Via crucis

7 marzo 2013

Fervono i preparativi in attesa del conclave che dovrà decidere chi sarà il prossimo pontefice di Santa Romana Chiesa, dopo che la sede è stata lasciata – con gesto teatrale, degno d’una primadonna del “Folies Bergère” – dal papa emerito, Beppino Ratzinger.

In effetti, come molti degl’intervistati dai principali tg in questi giorni, non riusciamo a immaginare cosa sarebbe un mondo senza papa.

Senza nessuno, cioè, che ci raccomandasse di non ingobbirci dalle seghe; di non concedere diritti alle coppie omosessuali (“cencio dice male di straccio”, si dice da queste parti); di fare le partenze intelligenti quando si va in vacanza; di pregare perché piova, come ai tempi di Cavallo Pazzo; di vestire eleganti; di non usare il preservativo; di essere parchi nell’uso del prezzemolo in cucina e mille altri prodigiosi consigli, senza i quali vagheremmo nel mondo spersi come naufraghi senza stelle.

Ogni giorno, grazie al completo e sacrosanto asservimento di tutti i media del Paese, siamo costantemente informati sull’arrivo a Roma dei cardinali elettori, quelli cioè che dovranno rinchiudersi in conclave per eleggere il prossimo supplente di Cristo.

Ci sono quasi tutti, l’unico che manca all’appello è il cardinale vietnamita Jean Baptiste Pham Minn-Man, il cui arrivo era atteso per stamani in Vaticano ma che, misteriosamente, sembra essere in ritardo.

Bene, con la preziosa collaborazione di Sua Maestà Dotto I dell’Isola d’Elba, noi di Don Zauker.it siamo in grado di svelare i retroscena del ritardo di sua eminenza: un lieve contrattempo ai danni dello chaffeur, il quale, invocando più volte il supporto morale di Nostro Signore, è riuscito a ritrovare la retta via.

Perché non si dica che l’Onnipotente non ascolti sempre le invocazioni dei propri figli.

Ecco a voi il documento esclusivo, ripreso dall’Iphone del cardinale.

 

Share

27 Commenti »