« | Home | »

Renzetti.

9 dicembre 2013

Renzetti

Scusate se non commentiamo salacemente, con fulminanti doppi sensi o mirabolanti giochi di parole, la vittoria di Renzi alle primarie del PD, ma ne abbiamo veramente pieni i coglioni (di Renzi, dei mirabolanti giochi di parole, delle primarie e del PD).

Anzi, più che la vittoria di Renzi, si parli della vittoria di Repubblica.it, di Huffington Post e di tutti quegli organi d’informazione (eh?) che hanno dato il massimo contributo a costruire scientemente il carrozzone Renzi, riportando fedelmente, ogni giorno e con ogni modalità, ogni singola scurreggina il farfucchione fiorentino faccia da due o tre anni a questa parte (alternandoli con altri due idoli di casa Rep: Lindsay Lohan e Maurizio Crozza) in spregio al buon senso e alle nostre borse scrotali.

Renzi ha un debito enorme con un sistema che ha fatto regredire il livello della comunicazione allo stadio delle scimmie ragno (o del centrodestra, nuovo o vecchio che sia). Certo questo sistema non lo ha costruito lui, c’era già da prima; ma lui se ne è abbondantemente servito e in esso sguazza felice come un bimbo convinto di essere speciale.

L’amarissima verità, largamente prevedibile, è che siamo passati da un criminale messo sul trono dalle sue tv e dai suoi mezzi di comunicazione ad un venditore di fumo, messo sul trono da altre tv e da altri mezzi di comunicazione.

Cos’altro c’è da aggiungere?

Ah, sì: prcmdnn!

 

Share

Tag: , , , ,

58 Commenti

  1. Blade scrive:

    Condivisibile assai.
    La mia orchite ha raggiunto livelli estremi
    Unica cosa, mi preme far notare che pare che il QI delle scimmie ragno (o ateles che dir si voglia) sia piuttosto elevato. Quindi il paragone calza poco

  2. stocazzo scrive:

    ok. 🙂
     

  3. opellulo scrive:

    Quello che davvero deprime è che il ciclone scatenato dal criminale delle TV ha azzerato di fatto, la cultura di un paese; rendedolo ormai dipendente dall’ennesimo faccione dal balcone.

  4. Marco Alfaroli scrive:

     
    Mah… io non me la sento proprio di dar ragione a questo post. Se no è come quando a un comunista gli dicono: “Eh, ma se sei comunista non devi avere la casa di proprietà”. E lui che fa, se con gli stessi soldi che paga di affitto può pagare un mutuo e comprarsela? Non la compra?
     
    Renzi sguazza in un sistema che premia il protagonista, l’uomo bellino, che si presenta bene, che sa stare in TV. E sfrutta tutto questo a suo vantaggio… poteva vincere in un altro modo? Avranno fatto bene tanti elettori del PD a sceglierlo (quasi 80%)? Non lo so. Io non ero tra loro, anzi, non sono proprio andato. Ma mi sento di rispettarli.
     

    • McLaud scrive:

      Qualcuno ha mancato loro di rispetto? Forse più Renzi…solo che gli appassionati votanti ancora non se ne sono accorti.

      • Marco Alfaroli scrive:

        Parlavo solo per me. E il post è comunque satirico (deve per forza essere graffiante). “Per me”, questa volta, i Paguri non fanno ridere (sarò diventato fascista a mia insaputa?)

        • McLaud scrive:

          Egr. Marco,
          non te la prendere a male: aggiungevo solo una mia personalissima considerazione sul chi possa macchiarsi di “mancato rispetto” nei confronti degli elettori. Rilancio e correggo il tiro: effettivamente sono convinto di poterli considerare intellettualmente alla stregua dei parameci (stiamo parlando di pagare per votare Renzi, tanto per capirci), quindi è impossibile mancare loro di rispetto.
           
          In secondo luogo, gli stessi Paguri hanno dichiarato di non aver intenzione di far ridere scrivendo…e non vorremmo mica forzarci a farlo a sproposito, o no?
           
          Infine, lasciamo da parte i fascisti…almeno conserviamo il significato della parola per quando ne avremo davvero bisogno.

          • Goldrake scrive:

            Mi permetto di fare una chiosa sul tuo ineccepibile discorso, McLaud : si dice che la nostra classe politica sia peggiore del popolo italiano. Niente di più sbagliato, lo rispecchia benissimo, anzi, è superiore, dato che è comunque più moderata, visto che si facesse al 100% la volontà popolare, avremmo pena di morte, cannoni puntati contro gli scafisti e quant’altro.

