Scala Brinell

Rubrica per i veri duri.

 

La storia di Nirvana si sviluppa su diversi piani narrativi.

Iniziamo con Ramiro sopra un barcone, in compagnia di due extracomunitari, che viene arrestato nelle vicinanze delle coste italiane.

Da lì ci spostiamo nella stanza dell’interrogatorio, dove il nostro eroe entra in violento contatto con i due poliziotti Bernacco e Romino, e con l’ispettore Buddha, i quali tentano di estorcergli le informazioni utili all’indagine.

Successivamente, con un salto in avanti, vediamo Ramiro già inserito nel Programma Protezione Testimoni alle prese con la sua nuova identità, mentre i due sicari di Ronson si stanno dando da fare per scovarlo e farlo a pezzi.

Nel mezzo ci sono le telefonate della fidanzata Cristy e tutto un mondo di personaggi e situazioni al limite dell’incredibile.

Ecco, questo schema si ripeterà, all’incirca, per tutti gli albi di Nirvana.

Un piano riguarderà l’interrogatorio e pian piano capiremo come e perché Ramiro entra a far parte del Programma Protezione Testimoni, mentre l’altro vedrà Ramiro nel presente, alle prese con le sue nuove vite e con i suoi nuovi problemi, inclusi quello di assecondare le richieste di attenzione della fidanzata e, secondariamente, quello di salvare la pelle.

Man mano che proseguirete nella lettura, capirete chi è Occhionero Ronson e perché voglia uccidere Ramiro. Capirete anche come ha fatto un pezzente come Ramiro a fidanzarsi con una ragazza di buona famiglia – ma viziatissima – come Cristy e capirete perché Ramiro accetta di entrare nel PPT.

Capirete tutto, non temete.

E lo farete semplicemente leggendo con calma e, se è il caso, tornando indietro di una pagina per riprendere il filo.

Non abbiamo messo spiegoni o didascalie perché confidiamo nel fatto che non siate degli stupidi e che, al limite, sappiate usare Google per capire e apprezzare meglio qualche citazione sparsa qua e là.

E se non lo sapete fare, vi spingeremo a farlo, ad alzarvi, ad abbandonare la pigrizia tipica di tanti lettori e attivare l’attenzione e la curiosità, ché non fa mai male.

Ma alla fine tutto, dal primo all’ultimo episodio, confluirà e avrà un senso nel mondo di Nirvana e nel vostro, come nel nostro.

Ammesso che tutti e tre, un senso ce l’abbiano.