« | Home | »

Gastone

6 maggio 2014

 

Gastone

Breve postilla al pezzo precedente.

Chi segue un minimo il calcio, chi ha frequentato e frequenta uno stadio non dovrebbe stupirsi più di tanto di quanto successo sabato sera, prima della partita, sotto la curva dei tifosi del Napoli. Chi si è scandalizzato, o è qualcuno che del calcio non sa assolutamente niente, o è un ipocrita.

Attenzione: non diciamo che le cose vadano bene così – anzi, tutt’altro -, diciamo solo che vanno da sempre così e che l’andazzo è sotto gli occhi di tutti. Di tutti quelli che non vogliono far finta di niente, almeno.

Ma, a parte l’immagine pittoresca di Genny ‘a Carogna che gira su tutti i siti internet attirandosi unanimi condanne, nessuno – nessuno – dice una parola su Daniele De Santis, aka Gastone: un fascista romano, custode del centro di estrema destra “Il Trifoglio”, legato ora a Fratelli d’Italia e prima al PDL, nonché candidato in una lista a favore dell’ex sindaco Alemanno.

Di questo stronzo che ha sparato un intero caricatore, di un’arma posseduta illegalmente, contro dei tifosi napoletani non ne parla nessuno.

L’attenzione di tutti i media è stata calamitata dal pittoresco Genny che, in quell’occasione ha avuto la colpa di essersi arrampicato sulle transenne e di avere una maglietta di dubbio gusto, e lui si farà carico di attirare su di sé le condanne e le critiche di tutta la nazione.

La solita fortuna di Gastone o malafede dei mezzi di informazione?

Ai posteri l’ardua sentenza.

 

P.S. Già che ci siamo, mettiamo un’altra postilla. Sempre nel pezzo precedente, noi non volevamo ironizzare su Genny ‘a carogna, quanto sul telecronista Rai che non riusciva a farsi una ragione del fatto che un’orda di tifosi inferociti non avesse ascoltato le parole del papa. Ma come? ogni volta che il papa dice di pregare per la pace, le guerre finiscono, ogni volta che il papa prega per la fame nel mondo, la fame viene sostituita da un senso di sazietà, ogni volta che il papa prega per i poveri, i poveri smettono di essere tali (o almeno di rompere i coglioni) come mai questa volta non ha funzionato?

È un gran mondaccio…

Share

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

14 Commenti

  1. luigi scrive:

    Io sono convinto che non bisognerebbe mai smettere di scandalizzarsi e, secondo me, dentro e fuori lo stadio, il 3 maggio, è successo qualcosa di cui scandalizzarsi.

    Chiaro che non intendo lo scandalizzarsi tanto per avere un nuovo ospite televisivo attira ascolti per la prossima puntata di “domenica-qualcosa”.

    Aggiungo che fino a prova contraria, per essere italiano, o meglio cittadino italiano, non credevo fosse necessario possedere una qualche laurea in calciologia.

    • Paguri scrive:

      Proviamo a spiegarci meglio: uno che guarda la televisione o che ascolta le notizie ad un tg, o le legge sul giornale, può anche scandalizzarsi (ma forse il termine più corretto sarebbe : “sorprendersi negativamente”), un addetto ai lavori, un giornalista sportivo, uno che segue e frequenta il calcio, non può o quantomeno sarebbe ipocrita da parte sua, farlo. Certe persone sanno come vanno le cose (e non bisogna essere investigatori, quello che c’è da vedere è sotto gli occhi di tutti) e non possono far finta di niente e poi mostrarsi scandalizzati, quando vanno in tv o sui giornali.

  2. luigi scrive:

    ok, vi siete spiegati meglio 🙂

  3. 3nding scrive:

    Sto bestemmiando perchè siete stati assimilati in quella schifezza di aggregatore che è tzetze sul blog di Grillo.

  4. Goldrake scrive:

    Incredibile : allo stadio si permettono bellamente da tempo immemore sfilate nazifasciste con celtiche, croci uncinate, fasci, saluti romani, cori razzisti, ecc. ecc. ecc. e poi ci si stupisce di episodi del genere ?!? Ma dai, chi lo poteva immaginare !
    Avete ragione, è un gran mondaccio.
    E poi si, povero Ciccio I, lui ce l’aveva messa proprio tutta…

  5. AlexBillo scrive:

    Da quando seguo il calcio (e sono passati oltre 35 anni) si insiste sempre sulle cose eclatanti e meno eclatanti che succedono sul campo di calcio. Occasionalmente viene alla luce il marcio legato al peso politico fuori dal campo.
    Quasi mai (ma vorrei dire MAI) si fanno notare le intemperanze delle tifoserie capitoline: le più tremende d’italia. A Roma succede di tutto, veramente di tutto: roba che in altri stadi porta alla squalifica del campo a Roma passa sotto silenzio. Per non parlare di entrambe le squadre salvate quando frodarono il fisco (mentre altre squadre sono fallite per meno).
    Ma non credo ci siano motivi calcistici dietro questo… qui c’è la paura. Le tifoserie romane e laziali metterebbero a ferro e fuoco la città se dovessero scontrarsi con squalifiche di campo e partite perse a tavolino.

    • Goldrake scrive:

      Vero, vedasi quanto successo con Cragnotti (scus.term.). Tutte cose che non fanno altro che testimoniare come sono sbirri & company : forti coi deboli e deboli coi forti.

  6. pino scrive:

    Cari paguri
    sicuramente gastone è il tipo da voi descritto però attenzione ad accollargli tutto come sta passando sui media. è all’ospedale e pare sia negativo allo stub. sicuramente c’entra, forse è il solo colpevole ma forse no. chissà che è successo veramente. sarà difficile saperlo

  7. volpe scrive:

    Pare che “nella vita e nelle alterne vicende del Boy, c’è anche una breve apparizione in politica, quando nel 2008 era stato candidato alle elezioni amministrative di Roma, nella lista «Il Popolo della Vita-Trifoglio», dell’allora XX Municipio (oggi XV), che sosteneva Alemanno sindaco. De Santis ottenne 44 voti. «La lista – ha precisato Alemanno – era promossa da diversi movimenti di ispirazione cattolica che ponevano al centro del proprio programma la difesa del diritto alla vita». e meno male! altrimenti che faceva buttava na’ bomba atomica?

    • Goldrake scrive:

      Il punto è sempre quello : il semplice fatto di essere di “ispirazione cattolica” per questi personaggi (e per la stramaggioranza dell’opinione pubblica) è una più che sufficiente giustificazione a tutto.

      • Jinx2 scrive:

        Infatti molti si scordano che pure il caro TORQUEMADA era di ispirazione cattolica ;-).

        Per alcuni “Cattolico” è “buono” allo stesso modo in cui “Naturale” è “buono”, pur scordandosi che il curaro e il botulino sono entrambi naturali, così come Pinochet e Francisco Franco ed il Poro Duce nonchè Adolfino – Got Mit us – erano di ispirazione cattolica* …..

        *= che di per se per me è già segnaccio

        E’ proprio un mondaccio ingrato !

        Saluti

        Jinx2

  8. Hiei scrive:

    L’importante è che non si parli più di Dell’Utri.