La parabola dello stranguglione

3 luglio 2014

Quel giorno (le parabole iniziano sempre così: quel giorno… che uno dice: quale giorno? Quello!) nel lontano 2009 d.c. chi scrive fu invitato ad andare a tenere uno spettacolo in quel di Montepulciano.

La serata trascorse lieta, tra lazzi (non necessariamente con la elle) di varia natura, per la spensieratezza dei presenti.

Tutti, tranne uno: un sacerdote che, dopo circa mezz’ora, abbandonò la sala, lasciando come testimonianza queste testuali parole: “E’ uno schifo! E’ un’indecenza! certe cose non si possono vedere!”

Sinceramente non sappiamo a cosa facesse riferimento, forse ad alcune immagini dello spettacolo che ritraevano l’ormai papa emerito, in pose e atteggiamenti degni di una reginetta del carnevale di Rio, chissà…

Resta il fatto che quelle parole ci ferirono molto, costringendoci a riflettere per tutta la notte.

Il giorno dopo, in segno di pentimento per aver urtato la sensibilità dell’autorevole uomo di chiesa, abbiamo deciso di espiare il nostro peccato, andando in pellegrinaggio in una pieve del XI sec. a S. Quirico d’Orcia per mondare i nostri peccati e invocare il perdono della Beata Vergine.

Sfiancati dal lungo pellegrinaggio, ci siamo fermati per rifocillarci in un’osteria locale, dove abbiamo consumato un pasto leggero e frugale, giusto per trovare le forze utili ad arrivare alla chiesetta, che era lì a 20 metri.

Tre ore dopo, giunti nel luogo di preghiera, ci siamo commossi leggendo i pizzini con i ringraziamenti e le invocazioni che i visitatori indirizzavano alla Regina Coeli e, tormentati dai sensi di colpa (e dai bruciori di stomaco) abbiamo voluto arricchire la bacheca con la nostra personale invocazione.

bacheca

http://www.donzauker.it/wp-content/uploads/2009/06/dettaglio-bacheca.jpg

Naturalmente la Mater Christi (nonché la Uxor Giuseppi, non dimentichiamolo) ha fatto il miracolo e, verso sera, siamo riusciti finalmente a digerire gli affettati, gl’insaccati, i diversi tipi di pecorino, i crostini, i pici, i ravioli, il vino, il pane, il dolce e il caffè.

Sempre sia lodata, dunque, la Virgo Fidelis che, ancora una volta vince sulla Citrosodina  e sull’ Effervescente Galeffi.

 

 

Share

16 Commenti »

Ti piace vincere facile?

13 giugno 2014

Devozione

 

Chiedi aiuto alla madonna!

Da oggi, con il servizio “gratta, prega e vinci” la Beata Vergine (o Virgo Fidelis, come si fa chiamare dagli amici che hanno fatto studi classici) interviene in tuo soccorso per grattare i numeri giusti e vincere cifre a quattro zeri, da devolvere obbligatoriamente all’ottoxmille.

La foto è stata scattata dal devotissimo e preziosissimo Arcangelo, dio l’abbia in gloria.

Share

5 Commenti »

Dal nostro inviato…

24 settembre 2013

MIRACOLO!!Si noti lo stupore dei presenti che non riescono a darsi una spiegazione razionale.

Share

30 Commenti »

Scuotere le coscienze.

26 maggio 2013

Madonno

I Dieci Segreti di Medjugorje, un’opera per riflettere e per scuotere le coscienze.

“Il mondo oggi attraversa forti tensioni ed è sull’orlo della catastrofe”: con queste profetiche parole la Madonna, a Medjugorje (non è specificato se nel santuario a lei dedicato, o al semaforo, o al panificio), ha cominciato a mettere in guardia l’umanità dai pericoli che incombono sul suo cammino e a nulla varranno le migliaia di tastate di coglioni con le quali gli uomini, nella loro banalità, rispondono da sempre alle previsioni della Virgo Fidelis.

