« Articoli precedenti

Gastone

6 maggio 2014

 

Gastone

Breve postilla al pezzo precedente.

Chi segue un minimo il calcio, chi ha frequentato e frequenta uno stadio non dovrebbe stupirsi più di tanto di quanto successo sabato sera, prima della partita, sotto la curva dei tifosi del Napoli. Chi si è scandalizzato, o è qualcuno che del calcio non sa assolutamente niente, o è un ipocrita.

Attenzione: non diciamo che le cose vadano bene così – anzi, tutt’altro -, diciamo solo che vanno da sempre così e che l’andazzo è sotto gli occhi di tutti. Di tutti quelli che non vogliono far finta di niente, almeno.

Ma, a parte l’immagine pittoresca di Genny ‘a Carogna che gira su tutti i siti internet attirandosi unanimi condanne, nessuno – nessuno – dice una parola su Daniele De Santis, aka Gastone: un fascista romano, custode del centro di estrema destra “Il Trifoglio”, legato ora a Fratelli d’Italia e prima al PDL, nonché candidato in una lista a favore dell’ex sindaco Alemanno.

Di questo stronzo che ha sparato un intero caricatore, di un’arma posseduta illegalmente, contro dei tifosi napoletani non ne parla nessuno.

L’attenzione di tutti i media è stata calamitata dal pittoresco Genny che, in quell’occasione ha avuto la colpa di essersi arrampicato sulle transenne e di avere una maglietta di dubbio gusto, e lui si farà carico di attirare su di sé le condanne e le critiche di tutta la nazione.

La solita fortuna di Gastone o malafede dei mezzi di informazione?

Ai posteri l’ardua sentenza.

 

P.S. Già che ci siamo, mettiamo un’altra postilla. Sempre nel pezzo precedente, noi non volevamo ironizzare su Genny ‘a carogna, quanto sul telecronista Rai che non riusciva a farsi una ragione del fatto che un’orda di tifosi inferociti non avesse ascoltato le parole del papa. Ma come? ogni volta che il papa dice di pregare per la pace, le guerre finiscono, ogni volta che il papa prega per la fame nel mondo, la fame viene sostituita da un senso di sazietà, ogni volta che il papa prega per i poveri, i poveri smettono di essere tali (o almeno di rompere i coglioni) come mai questa volta non ha funzionato?

È un gran mondaccio…

Share

14 Commenti »

Calma piatta.

24 giugno 2013

calma piatta

Scusateci se da qualche giorno non aggiorniamo il blog, ma il fatto è che – cazzi nostri a parte – non riteniamo ci siano particolari novità da commentare.

Sì, è stato accertato da un tribunale della Repubblica che Berlusconi, colui che per svariati anni è stato Presidente del Consiglio, oltre che padrone di uno dei maggiori partiti italiani è un puttaniere, corruttore, imbroglione, bugiardo, vigliacco e disonesto che non disdegna di inculare (o perlomeno tentare di farlo) minorenni e usare il potere che la Costituzione conferisce al Capo del Governo per farsi esclusivamente i cazzi propri.

È stato altresì appurato che i suoi lacchè, i suoi amici e i suoi parlamentari  sono pagati (da lui) per soddisfare le sue voglie e tutto fanno e dicono pur di compiacerlo. Al pari delle sue troie.

È sotto gli occhi di tutti che il PD, virtualmente primo partito di sinistra, se ne sbatte i coglioni di tutto questo, come ha sempre fatto.

Come dicevamo: nessuna novità.

Share

60 Commenti »

Tutti a Roma!

21 marzo 2013

Volantino

Bene, e ora prepariamoci alla bella giornata, ripetendo il Santo Rosario e le solite simpatiche filastrocche:

  • Basta con il partito dei giudici che vuole ribaltare il risultato delle urne!
  • Agl’italiani non importa niente del conflitto d’interessi, presi come sono dalla crisi.
  • La crisi non esiste, i ristoranti e gli aerei sono pieni di gente.
  • Basta con il governo (Prodi, Monti) che mette le mani nelle tasche degli italiani.
  • Da quando LUI è sceso in politica, sono fioccati i processi contro di lui.
  • I comunisti vogliono zittire la voce della libertà.
  • Il nostro governo è stato fatto fuori dalle politiche della signora Merkel (culona inchiavabile).
  • Nessuno ha mai definito la signora Merkel, una culona inchiavabile.
  • (Questo, quello, o quell’altro) non è vero, è solo una montatura della stampa di sinistra.
  • Questa dichiarazione, pur ripresa da ottocentomila media anche internazionali, è destituita di ogni fondamento.
  • Noi siamo i moderati, loro sono gli estremisti.
  • Il nostro governo è quello che più di ogni altro si è distinto nella lotta alla mafia.
  • Le famiglie e le piccole e medie imprese… bla…bla…bla…
  • (…)
Share

23 Commenti »

Emergenza sportiva.

