Banalità.

10 ottobre 2012

Sinceramente: esiste qualcosa di più palloso, scontato, vecchio, banale, supponente, raffazzonato, autoreferenziale, vanaglorioso, fastidioso e, tutto sommato, insignificante di uno spettacolo di Celentano?

Sì, lo sappiamo che ormai è diventato un simbolo della sinistra (grazie, Santoro, grazie! Guarda cosa non si fa per ampliare e mantenere i dati di ascolto e di visibilità, eh?) che è ritenuto (principalmente da se stesso) una voce libera e pensante, un maître à penser, oltre che una minaccia per il potere.

Ma sappiamo anche che ormai da qualche anno si è appropriato della parola rock – lui, non Roger Daltrey, per dire – e la usa in continuazione, perlopiù a sproposito, per cantare le solite canzoncine vecchie di 50 anni o per sostenere il papa.

Come sappiamo che da diversi anni, forse dall’avvento di Call of Duty su Xbox360, presenta i propri spettacoli e i propri interventi con scenari apocalittici nei quali lui è l’unico eroe che osa ribellarsi al potere (ai poteri) che controlla e devasta tutto con i suoi eserciti e i suoi elicotteri.

Interventi e spettacoli poi si risolvono puntualmente in una sequela di luoghi comuni (tipo: la guerra è brutta, la pace è bella, la povera gente non sa come andare avanti e loro rubano, il cane è fedele mentre il gatto è opportunista), alternati a grida di estasi da parte del suo pubblico, durante le lunghe pause e i vecchi, innocui motivetti che nove milioni di anni fa decretarono il successo del rammolleggiato.

E la scusa per simili banalità è sempre la solita: lui è ignorante e parla a un popolo altrettanto ignorante – ma, perdìo, con parole schiette e senza tanti giri di parole – delle minacce e delle oscure trame dei poteri forti.

Bene, non sta certo a noi cercare di spiegare che essere ignorante è una cosa, essere superficialmente banale è un’altra.

E, banalità per banalità, ci limitamo a unirci al coro dell’ ingiustamente dimenticato Baccini: ADRIANO, È MEGLIO CHE CANTI…

… e, se proprio devi, già che ci sei, che rinnovi anche il repertorio, vai.

Share

30 Commenti »

E se il papa doesn’t preach?

14 aprile 2011

Dando un’occhiata alle tag nella colonna a dx ci accorgiamo che la parola “criminale merdoso” (o un suo sinonimo) è quella che si evidenzia maggiormente. Anche più di “Don Zauker”, che dà il nome stesso al sito, di “Paguri”, che ne sono gli autori, di “satira” o “fumetti”, che sono le cose di cui si occupano o addirittura di “papa” (in questo caso Beppino Ratzinger) che è e resta uno dei nostri fari illuminanti.
E questo è strano.
Sì, perché il buon Gei Ar per noi è sempre stato fonte di ispirazione di una vignetta, un fotomontaggio, un articolo, un paio di ruti, un abbaione o una scurreggia vestita. Una fin troppo facile fonte di ispirazione, lo ammettiamo. Ma finché le voci che lo additano al pubblico ludibrio, o ne derubricano i proclami inserendoli entro la vasta categoria delle stronzate siderali, sono così sparute, isolate, schiacciate sotto l’orda dei plaudenti interessati, il poco che facciamo lo facciamo col cuore.
Per questo motivo osserviamo con un certo rammarico come, da un po’ di tempo, Beppe 16 sia caduto in disgrazia. Non se ne sente più parlare. Anche all’interno dei tg la sua presenza (e quella dei suoi gerarchi) è diminuita drasticamente, quasi fossimo diventati di colpo un Paese civile. Ma le cose non stanno ovviamente così, com’è possibile verificare ogni giorno.
Qualche maligno dice che il silenzio della Chiesa, in questi ultimi mesi, sia dovuto ad un leggero imbarazzo nei confronti di quel governo di criminali fascisti che loro hanno sempre sostenuto in cambio della conferma e l’allargamento dei loro privilegi; quisquilie tipo esenzione da tasse e imposte, aiuti alle scuole cattoliche, rovina di quelle pubbliche, battaglie su temi etici con argomentazioni da controriforma, difesa del crocifisso, offesa all’intelligenza, sostegno al potere della Chiesa e a CL nei campi della sanità e dall’assistenza; solo per citare le prime cose che saltano agli occhi.
Un leggero imbarazzo derivante anche dal fatto che la difesa della famiglia (punto di forza, è bene ricordarlo, di una confessione formata da uomini e donne che scelgono il celibato/nubilato) viene sensibilmente messa in discussione – ma solo agli occhi di chi è veramente maligno – dall’evidenza di un gruppo dirigente formato da anziani libidinosi ai quali, più che portare avanti una famiglia, piace inculare minorenni. Che non differisce, stando alla cronaca, da quello che accade entro le mura di tante parrocchie; ma, per Dio, si abbia almeno la decenza di non farlo sapere (e in questo i gonnellati son sempre stati più bravi, nun ce sta ‘n cazzo da fa’).
Naturalmente ci sono altre ipotesi sulla misteriosa assenza di Benedetto Semicroma sulla vita pubblica del nostro Paese, tipo:

  • Era impegnato nelle riprese di X-Men first class, nel ruolo del babbo di Magneto.
  • Era anche impegnato nelle riprese di Thor, nel ruolo del malvagio Fenrir.
  • È impegnato nel cambio del guardaroba e, sorpreso dal caldo, non riesce a trovare il gonnellone di lino.
  • È andato in depressione, al cambio di stagione.
  • Ha trovato un’offerta RyanAir ed è partito per Lanzarote.
  • Sta scrivendo il suo nuovo spettacolo.
  • Sta meditando se andare alla prossima edizione di Ballando con le stelle.
  • È sotto copertura come teste chiave nel processo Ruby.
  • Da mesi non guardiamo più il Tg1.
  • È in tournée per promuovere il secondo libro sul Salvatore, “Gesù Reloaded”.
  • Gli hanno regalato l’ultima versione di Call of Duty e non riesce a finire il terzo livello.
  • Non riesce più a prendersi sul serio.
Share

18 Commenti »