti l’anno solo in Italia.
    8000 morti l’anno sono l’equivalente di 2 Cernobyl all’anno. Ogni anno, mica una volta sola.
    Se sei coerente stacca il gas, monta pale eoliche e pannelli Fv sul tetto di casa, e usa solo quelli per cucinare e scaldare la casa di inverno.

    • Link_Ulata scrive:

      Per coerenza dovremmo andare al referendum contro le macchine a benzina e diesel, se siamo cosi’ attenti all’ambiente ….. chiudetevi dentro il box col motore acceso anche euro 4, passata la prima ora chiamo il becchino, direte voi, ma il garage è uno spazio angusto, invece l’atmosfera? (è tutto relativo) Poi all’amico che parla di noce quotidiana rispondo volentieri che ogni giorno le pasticche dei freni e le catalitiche esauste (altissimamente inquinanti peggio del mercurio) solo in italia riempiono un sacco grande come un capannone di 1500 mq e dove te li metti 1500mq x 355 giorni l’anno? (sono un signore non faro battutacce)
      In Elio we trust

  14. bellobello scrive:

    Sull’acqua:
    L’Italia è un paese dove quando c’è la concorrenza, i prezzi aumentano e sono stranamente simili. Pensa te.
    Sul nucleare:
    L’essere d’accordo o meno con l’utilizzo di centrali nucleari sul proprio suolo per ottenere energia dipende principalmente dalla fiducia che si ha nei propri concittadini a partire da quelli all’interno delle istituzioni. In Giappone, probabilmente, chi non ha tenuto conto dello tzunami, prima cercherà di rimediare per quanto possibile e dopo si suiciderà. Io se penso al nucleare in italia penso ad homer simpson che mangia le ciambelle coi piedi sui comandi mentre fuori boccheggia il pesce con tre occhi. A L’Aquila con un terremotino c’è stata morte e distruzione, con strutture antisismiche crollate perché antisismiche non erano. E poi, in Germania, sono coglioni che dismetteranno le centrali nucleari?
    Sul legittimo impedimento:
    Io mi sono veramente stufato di vedere tanto lavoro per salvare uno solo mentre il paese è in declino andante. Facciamo una raccolta firme per cambiare la costituzione per fare diventare sto povero vecchio (povero in spirito naturalmente) intoccabile dalle leggi, così la finiamo. Ne guadagneremmo tutti (tanto mica sarà eterno no? oddio con il nucleare in italia, forse…)
    Sull’andare a votare:
    l’uso del non raggiungimento del quorum per dire no la dice lunga sull’onestà intellettuale degl italiani. Tra l’altro è un giochino inventato da uno morto da latitante.
    Ah, io andrò a votare perché questa è la cosa CIVILE da fare, e voterò 4 sì perché così la penso.
    E se non passeranno i referendum per il quorum avrò solo una conferma in più.
    A quelli sulla procreazione assistita andarono meno del 25%. Auguro sterilità a tutto il 75% restante.
    Peace & Love
     

  15. om640 scrive:

    Io il nucleare lo rifiuto a priori, di qualsiasi tipo, di qualsiasi generazione. Sara’ perche quando viene a trovarmi Sasha (18 anni) dall’ ucraina che si divora tutta la frutta che li capita a tiro perche da dove viene non la possono mangiare, sara’ perche’ mi ha mostrato le foto di Pripjat dove non ce anima viva, sara’ perche’ mi ha raccontato degli ospedali ucraini dove vengono ricoverati qualche centinaio di bambini all anno malati di tumore, sara’ perche’ la mia ditta dove lavoro lavora a ritmo ridotto perche’ le merci dal giappone hanno fatto scattare i contatori gaiger a rotterdam  mettendo in quarantena le merci primarie dal giappone (Toyota,hitachi in primis circa il 40% del nostro lavoro)…sara’ perche’ dove vivo io le uniche centrali che vedo sono quelle idroelettriche e sommate tutte quelle della mia regione cagano fuori 206.000kw l’anno…bazzecole rispetto ai 40000 Gw che consumiamo in tutto il paese, ma al massimo questi kw ammazzano qualche trota… E il discorso sulle centrali a carbone o a gas e’ semplice: siamo il 4 paese al mondo importatore di gas e il 1 paese europeodipendente dal petrolio. gli altri che fanno? Nucleare? La svizzera li sta spegnendo,  la germania pure, l austria ne ha costruita una nel ’72 e manco l ha finita…Vole tefarne in italia? In italia?? Il paese europeo con la piu grande possibilita’ di sfruttare il rinnovabile in assoluto? Il paese che nel 2011 costruisce discariche e inceneritori mentre in germania hanno chiuso l ultimo funzionante quest anno perche recuperano/riciclano tutto? Il paese con il 30% del debito europeo che pensa a costruire ponti sullo stretto e una tav che non serve ad un cazzo di nessuno? Un paese dove viene un 7.9 di terremoto e spiana tutto l abruzzo? Il paese dove ci mettono 20 anni per fare una tangenziale di 40 km perche’ “”finiscono”” i fondi? Davvero volete costruire la struttura tecnologicamente piu avanzanza (dopo il cern probabilmente) che deve garantire uno stato di sicurezza elevatissimo in questo paese dove ci sono piu morti bianche che nel resto d’ europa?Volete far smaltire le scorie allo stesso paese che tiene talmente tanto all ecologia del territorio che invente balle come ecopass e che vuole trivellare il parco acquatico del gargano per cercare il petrolio? Per me siete pazzi, ma pazzi sul serio…..

    • Goldrake scrive:

      Quoto. Anzi : straquoto.

    • Link_Ulata scrive:

      Peccato vedo che il qualunquismo regna sovrano … dimenticate che il ponte storebelt in danimarca è tecnologia italiana tantissime opere colossali giojelli di tecnologia sono opere italiane e in tutto il mondo, e che la diga sul fiume giallo è roba nostra e che abbiamo fatto il colosseo quando gli altri agitavano le clave e i paesi europei ancora stanno senza bidet’, e la germania prima di fukushima diceva che tirava avanti il nuke per altri 20 anni adesso dice che smette nel 2011 sull’onda emotiva e voi abboccate… e che i bambini malati di leucemia sono ovunque ma quelli ukraini passano come vittime di cernobyl e che nonostante tutto quello che non ci piace sappiamo benissimo che non abbiamo tutta la scelta che millantano gli opinionisti sinistroidi lo sano anche loro che mentono ma l’odio per berlusconi e il suo governo è talmente forte che se servisse a farlo cadere mangerebbero tutte le scorie nucleari del pianeta dicendo “manca er sale” … meditate voi saputi.
      In Elio we trust

      • Goldrake scrive:

        Guarda che nessuno ha sostenuto la mancanza di ingegneri italiani in gamba, ed il fatto che molti, moltissimi di loro vadano all’esterno fa parte del problema di fuga di cervelli che abbiamo da qualche tempo… I motivi penso li saprai. Proprio tu parli di qualunquismo che hai mescolato tutti gli argomenti possibili ? In questo referendum si parlerà (tra le altre cose) di nucleare, fermiamoci a quello, non dimenticandoci che il voto contrario è anche per gli interessi bellici che ci sono dietro, tanto è vero che col cavolo che eventuali centrali saranno al Torio !

        • Link_Ulata scrive:

          Io per qualunquismo intendo “dire quello che si suol dire” senza sapere e senza comprendere a fondo… credi veramente che farei i salti di gioia abbaiando alla luna se anche noi iniziassimo a fare nucleare?… lo credi sul serio? …. pero’ allora dammi una soluzione possibile che non sia la solita menata “siamo pieni di sole di mare e di vento” perche’ caro amico sai perfettamente che la tecnologia non ci consente nell’immediato e nemmeno in un futuro veloce soluzioni diverse da quelle che ha adottato l’intero pianeta. Siamo gli unici in europa a cagarsi addosso UFFICIALMENTE mentre gli altri paesi lo fanno ma NON LO DICONO… e come nel caso della gernania lo dicono SOLO adesso perche’ un’onda anomala ha sommerso le pompe di raffreddamento di una pentola a pressione vecchia di 42 anni. 42 anni fa non esisteva nemmeno l’air bag, ne l’ipone, ipad, tantomeno le nano-tecnologie (che non c’entrano nulla con Berlusconi .. hihi) quindi figurati se possiamo farci impressionare da fukushima. Non credo sia sbagliato rimanere concentrati su l’eventualita’ di costruire centrali piu sicure al 80% rispetto a quella ti pare?
          Per il discorso bellico non ho capito dove vai a parare, se mi illumini magari.. 🙂
          In Elio we trust

          • Goldrake scrive:

            Dunque, hai fatto del qualunquismo mettendo in pentola argomenti non direttamente correlati con l’ “ordine del giorno”… Mi spiego meglio… Quando faccio il coordinatore per la sicurezza nei cantieri, io agl’operai il casco glielo faccio mettere, non gli dico : “Fottetevene, tanto muoiono più persone negl’incidenti domestici !”. Il problema dell’inquinamento da idrocarburi può essere alleviato in altri modi, che, per piacere, non mettiamoci a discutere adesso. Per quanto riguarda il discorso bellico, non mi starò a dilungare, in quanto potrai facilmente erudirti in siti appositi, ma lo studio preliminare prevede centrali nucleari al Cesio, da cui poi scaturisce il nucleare (diciamo così) che può essere impiegato nell’industria bellica, cosa che non può avvenire usando il Torio.

