Haiku n.141

20 giugno 2012

UNO A UNO

ora si vuole
vedere in carcere
gl’altri colLusi

(Santrine)

Share

Commenti disabilitati su Haiku n.141

In hoc Silvio vinces

7 novembre 2011

Dai Silvio, stupiscili tutti!

Ne hai fatte così tante che una più o una meno non peggiorerà certo le cose, anzi: esci in modo trionfale e prendi alla sprovvista i traditori e gli oppositori politici!

Silvio, lascia il PDL e passa anche tu all’UDC!

Frega tutti quei vili che, senza pudore né morale, ti hanno sostenuto nelle tue battaglie più infami e vergognose, tutti quei servi che hanno sempre applaudito ogni tua dichiarazione, fosse anche la più assurda, indecente o criminale, solo perché garantivi loro potere e sicurezza economica e, ora che ti vedono traballare, ti voltano le spalle e se ne vanno nell’UDC di Casini.

Dai, Silvio, passa anche tu nell’UDC.

Ti troverai bene, sai?

È un partito molto più piccolo, rispetto al PDL, ma, in proporzione, forse il numero dei fascisti, dei reazionari, degli oscurantisti e dei collusi con la mafia è persino maggiore.

Il buon Casini, dopo qualche tentennamento inziale, ti spalancherà le porte del suo partito per lasciarti fare finalmente senza la lega tra i coglioni, quel grande centro a cui tutti aspirano e dove si trovano già i tuoi vecchi amici, Fini e Rutelli.

Sì, perché, come insegna la storia, IN HOC SILVIO VINCES!!!

Quindi, caro Silvio, segui il nostro consiglio.

E vincerai nuovamente le prossime elezioni.

Garantito.

Share

26 Commenti »

API

5 agosto 2010

E così il buon Caliendo non è stato sfiduciato.

Grazie ai cosiddetti finiani, che si sono astenuti.

D’altra parte, da chi fino a ieri è stato parte integrante e protagonista di tutti i governi Berlusconi non c’era certo da aspettarsi qualcosa di diverso.

Grazie anche allUDC, che si è astenuto.

Vabbè, l’UDC. C’è ancora qualcuno che ha voglia di spendere parole sull’UDC? Dai, su.

Ma – e qui vogliamo posare la nostra attenzione – anche grazie all’astensione di quei giuggioloni dell’API di Francesco Rutelli.

Cioè, grazie all’astensione del partiticchio di quello che era stato scelto come candidato premier per il centrosinistra, nelle elezioni del 2001. Quello che per tre anni ha tirato la carretta, mangiando pane e cicoria, ma soprattutto rompendo parecchio, ma parecchio i coglioni!

Bene, ora che ha potuto fondare il suo movimento con tanto di inno ufficiale, il mite Cicoria, alla prima occasione, ha potuto portare il suo aiuto all’amico Silvio. Sperando che questo un giorno ricambi, magari prendendolo con sé.

Magari…

Share

17 Commenti »

Sondaggi

Pasqua di calamità

3 aprile 2010

Dopo il terremoto all’Aquila, il disastro a Viareggio, la frana a Giampilieri e l’esondazione del Serchio, quale sarà la prossima calamità?

  • L’Italia di Lippi vince i mondiali
  • Rutelli si allea con il vostro partito di riferimento
  • Il premier muore, ma dopo tre giorni resuscita
  • Viene scoperta una versione di “Ebony and Ivory” cantata da Michael Jackson e papa Wojtyla

Vince, con il 56% dei voti, “Il premier muore, ma dopo tre giorni resuscita”.

Sembra fatto apposta, ma vi assicuriamo che non lo è. Vogliamo dire, sì, il fatto che il cosplayer di Mammolo fosse dato per morto (politicamente) dai più diversi osservatori nazionali e non, e invece resuscitato dopo le elezioni regionali e il fatto inoltre che ciò sia avvenuto a ridosso della Pasqua di Resurrezione (ah! ah!) sono pure coincidenze.

Segni del destino, diciamo. Certo, un destino particolarmente stronzolo, ma cosa possiamo fare noi mortali, se non invocare più e più volte – e con modi spesso poco garbati – nostro Signore? Le soluzioni sono molteplici, e tutte a portata di mano, ma cosa ci vuoi fare, questo è il Belpaese, baby.

Fra le varie sciagure, grande risalto ha ottenuto anche la possibile minaccia dell’alleanza di Rutelli con il vostro partito di riferimento, qualunque esso sia. Evidentemente l’ex candidato premier del centrosinistra (perché è sempre bene ricordarlo, costui è stato candidato premier per il centrosinistra. Non sembra possibile, lo sappiamo, ma è così) è riconosciuto dai più come una delle più immani zavorre in grado di affondare qualsiasi partito o coalizione.

Vero, non che i suoi ex compagni di lotta (?) siano dei gladiatori dell’agone politico, a giudicare da anni e anni di fallimenti, accordi, tradimenti e vergognosi passi falsi.

