Knut, orsetto del cuore

20 marzo 2011

Un male oscuro, forse un attacco cardiaco, ci ha privato (noi, ma soprattutto il TG2) del nostro compagno di mille notizie.

Si è infatti spento prematuramente allo zoo di Berlino, il nerchiuto orsetto Knut, amico dei bambini e delle loro mamme.

Nei mesi scorsi alcuni etologi avevano lanciato l’allarme sullo stato di salute del noto plantigrado spiegando che mostrava problemi comportamentali quali attacchi di panico, linguacce e smorfie insolite, continui movimenti in gabbia senza una direzione o uno scopo preciso, calzini turchesi e, soprattutto, ostentazione compiaciuta di una fava grossa come un tubo di stufa dinanzi alle famiglie accorse per fotografarlo.

In questi anni il giovane animale ha fatto senz’altro guadagnare molti soldi al giardino zoologico tedesco. Milioni di visitatori sono arrivati da tutto il mondo per vederlo: in tanti, tantissimi, infatti, in mancanza di cose da fare o da vedere nella capitale tedesca, sono accorsi al Tiergarten muniti di fotocamere e vidocamere per riprendere un colosso di peli che si scassava la minchia da mane a sera, rinchiuso in un carcere all’aperto a migliaia di chilometri dal suo territorio naturale. E che ancora venivano, seppure Knut non fosse più quella tenera palletta bianca, ma un mostro iracondo e pericoloso. Nel frattempo aveva infatti raggiunto la ragguardevole stazza di quasi 300 chili e sul selciato depositava zotte grosse come pagliai.

A noi piace ricordarlo nei momenti in cui ci ha fatto compagnia, diventando in breve un beniamino anche dei lettori di questo sito.

QUI, QUI, QUI e QUI.

Knut è morto, viva Knut!

Share

17 Commenti »

Paguri come Assange

4 dicembre 2010

Assange e Don Zauker


“Dopo che negli Usa Amazon ha deciso di staccare la spina a Wikileaks, il sito di Julian Assange ha trovato server francesi e svedesi pronti ad ospitarlo. E’ quanto si legge sul sito internet del settimanale francese L’Express. Wikileaks sarà visibile in Francia dal server francese OVH e in Svezia dal server Banhof Internet, spiega il giornale.” (Repubblica.it)

Ora, provate a indovinare dov’è ospitato DonZauker.it dallo scorso agosto?

Lopo

Share

18 Commenti »

Miglioristi

31 marzo 2010

Mi intrometto per segnalare, per i più orbi (o locchi) di voi che non se ne fossero accorti, qualche miglioria al sito:

  • Possibilità di rispondere ad altri commenti: basta cliccare su “Replica” sotto il commento a cui volete rispondere, e la vostra risposta finirà sotto il commento, così si capirà con meno problemi a cosa volete riferirvi…
  • Possibilità di iscriversi via mail ai commenti di un dato post: basta spuntare la casella apposita quando inviate un commento.
  • Per consentire quest’ultima ficiar anche a chi non è registrato, adesso anche i non registrati potranno inserire un proprio indirizzo e-mail. L’effetto collaterale è che, se l’indirizzo è registrato su gravatar.com, comparirà anche il vostro santino. Il nome però sarà sempre “Anonimo”.
  • Un’altra modifica meno visibile ma di sicura utilità è la seguente: se il vostro imperdibile (come no) commento finisce in coda di moderazione, vi verrà comunque mostrato nella lista, ovviamente segnalandovi il fatto. Così almeno non dubiterete che sia colpa di qualche malfunzionamento e non rimanderete 10 volte lo stesso messaggio, che il Signore vi abbia in gloria (ché io invece vi ho da un’altra parte).
  • Infine, visto che ho recentemente scoperto di aver sopravvalutato l’Homo sapiens sapiens (che so, pensando che nessuno avrebbe votato Renzo Bossi, o che fosse ovvio riuscire a segnalare una pagina su Facebook copiando e incollando l’URL – fino a quando ho scoperto che qualcuno neppure si era mai accorto che esistesse la barra degli indirizzi nel browser), ecco un comodo pulsante in coda a ciascun post, per condividere il medesimo sui vostri monnezzai social network preferiti, e pure per e-mail se volete.

Poi ho messo pure un plugin che chescia le pagine, e dovrebbe rendere un filo più rapido il sito. Ma anche no.

Lopo (nelle vesti di Paguri X)

Share

35 Commenti »

Migrescion

16 marzo 2009

Cari Gangilli, esautoro temporaneamente i due crostacei decapodi per segnalarvi che la piattaforma WordPress su cui gira il blog è stata aggiornata all’ultima versione. Ci sono ragioni di opportunità più o meno nascoste, ma si spera che questo risolva anche qualche problemino (tipo le difficoltà nel loggarsi o rimanere loggati).
Sicché, siete caldamente incoraggiati a segnalarci qualunque disagio.

C’è un contro: che la vecchia modalità degli avatar, quegli orpelli da effeminati che vi garbavano tanto, è troppo incasinata per (aver voglia di) sistemarla. A fortiori, visto che questa versione supporta di suo quelli di Gravatar.com che sono compatibili con l’universo mondo.
Per cui il consiglio è di andare sul sito suddetto, registrarsi con l’indirizzo e-mail che avete usato qui, e aggiungere il vostro santino, che poi vi ritroverete magicamente anche quando commenterete altri blog. Ganzo, eh? Inutile ma ganzo.

Certo se invece di star dietro a queste bojate, si prendeva tutti cazzuola e betoniera come dice Silvio, s’era già bell’e usciti dalla grisi.

Lopo, ma per voi eccezionalmente Paguri X

Share

26 Commenti »