            • Link_Ulata scrive:

              Non mi hai risposto ne sul bellico ne su dove rimedi i 40000 Gw. quotidiani che attorno alle ore 19.00 dobbiamo cagare fuori dai cavi elettrici.
              Resto in attesa 🙂
              In Elio we Trust

              • Goldrake scrive:

                Sul bellico ti ho risposto eccome, mentre sul resto, siccome sei convinto che non vi siano alternative valide (e ne sono state elencate molte che condivido in questo post), beh, allora ti dico che preferisco che le cose rimangano come attualmente.

        • Paguri scrive:

          Sì, certo, anche l’India è piena di validissimi ingegneri.

          Che però lavorano tutti all’estero o per compagnie estere.

          Io potrei prendere in considerazione la costruzione di una centrale nucleare in Italia, quando avremo prima imparato a costruire scuole che non crollano sulla testa degli alunni o strade che non franano alla prima auto che le attraversa.
          Magari perché è stata usata la sabbia al posto del cemento.
          E magari quando avremo anche imparato a smaltire i rifiuti urbani, prima di quelli nucleari.

          E’ inutile che ce la cantiamo, siamo terzo mondo.

          E vogliamo il nucleare.

          Come l’India o il Pakistan.

           

           

           

      • om640 scrive:

        A sto punto ti conviene prendere un bell appartamento vista impianto a pripjat, te la cavi anche con poco, basta che vai la e ne scegli uno…
        Onda emotiva un bel paio di frittelle. Io li ho visti i bambini bielorussi che arrivano in italia e non ho nessunissima intenzione di vedere un mio futuro figlio allo stesso modo per colpa di una centrale che non mi serve, che non voglio e di cui possiamo fare benissimo a meno come ha fatto l austria per esempio.
        Qualunquismo? assolutamnete no. Conosco dottori ed ingegneri con 2 palle sotto da far invidia a varenne che se ne sono andati dalla disperazione alla estero e sono stati accolti a braccia aperte(qui al  massimo a gambe aperte), perche’ qui in italia le idde e le persone capaci ci sono, ma devono lavorare per le stesse persone che approvano piani idrici talmente efficaci che ogni 2 goccie d acqua vicenza viene sommersa o a lucca preparano il gommone per esempio…
        Non e’ qualunquismo il mio, scrivo esattamente quello che vedo girando di persona l italia per lavoro e per hobby… Vai a caorso a domandare in giro se sono contenti di avere l unica centrale nucleare in italia che poteva funzionare in quanto quella di latina  era stata costruita talmente bene che non era in sicurezza, tante’ che era gia stata chiusa ancor prima del referendum del 87 per via dei costi eccessivi per metterla in moto. Le altre due di trino e garigliano erano  sottoposte a ristrutturazione quando c e’ stato il primo referendum quindi per fortuna il primo referendum ha bloccato tutto altrimenti con impianti simili chissa’ cosa sarebbe successo…
        E vuoi sapere una cosa? Le nuove centrali che si dovrebbero costruire nel caso passasse il no al referendum sarebbero progettate per resistere ad un sisma di 7.1 richter. All aquila e’ arrivato un bel 7.9. In friuli era 10 mercalli (che in richter e’ sopra il 7, e’ difficile paragonare le due scale in quanto mercalli misura gli effeti e richter l energia).
         
        Detto questo si possono fare in sardegna sui monti del gennargentu..ah no cazz, loro hanno detto di no al 97%..
         
         
         

        • Link_Ulata scrive:

          Credevo fosse ovvio che non voglio questo, ma non credo sia quella l’italia del 2011, lascia stare le zoccole e i nani, parliamo di soluzioni a un problema energetico.
          Hai qualche idea oltre al pannellino cinese e la pala eolica? (verso le 19.00 serve energia e parecchia…)

          • Tino Bombarda scrive:

            sucsatemi mi ero postato sopra; rimetto qui lo stesso post
            L’IMPORTANTE lavoro “ADAM comparison” pubblicato su “The Energy Journal” nel 2010, realizzato da 16 studiosi di 6 diversi centri di ricerca europei, ha confrontato i mix tecnologici proposti dai modelli economico-energetici-ambientali di diversi gruppi di ricerca, concludendo che l’energia nucleare non è indispensabile per soddisfare la richiesta energetica mondiale e per ridurre drasticamente le emissioni di gas climalteranti. La recente sintesi del “Rapporto speciale sulle energie rinnovabili ” dell’IPCC, il Comitato Onu sul clima, a cui hanno partecipato una cinquantina di esperti europei, ha concluso che fino all’80% dell’energia può essere soddisfatta da fonti rinnovabili entro il 2050. Anche in base a questa crescente evidenza sul contributo importante che potranno dare le energie rinnovabili, la Commissione europea ha da poco definito la “Roadmap al 2050”, che prevede entro 40 anni il settore della produzione elettrica sarà quasi completamente decarbonizzato, e certo senza prevedere un ruolo significativo dell’energia nucleare in Europa.

            • Link_Ulata scrive:

              si … ma siamo nel 2011 mancano appena 40 anni sai….

              • Tino Bombarda scrive:

                ma non è che le nuove centrali (ancora da costruire – anzi da scegliere dove piazzarle) entreranno in funzione tanto prima del dumilaquaranta…

          • vi: scrive:

            il vero problema dell’energia è RISPARMIARLA!  usarla MEGLIO!

      • Hagar The Horrible scrive:

        Ciao ciccio! Ma lo sapevi che lo Storebælt non è un ponte a singola campata?
        Come vorebbero invece fare qui…. Mah…
        Foto!
        http://www.storebaelt.dk/files/storebaelt.dk/imagecache/sbf_site_main/images/page/storebaeltboelger_0.jpg
         

  16. shiva scrive:

    meno male che il mondo è pieno di saccenti
    io mostrerò a filjo la futura scuola, anche perchè passare x un simpatizzante di Bossi mi fa rabbrividire
    ed invito tutti a votare la domenica (sì o no quello che vi sentite)
    se ci si avvicina al quorum già la domenica forse qualcun altro  alzerà le molli chiappe dal pc ed andrà a votare

    pisa merda

  17. SpaceMax scrive:

    erano cervelli italiani anche quelli che hanno costruito l’ospedale e la casa dello studente a L’aquila? O erano albanesi? Ecco, fanni costruì a loro la centrale nucleare e fanni smaltì anche le scorie.. un siamo boni neanche a smaltì la carta… Io voto Si, per dire no al nucleare e faccio anche propaganda, poi ognuno la pensi come vuole, ma io non mi fido nè del nucleare e ancora meno degli italiani (certi italiani)

    • Link_Ulata scrive:

      Anche Leonardo da Vinci era italiano e Marconi, e lo è anche Riina ma che significa scusa? 🙂

      • Paguri scrive:

        Non significa assolutamente niente.

        Proprio come questo:

        “…dimenticate che il ponte storebelt in danimarca è tecnologia italiana tantissime opere colossali giojelli di tecnologia sono opere italiane e in tutto il mondo, e che la diga sul fiume giallo è roba nostra…”

         

        • Link_Ulata scrive:

          Quello che per te è privo di significato per me è motivo d’orgoglio come di vergogna quando si parla di napoli e i suoi problemi … ma chi scrive che noi ITALIANI non sappiamo fare altro che suonare il mandolino, far cadere le scuole, e fare associazioni per delinquere, rubare, e portare al governo le zoccole mi trova molto negativo.. perche cè anche un’altra italia sicuramente diversa da quella che si prende ad esempio parlando di cose di quest’importanza. Di questo passo levate anche la speranza ai vostri figli o l’illusione che vale la pena almeno di provarci a cambiare, ma se preferite dire che siamo sottosviluppati incapaci corrotti idioti babbei patatadipendenti e pure stronzoli… se pensate che per far partecipare a un referendum basta insultare o fare la fiera del pessimismo cosmico/cinico, cercando tutto il peggio da portare ad esempio che siamo riusciti a realizzare e ignoriamo la parte nobile del nostro paese allora attacchiamoci tutti allegramente al….. reattore N° 2 e sorridete come il sole sull’adesivo non costa nulla. Io per qualunquismo intendo parlare senza dire nulla, amo il mio paese e credo nella Hack oltre che in Elio 🙂

          • Paguri scrive:

            Che infatti voterà Sì, al referendum.

