« | Home | »

Misteri della fede.

10 febbraio 2014

Evidentemente insensibili al fatto che Papa Francesco indossi comuni scarpe nere, al posto degli scarpini di Prada del suo predecessore, gli aridi membri del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia hanno chiesto chiesto alle gerarchie vaticane di rimuovere e consegnare alle autorità civili quei sacerdoti che, nell’esercizio delle loro funzioni, si fossero macchiati di reati di pedofilia.

Lo ha chiesto l’ONU, per dire, non Don Zauker.

Secondo il rapporto del Comitato, formato da 18 cinici e biechi, ma indipendenti esperti di diritti umani, che evidentemente conferiscono minore importanza al fatto che Papa Francesco amasse spostarsi in autobus piuttosto che con l’auto ufficiale, rispetto alla salute di una moltitudine di bambini, il Vaticano si è reso complice – per azioni o omissioni, negli anni di numerosi reati di pedofilia.

Sì, lo sappiamo bene, ci sono tanti preti buoni (tipo Don Matteo, per dire…) che aiutano i poveri, gli zoppi i gobbi e così via… saltiamo tutta questa parte e veniamo alla brillante risposta della Chiesa Cattolica che, nel ricordare che Papa Francesco indossa comunque un crocifisso di ferro e non d’oro, risponde piccata che: “Alla Santa Sede rincresce, tuttavia, di vedere in alcuni punti delle osservazioni conclusive un tentativo di interferire nell’insegnamento della Chiesa Cattolica sulla dignità della persona umana e nell’esercizio della libertà religiosa.”

Ora, cosa c’entrino la dignità della persona umana e l’esercizio della libertà religiosa con il coprire chi incula dei bimbetti (perché di questo si tratta, sennò non ci capiamo) non riusciamo a comprenderlo.

Ce lo spiegate, per favore?

 

Share

Tag: , , , , , , ,

12 Commenti

  1. Jinx2 scrive:

    Oh che bello !
    Chi non more si rivede (o si risente, o rilegge, insomma avete capito ……) !
    Riguardo l’articolo : se per “l’esercizio della libertà religiosa” si ritiene che preti possano fare i pederasti con i biNbi, allora la loro posizione effettivamente si spiega benissimo, scarpe nere o rosse che siano.
    Da parte mia, il giorno che ne prendereanno un fastello di preti incula biNbi, e li metteranno in galera con avvenenti omaccioni che vogliano fare a loro quello che loro hanno fato ai biNbi, qualora avvenisse, farei festa grande, anche se a poco servirebbe nie confronti di chi è stato abusato, e perchè no, anche della parte “sana” (se così si può definire lo stuolo di preti non pedofili) della chiesa.
    Dubito però che ciò avvenga durante la mia vita terrena.
    Riguardo voi, invece, cari cosi, la lunga astinenza da Internette vi ha reso dimorto fori esercizio : Dopo “Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia” avete scritto du volte “chiesto” ….

    Avoglia di chiedere a loroli,  anche se ti rispondono è sempre picche …
     
    salutoni, ridateci il DON e le Chiavi di ricerca …… ne sentiamo la mancanza ……..
    😉
     
    Jinx2
     
     

  2. Abele scrive:

    …LE CHIAVI!!!!! Dateci le chiaviiiii!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Andrea scrive:

    Qui siete un po’ zozzoni : l’interferenza per loro sta nelle parole che la stessa commissione ha rivolto al catechismo, e all’insegnamento dei valori cristiani che non comprendono la battaglia contro l’omofobia. E su questo possono avere ragione, i chiesaroli; chi crede al trentatreenne crocifisso creda pure a quello che vuole. Basta che non rompa i coglioni alla gente normale. 

  4. vraie scrive:

    Per me c’è il trucco, nelle bone parole dell’onu.  Fuori dalla CDV esistono ancora le leggi nazionali (scusate x la parola)? … se si, sono più che sufficienti. La “democrazia”  è dappertutto molto  severa coi pedofili  e la legge li persegue duramente (almeno … nei codici …   a volte anche nella realtà, soprattutto se non si tratta di persone “importanti” ….   magari chiude un occhio …). Entro i colonnati vaticani tutti i preti si autogestiscono e possono democraticamente  spassarsela come credono … e ricevere al massimo  qualche rimprovero da parte dei Buonim,  come si fa con i gay di Puti’.
     

  5. Daud scrive:

    E’ un dogma, ovvio.

  6. Hiei scrive:

    Qualcuno potrebbe ricordare che l’ONU “indipendente” non lo è per un cazzo e che è una banda di magnaccioni criminali che ha benedetto ogni bombardamento, massacro, aggressione e genocidio purchè “democratico” e “umanitario”, capiscimi ammè.
    Per poi chiederti soldi col cappello in mano per aiutare i poveri profughi. E usarli per armare i “ribelli siriani” per dire. E poi chiederti altri soldi per i profughi siriani e così via.
     
    …PERO’ ricordiamo anche che persino un orologio rotto due volte al giorno segna l’ora giusta. Capiscim’ammè. :’D

  7. White_Rabbit scrive:

    Bioparco! Ortomio! Portalagonna! finalmente un blogz leggibile!!11!uno!! (peccato per il taims niu roman nella casella di compilazione dei commenti, bravi comunque <3 )

    EDIT:
    ehm… no: il blog seNbrava leggibile perché fairfocs non aveva scaricato tutto… ora è tornato coi post in taims niu roman come seNpre ;( almeno la modifica dei commenti è in sans…

  8. CIANCA scrive:

    L’interferenza piccata sta nel fatto che i bimbetti vogliono continuare a incularseli con l’olio santo e con con la rena come ha chiesto l’ONU !

  9. […] Evidentemente insensibili al fatto che Papa Francesco indossi comuni scarpe nere, al posto degli scarpini di Prada del suo predecessore, gli aridi membri del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia hanno chiesto chiesto alle…  […]

  10. […] Evidentemente insensibili al fatto che Papa Francesco indossi comuni scarpe nere, al posto degli scarpini di Prada del suo predecessore, gli aridi membri del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia hanno chiesto chiesto alle…  […]

  11. giovanni scrive:

    Per completezza d’informazione ci sarebbe da dire che questi paesi fanno parte della commissione: Angola, Burkina Faso, Camerun, Gabon, Ghana, Gibuti, Libia, Mauritania, Arabia Saudita, Bahrein, Bangladesh, Cina, Ucraina e Cuba.  

  12. andre_ scrive:

    @giovanni
    Sará mica che sei il giovanni che trolleggia nel sito dell’UAAR?
    Lo spessore dei tuoi interventi e l’acutezza mentale di una noce mi fanno pensare di si.
    Visto che questo intervento, come praticamente tutti i tuoi precedenti, non ha assolutamente un cazzo a che fare con quanto scritto dai paguri.
     
    Con la differenza che qui, purtroppo al contrario del sito dell’UAAR, nessuno ti si fila.
    Saluti.
    a_