Canipazzi

14 giugno 2014

Canipazzi

Esiste una cricca (o Kasta) formata da amici degli amici, che controlla e gestisce le sorti del fumettomondo italiano e che ha ridotto le case editrici (anche le più grandi) ad apparati per la gestione di clientele a vantaggio dei soliti noti?

Sì, è così ovvio che troviamo pleonastico stare ancora a discuterne.

Chi sono i membri di questa Kasta (o cricca) lo sappiamo tutti: sono i soliti noti e gli amici degli amici (vedi primo rigo di questo pezzo).

Ma la vera domanda è: chi è il capo indiscusso di questa lobby (o cricca, o kasta)?

Chi è il Grande Maestro, l’eminenza grigia, il misterioso demiurgo che regola i destini del fumetto, che decide chi deve lavorare e chi no, chi deve piacere e chi no, chi deve andare di moda e chi no?

Per anni, su internet, fior di critici, di autori e di nullafacenti si sono interrogati sulla misteriosa identità di questa persona, arrivando persino a metterne in dubbio l’esistenza.

Ma l’inganno più temibile del Maligno è quello di riuscire a far dubitare gli altri della propria esistenza.

Ecco, per la prima volta nella storia del fumetto, noi abbiamo il coraggio di mostrare in esclusiva il volto di colui che governa sulle case editrici e sui vostri gusti di lettori. Durante un sabba segreto nei cavernosi locali del Fondo Bianco, in quel di Catania, qualcuno ha imprudentemente scattato una foto che immortala, seppur accidentalmente, per la prima volta, il Gran Demiurgo.

No, non è l’occhialuto fashion victim in primo piano e neanche il volitivo e mascelluto giovane al suo fianco. Non sono i due anziani cretini in secondo piano né tantomeno il barbuto saputello (professionista dell’antimafia) che spunta – non a caso – sull’estrema destra.

Il vero mister x (o anche Q) del fumetto italiano è quello evidenziato dal cerchio (magico) sullo sfondo.

Di più non possiamo mostrare, ne va della nostra esistenza come autori di fumetti, ma era ora che qualcuno rivelasse finalmente come stanno le cose.

Se da domani dovessimo sparire per sempre dal mondo del fumetto, come un webcomics qualsiasi, saprete perché.

Viva la libertà.

P.S. Chi indovina l’identità del misterioso figuro è pregato di non divulgarla.

 

Share

3 Commenti »

Il tempo delle mele cotte.

17 gennaio 2011

Mentre tutto il Paese si chiede chi possa mai essere la fidanzatina del nostro bel Premier, noi veniamo intervistati da Marco Rizzo per il suo blog sulle pagine virtuali dell’Unità.

Qui la prima parte.

Qui la seconda.



Share

11 Commenti »