            Ogni tuo intervento contraddice quello precedente.

            Guarda che è difficile, sai?

             

            • bellobello scrive:

              ..e pensare che il TG1 aveva trasmesso un paio di giorni fa una sua dichiarazione spacciandola pro NO… invece diceva di non interrompere la ricerca sul nuclare per trovare metodologie sicure, mica di costruirle con quella attuale. Date dei referendum sbagliate…. manipolazione di frasi di personalità che voteranno SI’, spacciandole pro NO….

            • Link_Ulata scrive:

              Se li rileggi attentamente invece scopri che resto coerente col problema, ripeto non piace neanche a me ma è la fonte piu ecologica, economica, e a portata di mano ricordati che abbiamo 7 centrali francesi a 100 metri dal confine italiano…. basta costruirle li …70 metri dopo che resta tutto come è adesso…ma è energia ITALICA non FRANCESE e dajeeeee!!!!!!!! su rieleggi bene quando scrivo che mi fa tristezza essere frainteso!

        • Bird scrive:

          O proprio come ripetere che siamo italiani, non sappiamo fare le centrali?

  18. PERCVLATOR scrive:

    Allora
    -SULL’ACQUA. La legge che i promotori del Referendum vogliono abrogare è una legge che obbliga lo stato a mettere all’asta i servizi di distribuzione dell’acqua anche dove la gestione pubblica funziona bene (ci sarà un motivo se la Lega non ne vuol sapere di privatizzare?).
    -SUL NUCLEARE e rinnovabili. A quanto pare su questo sito c’è gente molto più geniale di quei babbèi dei tedeschi, che contano di arrivare a produrre, entro il 2050, l’80% del fabbisogno energetico nazionale da fonti rinnovabili (lo ha dichiarato ieri ad un giornalista di Ballarò un tecnico del governo tedesco) . Tra parentesi, una domanda per Link_Ulata: sicuro che l’energia dei pannelli fotovoltaici non si può accumulare e che quindi essi funzionano solo quando c’è il sole? Perchè sul web avrei trovato questo. http://www.nextville.it/index/465
    -SUL LEGITTIMO IMPEDIMENTO_ Il problema non è se i processi vengono “congelati” o meno, il problema è che un Primo Ministro, in quanto capo di una maggioranza parlamentare, nel mentre che esercita il suo mandato ha tutto il tempo per intervenire sulla legge, modificandola a proprio vantaggio (vi dice nulla il falso in bilancio?). E questo lo pone evidentemente in una condizione di vantaggio rispetto agli altri cittadini che primi ministri non sono.

    • Link_Ulata scrive:

      Purtroppo non cè speranza, caro PERCVLATOR.. se pensi che bastano una fila di batterie per accumulare i gW di cui abbiamo bisogno dalle 19 alle 3 del mattino e ti poni come soluzione del problema la Hack e tutti questi babbioni che vedi in tv possono andare a vendere le olive. Perche’ non ti abbiamo conosciuto prima?????  Prima di postare vatti a leggere le nozioni base della chimica e della fisica scopri quanto dovrebbe essere grande un’accumulatore da 40000Gw… corrente continua … poi spiegaci come la produci dove metti tutti i pannellini cinesi, e le pale, dopo ci aiuti a mettere d’accordo tutti quelli che abitano in prossimita delle pale e dei pannellini che al posto di vedere le valli vedranno il circo orfei o gardaland a perdita d’occhio… dopo ricordati che se dovesse dirgli culo e passano i NO il sig B non potrebbe beneficiare del legittimo impedimento, perche non ha efficacia se non dopo il 2014. Per quella data come ho gia scritto sopra… (…) detto questo a domani a tutti.

      • PERCVLATOR scrive:

        Io non sarò un chimico, ma sinceramente tutto questo scetticismo nei confronti delle rinnovabili mi pare eccessivo, per esempio alla luce dell’ultimo rapporto di Lega ambiente intitolato “Comuni rinnovabili” (scrivetelo su Google, terzo risultato). Cito:

        “sono 964 i Comuni in Italia che producono più energia elettrica di quanta ne
        consumano grazie a una sola fonte rinnovabile ”

        “Sono 7.273 i Comuni italiani in cui sono installati pannelli fotovoltaici, che ospitano complessivamente sul proprio territorio 3.217 MW. I dati di crescita sono impressionanti e costanti per cui la fotografia che forniamo in questo Rapporto, aggiornata a Dicembre 2010, è comunque sottostimata. In un anno sono aumentati i Comuni, 962 in più, e le installazioni con 2.462 MW nel solo 2010. Come mostrano cartine e grafici il processo di diffusione coinvolge oggi praticamente ogni parte del territorio italiano. Per anni si è parlato di come il solare sia la fonte più “democratica” e di come nel Paese del Sole le potenzialità di sviluppo fossero enormi e riguardassero ogni territorio. Oggi ne abbiamo la piena conferma con una crescita della potenza installata di oltre l’ 80% in un solo anno e installazioni che sono arrivate a coinvolgere l ‘89% dei Comuni italiani. Complessivamente sono 157.945 gli impianti distribuiti nel territorio italiano e il 96% di questi sono su tetti (…)
        Ma soprattutto cresce il contributo elettrico del solare, perché i 3,2 GW di pannelli fotovoltaici sono in grado di soddisfare il fabbisogno di oltre 1,6 milioni di famiglie e di evitare l’immissione in atmosfera di oltre 2,9 milioni di tonnellate di anidride carbonica.
        Questi numeri danno un’idea di come il fotovoltaico possa rappresentare una prospettiva concreta di risposta al fabbisogno di energia elettrica, e per questo il suo sviluppo va accompagnato dando certezze ai cittadini e alle imprese”.
        Lo so anch’io che la CO2 delle automobili ammazza quotidianamente un fottio di gente, ma è proprio per questo che si che gli scienziati stanno cercando di concentrarsi su fonti che non ammazzano nessuno, anzichè inseguirne altre che fanno lo stesso effetto (e che, detto per inciso, non risolvono minimamente la questione della dipendenza energetica dell’Italia dall’estero, visto che per far funionare le suddette centrali serve l’uranio, che l’Italia non ha e che, quindi, dovrebbe comunque importare da altri paesi). Fa abbastanza ridere sentir dire “Lo so che il nucleare fa venire il cancro, ma tanto lo fanno venire anche le automobili”, è un po’ come dire “lo so che tirandomi una martellata sull’alluce mi provoco dolore, ma tanto ho già un altro tizio che mi sta prendendo a schiaffi, che vuoi che sia”

        • Link_Ulata scrive:

          Allora, per quanto riguarda i comuni autosufficenti da fonte rinnovabile sappi che sono tutti comuni che hanno gli stessi abitanti che abitano 8 palazzi a roma, la differenza è che hanno 1000 mq a testa come estensione libera mentre a roma ne abbiamo si e no scarsi 20 metri (oltre l’abitazione) capisci bene che in 20 metri oltre alla cuccia del cane ci metti forse tre pannellini made in cina. Mi chiedo come potete fregarvene delle emissioni di Co2 da centrale a carbone cazzarola… sapete che l’atmosfera è come un pallone CHIUSO… e daje e daje se rompono e maje. Opterei per mandare avanti la ricerca e vedere di riuscire a fare un nuke a rischio 0.00001 visto che comunque per adesso conviviamo con le centrali che danno GARANZIA di cancri a 20.000 unita di cadaveri all’anno piu quelli che sopravvivono ma riflettete? Le macchine ci ammazzano e quindi dici che tanto vale farsi ammazzare pure dalle centrali a carbone? -.- hem non mi sembra un ragionamento.
          In Elio we Trust

          • PERCVLATOR scrive:

            Faccio notare che non esiste solo Roma, in Italia…al contrario c’è un fottio di comuni con meno di 50.000 abitanti, se intanto cominciassero quelli a diventare autosufficienti dal punto di vista energetico non sarebbe male. E comunque il dato significativo della statistica è che quei 964 comuni vanno avanti con UNA sola fonte rinnovabile, il concetto è “immagina cosa si può fare con una combinazione di PIÙ fonti”.
            In ogni caso vorrei far notare una cosa abbastanza banale, ma che mi pare si stia sottovalutando: tutte le considerazioni sulle capacità delle rinnovabili vengono parametrate sulle ATTUALI situazioni di tecnologia. Suppongo che nel ’76, quando fu inventato il primo pc della Apple, che aveva 4kb di ram e un processore a 1Mhz, nessuno avrebbe immaginato che si sarebbe arrivati oggi a una cosa come l’Ipad o a portatili con un paio di giga di ram alla portata di tutti. Eppure eccoci qui. Davvero pensiamo che la ricerca scientifica abbia già dato il massimo in quanto a pannelli fotovoltaici e pale eoliche?