Come tutti sanno la Regina della Pace, o anche “l’artista una volta conosciuta come la Madonna”, si è manifestata 30 anni fa a sei ragazzi di un piccolo paese dell’ex-Jugoslavia, e tuttora continua ad apparire in numerose repliche che nemmeno Cats.

A questi sei ragazzi, ora adulti ma tuttora boccaloni, ha consegnato anche dieci segreti che rivelerebbero il futuro del mondo.

Noi di DonZauker.it pensiamo che sia ormai giunto il tempo che l’umanità sappia.

Per questo motivo, bruciando sul tempo Il Giornale (e poi bruciandolo anche letteralmente), vi riveliamo in esclusiva tutti e dieci i segreti in un’operazione che non mancherà di far riflettere e scuotere le coscienze.

 

Ecco i Dieci segreti di Medjugorje:

  1. Allora dovreste provare quant’è buono il cacio con le pere.
  2. L’amatriciana si fa con il guanciale, non con la pancetta.
  3. Eh, è un mondaccio.
  4. Il mio segreto per capelli sempre morbidi e lucenti? Acqua, olio d’oliva e un goccio di limone.
  5. Quando fa caldo è essenziale bere molta acqua e consumare frutta fresca e verdura di stagione.
  6. Con il 4-4-2 servono due ali in grado di spingere sulle fasce.
  7. Sì, io fingo sempre. Bastano due urletti, qualche mugolio e in 3 minuti mi tolgo il peso e lui se ne torna in segheria.
  8. Se l’autobus è in ritardo di mezz’ora, basta accendere una sigaretta e quello compare.
  9. Quando inzuppi la brioscina nel cappuccino, occhio, ché al primo morso ti cola fino al gomito.
  10. Soffiare forte sulla scheda madre, non sempre fa ripartire l’LHC.

 

Ecco qua. E ora prendetevi pure tutto il tempo che volete per interiorizzare queste parole  e riflettere sulla vostra vita e sul mondo.

Share

36 Commenti »

SERCHI

5 gennaio 2013

images

Non ce ne vogliano gli amici di CL, dell’Opus Dei o del PD, ma evidentemente questo signore qua sopra non è la risposta a tutto se, alle domande in merito, Google ha risposto Don Zauker. E a quanto pare, ahinoi, neanche Don Zauker è la risposta giusta.

Si rende quindi necessaria l’attivazione, da quest’anno, di un Servizio di Risposta alle Chiavi di Ricerca (SERCHI), per cercare di fornire le giuste informazioni a quanti sono capitati sul nostro sito in cerca di altro.

2 gennaio, 15:58 – inculare un gorilla

Quando ci provi, chiamaci.

***
4 gennaio, 15:48 – porno befana

Santanchè.

***
5 gennaio, 06:56 – tribu dai peni enormi

Paguri*.

***
6 gennaio, 13:22 – termometro per il culetto come fare

Come una punturina, ma direttamente nel foro dello stronzolatojo, anziché nel gluteo. E senza iniettare il mercurio.

***
14 gennaio, 06:44 – video donne che fanno seghe con gente di passaggio

Sapresti dirci in quale via?

***
14 gennaio, 11:36 – CANE DI CRISTO

Bucche, si chiamava Bucche.

***
15 gennaio, 18:38 – come inculare una donna

Falle firmare un abbonamento a Donna Moderna.

***
16 gennaio, 12:28 – quanti decamero fa 1 ettometro?

Tanti quanti ne fa un polimero, o un telomero.

***
27 gennaio, 14:44  noi siamo da sempre derisi e calpesti opera

Giustamente, direi.

***
1 febbraio, 12:15 – comunisti di merda da ammazzare

Eh, se ti riesce trovarne ancora qualcuno…

***
7 febbraio – COSA SCRIVERE PER AUMENTO DI MESSA IN PIEGA

Riccioli.

