Sondaggi

Io sono il male, ma anche la cura.

12 febbraio 2009

Peretta

Quale rimedio preferisci contro la stipsi da frutta secca ingurgitata in eccesso durante le feste?

  • L’ingestione di Guttalax
  • La visione di un film qualsiasi di Renzo Martinelli
  • La visione di un intervento qualsiasi di Daniele Capezzone
  • Il TG2

Vince con 1370 voti, pari al 62 % del totale, “La visione di un intervento qualsiasi di Daniele Capezzone”.

Un accurato studio dell’Università di Popiglio (fraz. di Piteglio) ha evidenziato come il picco del fenomeno della stipsi si verifica in pieno inverno, vuoi per le feste natalizie, vuoi per il maggior apporto calorico richiesto per combattere il freddo, vuoi perché comunque vi abbuffate come majali, in culo a chi vi vuol male. Questo le aziende farmaceutiche lo sanno e cercano di specularci sopra, come d’altronde fanno con tutti gli altri problemi di salute, veri o inventati e poi indotti per incrementare i guadagni.

Ma i Gangilli non si fanno certo trovare impreparati, e alle aziende farmaceutiche GLI VANNO UN BER PEZZO NER CULO. Nel sondaggio, infatti, il Guttalax ha ottenuto il minimo dei voti, bravi. Vanno per la maggiore le cure alternative, spesso ben più efficaci, anche se spesso più dolorose e davvero pesanti. Vedere dall’inizio alla fine un film di Martinelli, per esempio, è un’esperienza che segna, e sappiamo di qualcuno che purtroppo non ha più superato il trauma.

Molti di voi hanno preferito la cura pesante ma quotidiana, per un’idea epicurea che alle pene della malattia cronica ci si abitua, e ricorrono all’ingestione di una dose al dì di TG2. Fa cacare che è una meraviglia, anche se può presentare alcune controindicazioni: malessere diffuso, secchezza delle fauci, revisionismo storico, giramento di coglioni, vomito.

Ma le vostre preferenze sono schizzate sine dubbio alcuno verso il rimedio più rischioso e al contempo efficace.
Ci fanno una sega, a noi, i Fiori di Bach, il Bifidus Actiregularis e le pasticchine omeopatiche: poche ciance, CURE DA BISONTI, spalle larghe, legnetto da mordere e vai con decisione. Intestino pieno ma intasato dai fecalomi? Ingessatura del sigma colico? Tappo di sterco e cemento alla bocca dello stronzolatoio? Niente è più efficace di un bell’intervento qualsiasi di Daniele Ca(pe)zzone.

Vederlo, per esempio, agitarsi nel giustificare una delle immani cazzate fatte dalla coalizione di governo; affrontare la visione di un suo affannosissimo attacco alla sinistra trotzkista e massimalista (tipo Rutelli o Violante, secondo la weltanschauung del Nostro); cercare di osservarlo nella strenua difesa del suo ex-acerrimo nemico, ora passato al ruolo di capo indiscusso; queste e molte altre occasioni, forniteci da questo frizzante e poliedrico personaggio, stasano anche un pozzo nero a Calcutta.

Chi non l’ha votato provi. Se supera la nottata, è la cura che fa per lui.

Share

21 Commenti »