            • Bird scrive:

              Mi pare che se ne stian dicendo troppe: quei meno di 1000 paesini magari producono ognuno energia per altri, toh, 10-20 abitanti… Hai voglia a metter su paesini che sanino il bilancio energetico di Roma! E di notte, o quando non tira vento, da dove la prendi?

              Molti posti poi non hanno la struttura per mettere più fonti di energia, mi spiace: pensi che mettere eolico e solare a Milano renda come sulle montagne sarde?

              E per i rendimenti, occhio che il solo che promette incrementi clamorosi è… Sì, il nucleare: se non erro sul fotovoltaico siamo a poco oltre il 20% di resa massima a pannello nuovo, sole a perpendicolare, etc (e muovere il pannello costa energia e altre risorse, non pensate sia banale); secondo alcuni teorici la resa massima difficilmente potrà mai andare sopra il 40%, quindi, nel più roseo dei casi, tra chissà quanti anni raddoppi l’output per pannello (nuovo). Sull’eolico ancora meno possibilità di incremento, sorry.

  19. Kelden scrive:

    Riflette bene prima di pensare che quello che pensate lo state pensando voi.

    Se vi dicessi che c’è una tecnologia, che sporca, inquina, pericolosissima, che lo scorso anno ha provocato la morte di 6000 persone e altre ne ucciderà… se vi dicessi che è una tecnologia  inutile, di cui si potrebbe fare tranquillamente a meno, che esistono valide alternative meno pericolose e meno inquinanti.
    Se vi dicessi che i rgazzi sono particolarmente esposte ai rischi provocati da questa tecnologia, che è la prima causa di morte per i giovani sotto i 25 anni…
    Se vi dicessi tutto questo, a voi che siete pronti a mandare a puttane l’economia e lo sviluppo pur di rinunciare al nucleare (sebbene non inquina e  non ha mai provocato incidenti in Italia) sicuramente direste no anche a questa tecnologia. sicuramente vietereste un prodotto infernale che uccide 6000 persone in un anno, sicuramente fareste qualcosa per salvare i vostri figli.

    Giusto? Col cazzo!

    La tecnologia di cui parlo, lo avrete capito sicuramente, è il traffico privato di automobili in città.
    Badate bene, ho detto privato, non commerciale. Non esiste motivo al mondo per cui chi non deve portarsi dietro quintali di attrezzature o di materiale debba viaggiare in auto anziché prendere il bus.

    E adesso ecologisti e antinuclearisti senza se e senza ma, voi che siete convinti di ragionare con il vostro cervello, voi che non vi fate fermate alle apparenze, ma analizzate, scavate, e poi sputate le sentenze [cit.]… adesso ditemi: come mai nessuno ha mai indetto un referendum per vietare il traffico privato? se ci fosse lo votereste?

    Il nucleare non ha mai ucciso un italiano, mentre ogni famiglia ha almeno una tomba di un familiare morto sull’asfalto a cui portare i fiori.
    Ogni maledetissima  famiglia!
    Spiegatemi questo. razionalmente, pacatamente.

    I maya aprivano il petto delle vittime strappandogli il cuore con le mani. Coglioni, idioti, come può un uomo fare una cosa del genere in nome della religione?
    E noi, che regaliamo l’auto ai nostri figli e poi preghiamo che tornino vivi a casa cosa siamo? non è una religione l’automobile?

    Per questo io che sono un tecnico, che sono abituato a ragionare per algoritmi, quando qualcuno mi dice che il nucleare è pericoloso gli rido in faccia.

    Non voglio certo ordinarvi di fare questo o quello; c’è già abbastanza gente che lo fa.
    Il mio è solo un invito a riflettere attentamente, a fermarsi un attimo e chiedersi: “ma chi cazzo me lo fare?”

    solo questo

    • Link_Ulata scrive:

      Lo ho detto prima ma nessuno ha risposto 🙂

    • Gert scrive:

      E io che vado al lavoro in bici, metro e autobus (madonnando perchè nel paese di mamma FIAT i trasporti pubblici sono disincentivati), mi voglio fare la tessera del car-sharing (se il caro Potestà Alemanno non lo affossa, visto che è roba da anarcocomunistiinsurrezzionalistigaycapellonisenzaddio) e vado a votare SI cosa sono, un cojone?
      E se ho un solo telefonino, non ho plaistascion con cui giocare fino a tardi con tutte le luci di casa accese come fate voi a cui pare servano millemilamegawatt di corrente per forza, sono sempre un cojone?
      Io sono disposto a muovere il culo e faticare un po’ per risparmiare un po’ di risorse, voi che predicate tanto bene pro-nucleare che cazzo fate in vita vostra per cambiare le cose, oltre a rompere le palle?
      Io non voglio il culo comodo, voglio un mondo migliore.
      Se tutti tagliassimo gli sprechi, riducessimo i consumi e incentivassimo le rinnovabili le 4-5 centrali del Nano sarebbero inutili, non ci dovremmo preoccupare delle scorie ci sarebbero meno macchine in giro e staremmo meglio tutti.
      Ma tanto ci sono i culi comodi che sono contenti di averci la centrale sotto casa…poi sono i primi che se gliela costruiscono a 1 km da casa vanno a protestare…

      • Bird scrive:

        Ok, sui 40000Gw necessari quanti pensi siano dovuti a sprechi ed eccessi di privati?

  20. woytila88 scrive:

    Karol come già Buffon direbbe: “SIete sempre i soliti italianiiii di piaaazale loreto”

  21. Lopo scrive:

    Non mi perdo nella discussione che è già abbondantemente ramificata, sono qui solo per testimoniare la posizione di noi anarcoprimivitivisti, che diciamo no al nucleare come a qualsiasi forma di energia abbondante a poco prezzo.
    A me francamente non frega un cazzo che con l’eolico o il solare non si riesca a far girare l’industria e il consesso umano attuale. Anzi, è proprio per quello che sono a favore delle rinnovabili.
    Ogni volta che qualcuno annuncia o profetizza la scoperta della fusione fredda, il mio primo pensiero non è “magari”, è “speriamo di no”:
    Moreover, if I stumbled upon such an effect in my own halfassed doings, I’d think long and hard before giving it to the human race. I still see “peak energy” for humans as a feature and not a bug.
    Soprattutto, se incappassi in un effetto del genere, ci penserei sette volte prima di donarlo al genere umano. Continuo a vedere il picco dell’energia per l’umanità come una feature, non un bug.
    (un commentatore su TheOilDrum)

  22. Filippo scrive:

    Chiarimenti sull’acqua:
    ho letto commenti che dicono che la privatizzazione non è sbagliata. Ok. Io abito in Toscana, dove il caro PD (e antenati) hanno voluto sperimentare l’ingresso dei meravigliosi privati nella gestione.
    Qual è il risultato? Firenze, Pistoia, Prato (Publiacque, partecipata da Acea, quindi Suez e Veolia, e MPS) hanno l’acqua più costosa d’Italia. E il prezzo ovviamente è lo stesso sulle montagne, dove viene pompata da invasi sorgivi e a Firenze dove potabilizzano quella dell’Arno.. Anche a Arezzo non se la passano bene (invito a consultare il sito del comitato acqua pubblica di Arezzo). Gli sprechi ci sono anche con la gestione privata, gli investimenti nella manutenzione sono calati (avevo i dati ma non li ritrovo), in compenso multinazionali francesi e oligarchi di partito messi alle dirigenze mangiano sulle bollette.
    Inoltre se uno vuol fare un nuovo allaccio ci sono tempi infiniti e costi elevati.
    Ognuno la può pensare come gli pare, ma, scusatemi, la realtà non dovrebbe essere opinabile, quantomeno se vogliamo il più possibile evitare di farcelo rivogare nel culo sempre più.

    • Goldrake scrive:

      Mi permetto a questo proposito di ribadire il mio parere precedente sulle privatizzazioni…

  23. Paguri scrive:

    “In Giappone hanno avuto uno dei terremoti più terrificanti della storia, seguito da un onda di maremoto che ha spazzato via tutta la costa distruggendo intere cittadine, che semplicemente non esistono più. In tutto questo casino si è sfasciata anche la centrale atomica, come si rotto tutto il resto.
    Ma mentre nel crollo delle case sono morte migliaia di persone, quanti morti ha provocato la terribile e pericolosissima centrale nucleare?
    Zero.”

    Via, ragazzi, queste cazzate lasciatele dire alla Santanchè, che almeno la pagano per questo.

    E’ come dire: “In Giappone hanno avuto uno dei terremoti più terrificanti della storia, seguito da un onda di maremoto che ha spazzato via tutta la costa distruggendo intere cittadine, che semplicemente non esistono più. In tutto questo casino si è sfasciata anche la centrale atomica, come si rotto tutto il resto.
    Ma mentre nel crollo delle case sono morte migliaia di persone, quanti di questi sono morti di cancro ai polmoni perché fumavano due pacchetti al giorno?