***
8 febbraio, 18:57 – dio maiale

In caso di emergenza.

*** 

10 febbraio – COME SI FA A FARSI UNA SEGA

Chiedi al ferramenta.

***
14 febbraio, 12:32 – segoni porco dio

La miglior risposta da dare nel confessionale, se il sacerdote chiede “cosa fai di bello nei tuoi pomeriggi?”. Valido anche per le signore.

***

15 febbraio, 16:32 – chi inventò l\’ inno d\’ italia

Musiche: Michele Novaro, testi: Mogol.

***
17 febbraio, 10:49 – come si scrive purtuttavia

Purtuttavia.

***
20 febbraio, 03:05 – in caso di pericolo tirare un moccolo

Si chiama funzione apotropaica.

 ***

28 febbraio, 14:09 – perchè è un bravo ragazzo gesù

E chi lo sa, il perché?

***
5 marzo, 16:46 – costruire un cacciavite sonico

O provare a inventare l’inno d’Italia, ecco le due categorie in lizza per il Nobel.

***
11 marzo, 10:06 – d’annunzio era coprofiliaco

Fosse solo quello. Era ma fascista!

***
13 marzo, 14:11 – che cosa spinge un uomo ad essere comunista?

Marchionne.

***
15 marzo, 16:41 – don saugher

Bel nome, potremmo usarlo per un fumetto.

***
20 marzo, 04:29 – sborra sulle scarpe

Fire in the sky.

***
21 marzo, 13:47 – rubygate che vuol dire?

In effetti, un cazzo.

***
30 marzo, 11:40 – il maiale come divinità

Venerato, tra l’altro, dall’alba dei tempi.

 ***

5 aprile, 18:09 – meno male che silvio c\’è ascoltata al contrario

Forse fa meno cacare.

***
18 aprile, 12:56 – la consigliera regionale bagascia

NO. Davvero? E chi sarà mai?

***
18 aprile – dio gane

Ganesh, volevi scrivere Dio ganesh, vero?

***
19 aprile, 16:47 – cosa vuoldire la parola rubygate

Lo abbiamo già detto: un cazzo.

***
23 aprile, 11:58 – masticazzi mussolini

Il nonno o la nipote?

***
24 aprile, 01:18 – com\’è nata la voglia di farsi inculare?

E’ venuta da sé, in contemporanea con la credulità.

***

25 aprile, 00:39 – hello kitty esoterica

Insieme a Pucca occultista e alla Beata Vergine forma la Trinità muliebre.

***
25 aprile – cosa dire a chi piange per amore

Devi chiavàaaaaaa!

***
1 luglio – guadagnare soldi col cazzo

Noi sappiamo spenderli, va bene lo stesso?

***
6 luglio, 12:42 – gesù riguardo ai cani

O i cani riguardo a Gesù, è lo stesso.

***
18 luglio, 00:29 – calascmicov

Se ti sentisse Andrea Nativi…

***

29 luglio, 02:07 – up patriots to arms significato

Su patrioti, alle armi.

***
8 settembre, 15:02 – perche molti fedeli si san pio non sentono il suo profumo

Provato ad agitarlo?

***
24 novembre – inculato da orso

Ti ci sta bene!

***
1 dicembre, 15:05 – aboliamo barbara d urso

Basta cambiare canale.

***
18 dicembre – che cazzo fà oggi monti

Nel dubbio, devasta.

***
19 dicembre, 12:24 – come far sentire la merda piu buona x mangiare

Una grattugiata di parmigiano dovrebbe bastare.

***
3 gennaio – immagini befana con nome barbara

Vedi 1 dicembre.

 

* magari.

Share

23 Commenti »

Guesshermuff

25 luglio 2012

GIRL # 3361

See the answer [Here]

Share

51 Commenti »

Haiku n.113

26 ottobre 2011

ANCORA ALLUVIONI

probabilmente
han rotto la madonna
pur’in Liguria

(Santrine)

Share

Commenti disabilitati su Haiku n.113

Eh, no, professore.

