Green Days

31 dicembre 2011

Abbiamo cominciato nel 2010, con il calendario del Papa.

Nel 2011 abbiamo bissato con il calendario dei Papi dove, ad alternarsi sulla scena, insieme al nostro caro Beppe 16, c’era anche l’ormai ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi (tastata di palle obbligatoria).

Nel 2012, visto il successo dei due calendari precedenti e le numerose richieste da parte di torme di rompicogl affezionati lettori, ci siamo decisi a replicare, anche quest’anno con la preziosa collaborazione del rapinosissimo Lopo.

Il fatto è che mancava un personaggio. Il Papa è ormai abusato e, anche se la sua immagine evoca comunque ilarità e grasse risate, era sinceramente difficile creare 366 eventi, uno per ogni giorno dell’anno, evitando ripetizioni con quelli degli anni passati.

Quanto a Berlusconi, beh… Berlusconi ha fatto il suo tempo e, in tutta onestà, ha rotto anche i coglioni.

Quindi?

I Professori del nuovo governo, per quanto terribili, sono ancora sinceramente troppo anonimi per meritare un calendario. Verrà il loro tempo.

Ma no, no, serviva qualcosa di veramente grottesco, surreale e penosamente ridicolo, una ventata di squallore desolante.

Un vento diverso, fresco e travolgente.

Il vento del Nord.

È con grande orgoglio, e con compassione per l’inchiostro verde delle vostre cartucce di stampa, che vi presentiamo il Calendario Padano 2012, scaricabile gratuitamente da qui.

Pota pota a tutti.

***

Visto l’anno che ci aspetta, siamo solidali con chi reagisce a colpi di cric all’augurio “Felice anno nuovo”. Sì, è vero, le consuetudini, la tradizione e tutte quelle cose lì fanno sì che ad alcuni appuntamenti si dicano cose senza pensarci, solo perché “è un modo di dire”, “lo fanno tutti”, e via dicendo.

Ma a tutto c’è un limite, e in questo 31 dicembre sembra davvero fuori luogo. Ecco che allora proponiamo alcune varianti all’augurio di San Silvestro.

  • Speriamo che i responsabili di questa crisi mòiano tutti
  • In culo alla Goldman Sachs
  • Occhio alla dogana fra Como e Chiasso
  • Viva il riso all’olio!
  • Buona insurrezione
  • Cominciamo a dare una bella sfoltita
  • In culo a chi ci vuol male
  • Speriamo che continui a rizzassi
  • Pentìtevi, stronzoli!
Share

24 Commenti »

Questionario di Natale.

24 dicembre 2011

Sì, perché anche in questi giorni di festa è bene non abbassare mai la guardia e continuare a porsi alcuni interrogativi che potrebbero aiutarci a capire meglio la realtà del nostro Paese.

Ad esempio:

Cosa prepareranno gli italiani per il cenone della vigilia?

E per il pranzo di natale quali saranno le pietanze che faranno bella mostra di sé sulle nostre tavole?

La crisi ha in qualche modo influito sulla preparazione del pranzo di natale?

Quali nuovi personaggi sono andati ad arricchire i presepi di San Gregorio Armeno, a Napoli?

Panettone o Pandoro?

La crisi ha in qualche modo influito sui regali?

La crisi ha in qualche modo influito sugli italiani che erano abituati a passare le vacanze in una località di mare?

La crisi ha in qualche modo influito sugli italiani che erano abituati a passare le vacanze in una località di montagna?

Come arriverà babbo Natale, nei vari Paesi del mondo?

Ci saranno dei presepi fatti di ghiaccio o immersi nelle profondità degli abissi o nel cratere di un vulcano che alla sera della vigilia vedranno palesarsi qualche babbèo con tanto di moccolo acceso?

Per il pranzo di natale meglio pesce o carne?

Come si può fare per riciclare un regalo?

Esiste qualche idea divertente e accattivante per i fanatici del regalo all’ultimo minuto?

Come lo festeggeranno il natale gli animali dei più famosi zoo del mondo?

E i reali, dove vanno i reali – di qualsiasi Paese, con particolare attenzione per quegli inglesi – per natale?

E l’ultimo dell’anno?

Come si festeggerà l’ultimo dell’anno a: New York, Parigi, Singapore, Londra, Roma, Sydney (lo sapete? Gli australiani e i giapponesi festeggiano quasi un giorno prima di noi) e Ponsacco?

Qual è stato l’evento del 2011?

E il personaggio dell’anno, chi sarà mai stato?

Ma il 2012 sarà un anno di novità, o rimarrà tutto uguale?

Per il cenone dell’ultimo dell’anno, meglio carne o pesce?

Quante vittime ci saranno a Napoli, per i fuochi d’artificio?

Quanti bòtti illegali, quasi tutti made in China, sequestrerà la GdF?

Quanto cibo avariato sequestreranno i Nas?

Dove passerà le feste… (inserire un vip a caso, dal Papa a Belèn a Balotelli)?

Come fare per rimettersi in forma dopo le abbuffate delle feste?

 

Chi conosce la risposta a qualcuna di queste domande, per favore, ce la scriva qui sotto o la invii ai più importanti TG nazionali, così la faranno finita di vaporizzarci i coglioni, da anni e anni, sempre con gli stessi servizi.

Grazie.

Share

26 Commenti »