            • McLaud scrive:

              No, Goldrake, siamo in spending review ed ecco gli effetti: 1) perché pena di morte se in carcere si muore alla grande anche senza (salvi “interventi umanitari”…prcmdn)? 2) perché cannoni contro gli scafisti, se tanto si inabissano a migliaia? 3) perché quant’altro, quando c’è quanto questo? 😉

        • Paguri scrive:

          Il post non deve “per forza” essere niente. Anzi, forse non è neanche satirico. E’ solo una nostra riflessione, tutto qui. Non ci interessa fare sempre la battuta più efficace e non ci interessa farla prima degli altri. Ci interessa riflettere e provare a condividere la nostra visione delle cose. E, a voler essere pignoletti, ci sembra di averlo anche chiarito in apertura.

          • woytila88 scrive:

            sono d’accordissimo con voi, anche a me non me ne frega niente, né di renzi né nel pd e infatti non ho postato nulla in proposito. Ora però un imperativo categorico kantiano me lo impone. Ho letto bene nel post di marco? l’uomo bellino? ma secondo voi? 
            http://www.cosapubblica.it/wp-content/uploads/2013/10/Matteo-Renzi.jpg
             mr. bean fossi gay mi farebbe più sesso.
            P.s non ho messo le foto da ciòvane da mike perchè non sparo sulla croce rossa

            • McLaud scrive:

              …caro santo padre, quella non è niente rispetto a quelle che ho ripescato e segnalato qualche commento più giu.

  5. PINOZ6700 scrive:

    Minchia … ma che è tutto sto bianco???
    🙂

  6. Boodlez scrive:

    Amo che abbiate citato The Wire, a mio parere la miglior serie di sempre; ma lì si narra di un Carcetti che parte con le migliori intenzioni e scende a compromessi rendendosi conto che il sistema non si può cambiare. Qui invece si parla di uno che il sistema sa bene come gira e ci inzuppa con gioia, mi sembra

    • McLaud scrive:

      Non direi, secondo me l’abbinamento è azzecatissimo. Carcetti sguazzava nel sistema alla grande e ci inzuppava con gioia, specie quando poteva inzuppare nel prossimo (…secondariamente, anche nella prossima). 

    • Paguri scrive:

      @Boodlez:

      Condividiamo tutto.

      A partire da The Wire, fino al resto del ragionamento.

  7. Giangino scrive:

    M, V, ccr!!!
     
    Solita Indivia la VS. Che siamo, 3 milioni di coglioni (cit.)? Quant’è stata l’affluenza alle Quirinarie (online e gratis?) 
     
    Ancora: è meglio repubblica o il sito bimbominkia, che per avere click su google adwords, di e le minchiate più grosse? Dai, sii serio.
     
    Mi opiacevi un monte quando hai parlato del ruanda, cazzo. Complimenti. Ora no.

  8. jahtiz scrive:

    mi viene solo da dire:
    CASPITA! HA VINTO RENZI! CHI LO AVREBBE MAI IMMAGINATO?!?!
     
    io no ce l’ho con Renzi che, se pur non stimo, non mi sembre peggiore di tanti altri politici italiani. è uno che sa vendersi bene.
     
    ce l’ho piuttosto con gli altri vostri accusati: i media.
    queste, si, sono state delle elezioni “fuffa”, nel senso che in TV c’è sempre stato un solo candidato, ovunque si è sempre e solo parlato di un candidato, mentre gli altri erano “il figlio del vecchio establishment” e il “figlio di nessuno”.
     
    peccato, perchè Civati mi è sempre piaciuto e avrebbe potuto riportarmi a votare alle prossime elezioni.
     

    • Paguri scrive:

      Ma infatto non ce l’abbiamo tanto con Renzi… o almeno non ce l’abbiamo con Renzi quanto ce l’abbiamo con Repubblica&c.

  9. Goldrake scrive:

    Mi siete mancati.

  10. Goldrake scrive:

    Faccio notare che siamo arrivati al punto di definire Renzi belloccio
    (eh ?), che si presenta bene (eh ?), che sa stare in TV (eh ?), ecc.
    Per anni abbiamo aspettato di toccare il fondo per risalire. Non esiste il fondo.