    Nessuno!

    Ecco, fumare fa bene alla salute. E protegge anche dai terremoti.”

    • Goldrake scrive:

      Esattamente, come l’esempio che feci prima ! Ma questo è il sincretismo di chi, fondamentalmente, ha poco da dire. Gasparri docet (ehm, no, scusate, lui non avrebbe proprio un tubo da dire).

    • Link_Ulata scrive:

      Mi sembrate matti tutti. Compreso io pero’ che rispondo pure.

  24. mfd3t scrive:

    A parte il fatto che si sa per certo che almeno uno dei tecnici della Tepco è morto in seguito al carico immane di radiazioni.

    Quanto bisogna essere cretini (o consapevoli truffatori) per paragonare il numero di vittime di un evento che causa danni immediatamente quantificabili (come un terremoto) con uno che ne causa a medio-lungo termine (come una fuga radioattiva)??

    Tanto, ma tanto tanto.

    E’ stato stimato che il picco delle morti e delle malattie causate da Chernobyl deve ancora essere raggiunto e voi volete quantificare oggi i danni di Fukushima?

    Se le radiazioni sono così innocue (a proposito, che possono modificare il DNA lo sapete, vero?) perchè con le scorie non ci facciamo il sugo per la pasta invece di affogarle sotto tonnellate di cemento armato?

    Ho ospitato a casa mia per anni una bambina che veniva da zone vicino a Chernobyl e ho visto le conseguenze con i miei occhi, quindi, per favore, certe fregnacce andate a raccontarle ad altri.

    Continuare la ricerca sul nucleare è importantissimo, la costruzione di centrali sorpassate e costosissime è utile solo a certe mafie, il sostenere che le fughe radioattive siano innocue non solo è stupido, è CRIMINALE.

  25. Goldrake scrive:

    E comunque porco dio.

  26. Link_Ulata scrive:

    Ringrazio per le offese e vi saluto rassicurandovi su una cosa, ero indeciso se andare e mettere una bellissima croce sul SI per il discorso legittimo impedimento ma dopo aver perso due giorni leggendo come ragiona chi è per il SI… preferisco il mare tutta la vita. Stetemi bene anarcoinsurrezionalisti casalinghi 🙂
    In Elio we trust

  27. dink scrive:

    “come mai nessuno ha mai indetto un referendum per vietare il traffico privato? se ci fosse lo votereste?”
    Cazzo sì che lo voterei: faccio di tutto per spostarmi coi mezzi, con la bici (almeno fin quando mi ha arrotato un cazzone con la moto fratturandomi il femore) o coi piedi, l’auto ce l’ho ed è a metano, adesso vado in vacanza in Spagna del nord e, sì, prenderò l’aereo per andarci ma all’interno mi sposterò esclusivamente coi mezzi pubblici. Voglio mezzi pubblici abbondanti e in orario, elettrici o a metano, car sharing per quando piove, piste ciclabili sicure, ZTL, autovelox e vigili stronzi in ogni angolo (in trent’anni di guida ho preso una SOLA multa, per essere passato con il GIALLO, e l’ho pagata senza lamentarmi)… Odio gli automobilisti e anche me stesso quando guido la macchina… Voglio vivere in una società dove ci sia consapevolezza e responsabilità nei consumi, e mi iscrivo anch’io al club anarcoprimivitivista di Lopo… Per tutto questo voterò 4 sì ai referendum, è comunque un buon inizio.

  28. zen@ scrive:

    camenisch libero!

  29. Niko scrive:

    Grazie PagUri, vi sono debitore di una boccia di “Nobile”, non sapevo come rispondere tale era l’imbarazzo!

    comunque purché se ne parli, ANDATE A VOTARE SI O NO, MA ANDATE A VOTARE, NON BUTTATELA IN POLITICA, QUI CI VUOLE IL CONSENSO POPOLARE, ANDATE A VOTARE.

  30. Kelden scrive:

    Veramente intendevo dire un’altra cosa, che le centrali non si guastano così a caso, che non è una cosa che succede abitualmente.
    Se arriva un terremoto che vi tira giù la casa, scoppia un incendio ed esplode la bombola del gas,  non è che a qualche coglione viene in mente di dire che il GPL è una tecnologia troppo pericolosa, e che si deve fare un referendum per abrogare le cucine a gas, vero?

    Adesso sicuramente ribatterete che  non c’è paragone, che le radiazioni ti trasformano nei fantastici 4 e che ammazzano millemila persone.
    Prima di pensare una cazzata del genere vi prego di riflettere sul fatto che ogni anno, solo in Italia, muoiono più persone a causa di caldaie e cucine a gas difettose  di quante ne abbia uccise l’incidente di Cernobyl.

    Riflettete anche sul fatto che in Italia si usa così tanto il gas per riscaldamento e acqua calda perché da noi l’energia elettrica è talmente costosa che non possiamo permetterci pompe di calore, scaldabagni elettrici e piani di cottura a induzione, e siamo costretti ad usare il fuoco per scaldarci e cucinare come al tempo degli etruschi.

    Comunque sia, anche se si raggiungesse il quorum, quando decideranno che è il momento di costruire qualcosa sospenderanno luce e fornitura di benzina per qualche ora durante la settimana dicendo che siamo a corto di energia, oppure triplicheranno la bolletta con la stessa motivazione, e la stessa gente che oggi vota si strillerà a gran voce che vuole subito il nucleare (o qualsiasi altra cosa gli si dica); quindi il discorso che stiamo facendo adesso, vota si, vota no, astensione, è puramente accademico…  serve tuttavia a riflettere sulla fondatezza delle nostre convinzioni; o almeno spero che sia servito.

    Ciao, Paguri!

  31. juri.natucci scrive:

    Come direbbe Don Zauker: puttana della mad…
    1) il libero impedimento è una legge anticostituzionale; se beccano un qualunque che criminaleggia, perché dovrebbe essere condannato, mentre “un’alta carica” dovrebbe essere lasciato tranquillo? E’ solo una questione di buonsenso.
    2) in realtà nei comuni del pisano-fiorentino esiste già una privatizzazione indegna da qualche anno: il risultato è che le bollette sono raddoppiate  (e qualcosa in più visto che le conteggio dal ’98), perché la parte privata aveva contato di ricavare più soldi. Ragionando: chi è quel privato, il cui scopo è produrre soldi, non servizi per la popolazione, investe per dare a noi acqua (ma anche treni, energia, infrastrutture), aspettando di recuperare i soldi nel corso di decenni? un folle o un ladro che fa le tortate con i vari amministratori pubblici più o più corrotti (il “meno” non ha significato).
    3) il nucleare pulito non esiste, perché l’unico modo di riciclare le scorie senza rimetterci, è la produzione di bombe nucleari, merce non particolarmente utile. Anche se teoricamente possibile la costruzione di reattori sicuri (non puliti, visto che anche gli ienchi hanno abbandonato la ricerca di siti definitivi di stoccaggio perché impossibile valutare la resistenza dei materiali per i prossimi 100000- 1 milione di anni), come è possibile la sostituzione di reattori già operativi, anche di recente costruzione, dato che il  tempo di ammortamento supera i 20 anni? Tenete presente che anche qui ci sarebbero investitori privati (vedi sopra per l’acqua…). L’ultima chicca: l’uranio è un combustibile di origine fossile, quindi soggetto ad esaurimento come tutte le altre fonti già note. Si dà caso, che i maggiori giacimenti si trovino in paesi non esattamente democratici (mi viene in mente alcuni paesi africani e la russia dello zio vladimiro): come si tutelano i diritti di lavoratori, dell’ambiente e della comunità tutta in tali condizioni? Andiamo a votare vai, e di corsa 4 SI’ belli pigiati!

    • Bird scrive:

      Tra le mille obiezioni che potrei sollevare: ah, l’uranio è fossile? Ok, pensavo fosse solo non rinnovabile… Ma quando hanno scoperto come rimpiegare totalmente le scorie in bombe devono aver fatto qualche altro breakthrough…

      • juri.natucci scrive:

        Sì, l’uranio è un’energia fossile, anzi la più fossile di tutte le energie presenti in natura, poiché si è formato ben prima del sistema solare… Ad ogni modo le scorie non sono riciclabili e tanto per utilizzare una battuta del dott. Luca Mercalli (quel comunista che parla a “che tempo che fa”): ” oggi nessuno spenderebbe un euro per dei rifiuti lasciati dagli antichi egizi”. Io aggiungo: “figurati chi e quanto pagherebbe per delle scorie lasciate dai dinosauri”, visto che i tempi di decadimento della radioattività sono di centinaia di migliaia di anni. Lasciate perdere gli elementi a decadimento breve (iodio 131, qualche giorno, od il cesio qualche deicna di anni): sono gli isotopi pesanti residuali di torio, uranio e transuranici (e tanti altri), tutti presenti nelle scorie,che hanno tempi spaventosi, oltre che essere straordinariamente tossici dal punto di vista chimico. Poi fate un po’ come vi pare: fortunatamente chimica e fisica sono scienza, non opinioni politiche, o peggio, fedi religiose…

        • Link_Ulata scrive:

          Noto con estremo piacere che il livello si sta alzando. 🙂 benvenuto Juri Natucci

  32. Paguri scrive:

    Via, qualcuno scriva un altro commento qualsiasi, così s’arriva a 100.