1 marzo 2010

I fatti:

  • Un agente di polizia penitenziaria fa ricoverare il padre, gravemente malato, all’ospedale di Livorno.
  • Durante la degenza l’agente, uomo di comprovata fede cattolica, prega forte forte la madonna di Montenero, perché intervenga e salvi la vita al suo congiunto.
  • Il padre guarisce ed il figlio, in segno di gratitudine, acquista diverse statue della Madonnina per regalarle all’azienda ospedaliera, in modo che la Beata Vergine possa troneggiare in tutti i reparti e aiutare i bisognosi.
  • La direttrice della ASL rifiuta cortesemente il dono.
  • Un gruppo di cittadini livornesi, quasi tutti legati al PDL, raccoglie circa 3000 firme per far sì che la direttrice della struttura ci ripensi.
  • Un sostenitore di questo gesto, l’architetto Marchetti (il prof. Ettore Borzacchini ex collaboratore del Vernacoliere), intervistato da La Nazione (scusate il termine) asserisce che i livornesi – ancorché convinti smoccolatori – sono tutti devoti alla Madonna di Montenero, la cui immagine sarebbe giusto troneggiasse non solo nell’ospedale, ma anche in sede di consiglio comunale e in altri luoghi simbolo della città.

A questo proposito pensiamo sia doveroso specificare che:

  • Noi siamo livornesi.
  • Se è vero che alcuni nostri concittadini sono devoti alla Madonna di Montenero (così come è vero che nel mondo c’è anche tanta gente che mangia la merda, o si fa calpestare i coglioni col tacco a spillo e via dicendo), a noi, della madonna di Montenero (così come di altre colleghe), non ce ne importa un segone nulla.
  • Se quest’uomo crede che sia stata la Madonna a guarire l’anziano padre, lo invitiamo, in caso di ricaduta, a condurlo presso il santuario di Montenero, invece di occupare inutilmente il letto di un ospedale dove, a quanto sembra, medici, infermieri, farmaci e presidi medico chirurgici non servono a un cazzo.
  • Invitiamo anche tutti i firmatari dell’appello, qualora dovessero trovarsi loro, o i loro cari, in stato di infermità o malattia, a rivolgersi alla tradizionale affidabilità della Beata Vergine, altrove chiamata Sede di Sapienza, invece di approfittare del fallace ed in sostanza inutile Servizio Sanitario Nazionale. A questo proposito, ricordiamo a tutti che, superati i sette giorni di trattamento tramite lo snocciolamento dei rosari, senza un miglioramento della sintomatologia è consigliabile consultare un esorcista, o passare a dei rimedi specialistici, come le preghiere a Padre Pio.
  • Al Borzacchini, da sempre penna brillantissima, probabilmente questa volta è capitato di fare confusione, soprattutto parlando di devozione alla Madonna e di altre usanze tardo-medievali. Così come sicuramente fa confusione tra Livorno, città della quale in passato ha scritto in maniera acuta e divertente, e Lucca, città dove è nato, lavora e risiede. Ci dispiace professore, ma stavolta ha caàto fòri dar vaso.
Share

44 Commenti »

ESPIAZIONE

22 giugno 2009

montepulciano

Il vero livornese, da maggio a ottobre e a qualsiasi latitudine si trovi, va sempre in giro in ciabatte e bermuda.

Questa premessa è necessaria per giustificare i moccoli che si sono uditi durante lo scorso fine settimana, in giro per le colline tra Montepulciano, Pienza e S. Quirico d’Orcia, con 10 gradi scarsi e la pioggia battente.

Comunque lo spettacolo è andato bene, la sala polivalente ex-macelli, al contrario da quello che poteva fare pensare dal nome veramente di merda, era in realtà il luogo bellissimo (il migliore dove siamo stati, dopo S. Romano a Lucca) che potete vedere sopra e i ragazzi dell’organizzazione sono stati davvero gentili, anche se tutti maschi dotati di fava.

