Haiku n.67

17 febbraio 2011

PROPOSTA DI GOVERNO

pubblicizzola
offrola e vendola.
ma chi comprala?

(Santrine)

Share

Commenti disabilitati su Haiku n.67

Scelte obbligate.

6 ottobre 2010

Share

15 Commenti »

Sondaggi

Pasqua di calamità

3 aprile 2010

Dopo il terremoto all’Aquila, il disastro a Viareggio, la frana a Giampilieri e l’esondazione del Serchio, quale sarà la prossima calamità?

  • L’Italia di Lippi vince i mondiali
  • Rutelli si allea con il vostro partito di riferimento
  • Il premier muore, ma dopo tre giorni resuscita
  • Viene scoperta una versione di “Ebony and Ivory” cantata da Michael Jackson e papa Wojtyla

Vince, con il 56% dei voti, “Il premier muore, ma dopo tre giorni resuscita”.

Sembra fatto apposta, ma vi assicuriamo che non lo è. Vogliamo dire, sì, il fatto che il cosplayer di Mammolo fosse dato per morto (politicamente) dai più diversi osservatori nazionali e non, e invece resuscitato dopo le elezioni regionali e il fatto inoltre che ciò sia avvenuto a ridosso della Pasqua di Resurrezione (ah! ah!) sono pure coincidenze.

Segni del destino, diciamo. Certo, un destino particolarmente stronzolo, ma cosa possiamo fare noi mortali, se non invocare più e più volte – e con modi spesso poco garbati – nostro Signore? Le soluzioni sono molteplici, e tutte a portata di mano, ma cosa ci vuoi fare, questo è il Belpaese, baby.

Fra le varie sciagure, grande risalto ha ottenuto anche la possibile minaccia dell’alleanza di Rutelli con il vostro partito di riferimento, qualunque esso sia. Evidentemente l’ex candidato premier del centrosinistra (perché è sempre bene ricordarlo, costui è stato candidato premier per il centrosinistra. Non sembra possibile, lo sappiamo, ma è così) è riconosciuto dai più come una delle più immani zavorre in grado di affondare qualsiasi partito o coalizione.

Vero, non che i suoi ex compagni di lotta (?) siano dei gladiatori dell’agone politico, a giudicare da anni e anni di fallimenti, accordi, tradimenti e vergognosi passi falsi.

Ma proprio qui si chiude il cerchio. Ogni volta che il premier era dato per morto, lo si sono prodigati a fare il possibile per resuscitarlo.

Auguriamoci che quando la situazione sarà ribaltata, Silvio non gli restituisca il favore.

Share

8 Commenti »