     

  33. SpaceMax scrive:

    Link_Ulata è il perfetto italiano, un sacco di paroloni, per poi trovare qualsiasi scusa pur di poter fare solo quello che gli pare! Voleva andare al mare e non a votare, ma doveva trovare una scusa da dire alla sua coscienza e ai conoscenti che gli avessero chiesto il perchè, ora ha una scusa, è tutta colpa nostra!

    • Hagar The Horrible scrive:

      … Se trollasse???

      • Bird scrive:

        Se avesse ragione?

        • Link_Ulata scrive:

          NO purtroppo ho torto, perche’ spero sempre di riuscire a confrontarmi sui problemi riuscendo a tenere il discorso fuori dalle ideologie politiche, ma come vedi qui è impossibile, ma non è colpa loro.
          Li capisco …

  34. Hagar The Horrible scrive:

    Visto e considerato l’alto tasso di robaccia bipede che alberga in amministrazione a livello nazionale e non solo, è assai plausibile che le opere “serie ed improrogabili” da loro proposte siano delle solenni inculate.
    Il fatto che eventuali opere, magari anche necessarie, per evidenti casi di inaffidabilità della suddetta amministrazione diventino dei costosi buchi nell’acqua, suggerisco che:
    Finchè non si riesce delicatamente e democraticamente a MANDARLI A FARE IN CULO, per lo meno si riescano a frenare delle possibili ENORMI STRONZATE che alla fine pagheremo salato, come altre cosette delle quali siamo poco informati.
    Effettivamente fanno un pò ridere cose tipo la privatizzazione dell’acqua in sicilia, nevvero?
    Ma è un problema locale, non prendiamolo ad esempio.Personalmente ritengo che tutto quello che propongono questi cialtroni non è altro che un imbellettamento dei propri porci comodi fatti passare come vantaggio comune.
    P.s. Si, il caro commentatore poco sopra potrebbe anche avere ragione, ne terrò conto.
     
     
     

    • Link_Ulata scrive:

      Giusto per la cronaca le privatizzazioni le ha iniziate Prodi proprio con l’acqua (documentati bene) Bersani ando’ a leccare i dred rasta agli americani per andare verso il nucleare, e tu critichi e mandi a fare in culo delicatamente o meno i bipedi che amministrano e amminestrano?, ma la domanda resta…. CHI…e sopratutto PEKKE?…. pensi che se eliminiamo tutta la classe politica e andiamo noi restiamo boy scout pieni di ideali casti e puri pensando solo a far bene? …. ma beatoTE beato. (Quando vi leggo in certe peripezie cerebrali mi domando se lo fate per convinzione o per caso) The orrible a me poco importa avere ragione io qui cercavo solo di dire la mia…. perche non è detto che avere un’opinione significa essere custodi della verita’ (chi offende è perche’ preferisce avere ragione che avere un’idea propria)

      • Hagar The Horrible scrive:

        Non santifico nessuno, infatti. Ad esempio basta chiedere a chi l’acqua ce l’ha pesantemente privatizzata e si avrà la risposta.
        Per il resto eliminare totalmente la classe politica rimane un risultato abbastanza automatico. Perchè? Non sto a sbandierare rivoluzioni, sarebbe bello che da noi il funzionamento del governo fosse PER LO MENO quello di qualche altro paese euopeo, come condotta, intendo, perchè l’economia qui da noi è andata a puttane da un pò (PIIGS), vedete voi…
        Quindi l’eliminazione è il risultato di scelta qualitativa, e non di parte politica. Se eliminiamo lo scarto non rimane mica molto!
         

        • Link_Ulata scrive:

          E bravo. Allora se iniziamo a discutere del perche’ adamo ha dato la costola a eva (puttana eva) siamo phottuti!… Restiamo nel tema, quelli che non vogliono le puttane sotto casa pero’ ci vanno a bombare… sono come questi amici che dicono “NO AL NUCLEARE” pero’ lo comprano.. il motivo è la necessita’ che non è risolvibile altrimenti e mi sta sul cazzo l’ipocrisia di quelli che continuano a dire “SI LA COMPRO MA NON IN ITALIA” non mi sembra che sia il ragionamento risolutore al problema, e nessuno porta l’alternativa fattibile si continua a dire “se iniziamo oggi tra 40 anni avremo pale e palette pannelli e pannellini”,nel frattempo continuiamo a fare footing col cappellino con l’elica cosi mentre corriamo prende vento e fa energia… E’ vero le puttane non sono radioattive allora propongo di mettere due catodi al culo di ogni zoccola ed estrarre energia rinnovabile da li… ci stai?

          • Tino Bombarda scrive:

            ribadisco: le centrali nucleari se le facciamo entreranno in funzione se tutto va bene mica tanto prima di 30 anni… inoltre esistono molti altri sistemi per produrre energia pulita, non solo i fotovoltaici e le pale…
            detto questo son d’accordo con te per quanto riguarda il discuterne senza scendere nel tifo da calcio, buttandola tutto in derby tra ds e sin (che oltretutto son simili, considerato che fassino ad esempio vuol mandare l’esercito contro i notav)…

            • Tino Bombarda scrive:

              aggiungo: altro problema del nucleare è dove le cacciamo le scorie? probabilmente as usual in italia verranno date in gestione alla camorra e questo non mi rassicura affatto

              • Link_Ulata scrive:

                Gia ne abbiamo di scorie stoccate, cè una puntata di report dove se ne è parlato e hanno fatto anche vedere un documento firmato da Prodi che vietava di fare rilevamenti misurazioni ecc a tutti gli enti e organizzazioni varie sugli effetti collaterali che ne derivano, (segreto di stato?) la puntata la trovi facile in streaming sul web. Che la camorra abbia le manine lunghe è risaputo ma grazie a dio in certi casi ancora comanda la cupola peggiore di quella camorristica… LO STATO.
                Ragione in piu’ per stare preoccupati ma fino a un certo punto, perche’ allora non avrebbe neanche senso votare non trovi?

  35. Kelden scrive:

    Non conosco i motivi degli altri, non leggo nel pensiero. Non so quanti non vadano per menefreghismo e quanti invece non ci vadano per convinzione.

    Posso parlare solo per me: andrò al seggio, e ritirerò SOLO la scheda del referendum sull’abrogazione del legittimo  impedimento e le altre no; sono convinto che gli altri referendum siano inutili e controproducenti, quindi convintamente, e non per pigrizia, cercherò di farli fallire e di convincere tutti quelli che conosco a fare altrettanto.

  36. Link_Ulata scrive:

    Siccome ho visto che si trascende preferisco far parlare le rilevazioni dopo LO TSUNAMI il TERREMOTO e la conseguente CONTAMINAZIONE non dovuta a malfunzionamento ma da un errore enorme di progettazione logistica sul suolo giapponese. (sai che sei a rischio tsunami e terremoto costruiscila altrove) a presto..forse!
    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_marzo_16/ambasciata-giappone-roma-piu-radioattiva-tokyo-190238152192.shtml
    leggete voi cagasotto 🙂

  37. zemmu scrive:

    Mi piacciono quelli che “il nucleare paragonato al carbone blah blah 20k morti”.
    La differenza è che tutte le altre forme di energia, comrpesa quella fossile, quando le abbandoni non lasciano strascichi per 25.000 comodi anni (e non è che in 25k di anni la radioattività cessa. Si dimezza. In poche parole la scoria delle centrali a fissione è come il diamante, per sempre).
    Oggi un premio nobel, non un peracottaro, dice che anche volendo il treno del nucleare lo abbiamo perso, e col senno di poi è una bella botta di culo, visto che non abbiamo costi di dismissione (pari a quelli di realizzazione).
    Una centrale dura 40 anni, dopo di che dovrebbe essere chiusa. Indovina come mai gli incidenti avvengono su quelle vecchie? Perchè, appunto, dismetterle costa un putiferio, e i governi nicchiano.
    Ora, visto che non abbiamo di questi costi, si può investire in altro. Il fabbisogno di centrali nucleari previsto per l’ Italia era di 20 unità. Col geotermico in Toscana, Lazio e Campania si ottiene l’equivalente in Gw di 4 centrali nucleari, in una frazione del tempo e del costo.
    http://www.repubblica.it/ambiente/2011/06/10/news/rubbia_intervista_nucleare-17475151/?ref=HRV-8
    Tra l’altro, domanda al solone di sopra: l’uranio (di cui siamo totalmente privi) da chi lo compri? Così, per sapere.

