MIRACOLI

20 agosto 2014

8 luglio 2013: il papa va a Lampedusa e (in diretta tv) prega per i migranti e getta una corona di fiori in mare. Tre mesi dopo: la più grande tragedia marittima del Mediterraneo nel XXI secolo: affonda un barcone, facendo 366 vittime e una ventina di dispersi.

8 settembre 2013: il papa digiuna per la pace in Siria. Di seguito: la guerra divampa su tutto il territorio nazionale (170mila morti) espandendosi anche all’Iraq.

8 giugno 2014: il papa prega per la pace in Terrasanta, insieme ad Abu Mazen e Shimon  Peres. Di seguito: la guerra infuria. Hamas continua a lanciare razzi su Israele che, per tutta risposta, invade la striscia di Gaza con truppe di terra, mentre i raid dell’aviazione uccidono centinaia di persone.

Di fronte alla sconcertante evidenza empirica di questi dati, ci sentiamo di lanciare un appello alle autorità vaticane: PER FAVORE, OGNI 8 DEL MESE, TROVATEGLI QUALCOSA DA FARE, DISTRAETELO, FATELO SVAGARE, MA NON FATELO PREGARE PER QUALCOSA!

Intanto in tutto il mondo si sta diffondendo il panico in vista della preghiera del prossimo 8 settembre.

Share

42 Commenti »

Quando il gioco si fa duro…

5 settembre 2013

Aperidigiuno

Se non dovesse funzionare, sono pronte altre soluzioni più estreme:

  • Rosario a palle da 16
  • Due ore in ginocchio sui ceci
  • Desiderio durante lo spegnimento delle candeline di compleanno
  • Desiderio alla vista della prima stella cadente
  • Richiesta solenne, alla fatina dei denti, da inoltrare al primo distacco della dentiera
  • Richiesta ufficiale di un filtro di pace alla Maga Tombola
  • Promessa di non mangiare più Fonzies
  • Affidamento alla volontà di Dio
  • Pazienza
Share

16 Commenti »