Curriculum Vitae

4 maggio 2010

Terzo membro della famiglia Scajola a ricoprire, in meno di tre decenni, la carica di sindaco di Imperia. Carica dalla quale fu costretto a dimettersi perché arrestato, su disposizione di PierCamillo Davigo in seguito ad uno scandalo tengenti e, successivamente, prosciolto.

Ministro dell’Interno quando sono avvenuti i fatti di Genova, durante i quali alcuni poliziotti hanno ammazzato di botte alcuni manifestanti.

Coinvolto, sempre al Viminale, nello scandalo per aver dato l’ordine di istituire una tratta aerea da Roma verso Albenga, vicino a casa sua, tratta rivelatasi poi fallimentare per numero di passeggeri e quindi soppressa non appena dimessosi.

Dimesso nel 2002 perché aveva dato del rompicoglioni a Marco Biagi, appena ammazzato sotto casa e a cui aveva negato la scorta.

Oggi dimesso per l’affaire appartamento con vista Colosseo.

Un fulgido esempio di affidabilità e onestà, anche intellettuale, al quale affidare il compito di far costruire le centrali nucleari in Italia, senza dubbio.

Share

26 Commenti »