    • Link_Ulata scrive:

      Finalmente è arrivato il messia…. senza di te non avrei mai saputo cosa significa radioattivita’… ma è alquanto strano che ti sia sfuggito un fatto, SIAMO CIRCONDATI…sono anni che esistono le centrali e se hai perso un treno perche’ devi perdere anche il prossimo? ti piace fare footing evidentemente!  tu pensi che le scorie le produrrebbe solo una centrale atomica made in italy?..invece i francesi cagano cheese burgher dalle centrali… e non ti domandi che se invece di comprarla te la fai da solo …la francia i suoi esuberi energetici evita di produrli evitando di conseguenza di creare scorie (sempre scorie sono) e invertendo l’ordine dei produttori il risultato non cambia? (quantita di scorie) cambia solo che nella bolletta paghi la meta’ e l’uranio lo compri allo stesso LIEDL dove lo prende la francia o bischero …. mahh!

      • zemmu scrive:

        1) L’uranio non lo compri dove lo comprano gli altri perchè a) gli altri ce l’hanno sottoterra (e noi no) oppure b) gli altri hanno rapporti diversi dai nostri con paesi pieni di NEGRI tipo la Nigeria. Ti dò un aiutino, googla “francia nigeria uranio” e fatti una cultura.
        2) Sono anni che esistono le centrali però i problemi cominciano a sorgere adesso, ora che, appunto, le centrali sono a fine vita. E i vari paesi nuclearizzati devono cagare i soldi per dismetterle.

        Bischero è chi vuole far credere che una centrale come quelle proposte dall’ Enel sia conveniente rispetto, che so, al gas (che non è carbone) a 7 mld di euro a centrale.

        Ti rispondo io così non ti sloghi l’elastico del cervello: è più conveniente il kw fatto col gas; la centrale a gas la fai in un ventesimo del tempo; al momento di smontarla non ti costa tanto quanto farla; niente scorie; l’efficienza ha raggiunto e passato il 60%, quindi conveniente anche dal punto di vista della Co2.

        3) Dimenticavo, le scorie: è un problema non risolto. Gli USA hanno investito 7 mld di $ e 9 anni (Yucca Mountain) e non hanno risolto un cazzo, anzi, han lasciato perdere. In Francia devono investire 15 comodi miliardi di euro senza garanzia di successo. In Germania ci han provato con le ex miniere e adesso sono nel panico perchè ci sono infiltrazioni e le falde acquifere sono a rischio. Quindi la domanda “e gli altri come fanno?!” è idiota: non fanno, o meglio, non hanno ancora fatto.

        …a chi dicevi bischero?

        • Link_Ulata scrive:

          è bischero colui che dice solone a chi dice bischero a quello che ha detto PRIMA solone. gugle attaccatelo all’elastico e vedi se dai e dai esce qualche mW.
          Nel frattempo controlla bene che anche i neuroni emettono radiazioni anche se minime mentre funzionano, forse per quello le temi? 🙂

  38. ulivinico scrive:

    Caz, ma quanti commenti avete scritto?! E mi sembra che nessuno abbia preso in considerazione il fatto che siamo un pò troppi in questo globo. Se fossimo la metà, già risparmieremmo molto. (poi, sul come fare…un lo so).
    E nemmeno avete avete considerato che quell’1 che mancherà per il quorum potrebbe essere…lui!!!
    Tastatona di palle e arrivederci a Riotorto, alla festa Energetica http://www.energeticafestival.it/
    🙂

  39. Kelden scrive:

    ma prima che inventassero le centrali, esisteva già l’uranio?

  40. Hagar The Horrible scrive:

    Questo è arrivato in fondo, comunque riguardo il problema scorie ecco qui:
    Si dovrebbe fare così: Ad Onkalo…
    http://en.wikipedia.org/wiki/Olkiluoto_Nuclear_Power_Plant
    Fanno questo:

    Sub italiani, su come si pensa veramente un sito di stoccaggio scorie.
    “Veramente” vuol dire non “all’italiana” o “alla tedesca”, per dire, dove hanno scelto una vecchia miniera di salgemma che sta (OPS!) crollando per infiltrazioni da falda acquifera… con ancora dei fusti di scorie dentro, come ovvio. Che distratti!
     
     

  41. vivi scrive:

    Comunque voteranno anche le cittadine.

  42. lou scrive:

    Ancora qualche commento e lo si raggiunge qui il quorum,comunque qui a milano sono 9 SI

  43. Marchettino73 scrive:

    Se’ondo me link ulata ha picchiato ‘r capo da piccìno in un capitello e nessuno gliel’ha detto

    😀 😀

    • Goldrake scrive:

      E si è pure rotto, il povero capitello ! 😉

    • Link_Ulata scrive:

      Almeno ho qualcosa da battere, te manco quello, e goldrake sta ancora cercando di volare col panellino solare mentre co l’elica ci fa’ le lame rotanti … 😀
      (i cartoni giapponesi hanno fatto piu danni del nuke) 🙂 🙂

  44. Marchettino73 scrive:

    @link_ulata

    Io te ti voglio sul mio blog,e se mi fai incazzà fò un referendum 😀
    Non sono d’accordo con te ma ti voglio sul mio blog
    2010fugadapolis.wordpress.com

  45. Marchettino73 scrive:

    E sul nucleare un ci ‘apisci ‘na sega,strónzolone a pile………..scari’e 😀 😀

    • Link_Ulata scrive:

      Ovvia ti verro’ a trovare giusto pe’ spiega’ che ir nucleare le’ come il trilama… la prima lama solleva il pelo, la seconda lo rintruzzica rinzeppandolo, la terza GODE 🙂

  46. Marchettino73 scrive:

    @link_ulata

    HahahahahahahahahahahahahahahahahHahaha

    Ci devi venì regolare,un fà l’apparizioni della Madonna eh?!! 😀 😀
    Lo vedete che a pigliallo ner vèrso giusto è anche simpati’o.
    È un’po duro….ma simpati’o

    • Link_Ulata scrive:

      Come quello che “ambientalista della madonna” andava su pel greppo del santuario di Lourdes in bicicletta in salita e avvicinandosi al’omino in macchina disse “Vado bene per la madonna” ..e l’omino…. PER DIO ME PARI COPPI… questo succede a voi che mandate gli amici a votare col Guzzi california il parabris di Moschino (griffato) comprato a portaportese quasi novo co 45542158745 km e al posto della batteria mettete il pannellino SOLA_re 🙂

  47. Marchettino73 scrive:

    @paguri

    Madonna quattro vòrte budellona,ma spezzà le pagine de’ commenti ogni 30-40 no eh?!?

    Per scorre la pagina ci vòle una giornata,siete proprio livornesi…..bisogna divvi tutto 😀

  48. Link_Ulata scrive:

    No perche’ devi soffrire! 🙂

    • lou scrive:

      @ link ulata                                                                                             ma ce sei venuto o te c’hanno mannato?

      • Goldrake scrive:

        Dev’essere un contrappasso o qualcosa del genere… 😉

      • Link_Ulata scrive:

        E’ che il cav. Paguri mi ha offerto un buono lavatrice per ogni commento, di questi tempi buttala via. Cattivo sembri ma oggi al seggio quando farai come Verdone alla fine del film…. “bianco rosso e verdone” con la maglietta sull’ombellico e i moscini (cit Marchettino) addosso, ti sentirai migliore! 🙂

  49. Marchettino73 scrive:

    “….il parabrìse per i moscìni…” macché Moschino!
    Lo vedi sei un’po duro 😀

    Scherzi a parte,puoi venire quando vuoi.
    Se poi usi codesto nickname sarebbe il massimo
    😀 😀 😀

    Un saluto,vò a lavorà

  50. rikmorgan scrive:

    Ora, non ho letto tutti i commenti ma a qualcuno è mica venuto in mente del rischio micidiale che si correrebbe a far costruire le centrali nucleari in Italia? No dico, avete presente la “cricca”, Scajola (hai visto mai gli fanno una centrale a sua insaputa…..), Romani e via così…….
    Affidare a questa gentaglia il nucleare italiano e come mettersi una barra di uranio nel culo.
    Si può disquisire all’infinito sul nucleare e sulle tecnologie collegate; il fatto è che quando la prospettiva e che a gestirlo sarebbero personaggi ben noti e nocivi come quelli che sicuramente lo avrebbero in mano preferisco farne a meno……..di volata !