  11. Hiei scrive:

    Per fortuna che c’è ancora in quel paese chi non dice e fa una sega per tutto il tempo e  arriva dopo a dire…un cazzo, che non si sa mai, giusto che è tutto uno schifo e che il sistema fa schifo e nessuno capisce un cazzo, prcmdnn non ci son più le mezze stagioni e si sta meglio quando si stava peggio e comunque quando c’era lui i treni arrivavano in orario (papa giovanni, s’intende, che si parla del pantheon della sinistra… :’D ).

  12. Karagounis scrive:

    Ora, ci sarebbe da dire di molto e mi astengo. Una cosa sola non tollero che si dica: che sia bellino.
    Mi par davvero troppo.
     

  13. vraie scrive:

    Renzi è il prodotto inevitabile della propria epoca, come Leonardo Da Vinci    ………se non avesse sfondato in politica avrebbe avuto successo comunque: protagonista in una fiction …  nella versione italiana di mr- Bean, rappresentante di bibite o altro
    Con un denominatore fisso: stare sul c. a molti

  14. Karagounis scrive:

    Rutto libero, no problema.
    Nulla di personale.
     

  15. Wilson scrive:

    io vedo le mani della chiesa ovunque, dopo aver fatto un papa presentabile,,,  un bel politico presentabile (o belloccio che dir si voglia) ò’importante che la linea resti quella, no imu, finanziamenti alla scuola privata e così via. la nuova sinistra

  16. Talented Ripley scrive:

    Siete mancati anche a me… ancora di più da quando mi avete fatto conoscere The Wire. In retrospettiva posso dire che il parallelo con Carcetti calza a pennello. Non mi sento di escludere che perfino gli spin doctors del fiorentino stronzo si siano ispirati a lui.. (del resto siamo sempre nel campo dello storytelling). domenica sera, mentre ascoltavo il suo discorso mi veniva voglia di giocare a “trova le differenze” col finale della terza stagione

    • McLaud scrive:

      Sì, almeno una differenza c’è: a Firenze ancora non hanno creato delle zone per lo spaccio lecito (al di fuori del salotto di casa Renzi).

      • Talented Ripley scrive:

        Che non sarebbe male come soluzione… 😀 Sul salotto di casa Renzi non mi esprimo, è già abbastanza raccapricciante (per quanto scontato) il fatto che abbia vinto…

  17. Ste scrive:

    Con buona pace di Renzi segretario (di sto cazzo): io intanto tempero le tre punte del forcone…

    • Goldrake scrive:

      “Forcone” non è una bella parola, di ‘sti tempi… :-/

      • Ste scrive:

        In effetti mi riferivo proprio ai Forconi. Con Renzi compaiono sullo stesso piano mediatico e fanno capo al medesimo blocco di potere. Uno è la faccia rassicurante del moderato, gli altri sono la “pancia” populista che vorrebbe vedere l’Alba Dorata. Cavalcano entrambi in groppa a masse prive di un orientamento concreto, facili da manipolare con la fame che c’è. Prova ne sia che in mezzo a tante ciarle sulla giustizia, l’unica che non viene mai considerata è proprio la giustizia sociale, tramite obiettivi veri.

        • Goldrake scrive:

          Hai detto bene… In tempi difficili è facile pescare nel torbido e le masse proprio non riescono a capire che il problema è comune, la soluzione è diversa.

  18. Angelo scrive:

    Vero, tutto vero. Concordo con tutto quello che avete scritto.

  19. Bah scrive:

    Sono capitato sul sito di Donzauker dopo anni che non lo guardavo più.
    Vi siete trasformati nella caricatura di voi stessi. Rosiconi, invece che critici; polemici invece che ironici; palesi invece che sottili. Le cose più carine del sito son sparite, Donzauker non compare più da nessuna parte (e fa molto meno ridere e pensare) e Nirvana non è stato il botto che poteva essere.
    E, da chi commenta, mi pare che anche il pubblico si sia assottigliato.
    Lo so che mi direte che a voi piace così e fate il cazzo che vi pare. Liberissimi. Volevo solo dire che fa un po’ tristezza. Peccato.

    • Goldrake scrive:

      Hai dimenticato “gay-friendly” invece che “frustoni”.