Tra gli spettatori del DZTS di Montepulciano c’è stato anche un prete, che dopo circa mezz’ora ha abbandonato la sala protestando contro gli organizzatori, con parole che più o meno suonavano così: “E’ uno schifo! E’ un’indecenza! Queste cose non si possono vedere!”

Sicuramente faceva riferimento all’immagine seguente, dove si vede il Sommo Pontefice, in guisa di novella Marylin, con le gonnelle sollevate dal vento della metropolitana.

metro

Anche se non dipende certo da noi il fatto che un uomo della sua età se ne vada in giro vestito a quel modo, ci siamo sentiti lo stesso in colpa per aver mostrato l’immagine.

Consci del grave atto di cui ci siamo resi responsabili, domenica ci siamo recati in una pieve del XI sec. a S. Quirico d’Orcia per mondare i nostri peccati e invocare il perdono della Beata Vergine. Sfiancati dal lungo pellegrinaggio, ci siamo fermati per rifocillarci in un’osteria locale, dove abbiamo consumato un pasto leggero e frugale, giusto per trovare le forze utili ad arrivare alla chiesetta, che era lì a 20 metri.

Tre ore dopo, giunti nel luogo di preghiera, ci siamo commossi leggendo i pizzini con i ringraziamenti e le invocazioni che i visitatori indirizzavano alla Regina Coeli e, tormentati dai sensi di colpa (e dai bruciori di stomaco) abbiamo voluto arricchire la bacheca con la nostra personale invocazione.

bacheca

dettaglio-bacheca

Naturalmente la Mater Christi (nonché la Uxor Giuseppi, non dimentichiamolo) ha fatto il miracolo e, verso sera, siamo riusciti finalmente a digerire gli affettati, gl’insaccati, i diversi tipi di pecorino, i crostini, i pici, i ravioli, il vino, il pane, il dolce e il caffè.

Sempre sia lodata, dunque, la Virgo Fidelis che, ancora una volta vince sulla Citrosodina  e sull’ Effervescente Galeffi.

Share

29 Commenti »

BAAASTAAAAA!!!!!!!

13 maggio 2009

madonnamoon

Oggi, l’autorevolissima Raidue ha mandato in onda questi bei servizi sull’anniversario dell’apparizione della Madonna di Fatima. Cioè, sull’apparizione come dato certo e storicamente comprovato.

Nei prossimi giorni sono previsti anche:

  • un servizio approfondito – segue dibattito – sulla vita e le abitudini di Sailor Moon:
  • l’incontro di boxe più famoso della storia del pugilato: Cassius Clay vs. Napo Orso Capo;
  • l’edizione dello Zecchino d’Oro, con la partecipazione speciale di Hänsel e Gretel;
  • approfondimento: quando Stalin andava a ripetizione di matematica da Freddy Krueger;
  • lo speciale Ferrari: Dick Dastardly dopo Montezemolo?

Basta, porca troia, la televisione di Stato non può celebrare una cosa che non è mai avvenuta!

La televisione di Stato, pagata da tutti i cittadini come servizio pubblico, non può continuare ad assecondare queste superstizioni idiote! non può celebrare l’ignoranza! non può spacciare per notizie o eventi storici le fantasie di bambini deliranti, le suggestioni di pastori analfabeti, le illusioni di giovani segaioli o le frottole di vecchi ciarlatani!

Siamo nel 2009, cazzo!

Nel servizio si dice che una folla osannante si era radunata per vedere i tre bambini parlare con una persona invisibile.

Bene, le persone invisibili non esistono, i bambini che parlano con loro sono bambini malati e chi alimenta queste credenze, costruendo santuari, organizzando viaggi e soggiorni e vendendo reliquie è un imbroglione!!

Hanno veramente rotto i coglioni!!!!!

Scusate lo sfogo.

Share

59 Commenti »