Ma proprio qui si chiude il cerchio. Ogni volta che il premier era dato per morto, lo si sono prodigati a fare il possibile per resuscitarlo.

Auguriamoci che quando la situazione sarà ribaltata, Silvio non gli restituisca il favore.

Share

8 Commenti »

Italia, punto e bas… no, cioè: it

6 febbraio 2010

Amici miei,

vivendo in Belgio ormai da un po’, mi duole ammettere che ogni volta che metto piede sul suolo patrio lo vedo sempre più un paese dove passare delle belle vacanze, in posti meravigliosi, con cibo spettacolare, vino ancora migliore, bellephyæ® & cotillons. Ma viverci, be’, viverci è un’altra cosa.

Purtuttavia, ‘iobono come mi piace scrivere purtuttavia, quantunque sia desueto.

Dicevo? Ah sì, nonostante ciò, la maggior parte dei miei amici/colleghi stranieri sono invariabilmente attratti dai nostri posti meravigliosi, dal cibo spettacolare, dal vino ancora migliore, più raramente dalle bellephyæ. Si sa come sono i belgi, un po’ co(ti)llons.

Quindi, quando mi chiedono consigli su dove andare*, cosa fare**, cosa mangiare***, per comodità li mando* su qualche sito di fiducia dove trovare quello che cercano. Ma quelli che non hanno un italiano a portata di mano, che fanno? Lo so cosa state pensando, ma non suggerite, ve lo dico io: vanno sul portale Italia.it, ovvio!

Ora, non cominciamo con le facili ironie, i “se mi darebbero 2.000 euro ce lo facevo meglio io”, etc. perché se ci hanno speso circa 70 milioni di euro, il costo di un discreto calciatore, li varrà, no? Se si vuole incentivare il turismo bisogna frugarsi, non ci sono scorciatoie. Molte persone si sono avvicendate nella realizzazione di questo progetto ambizioso, è stato un complesso lavoro corale, e ognuno ha dato il suo contributo. A cominciare dal Presidente del Consiglio Be… no, non mi riesce di dirlo, il Ministro Stanca (dopo un po’, neanche troppo), il Ministro Rutelli, il Ministro Brambilla, il Ministro Brunetta, la Sora Lella e sumà (della Sora Lella, op.cit.).

E’ infatti solo grazie a loro che adesso, aprendo il sito dall’estero, e per soli settanta milioni di euro, possiamo presentare con orgoglio ai nostri amici stranieri primizie come “Cellino San Marco: il sogno di Al Bano” (ma non era quello che manco il papa vuole vedere?) e “Discovering the Forbidden City of Peking” (ma non era il sito dell’Italia?). E possiamo dilettarci a scorrere con voluttà le news, aggiornate al 27 dicembre 2009.

Continuo? Non credo ci sia bisogno.

Però, come succede in alcuni film, proviamo a vedere dove sono finiti i protagonisti di questo nuovo miracolo italiano:

Il Ministro per l’Innovazione che lanciò l’idea nel 1994, Lucio Stanca, adesso è Amministratore Delegato di Società di Gestione Expo Milano 2015 S.p.A, (emolumenti per 450.000 € l’anno), ma nel contempo arrotonda anche con lo stipendio di deputato, a cui non ha saputo rinunciare. Se poi alla Camera non si fa vedere è perché cià da fare, sapeteunasegavoi di Expo.

Il Ministro per i Beni Culturali che mise online per la prima volta il sito nel 2007, Coso Rutelli (a.k.a. Pliiis, visit Italy), è ancora inspiegabilmente tra i co(ti)llons a fare danno.

Il Ministro per il Turismo che ha fatto partire questa meraviglia nel 2009, Teg.me Vittoria Brambilla, non ha bisogno di presentazioni, ma probabilmente di qualche ceffone. Però va detto che, essendo a capo dell’impresa di famiglia dèdita alla trafilatura d’acciaio, di turismo se ne intende.

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione che ha contribuito alla messa online, Cosetto Brunetta, lo vedrei bene sulla spalla destra di Bud Spencer, ma magari voi avete un’idea migliore.

Ah, dimenticavo, il sito di riferimento per il turismo italiano riceve circa 20.000 contatti al mese (edreams quasi 2 milioni).

Praticamente con soli 70 milioni di euro siamo passati dall’imbarazzo della scelta, all’imbarazzo.

Santrine

* In culo.

** Ammàzzati.

*** Questa fava.

***

Santrine è da anni un amico fidato e prezioso dei Paguri, in questi ultimi tempi impegnato nel ruolo di EMICRANTO. Napoletano di nascita, ha vissuto a Pescara, poi Firenze, Milano, fino a stabilirsi a Bruxelles, ove attualmente risiede. Novello Umberto Nobile, impegnamoci tutti quanti ad arrestare questa corsa dissennata verso l’algido nord che lo accompagna da tutta la vita, perché andarlo a trovare in un igloo torna male.

Share

25 Commenti »