    • Paguri scrive:

      Caro Bah,

      e invece ti sbagli: data la forte critica, meriti una risposta. Non sei un troll, o almeno non lo sembri (in caso contrario ti ignoreremo bellamente come facciamo e abbiamo sempre fatto con gli altri).Al contrario di quello che pensi, e al contrario delle reazioni della maggior parte degli autori, non solo ci piace aprire dibattiti quando ci appaiono interessanti, ma ascoltiamo con grande attenzione le osservazioni che ci vengono fatte, anche le più aspre. Per un semplice motivo, brutale ma sincero: ci fanno comodo.

      Stanti una linea di pensiero e una visione delle cose che abbiamo ben solida e che danno una progettualità abbastanza in là nel tempo, non sono stati rari i casi in cui abbiamo fatto tesoro delle critiche, correggendo (quando ritenuto opportuno) il tiro.

      Rosiconi invece che critici?

      Post privi d’ironia e, anzi, pregni d’incazzatura li abbiamo sempre fatti. Probabilmente, dopo tanto tempo che non ci leggevi, quando sei tornato ne hai beccato uno.

      Palesi invece che sottili?

      Può darsi. Grazie per farcelo notare: per noi vuol dire tanto. Non sai quanto.

      “Donzauker non compare più da nessuna parte (e fa molto meno ridere e pensare)”

      E, permetterai, in questa tua contraddizione involontariamente ironica, sta sia la domanda che la risposta. Ma non temere, DZ è solo a maggese.

      Nirvana non è stato il botto che doveva essere.

      Caro Bah, non abbiamo creato Nirvana perché fosse un botto, o almeno non era quella la nostra intenzione primaria, speravamo si fosse capito. Altrimenti avremmo evitato certe tematiche, certo linguaggio, certe situazioni, in favore di altre tipologie maggiormente digeribili per il grande pubblico. L’operazione era (ed è) mirata ad altro. Ti riveliamo tuttavia una cosa: Panini ci ha chiesto di proseguire per n stagioni; siamo noi che vorremo fermarla quando riterremo chiuso il ciclo narrativo. Nirvana rappresenta per noi il compimento di un percorso durato svariati anni. Dopodiché, altro ci aspetta e altro abbiamo in mente per il futuro. Ma avevamo messo in conto anche le critiche più feroci, riguardo a questa fase intermedia. Va bene così.

      Il pubblico si è assottigliato.

      Quello del sito di sicuro, dato che lo stiamo trascurando palesemente in favore dei progetti che seguiamo. E’ una questione di priorità. Se invece intendi il pubblico dei lettori dei nostri albi, ti sbagli. E, ti assicuriamo, di grosso, anche.Ciao e grazie,

      i Paguri.

      • Bah scrive:

        Cari Paguri,
        Ringrazio per la risposta, sincera, ad un commento sincero. Spero che la critica vi sia utile. Solo una piccola precisazione: avevo scritto “Nirvana non è stato il botto che poteva (non doveva) essere”. Non era scritto a caso: delle aspettative di vendita me ne importa poco, ma forse c’era un potenziale che è rimasto inespresso. E raggiungere più persone possibili con un messaggio è importante.
        Beh, buona fortuna

        • Paguri scrive:

          Boh, sul potenziale (in)espresso di Nirvana, aspetteremmo di chiudere la serie, con ogni probabilità con la terza o al massimo con la quarta stagione. Dopodiché ogni commento è supportabile con argomentazioni più complete.

          Sull’importanza di raggiungere più persone possibili concordiamo fino a un certo punto; e qui dovremmo aprire un capitolo che, se capiterà, ne parleremo a voce in qualche occasione, se non vogliamo passare il resto della giornata davanti al computer (noi no di sicuro).

          Ma se ci segui da un po’, saprai che il séguito che abbiamo ce lo siamo costruito lavorando con lentezza, mattoncino dopo mattoncino.

          Con tutti i rischi del caso.

          Ciao e a presto.

  20. […] Scusate se non commentiamo salacemente, con fulminanti doppi sensi o mirabolanti giochi di parole, la vittoria di Renzi alle primarie del PD, ma ne abbiamo veramente pieni i coglioni (di Renzi, dei mirabolanti giochi di parole, delle primarie e del…  […]

  21. […] Scusate se non commentiamo salacemente, con fulminanti doppi sensi o mirabolanti giochi di parole, la vittoria di Renzi alle primarie del PD, ma ne abbiamo veramente pieni i coglioni (di Renzi, dei mirabolanti giochi di parole, delle primarie e del…  […]