  51. Kelden scrive:

    @ rikmorgan Aò, ma o sai che c’hai ragione?  nun c’avevo penzato. Cè la mafia, nun potemo tenè er nucleare! Da noi ce sta la mafia. Non se po fa gnente, c’è la mafia. Piano i medicinali scaduti e se li rivendono pe bboni: chiudemo le farmacie! in Italia non se ponno fa le farmacie, perchè c’è sta la mafia. La mafia prende i rifiuti tossici dalle fabbriche e li sottera in campagna ndove ce coltivano i pomodori. Basta, chiudemo, le fabbriche, c’è la mafia, nun se ponno tenè le fabbriche aperte in Italia!

  52. rikmorgan scrive:

    Vedi Kelden, io non ho mai parlato di mafia, quella tanto tanto riesci quasi a controllarla, per esempio con qualche accordino sottobanco……..ho parlato di qualcosa di peggio e cioè di coloro che dovrebbero LEGITTIMAMENTE gestire il nucleare. Sono quelli che mi fanno più paura, non la mafia. Tutto il resto e fuffa……..

  53. Bird scrive:

    170+ commenti e siamo sempre alla solfa “siamo italiani, possiamo fare poco e male, al massimo se ci tengono per la manina le democrazie serie”?

    Ok, faremo tanta strada, vai!

  54. McLaud scrive:

    Tardi e male, ma intervengo per pontificare (il verbo è deliberatamente utilizzato in maniera provocatoria) anch’io.
    1) Sul nucleare non aggiungo una virgola, anche perché il livello medio è basso, ma vorrei segnalare un paio di blog in cui la questione, pur se con ironia, è presentata in maniera interessante: questo e quest’altro .
    2) Sulla c.d. privatizzazione dell’acqua, due considerazioni essenziali e qualche riflessione: a) non si tratta solo dell’acqua; b) non è una privatizzazione in senso proprio.
    I due quesiti referendari vertono sulla gestione dei servizi pubblici degli enti locali (acqua, rifiuti, energia, gas, trasporti, farmacie…) e sul calcolo della tariffa per il servizio idrico integrato (per la quale a livello normativo si prevede che, tra le altre voci, si tenga conto anche dell’ “adeguata remunerazione del capitale investito”, poi tradotta in un 7% fisso da un decreto ministeriale del buon Di Pietro).
    Sul primo punto, senza ripercorrere dettagliatamente tutta la complessa evoluzione normativa, c’è da dire che fin dal 2000 è permesso agli enti locali di scegliere indifferentemente tra tre modalità per gestire i servizi che erogano al territorio: 1) società pubblica; 2) società mista pubblico-privata (e scelta del socio privato tramite gara); 3) affidamento a privato tramite gara.
    La scelta è stata effettuata in maniera diversa da ciascun ente, con alcuni risultati assai positivi ed altri disastrosi.
    Nel tempo, così, con varie manovre di carattere finanziario (e non in riforme organiche della materia), si è cercato di ridurre il ricorso alle società interamente pubbliche, nonostante a livello comunitario, a certe condizioni, fossero consentite.
    Si arriva così al 2008, anno in cui Berlusconi, decidendo di fare un favore a sè ed agli amici di Confindustria ed Assonime (cercatevi pure su internet i documenti con le loro richieste anteriori al 2008 e vedrete come siano stati perfettamente accontentati), stabilisce che le modalità di affidamento del servizio siano di regola l’affidamento a privati o a società pubblico-private con una presenza del privato non inferiore al 40% e con il riconoscimento di speciali prerogative. L’affidamento a società pubbliche resta un’eccezione circondata da mille ostacoli e richiede altresì un’autorizzazione da parte dell’autorità garante per la concorrenza ed il mercato. Per le società pubbliche esistenti è sostanzialmente previsto una graduale dismissione a favore dei privati, anche laddove siano perfettamente funzionanti ed in attivo.
    Le riflessioni al riguardo sono queste (e chiedo scusa per l’estrema sintesi e semplificazione): 1) non comprendo perché gli enti locali dovrebbero essere messi in una condizione deteriore rispetto agli imprenditori privati, sostanzialmente vietando loro di intervenire nell’erogazione di quei servizi. 2) se il gestore del servizio locale è un privato, non c’è alcuna maniera per influire sulle modalità di gestione, mentre se è l’ente territoriale, allora almeno ogni 5 anni c’è la possibilità di eleggere un’altra amministrazione…e non è poco.
    Riguardo alla tariffa del servizio idrico, il codice dell’ambiente prevede già diversi parametri che debbono essere tenuti in conto per il suo computo e quindi non comprendo perché alle società che operano in quel settore debba essere riconosciuta la possibilità di aggiungere un 7% fisso ed ingiustificato sul capitale investito.
    3) Infine, sul legittimo impedimento credo che ci troviamo tutti d’accordo: un simile provvedimento non dovrebbe esistere. Certo, ci sarebbe da dire che dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul punto, il legittimo impedimento del presidente del consiglio va valutato come il legittimo impedimento di chiunque altro…e allora a che serve abrogare quella legge?
    Qui il discorso è davvero soltanto politico; serve a mandare un messaggio il cui contenuto sia più o meno questo: “Il popolo italiano non vuole che siano introdotti privilegi ed immunità che alterino l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge”
    …sperando che qualcuno ne tenga conto.
    Come al solito, sono stato prolisso e me ne scuso; chiunque volesse avere ulteriori riferimenti normativi o altri approfondimenti, non ha che da chiedere e sarà impallinato.

  55. Bird scrive:

    Mi risulta che pure i privati affidatari abbiano la loro “scadenza”, che magari non saranno i 5 anni delle politiche, ma resta. Il 7% non è fisso, è un massimale, per pignoleria…

    E qui non ci leggerà più nessuno, dai…

    • McLaud scrive:

      Bird, sempre per pignoleria (e, a questo punto, solo per la cronaca), il 7% è sì un massimale, ma viene garantito a tutti.
      Poi, se le concessioni per la gestione dei servizi arrivano a durare 20 o 30 anni, dimmi tu se non continua a essere preferibile sotto questo aspetto la gestione mediante società in house: almeno comune/provincia/regione sono eleggibili a scadenze più brevi.
      Il problema, forse, è un altro e riguarda il fatto che molte gestioni pubbliche o pubblico/private abbiano rappresentato dei parcheggi per clientele politiche o siano state gestite male per via del fatto che non esiste alcun controllo preventivo sul loro operato. Certamente le varie leggi che nel tempo “destra” e “sinistra” hanno introdotto per limitare il numero di componenti del c.d.a. o la loro remunerazione, o per vincolare gli ambiti di operatività delle società in house non hanno in alcun modo contribuito a risolvere i molteplici problemi del settore, esacerbando, casomai, all’opposto gli stratagemmi elaborati per eluderle.
      Molto probabilmente, sarebbe sufficiente reintrodurre dei poteri di controllo preventivi in capo alla giurisdizione contabile (accompagnati, ovviamente, da adeguate dotazioni organiche), ma nessuno ha mai inteso intraprendere questa strada (anzi, di corsa in senso contrario) e prova ne sia la vicenda dell’ectoplasmico comitato per la vigilanza sui servizi idrici.

  56. Paguri scrive:

    Ah, a Link_Ulata e compagnia trollante: PUPPATECELO FORTE. Ma forteforte, eh?

    Passo e chiudo.

  57. Marchettino73 scrive:

    @paguri

    …Ah, a Link_Ulata e compagnia trollante: PUPPATECELO FORTE. Ma forteforte, eh?

    Passo e chiudo.

    Che ingrati 🙂
    E io che tengo il link al vostro blògghe 😀
    E scorciate le pagine,che qui si va ar mani’omio

    Hahahahahahahhahahahahahahahahahahahah

  58. Link_Ulata scrive:

    a tutti quelli……..a tutti quelli……….a tutti quelli
    http://www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra/?p=4085
    ma proprio a tutti è!
    Alla fine ho dato il mio unico si e i tre no (per andare in culo a tutti quelli che la buttano in politica vedeteve sto LINK :P)
    Adesso appena sento uno che si lagna per l’energia elettrica e i costi o che sta senz’acqua 1 pomeriggio lo metto a 90 e gli dico PUPPA! Te Marchettina 73 sei meglio quando ammazzi i moscini, te pagurino dovresti imparare a offendere meno e pensare di piu (molla sta lavatrice che mi diventi isteriHa) 😀
    In Elio we trust

  59. Marchettino73 scrive:

    @link_ulata

    Ma ti cào?
    A me me lo sfoderi con la rincorsa,se un capisci una sega fatti vedé da uno bravo

    • Link_Ulata scrive:

      @Marchettino73
      …Ah, a Link_Ulata e compagnia trollante: PUPPATECELO FORTE. Ma forteforte, eh? <—— se tettu un mi cahi…. tettu se matto… o bischero.
      T’ho risposto ecco tutto.
      (ho provato a venirti a rompere i coglioni di la ma solo per la registrazione serve mezza giornata di ferie :D)
      Non l’ave a male budihulo. 😉