13 marzo 2013

Camp-nou

I parlamentari del PDl hanno occupato il Camp Nou per tutta la notte e parte della mattina per protestare contro la vittoria a orologeria del Barcellona nei confronti della squadra del loro amato padron  presidente.

Si tratta, infatti, secondo Angelino Alfano (sì, quello che voleva fare le primarie, ricordate?) di una vera e propria persecuzione calcistica atta a rovesciare il risultato delle elezioni.

Tra i più duri c’è il presidente dei deputati PDL, Fabrizio Cicchitto: ”Calciatori nazisti su indicazione di un allenatore stalinista sono scesi in campo e hanno emesso un verdetto disgustoso, ma a questo punto siamo al di là di ogni dialettica normale e di fronte allo scatenamento di una persecuzione che essendo fatta da fanatici ha perso anche ogni senso del limite”.

Per il presidente dei senatori Maurizio Gasparri ”Nei confronti del Milan è in corso un autentico supplizio. Non è tollerabile una simile gestione della partita”.

Mentre altri sguatter parlamentari del PDL si sono limitati a grugnire in segno di dissenso.

Questo pomeriggio il segretario Angelino Alfano (sì, l’uomo tutto d’un pezzo delle primarie) sarà ricevuto dal presidente del Barcellona, Sandro Rosell, che ascolterà le sue ragioni e ammonirà la propria squadra ad avere un po più di riguardo quando gioca contro quella del padrone del PDL, arrivando persino – si auspicano molti osservatori – a rinunciare alla vittoria, considerando il palo di Niang come un legittimo impedimento al pareggio e successiva qualificazione del Milan.

Share

17 Commenti »

Tempismo.

12 marzo 2013

Barcellona-Milan

Caro Leo Messi, caro David Villa, caro Jordi Alba, cari giocatori del Barcellona: andate a fare in culo!

Se solo aveste vinto con questo risultato la partita dell’andata, l’Italia sarebbe oggi un Paese diverso.

 

Share

13 Commenti »

Responsabilità.

28 febbraio 2013

MRN

L’Europa ce lo chiede, i mercati ce lo chiedono, Napolitano ce lo chiede, i giornali ce lo chiedono, i servizi segreti ce lo chiedono: se proprio dobbiamo formare un goveno di responsabilità, formiamolo con i veri Responsabili.

Sostieni anche tu la campagna SCILIPOTI CAPO DEL GOVERNO.

 

 

Share

1 Commento »

Ai confini della realtà.

26 febbraio 2013

Twilight-zone

Esiste qualcuno, tra i lettori di questo sito – o anche tra quelli che passano per caso, su facebook – che abbia votato PDL/LEGA e che, senza battute e senza vergognarsi (come sarebbe normale, scusate) abbia voglia di spiegarci i motivi di questa scelta?

No, perché sinceramente riusciamo a capire tutto, riusciamo a capire Casa  Pound, Forza Nuova, SVP, Pensionati, PD, Grillo, Ingroia, cazzinculo, Repubblicani, UDC, etc… ma non riusciamo a capire perché votare PDL/LEGA.

Anzi, peggio ancora: non riusciamo a capire perché RI-votare PDL/LEGA.

Davvero, cari elettori di PDL/LEGA (non diciamo centrodestra perché il centrodestra era la lista Monti, PDL/LEGA non sono centrodestra e nemmeno destra, sono una cosa che non esiste in nessuna parte del mondo e che non si può descrivere senza il rischio di incorrere in denunce penali) ci avviciniamo a voi con la voglia di capire, perché – ed è un nostro limite – proprio non ci riusciamo.

Al di là di battute o considerazioni da snob di sinistra che cercano di giustificare certe manifestazioni di voto come un’interpretazione del fatto che buona parte degli italiani fa fatica a capire un testo scritto e ad esporre un pensiero critico/razionale, vorremmo davvero capire e sentire da voi le vere motivazioni.

Sì, perché se questo può farvi sentire meglio, ammettiamo che ci siamo rimasti di merda, rabbrividendo di sconforto, tristezza e smarrimento.

Quindi, se volete, potete anche venire qui a sfotterci, a insultarci, a festeggiare facendoci dei grossi “puppa!”, e andrebbe benissimo,  ma ci farebbe anche piacere sentire da qualcuno di voi quali sono state le motivazioni della vostra scelta.

Ci aiutate?

 

 

Share

88 Commenti »

Haiku n.151

13 dicembre 2012

Necrologio Elettorale

Scende in CAMPO
ancora una volta
speriamo SANTO.

(AleBocca)

Share

Commenti disabilitati su Haiku n.151

Haiku n.146

26 settembre 2012

NON DAI DIAMANTI

ma dalla merda
è nata un’Italia
molto Fiorita

(Santrine)

Share

Commenti disabilitati su Haiku n.146

Haiku n.144

12 luglio 2012

CI RIMETTERÀ LA FACCIA

Se chiappa voti
si spartirà la torta
col su’ Half ano.

(le tre fie)

Share

3 Commenti »

« Articoli precedenti